annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Squid Game (Netflix)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #46
    Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio
    Ma su Netfix alla fine esplodono sempre i prodotti meno pubblicizzati che il contrario. Anche la casa di carta era un riempitivo già cancellato da una rete tv spagnola messo senza aspettativa. Così come La regina di scacchi è cresciuta lentamente e uscita sulla piattaforma senza particolari fanfare.

    Che è un po' quello che succedeva al cinema fino a 20 anni fa quando gli incassi non erano quasi pre programmati e i film medi non stavano in sala solo un mesetto per poi scomparire schiacciati da un blockbuster dietro l'altro che si prende tutte le sale.


    Tra quelle segnalate tra le più viste solo Bridgerton mi pare sia stata molto pompata, con tanto di trailer sulle reti rai e mediaset quando è uscita. Cosa che raramente han fatto per le serie tv non italiane alla prima stagione.
    meno pubblicizzati, mmmmmmm, secondo me è una via di mezzo

    funziona così, appena vedono che una serie-film ha un attimo di successo (loro possono ovviamente vedere i numeri) li pompano subito nelle dovute sedi

    ancora è fresca la schacchimania lanciata dalla serie con la Taylor

    poi ovviamente senza aver accesso a quei dati sono solo teorie

    Commenta


    • #47
      Originariamente inviato da MartyMcFly Visualizza il messaggio

      meno pubblicizzati, mmmmmmm, secondo me è una via di mezzo

      funziona così, appena vedono che una serie-film ha un attimo di successo (loro possono ovviamente vedere i numeri) li pompano subito nelle dovute sedi

      ancora è fresca la schacchimania lanciata dalla serie con la Taylor

      poi ovviamente senza aver accesso a quei dati sono solo teorie
      E vabè normale ma è obbiettivamente cresciuta solo per passaparola. Poi che vendendo che piace i canali social netflix iniziano a spingere con post, video, meme...beh è il loro lavoro.
      Ma in tv per settimane da noi hanno pubblicizzato l'italiana Luna park che 2 settimane dopo già non sta tra le più viste

      Commenta


      • #48
        Originariamente inviato da masotaker Visualizza il messaggio
        a dirla tutta ho iniziato a sospettare qualcosa fin dal primo episodio in cui si vede chiaramente il "signore" sorridere durante il massacro di 1, 2, 3 stella!
        Ma c'è il giolli della demenza senile, quindi quando vedi quella scena, non pensi a qualcosa sotto, ma a quello... Per me è gestita bene, devo essere sincero, non avevo sospettato nulla.

        Commenta


        • #49
          Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio

          Vero. Infatti ho letto che almeno fino ad una settimana fa non era neanche doppiata in italiano. Cosa rara per i prodotti netflix. Segno che non si aspettavano minimamente di un successo del genere in Occidente.
          Veramente è ancora sensa doppiaggio (dovrebbe essere in corso d'opera). E il motivo è dovuto al fatto che generalmente i K drama e in generale tutto il mercato asiatico è assai di nicchia da noi, ancor più che in altri paesi. Ora stanno correndo ai ripari.

          Commenta


          • #50
            Per altro sta serie sta trascinando Alice in Borderland tra i top nella piattaforma, serie giapponese (questa si doppiata in italiano) perché consigliata a fine visione di squid game per "le similitudini".

            Commenta


            • #51
              Potrebbe suonare falso, ma i twist sui due personaggi li avevo ipotizzati dalla seconda puntata. Sullo sciuro, perchè è l'unico effettivamente molto anziano e mi aveva colpito che fosse il n 1. Se si vanno a vedere poi gli altri concorrenti, non vi è un criterio sulla numerazione, sono totalmente casuali e di sesso misto, a parte l'ultimo concorrente che è il protagonista e l'emblema dell'umanità mantenuta nei giochi. Avevo pensato anche io alla demenza senile, ma fin da subito il vecchio fa ragionamenti più che lucidi e il divertimento provato, unito all'impassibilità riguardo alla carneficina, mi ha fatto pensare che fosse uno importante dell'organizzazione, se non addirittura l'ideatore dei giochi.
              Sul poliziotto anche, la deduzione è stata prettamente logica: sequel o meno, in questa prima serie avrebbero dovuto comunque arrivare alla fine dei giochi. La side story del poliziotto, senza il "sono tuo fratello", sarebbe stata inutile.
              Per quanto riguarda i vari discorsi markting/pompaggi, avete già integrato con i Vs commenti.
              Wars not make one great

              Commenta


              • #52
                Originariamente inviato da Yalun Visualizza il messaggio
                Sul poliziotto anche, la deduzione è stata prettamente logica: sequel o meno, in questa prima serie avrebbero dovuto comunque arrivare alla fine dei giochi. La side story del poliziotto, senza il "sono tuo fratello", sarebbe stata inutile.
                Questa era ovvia, si.

                Commenta


                • #53
                  Premesso che nemmeno io considero questo drama - che pure ho apprezzato parecchio - l'innovativo capolavoro di cui molti parlano, devo dire di trovare piuttosto ingenerosa (e ingenua) la critica relativa al presunto saccheggio da esso operato ai danni della "poetica" di Bong Joon-ho.
                  Chiunque mastichi un minimo di k-drama, infatti, dovrebbe sapere benissimo che quello dell'analisi anticapitalista di determinate dinamiche sociali è un elemento che i coreani tendono a inserire praticamente in qualsiasi loro produzione, storie d'amore scandite da baci di plastica e dichiarazioni stucchevoli incluse; anche senza prendere in considerazione gli anni di gestazione resisi necessari per dar vita alla serie così come ci è stata adesso presentata, basterebbe anche solo guardare ai vari Sweet Home, Strangers From Hell, Crash Landing On You (giusto per rimanere fra le braccia di Netflix) per rendersi conto di come quello con Parasite sia un paragone davvero fragilissimo. Fermo restando che condivido in pieno la speranza che il successo riscosso da Squid Game porti tanti ad avvicinarsi alla tv coreana, ovviamente!


                  Per quanto riguarda i vari colpi di scena, comunque...

                  Spoiler! Mostra

                  Commenta


                  • #54
                    Vista tutta d'un fiato, molto coinvolgente e nelle mie corde... avercene di serie così. Complimenti ai coreani, mi chiedo come sia possibile che opere del genere non riescano a vedere la luce anche da noi in Italia.
                    :twisted: LA VOSTRA SERENITA' E' UN BUON SINTOMO... ALLEVIA LA TENSIONE E LA PAURA DI MORIRE. :twisted:

                    Commenta


                    • #55
                      Le chiacchiere sugli algoritmi mi fanno sempre pensare alle cose tipo deep state e altre amenità, una cosa la puoi anche pompare, ma l'apprezzamento? Quello non lo compri. Per esempio non apro Netflix da mesi, ultima cosa vista lì da me è stata The Witcher (serie abbastanza mediocre, sono un lettore dei romanzi però).

                      In ogni caso quando si riesce a far emergere un buon prodotto io non mi lamenterei, casomai il problema era che ci fosse Bridgerton sopra a tutto (l'ha visto la mia compagna, so cos'è), non che Squid Game arrivi in alto.

                      Commenta


                      • #56
                        Finita di vedere oggi .
                        Personalmente l ho apprezzata molto.

                        Chiaramente non parliamo di un prodotto rivoluzionario, appartiene in pieno alla categoria dei "giochi pericolosi" alla Battle Royale e si possono individuare influenze dirette o meno da parte di altre serie (solo io in quel mix di ambientazione insulare , antagonista misterioso e tono spesso surreale ci ho visto qualcosa de Il Prigioniero ? )

                        Eppure non risulta per questo scontata e banale ,ma anzi funziona egregiamente su più livelli ; per il messaggio sociale che permane tutta l opera ; per la capacità di creare efficacemente diverse scene di forte tensione ; per quegli elementi bizzarri che aiutano a rendere memorabile il tutto (la bambola del primo episodio ne è un esempio). Ma soprattutto vincente è la scrittura dei personaggi ,l episodio delle biglie in tal senso è il mio preferito, nel mettere per un attimo da parte l aspetto più ansiogeno degli altri giochi per incentrarsi sulle interazioni dei protagonisti e sulle loro scelte .

                        Volendo trovare dei difetti , alcune dinamiche mi sono sembrate un po' troppo forzate anche per la sospensione dell incredulità richiesta dalla serie e le due puntate finali peccano forse di frettolosità .
                        Ciononostante per me ampiamente promossa .

                        Ammetto di avere un po' paura di una seconda stagione , perché sono stato scottato più volte da serie che partono con il botto e poi si perdono subito per strada (chi ha detto Westworld ?) .
                        Ma per il momento voglio essere fiducioso. ​​​​​
                        ​​​​​

                        Commenta


                        • #57
                          Ho finalmente finito la serie, devo dire che mi è piaciuta molto, resta un prodotto derivativo ma nonostante tutto ha incredibilmente un risvolto ottimista da non sottovalutare nel modo in cui matura e si svolge.

                          Superate le prime puntate la parte immaginifica scema un po' per far posto ai personaggi, nel cambio non ci perde ma mi sarebbe piaciuta qualche altra trovata visiva.

                          A parte alcuni chiarimenti si perde un po' al centro divagando verso una sottotrama che in fondo è inutile e le risposte che dà potevano essere fornite in altro modo.

                          Piuttosto sono abbastanza contrario all'idea che il finale sia aperto o che ci sia qualcos'altro da dire come alcuni commentatori hanno ventilato, questo è un finale che più chiuso non si può.

                          Il personaggio principale ha uno sviluppo completo senza snaturarsi e direi che ha detto tutto ciò che c'era da dire per dare il messaggio che l'autore voleva comunicare.

                          Nonostante le premesse non mi è poi sembrato così violento come mi era stato paventato, mi trovo d'accordo con il VM14 che ho visto dato, non va oltre.

                          Credo che continuerò a consigliarlo a molte persone, vale la pena.

                          Dal punto di vista televisivo, la cosa più interessante negli ultimi 3 anni almeno.

                          Commenta


                          • #58
                            Che bello leggere che finalmente a Maddux Donner è piaciuto qualcosa

                            ben ritrovato, ti stavi un po' mr.fredizzando.

                            Per il resto raga ma davvero state discutendo qui del problema degli algoritmi o del fastidio che provate nel vedere una serie come Squid Game sponsorizzata ovunque? Ma dico io, una volta che almeno sponsorizzano una roba decente, con una trama, dei personaggi interessanti, siam li a lamentarci "eh mi bombardano di sponsorizzazioni". Ma ad una certa che vi frega, se la dovete guardare non è che dovete farlo incattiviti dal fatto che ve l'hanno spiattellata ovunque. Fatelo per la curiosità di conoscere un prodotto culturalmente diverso e soprattutto fatelo prima che a dicembre arrivi il doppiaggio italico. Seguirlo in lingua originale ti fa entrare totalmente nel mood.

                            Per il resto vi lascio queste dichiarazioni
                            Ho concepito le idee per lo show nel 2008. All’epoca c’era la crisi della Lehman Brothers; l’economia coreana è stata gravemente colpita e anche io ero in difficoltà economica. Negli ultimi 10 anni, ci sono stati molti problemi: c’è stato il boom delle criptovalute, in cui le persone in tutto il mondo, in particolare i giovani in Corea, si sono buttate e hanno investito tutti i loro soldi in criptovalute. E c’è stata l’ascesa di giganti IT come Facebook, Google e in Corea, c’è Naver, e stanno davvero cambiando le nostre vite.

                            È innovativo, ma anche questi giganti dell’IT sono diventati molto ricchi. E poi Donald Trump è diventato il presidente degli Stati Uniti e penso che assomigli un po’ a uno dei VIP del Squid Game. È quasi come se stesse conducendo un gioco televisivo, non un paese, come dare alla gente l’orrore. Dopo che si sono verificati tutti questi problemi, ho pensato che fosse giunto il momento che questo show venisse distribuito nel mondo.
                            Niente di innovativo, ma preferisco questo tipo di critica al sistema che quella da soap opera de La Casa di Carta.
                            "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                            And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                            That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                            # I am one with the Force and the Force is with me #

                            -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                            Commenta


                            • #59
                              Originariamente inviato da StoneAngel Visualizza il messaggio
                              Le chiacchiere sugli algoritmi mi fanno sempre pensare alle cose tipo deep state e altre amenità, una cosa la puoi anche pompare, ma l'apprezzamento? Quello non lo compri. Per esempio non apro Netflix da mesi, ultima cosa vista lì da me è stata The Witcher (serie abbastanza mediocre, sono un lettore dei romanzi però).

                              In ogni caso quando si riesce a far emergere un buon prodotto io non mi lamenterei, casomai il problema era che ci fosse Bridgerton sopra a tutto (l'ha visto la mia compagna, so cos'è), non che Squid Game arrivi in alto.
                              Finché te la rivendi come prodotto di nicchia dovresti ammettere che vellica una tua propensione a sentirti "ontologicamente superiore" (cit.) alle masse; che poi lo "sporcheranno" vedendolo doppiato od appiattito come "soap-opera", ed a 'sto punto anche il "gradimento" diverrebbe "tossico". Quindi sarai tu , per dissimulare il portato egemonico dei tuoi gusti manifesti a cercare una controparte ("L'Algoritmo") con cui contrabbandarti come solutore della dicotomia élite vs. "masse". Insomma fai un po' la Giorgia Meloni della situazione che "a-pochi-giorni-dal-ballottaggio" lei sola sa di manovre destabilizzanti le elezioni , che ovviamente possono fregare le "masse" ma non le tipe provvedute come lei. Tuttavia contestualmente si scuda dietro "l'apprezzamento" di F'dI rispetto agli sparuti voti che rimedia FN. In questo caso pofferbacco è la "nicchia" che potrebbe, eventualmente, essere sciolta ; guai a dio il "primo-partito-italiano"., un "buon prodotto" di cui non lamentarsi.
                              "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                              Commenta


                              • #60
                                Originariamente inviato da henry angel Visualizza il messaggio

                                Finché te la rivendi come prodotto di nicchia dovresti ammettere che vellica una tua propensione a sentirti "ontologicamente superiore" (cit.) alle masse; che poi lo "sporcheranno" vedendolo doppiato od appiattito come "soap-opera", ed a 'sto punto anche il "gradimento" diverrebbe "tossico". Quindi sarai tu , per dissimulare il portato egemonico dei tuoi gusti manifesti a cercare una controparte ("L'Algoritmo") con cui contrabbandarti come solutore della dicotomia élite vs. "masse". Insomma fai un po' la Giorgia Meloni della situazione che "a-pochi-giorni-dal-ballottaggio" lei sola sa di manovre destabilizzanti le elezioni , che ovviamente possono fregare le "masse" ma non le tipe provvedute come lei. Tuttavia contestualmente si scuda dietro "l'apprezzamento" di F'dI rispetto agli sparuti voti che rimedia FN. In questo caso pofferbacco è la "nicchia" che potrebbe, eventualmente, essere sciolta ; guai a dio il "primo-partito-italiano"., un "buon prodotto" di cui non lamentarsi.
                                Io te lo dico, non riesco mai a capire cosa scrivi, nel bene o nel male, per cui non so che risponderti o se c'è qualcosa che posso o devo risponderti. Ma mai.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X