annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Topic Home Video

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Qualè l’edizione blu ray migliore de L’ultimo Imperatore?


    "Spesso contraddiciamo una opinione, mentre ci è antipatico soltanto il tono con cui essa è stata espressa."

    Commenta


    • Originariamente inviato da TheGame Visualizza il messaggio
      Qualè l’edizione blu ray migliore de L’ultimo Imperatore?
      Purtroppo l'unica degna è quella in 3D. Che viene da un Master restaurato nel formato cinematografico corretto...

      Se non hai un televisore compatibile col 3D, ti conviene registrarlo da SKY (se ce l'hai) che sta mandando il vecchio master ma nel formato corretto
      Ultima modifica di ludega; 01 dicembre 18, 15:21.

      Commenta


      • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
        La risoluzione dello standard DVD è quella. Essendo la risoluzione con un rapporto d'aspetto di 1.25:1. viene applicata l'anamorfosi dell'immagine, applicando un tag. Il contenuto è masterizzato schicciato orizzontalmente per poi essere allargato dalla tv e vedersi nel suo aspetto corretto, senza rinunciare alla risoluzione verticale. Una sezione tecnica, per buona regola, non dovrebbe mai o quasi mai discutere del contenuto artistico, in quanto ininfluente ("non è bello ciò che bello, ma è bello ciò che piace"), se non nei casi dove una particolare tecnica influisce così tanto sull'aspetto di un prodotto e quindi ne va tenuto conto su ciò che deve essere mostrato.
        Sì, sì intendevo in generale nel forum , senza l'intenzione d'importare qui valutazioni soggettive sul dato artistico dei film sui dischi. Era il non dare per scontato che nella Sez. Cinema tutti sappiano la trama dei titoli di cui si parla; e notavo altresì che il modo in cui la si racconta può già essere, appunto, un abbozzo dei convincimenti di chi la redige. Bon :morta qui.

        Sulla prima parte della risposta _della quale ti ringrazio_ avevo intuito qualcosa, però non mi è ancora del tutto chiaro se la risoluzione dello standard dvd è quella ma se la si specifica, allora vuol dire che ci sono dischi realizzati ad una risoluzione inferiore e dunque penalizzante nella resa su schermo ; valendo la regola che la qualità finale è determinata dall'anello più debole della catena A/V, non il caso dei moderni televisori ,dei moderni players e di cavi digitali. Forse.
        "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

        Commenta


        • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
          La risoluzione dello standard DVD è quella. Essendo la risoluzione con un rapporto d'aspetto di 1.25:1.
          1,33:1 che io sappia per il resto tutto giusto.
          Originariamente inviato da henry angel Visualizza il messaggio
          Sulla prima parte della risposta _della quale ti ringrazio_ avevo intuito qualcosa, però non mi è ancora del tutto chiaro se la risoluzione dello standard dvd è quella ma se la si specifica, allora vuol dire che ci sono dischi realizzati ad una risoluzione inferiore e dunque penalizzante nella resa su schermo ; valendo la regola che la qualità finale è determinata dall'anello più debole della catena A/V, non il caso dei moderni televisori ,dei moderni players e di cavi digitali. Forse.
          Non è scontato che un DvD sia anamorfico. Potrebbe essere codificato letterbox, che nel caso dei film con AR largo comporta una ulteriore diminuzione delle righe attive utilizzate. Il massimo ottenibile è comunque 576*720.
          Ultima modifica di Alpy; 01 dicembre 18, 17:11.
          Paramount, please give us the Star Trek movies without filters and new masters! Thank you.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Alpy Visualizza il messaggio
            1,33:1 che io sappia per il resto tutto giusto.
            Si ovvio, per un DVD NTSC che è 720x480. Noi che siamo PAL è 720x576, che matematicamente è 1.25:1. Ma è indifferente, non vedrai mai un aspect ratio di 1.25, verrà sempre distorto per assumere l'aspetto di 4:3 (1.33:1) o 16:9 (1.78:1) a seconda del contenuto.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Alpy Visualizza il messaggio
              1,33:1 che io sappia per il resto tutto giusto.Non è scontato che un DvD sia anamorfico. Potrebbe essere codificato letterbox, che nel caso dei film con AR largo comporta una ulteriore diminuzione delle righe attive utilizzate. Il massimo ottenibile è comunque 576*720.
              720/576 = 1.25

              Per riportare il DVD PAL a un 16:9 puro basta "allargare" da 720 a 1024 linee orizzontali su uno schermo digitale
              Ultima modifica di ludega; 01 dicembre 18, 17:51.

              Commenta


              • Originariamente inviato da henry angel Visualizza il messaggio
                Sulla prima parte della risposta _della quale ti ringrazio_ avevo intuito qualcosa, però non mi è ancora del tutto chiaro se la risoluzione dello standard dvd è quella ma se la si specifica, allora vuol dire che ci sono dischi realizzati ad una risoluzione inferiore e dunque penalizzante nella resa su schermo ; valendo la regola che la qualità finale è determinata dall'anello più debole della catena A/V, non il caso dei moderni televisori ,dei moderni players e di cavi digitali. Forse.
                La risoluzione dei DVD PAL è sempre 720x576. Ciò che cambia è il contenuto. Un contenuto 4:3, virtualmente utilizza pienamente la risoluzione del DVD (anche se come ho detto prima c'è comunque una lieve distorsione per assumere l'aspect ratio di 1.33:1 perché il rapporto d'aspetto di tale risoluzione è matematicamente 1.25:1). Nel caso dei contenuti 16:9, se viene implementato con il tag dell'anamorfismo, quindi viene registrato schiacciato per poi essere allargato dal lettore che vede il tag e lo visualizzerà in 16:9. Ciò però comporta che il filmato perderà molto della risoluzione orizzontale, perché i 720 pixel sono tirati fino a raggiungere virtualmente la dimensione di 1024. Come diceva alpy quei casi di DVD non anamorfici, il contenuto è visualizzato sempre in 4:3, ma nel caso di un film, se questo è di 2.35:1 si avrà una porzione d'immagine estremamente piccola e quindi una risoluzione ancora minore, costringendoci a fare zoom dal televisiore per avere tutto schermo con le conseguenze qualitative che questo comporta.

                Commenta


                • In realtà per il PAL 4:3 veniva usata la risoluzione dalle emittenti TV una risoluzione di 704x576 eliminando 8 pixel ai due estremi: ma c'era comunque bisogno di un lieve scaling poi a 768x576 per ottenere l'aspect ratio corretto.

                  Nel sistema PAL ma anche NTSC la risoluzione verticale è fissa e quella orizzontale varia a seconda del contenuto...

                  Oggi si dà più importanza a quella orizzontale non ho mai capito perché.

                  Infatti l'HD lo chiamiamo ancora 1080p ma l'UHD lo chiamiamo comunemente 4K per motivi di marketing... Ma allora dovremmo chiamare l'HD 2K e non 1080p

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da ludega Visualizza il messaggio
                    Oggi si dà più importanza a quella orizzontale non ho mai capito perché.
                    Avevo letto da un esperto che è la più "critica"e quindi importante, perché è quella a cui l'occhio è più sensibile. Per il resto (i nomi) sono solo scelte.
                    Trovato http://www.cinematech.it/forum/viewt...critica#p42439
                    Ultima modifica di Alpy; 01 dicembre 18, 19:15.
                    Paramount, please give us the Star Trek movies without filters and new masters! Thank you.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da ludega Visualizza il messaggio
                      ... Ma allora dovremmo chiamare l'HD 2K e non 1080p
                      Al di la degli standard di compressione e spazio colore (quest'ultimo ormai raggiunto dal BD4K), probabilmente il motivo per cui HDTV e UHDTV hanno risoluzioni leggermente differenti dai rispettivi standard per il cinema di sala è solo perché sono state decise in tempi diversi. O meglio, l'HDTV in 16:9 è stata decisa prima dello standard del cinema digitale (e il relativo multiplo UHD gli è ovviamente andato dietro). Se avessero fatto le cose un po' meglio adesso probabilmente avremmo risoluzioni identiche senza fare "acrobazie" di scaling o di crop nei riversamenti per una manciata di pixels.
                      In effetti chiamare il FHD 2K e l'UHD 4K sarebbe improprio, perché sono comunque standard differenti. Ma a volte ammetto che è semplicemente pratico .
                      Paramount, please give us the Star Trek movies without filters and new masters! Thank you.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da alpy
                        In effetti chiamare il FHD 2K e l'UHD 4K sarebbe improprio, perché sono comunque standard differenti. Ma a volte ammetto che è semplicemente pratico
                        Credo che Luca intendesse affermare che, siccome il riferimento tipico è alla risoluzione verticale (576p, 720p,1080p), chiamare l'UHD 4K è improprio, in quanto il riferimento è invece alla risoluzione orizzontale. Però 4K fa più effetto: questione di marketing

                        Commenta


                        • Avevo capito il riferimento al merketing, ed è ovvio che sia così . Dicevo solo che lo scegliere nel professionale come riferimento la risoluzione orizzontale e nell'home video quella verticale è più che altro una questione di scelta arbitraria senza necessariamente un motivo (che io sappia) che contribuisce poi di fatto a confondere ancora di più le idee. Soprattutto oggi che i due sistemi tendono ad assomigliarsi.
                          Paramount, please give us the Star Trek movies without filters and new masters! Thank you.

                          Commenta


                          • La quotatura e "in effetti" mi hanno erroneamente fatto pensare ad un fraintendimento, sorry!

                            Commenta


                            • La prossima startup di CgEntertainment sarà SCANNERS di David Cronenberg a partire dal 17 dicembre.

                              Commenta


                              • e partiamo col toto master...

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X