annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Topic Home Video

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Dario65 Visualizza il messaggio
    Alpy, ormai ci conosciamo abbastanza, e dò per scontato che tu sappia che sarei al settimo cielo se uscissero i "robottoni" granulosi
    Balle!! Ormai ho capito che sei un fan sfegatato del DNR!! Scherzi a parte, probabilmente non starei nemmeno qui a discutere se pensassi il contrario.
    Paramount, please give us the Star Trek movies without filters and new masters! Thank you.

    Commenta


    • Originariamente inviato da ludega Visualizza il messaggio
      Va beh in Italia ha sempre vinto il mezzo più comodo, non quello di maggiore qualità: la VHS qui da noi ha battuto prima la Betamax, poi ha reso il nostro mercato impermeabile ai Laserdisc che io da bambino non ho mai visto né ho mai conosciuto qualcuno che li avesse. In pratica è stato lo standard assoluto domestico per quasi 20 anni (diciamo fino al 2000 circa) Ed era quello qualitativamente peggiore.

      L'affermazione del DVD dal 2000 in poi fu dovuta alla comodità del digitale e alle dimensioni compatte del disco, non certo grazie alla qualità. La maggior parte della gente guardava i DVD in videocomposito come se fosse una VHS. Io stesso ho saputo del supporto RGB anni dopo il mio primo lettore. L'impostazione di default era il pessimo videocomposito, dovevi cambiare l'impostazione nel menù....
      Ma diciamo che in linea generale è andata così worldwide....quello che intendevo dire è che, mentre da noi il Super8 e il 16mm era praticamente scomparso del tutto, in altre parti del mondo, non era così. Basta vedere in Inghilterra con la Derann che fino ai primi del 2000 stampava Super8. Certo poi ha dovuto arrendersi anche lei.
      Mi ricordo che negli anni '80 su Ciak (la rivista) avevo visto la pubblicità della Sampaolo Film riguardante il 16mm per noleggio di proiettore e film. Ma quando provai a contattarli caddero dalle nuvole. Pazzesco.
      Paramount, please give us the Star Trek movies without filters and new masters! Thank you.

      Commenta


      • Ma la realtà in Giappone qual'era? Sul Laserdisc hanno pubblicato di ogni, ma ignoro la situazione su pellicola.
        A Milano c'è ancora la mitica Zari film. Noleggio, vendita proiettori e film in super8 ,16mm e 35mm, organizzazione proiezioni per cineforum e altro. Sono ancora in attività, anche se .... a passo ridotto! Battutaccia
        Ho avuto a che fare anche con altre realtà, in altre città, ma ormai stiamo parlando di preistoria...
        Comunque, è vero che affrontiamo le discussioni considerando prettamente e squisitamente la parte tecnica, però, e non ho difficoltà ad ammetterlo, sovente per amore dell'opera sono portato a scegliere il piuttosto rispetto al niente. Certo, anche il compromesso ha un suo limite.
        Punti di vista. Ma sono cose che probabilmente ci siamo già dette
        Ultima modifica di Dario65; 21 novembre 18, 19:15.

        Commenta


        • Il giappone, ma proprio l'asia in generale, è la patria del basso costo e dell'animazione povera. Tanto per farvi un esempio, per molti anni (per comodità dal 2000 al 2009) quando sono passati dal lavorare totalmente in digitale al posto della stampa su pellicola, il lavoro veniva eseguito quasi sempre in SD (e qualche rara volta in 720p) per una semplice questione di costi, senza preoccuparsi minimamente del futuro/presente HD. Ed è il motivo per cui tutti quei prodotti di quegli anni sono praticamente impossibili da fare in vero HD, perché vorrebbe dire rifare il lavoro praticamente da capo con costi che non oso immaginare. Quindi non mi sorprende che anche in passato non solo usassero il mezzo più economico, ma nemmeno si preoccupavano di che fine facesse e come conservarlo.
          "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

          Commenta


          • Originariamente inviato da ludega Visualizza il messaggio
            Va beh in Italia ha sempre vinto il mezzo più comodo, non quello di maggiore qualità: la VHS qui da noi ha battuto prima la Betamax, poi ha reso il nostro mercato impermeabile ai Laserdisc che io da bambino non ho mai visto né ho mai conosciuto qualcuno che li avesse. In pratica è stato lo standard assoluto domestico per quasi 20 anni (diciamo fino al 2000 circa) Ed era quello qualitativamente peggiore.

            L'affermazione del DVD dal 2000 in poi fu dovuta alla comodità del digitale e alle dimensioni compatte del disco, non certo grazie alla qualità. La maggior parte della gente guardava i DVD in videocomposito come se fosse una VHS. Io stesso ho saputo del supporto RGB anni dopo il mio primo lettore. L'impostazione di default dell'uscita SCART era il pessimo videocomposito, dovevi cambiare l'impostazione nel menù....
            Scrive bene Alpy : fu un fatto globale.Io presi il mio primo vcr VHS "hq" nell'87 quando, anche un paesello di duemila anime aveva il suo negozio di elettrodomestici in loco. Ai tempi Philips (Phonola, Philco...)aveva la maggiore penetrazione di mercato nei tv color , eppure il sistema Video 2000 _anch'esso non inferiore al vhs_ era già in svendita e da lì a poco sarebbe stato dismesso dalla produzione.Perché era supportato solo da Philips e Grundig; così come il Laserdisc ed il V8 si limitavano sostanzialmente a macchine Sony e Pioneer. Il video home system della Japan Victor Company ebbe invece il decisivo allineamento produttivo di numerosi marchi , ovviamente allo scopo di non pagare i brevetti di Sony e produrre apparecchi costruttivamente di minor costo, a cominciare dal caricamento "Type M" che non competeva quello a "bobina aperta" mutuato sul Betamax dagli apparecchi professionali (...tanto è vero che poi i videoamatori più evoluti si orienteranno su vcr Pro capaci di minimizzare tempi di ritardo/allineamento delle/sulle testine). Non ultimi i negozianti di software preferivano un formato standard univoco , ovvero inequivocabile : che già non era scontato che tutti sapessero l'esatta differenza tra registrazione fotografica e magnetica .:-p
            "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

            Commenta


            • Ringrazio l'ingegnere. Lui sa per cosa

              Commenta


              • Continuo a cercare, ma come ho detto tanto vale aspettare il trailer dynit per avere qualcosa di più concreto in mano.
                "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                Commenta


                • girovagando un po' per gli SS mi sono imbattuto in questi:

                  https://caps-a-holic.com/c.php?go=1&...=84579&i=2&l=0

                  premetto che non conosco assolutamente il film e non l'ho mai sentito neppure nominare. le uniche info sono che: è jappo, è del 73, è girato in 35mm (fonte IMDB).
                  al di là di tutto e visto che si parlava appunto di come dovrebbe rendere un cartone, ecco questo per me è come deve essere trasposto un film di animazione (compressione a parte che non mi sembra eccezionale).

                  Commenta


                  • Si, appunto un 35 mm (per il cinema oltretutto). Una resa del tutto paragonabile a quanto già visto con altrettanti titoli in 35 mm di animazione giapponese. Anche se comunque si fanno sempre paragoni non giustissimi, ma s'era capito da mo' il punto dove volevate arrivare.
                    Ultima modifica di Maddux Donner; 27 novembre 18, 23:06.
                    "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                    Commenta


                    • Infatti personalmente ne faccio un discorso di approccio, che indipendentemente dal formato (16mm/35mm) o dalla destinazione finale dovrebbe essere lo stesso.
                      Paramount, please give us the Star Trek movies without filters and new masters! Thank you.

                      Commenta


                      • Io preferisco quello de "ogni caso fa storia a se" e si, anche io di approccio, ma dell'idea che c'è dietro, non tanto del risultato, specie sull'animazione stampata in 16mm. Per parlarci chiaro, i problemi seri sono i titoli disney che ora sembrano disegnati con l'uniposca, non certo un gundam 79 che tratta l'immagine per non rendere il supporto di stampa prepotente rispetto al cell che deve riprodurre. Mia opinione.
                        "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                          Io preferisco quello de "ogni caso fa storia a se" e si, anche io di approccio, ma dell'idea che c'è dietro, non tanto del risultato, specie sull'animazione stampata in 16mm. Per parlarci chiaro, i problemi seri sono i titoli disney che ora sembrano disegnati con l'uniposca, non certo un gundam 79 che tratta l'immagine per non rendere il supporto di stampa prepotente rispetto al cell che deve riprodurre. Mia opinione.
                          E' mancato uno degli sceneggiatori storici di Gundam :http://www.fumettologica.it/2018/11/...mamoto-gundam/

                          Quando trovo su un dvd : "VIDEO: Schermo 16/9 2,35:1"e "720x576 Colore" come devo interpretare quest'ultima specifica? E dunque esistono valori differenti, ovvero con differenze apprezzabili? Scusate non sono molto "tecnico" ; e peraltro , nelle recensioni degli utenti _ interessanti e per carità ben scritte_ spesso noto che viene tralasciato il sunto della trama, come se la sua interpretazione fosse scontata od univoca . Magari sui manuali di cinema ti spiegano che un buon soggetto può essere sintetizzato in una riga; ma il "come" lo si racconta abbraccia sensibilità differenti ;-).
                          "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da henry angel Visualizza il messaggio

                            Quando trovo su un dvd : "VIDEO: Schermo 16/9 2,35:1"e "720x576 Colore" come devo interpretare quest'ultima specifica? E dunque esistono valori differenti, ovvero con differenze apprezzabili?
                            La risoluzione dello standard DVD è quella. Essendo la risoluzione con un rapporto d'aspetto di 1.25:1. viene applicata l'anamorfosi dell'immagine, applicando un tag. Il contenuto è masterizzato schicciato orizzontalmente per poi essere allargato dalla tv e vedersi nel suo aspetto corretto, senza rinunciare alla risoluzione verticale.
                            Originariamente inviato da henry angel Visualizza il messaggio
                            Scusate non sono molto "tecnico" ; e peraltro , nelle recensioni degli utenti _ interessanti e per carità ben scritte_ spesso noto che viene tralasciato il sunto della trama, come se la sua interpretazione fosse scontata od univoca . Magari sui manuali di cinema ti spiegano che un buon soggetto può essere sintetizzato in una riga; ma il "come" lo si racconta abbraccia sensibilità differenti ;-).
                            Una sezione tecnica, per buona regola, non dovrebbe mai o quasi mai discutere del contenuto artistico, in quanto ininfluente ("non è bello ciò che bello, ma è bello ciò che piace"), se non nei casi dove una particolare tecnica influisce così tanto sull'aspetto di un prodotto e quindi ne va tenuto conto su ciò che deve essere mostrato.

                            "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                            Commenta


                            • Qualè l’edizione blu ray migliore de L’ultimo Imperatore?


                              "Spesso contraddiciamo una opinione, mentre ci è antipatico soltanto il tono con cui essa è stata espressa."

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da TheGame Visualizza il messaggio
                                Qualè l’edizione blu ray migliore de L’ultimo Imperatore?
                                Purtroppo l'unica degna è quella in 3D. Che viene da un Master restaurato nel formato cinematografico corretto...

                                Se non hai un televisore compatibile col 3D, ti conviene registrarlo da SKY (se ce l'hai) che sta mandando il vecchio master ma nel formato corretto
                                Ultima modifica di ludega; 01 dicembre 18, 15:21.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X