annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Topic Home Video

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Dario65 Visualizza il messaggio
    Dal 31 gennaio 2019 sarà disponibile, per la prima volta in HD, a cura di Dynit, la serie completa de "L'imbattibile Daitarn 3".
    Fabio, so che sei appassionato di animazione jap, hai notizie sulle caratteristiche dell'edizione? Esistono già master HD, oppure sarà un upscale tipo Goldrake by Yamato? Grazie
    Non avevo dubbio che sarebbe stato un titolo che avrebbe attirato l'interesse dei quarantenni/cinquantenni
    Non ho notizie in merito. La faccio molto pratica: in genere dynit non pubblica upscaling (salvo eccezioni come death note, e in quel caso era un upscaling "di lusso") e se sono tratti da nuovi scan o telecine, in genere lo riportano come vanto nel trailer che prossimamente pubblicheranno. Sto provando a cercare eventuali info e screen a riguardo. Appena trovo qualcosa, riporto.

    Commenta


    • Da quel che ho capito, si parla di HD Remaster e non di upscaling e che è stato trasmesso in una rete televisivo. Sto cercando se ci sono rip o similia.

      Commenta


      • Grazie mille. Comunque, Dynit di solito lavora bene...

        Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
        Non avevo dubbio che sarebbe stato un titolo che avrebbe attirato l'interesse dei quarantenni/cinquantenni
        Mbeh? Che c'entro io... ne ho 25

        Commenta


        • Dynit lavora sempre bene, non troverai mai un loro prodotto scadente. E sono anche abbastanza furbi da scegliere bene, nel caso di prodotti datati, se questi hanno le qualità per un'uscita su BD. Aggiungo che Sunrise non è la Toei, e che in genere investe nei loro prodotti, si veda ad esempio Gundam 79 (che voi detestate come risultato, non entro nel merito) o Cowboy Bebop. Ovviamente non da certezza di niente. Già dal trailer ci si potrà fare un'idea del risultato finale. Io personalmente, come per le recenti uscite Tatsunoko di dynit (per altro anche quelle ottime edizioni), non sono interessato al prodotto, quindi non potrei nemmeno darvi una mia opinione in merito dato che non lo prenderò.

          Commenta


          • Rassicurante, ciò che riporti. Per i cartoni animati, mi sono rassegnato e ho abbassato l'asticella, per così dire. Trattandosi di Dynit, mi aspetto un lavoro acquistabile. Vedremo.

            Commenta


            • Dipende che parametri ha sta asticella e cosa ti aspetti. Noto personalmente un po' di confusione quando si tratta di animazione (specie quella giapponese) e come debba rendere. Dall'altra parte ho letto di critiche ad akira che... vabbhè... Il punto comunque non è dynit, ma cosa arriva dal giappone e come. In questo caso devi sperare che sunrise abbia lavorato bene. Dynit farà il resto con il solito encoding peso massimo.
              Ultima modifica di Maddux Donner; 19 novembre 18, 23:01.

              Commenta


              • l'unica critica che si può fare ad akira, e che è la stessa che ho scritto dall'altra parte, esula dal lavoro di Dynit (premetto che possiedo la prima edizione) ma risale alla fonte: il master per me è ampiamente migliorabile con nuova scansione, se qualcuno si prendesse la briga di metterci le mani, ed il film lo merita assolutamente.

                Commenta


                • Originariamente inviato da barrett Visualizza il messaggio
                  il master per me è ampiamente migliorabile con nuova scansione, se qualcuno si prendesse la briga di metterci le mani, ed il film lo merita assolutamente.
                  Mi riferivo più che altro all'avanzata ipotesi (o accusa, non ricordo) dell'uso di filtri o peggio. Non c'è dubbio che il master sia vecchio e con difetti evidenti. Io ne apprezzo la natura ruspante "senza compromessi" e la resa ruvida generale. Io comunque non sono convintissimo che si possa trarre qualcosa in più in termini di dettaglio. Per quanto rimanga il film d'animazione giapponese tra i più animati e pieni di dettagli mai realizzato (è il mio terzo film preferito in assoluto), già così noti dei limiti, specie nelle scene di massa o in alcuni compositing. Mi lascia poi interdetto cosa è stato fatto con gli UBD giapponesi di ghost in the shell di ooshi che quasi quasi è meglio se le cose restino così. Poi non ritengo di saperla più lunga degli altri e magari è davvero possibile ottenere una resa simile ai lavori coetanei dello studio ghibli, che offrono linee più affilate, master più freschi dalla resa più precisa. Io di Akira comprai la prima edizione del 2010 (che poi è la stessa del 2013) e questa nuova, ma unicamente per il nuovo (finalmente) doppiaggio e per quel che mi riguarda, mi sta più che bene così. Non si tratta di accontentarsi e che a me soddisfa così.

                  Comunque ho una mezza conferma che il master di Daitarn è vero HD, ma onestamente non avevo dubbi visto che se ne occupa dynit, per il discorso di cui sopra. Ora resta da vedere come è fatto e lì immagino che ognuno avrà una propria idea di giusto o sbagliato.
                  Ultima modifica di Maddux Donner; 19 novembre 18, 23:28.

                  Commenta


                  • Credevo che l'edizione italiana di stalker avesse lo stesso video dell'edizione francese Potemkine. Si, il master è lo stesso, ma i colori sono diversi. Penso, forse direttamente lo studio di authoring che se ne è occupato, abbia corretto la luminosità e il contrasto della prima edizione francese. A me sta anche bene visto il nero un po' troppo alto in quella.

                    https://caps-a-holic.com/c.php?go=1&...120291&i=2&l=1
                    https://caps-a-holic.com/c.php?go=1&...103172&i=2&l=1
                    https://caps-a-holic.com/c.php?go=1&...103175&i=5&l=1
                    https://caps-a-holic.com/c.php?go=1&...121469&i=5&l=1

                    Commenta


                    • Dario Argento presenta: La setta Limited Edition

                      IL PROGETTO:

                      Vuoi la versione limitata e numerata (500 copie) di un CULT dell'horror italiano prodotto da Dario Argento e diretto da Michele Soavi? Partecipa alla START UP per realizzare la Limited Edition, Numerata e Autografata de La setta!

                      La setta è Il film più personale e visionario che il genio di Michele Soavi potesse concepire: un viaggio nelle profondità degli incubi con protagonista la figlia di Janet Leigh, Kelly Curtis, alle prese con una sconcertante eredità demoniaca. Sceneggiato da Dario Argento che lo ha anche prodotto, insieme a Gianni Romoli, La Setta è l’ultimo dei grandi horror del periodo aureo del cinema di genere italiano

                      L'edizioneconterrà il Dvd + il Blu Ray realizzati da un nuovo master HD. Inoltre, tutti coloro che parteciperanno al crowdfunding vedranno stampato il loro nome all’interno del cofanetto. Ad arricchire l'edizione ci saranno i contenuti extra esclusivi ed un libro sul film di 120 pp testuale e fotografico interamente curati da Nocturno.

                      E' possibile pre-acquistare la propria copia fino al 18 Dicembre

                      ATTENZIONE: solo se raggiungeremo l'obbiettivo di 300 copie pre-acquistate de La setta stamperemo la Limited Edition in 500 copie. In caso contrario i vostri soldi saranno immediatamente disimpegnati e non vi sarà addebitato nessun importo.

                      L'edizione conterrà:

                      1. DVD del film da nuovo Master HD

                      2. Blu-ray del film da nuovo Master HD

                      3. Card autografata da Michele Soavi

                      4. Packaging esclusivo con il nuovo artwork realizzato in esclusiva assoluta da Malleus in collaborazione con Dark City Gallery, in formato Ecolbox con apertura a libro di 17,7cm x 26,7cm e spessore di 2,7cm

                      5. Numerazione della copia limitata (500 PZ)

                      6. Il nome di tutti i partecipanti all'operazione all'interno della confezione

                      7. Extra esclusivi a cura di Nocturno:
                      • Ma l'horror mio non muore - Intervista a Michele Soavi (25')
                      • Dentro le catacombe - Intervista a Luca Verdone (16')
                      • I segreti del pozzo - Intervista a Gianni Romoli (48')
                      • La setta dei Senza Volto - Interviste a Davide Pulici, Dario Argento, Claudio Bartolini, Antonello Geleng, Ilaria Feole, Giovanni Lombardo Radice, Sergio Stivaletti (26')

                      8. Libro di 120 pp. testuale e fotografico a cura di Nocturno dal titolo: Un film dal profondo
                      Negli anni Settanta alcuni hippy vengono massacrati e mutilati da un individuo di nome Damon che strappa loro la pelle del viso e la offre in

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                        Uscite potenzialmente interessanti (dipende dal contenuto):

                        https://www.facebook.com/permalink.p...QXW1&__tn__=-R

                        THE FOG "IL COLLEZIONISTA" COMBO
                        HIGHLANDER - L'ULTIMO IMMORTALE "IL COLLEZIONISTA" COMBO
                        DUNE "IL COLLEZIONISTA" COMBO
                        1997: FUGA DA NEW YORK "IL COLLEZIONISTA" COMBO
                        peccato escano in semplice amaray, meriterebbero tutte una edizione da collezione, come per il prossimo Grosso Guaio a Chinatown

                        Commenta


                        • Me ne sbatto della scatoletta, non mi cambia niente. Io spero solo siano dischi interessanti.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                            Dipende che parametri ha sta asticella e cosa ti aspetti. Noto personalmente un po' di confusione quando si tratta di animazione (specie quella giapponese) e come debba rendere...
                            Diciamo che la mia asticella è dinamica e varia in base al valore che attribuisco all'opera.
                            Sul tuo commento sulla resa e le aspettative posso anche essere d'accordo, in generale.
                            Per quanto riguarda le serie più datate, alcune di esse so essere state fotografate in 16mm, quindi mi aspetterei una resa conseguente.
                            Lo so, si potrebbe obiettare che l'utilizzo di tale formato, molto probabilmente, nasce da un'esigenza economica e pratica e che la destinazione finale di dette produzioni era la diffusione televisiva. Ergo, teoricamente (filologicamente?), la qualità si potrebbe fermare al ntsc, e amen. Non a caso al riguardo di una resa da 16mm, ho usato il condizionale.
                            In ogni caso, considero parte dell'animazione giapponese, quella che conosco, opere di valore, anche se con un certo distacco, e ciò che ho finora acquistato direi che mi soddisfa.

                            Commenta


                            • Non ritengo che il format a cui è destinato un prodotto ne debba limitare le potenzialità, altrimenti serie che oggi rivovono in HD dovrebbero rimanere in ntsc/pal e non avrebbe il minimo senso. Quello che io dico è che ho come l'impressione che molti si aspettino una resa da live, con emulsione della grana e dell'eposizione analoghi. Prendiamo ad esempio cowboy bebop, la cui resa è indiscutibile, ha solo un accenno minimo di rumore, ma ha un dettaglio altissimo nei particolari fini e nel tratto al di sopra di ogni sospetto. Sicuramente farà discutere, comunque vada.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                                Non ritengo che il format a cui è destinato un prodotto ne debba limitare le potenzialità, altrimenti serie che oggi rivovono in HD dovrebbero rimanere in ntsc/pal e non avrebbe il minimo senso. Quello che io dico è che ho come l'impressione che molti si aspettino una resa da live, con emulsione della grana e dell'eposizione analoghi.
                                Certamente, ho estremizzato. Llmitare no, ma condizionare però non la ritengo un'eresia.
                                Sull'esposizione mi trovi d'accordo. Se possibile, nelle opere di animazione è ancora più arduo definire se una certa resa sia corretta.
                                Sulla grana, forse un po' meno d'accordo. Parlando ancora dei fotografati in 16mm, sono dell'opinione che nel passaggio televisivo si è persa per strada, quando non è divenuta rumore, come conseguenza tecnica, ovvio, mentre non sono del tutto convinto che alla base ci sia stata una scelta artistica.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X