annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Stranger Things - Netflix

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Yalun Visualizza il messaggio
    Arrivo in ritardo e probabilmente fuori luogo. Non ho letto tutto tutto ma mi sembra eccessivo disquisire in termini politici per un prodotto innocuo come ST.
    E' come lamentarsi di come vengono dipinti i russi in film come Alba Rossa, Invasion USA o Rocky 4 ... che ovviamente li mostrano negli stereotipi di inizio anni '80 ...

    E, di conseguenza, lamentarsi di come vengono dipinti i russi di inizio anni '80 in un film o telefilm "omaggio" ai film e serie TV di quel periodo ...
    Ex utente Matt80 dall'autunno 2007

    Commenta


    • Infatti avete citato brutti film, non è che se lo facevano negli anni 80' sono giustificati lo stesso.
      Stranger Things ha l'aggravante di farlo nel 2019.

      E con Smirnoff al luna park non c'è nessuna parodia. Il complottaro dice che i giochi sono truccati e alla fine guadagnano solo i ricchi a scapito dei poveri (concordo), però Smirnoff prova i vari giochi e vince alla grande ed infatti dice che non sono truccati, poi arriva il Terminator russo e distrugge il suo sogno americano appena raggiunto.
      Ultima modifica di Sensei; 09 settembre 20, 21:41.

      Commenta


      • Sensei l'epoca guerra fredda era un mondo totalmente diverso dagli anni 90 e da quelli odierni. Ti premetto che non ho seguito il principio del discorso, non vorrei scrivere stronzate fuori luogo. Il punto è che Rocky e i film anni 80 erano pura finzione e venivano percepiti (tranne da qualche squilibrato) per ciò che erano, finzione ed intrattenimento. ST è un tributo a quegli anni e a quel tipo, semplice e da un certo punto di vista ingenuo ed esagerato, di intrattenimento. Del tutto innocuo.
        L'ho scritto anche in altri topic perchè li ho visti relativamente di recente, mi preoccupa di più una serie cone 13 reason why che fa passare il messaggio che solo gli adolescenti vittime di bullismo siano a rischio suicidio, quando la realtà, amara per le persone che covano solitudine e depressione interna, è ben più complicata.
        Oppure in Sense8, che per far passare per buono il poliziotto protagonista (bianco) mettono in bocca a un altro poliziotto (nero) e un'infermiera (nera) delle frasi parecchio discutibili sul salvare a vita a un teppistello che potrebbe diventare un delinquente omicida.
        Wars not make one great

        Commenta


        • Ma se gli "omaggi" alla Cultura Pop(ular) sono tanto "innocui" , allora come mai esiste una così spaventosa sperequazione economica che sottende la comunicazione di siffatti messaggi, ora (temporalmente) anche più di allora (anni '80)?

          Siamo sempre lì : "Bevete Coca-cola!", slogan di appartenenza, assolutamente trasversale , censurabile in virtù di un certo fanatismo ideologico antiamericano o di un "salutismo" altrettanto radicale, altrimenti ampiamente concorde e condiviso. Tutti beviamo Coca-cola tutti sappiamo che sapore ha. Eppure se vi invito io , gratis, a consumare la bibita vi "fidate" (???) meno che se ve lo dicesse , stra-pagato e mercenario , un Vip, magari uno degli attori star di ST. Che senso ha visto che è "solo" il marchio pop di una bevanda assolutamente uguale a se stessa e che già persino perfettamente conoscete?
          "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

          Commenta


          • Originariamente inviato da henry angel Visualizza il messaggio
            Ma se gli "omaggi" alla Cultura Pop(ular) sono tanto "innocui" , allora come mai esiste una così spaventosa sperequazione economica che sottende la comunicazione di siffatti messaggi, ora (temporalmente) anche più di allora (anni '80)?

            Siamo sempre lì : "Bevete Coca-cola!", slogan di appartenenza, assolutamente trasversale , censurabile in virtù di un certo fanatismo ideologico antiamericano o di un "salutismo" altrettanto radicale, altrimenti ampiamente concorde e condiviso. Tutti beviamo Coca-cola tutti sappiamo che sapore ha. Eppure se vi invito io , gratis, a consumare la bibita vi "fidate" (???) meno che se ve lo dicesse , stra-pagato e mercenario , un Vip, magari uno degli attori star di ST. Che senso ha visto che è "solo" il marchio pop di una bevanda assolutamente uguale a se stessa e che già persino perfettamente conoscete?
            Mi inquieti

            Commenta


            • henry angel non sono sicuro di aver di aver compreso il senso del tuo post e premetto che non vedo di buon occhio la cultura americana. Le mie opinioni al riguardo sono però inerenti a fatti di cronaca veri, non in riferimento a ciò che vedo in una serie tv o in un film, che, ripeto, considero opere di finzione. In ST non ho trovato alcuna esaltazione della cultura americana, se non dei toni, come già detto, esagerati e caricaturali degli anni 80. Se mi "rispieghi" i concetti espressi e dove ST sia "dannoso" o esaltalante degli USA, è ben gradito.
              Per dire, mi preoccupano di più mentecatti personaggi nostrani che dietro il loro status di vip e personaggi politici, si mettono ad insultare persone che fanno il loro lavoro (mi riferisco a fatti di ieri). E mi preoccupano ancora di più i soggetti che supportano tali personaggi.
              Ultima modifica di Yalun; 10 settembre 20, 09:53.
              Wars not make one great

              Commenta


              • Originariamente inviato da Yalun Visualizza il messaggio
                (mi riferisco a fatti di ieri)
                Aspe, cosa è successo ieri?

                Commenta


                • Lorath Festival di Venezia. Ieri o l'altro ieri.
                  Wars not make one great

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Yalun Visualizza il messaggio
                    Lorath Festival di Venezia. Ieri o l'altro ieri.
                    Ah, dici Sgarbi? Ero rimasto alle due sceme INFLUENSEEEEER che limonavano.

                    Commenta


                    • Esatto, proprio lui. Una cosa assolutamente vergognosa, vista la carica del personaggio. Poi è chiaro che all'estero ci guardano con compassione, se abbiamo sti individui in giro. Se io mi permettessi di dare della testa di cazzo ad un'operatore della sicurezza, mi prendono a calci in culo e mi staccano la testa, senza passare dal via. Ma quello li può.

                      Le altre due sinceramente non so chi sono e nemmeno m'interessa. Si parlava di culture più o meno negative. ST è finzione, gli insulti del dottore a una persona che sta lavorando sono realtà. Vergognoso.
                      Wars not make one great

                      Commenta


                      • Stavo scrivendo di Cultura Pop in termini generali, sono intervenuto nella discussione su questo; anche perché ho Netflix da pochissimi giorni e sto cominciando ora a vedere le loro serie originali. Sono tipo al 3ep. 1st., quando 11 vede alla tele la pubblicità della Coca-cola ed ha un flashback nel laboratorio in cui era rinchiusa e dove piegava le lattine della bibita con l'energia della psiche (?).La pubblicità in una fiction è fiction "al quadrato" e però serve a vendere veramente la bibita , oltre che a connotare "uno stile di vita" diffuso geograficamente e quindi , di rimando, anche politicamente. In maniera neanche troppo paradossale e certo opportunistica anche molti addetti ai lavori ti diranno genericamente che la televisione tutta è una finzione precostituita : pure uno Sgarbi dunque è "fiction ", alla terza , "al cubo"; e perciò è , parole tue, innocuo? Rimanendo all'attualità siamo in un loop in cui sui mass media invitano dei Vip a denotare un Vip che ha preso il Covid per poi concludere che il virus lo può comunque prendere chiunque ed è sbagliato soffermarsi sui Vip. Già , ma allora perché non solo è normale ma indispensabile chiedere ai Vip di ratificare cose che sanno/fanno/pensano tutti? Se una cosa è già "oggettiva" non diventa oggettiva in maniera maggiorata poiché è guardata da un Vip. Non so se te lo spieghi in termini quantistici.
                        "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                        Commenta


                        • henry angel No, veramente ho detto il contrario, uno Sgarbi rappresentante politico non è innocuo proprio perchè ricopre una carica politica. Il dottore è nato come personaggio televisivo (negli anni 80) sclerotico che attaccava tutto e tutti in termini di opinioni prettamente soggettive e discutibili. Un fenomeno da baraccone per un intrattenimento becero che purtroppo piace tanto a parte del popolo italiano. Non molto diverso dai personaggi che si mettono a litigare a programmi come uomini e donne (programma che ho intravisto per pochissimi secondi in vita mia, cambiando immediatamente. Poi io a casa mia non ho la tv dal 2008 per scelta). Diventa non innocuo nel momento in cui è un rappresentante politico ed ha atteggiamenti al di sopra dell'etica, in virtù della sua posizione politica, non di vip. Perchè puoi essere vip quanto vuoi, ma a Milano, poco prima del 2010 (se non ricordo male) una strafatta A. Yespica fu fermata dai vigili e multata. E alla sua frase di rito "lei non sa con chi sta parlando" la risposta fu "non mi interessa con chi sto parlando, questa è la multa". Se lo si fa con un politico, che spesso ha atteggiamenti al di sopra delle leggi per "diritto di opposizione" (vedi quell'altro personaggio di Bocci che ha chiesto il contributo P. I. per dimostrare che la legge "era sbagliata" per poi fare "beneficenza") perdi il lavoro perchè tocchi un intoccabile.
                          Tornando a ST, non vedo alcuna ambiguità o fattore negativo nella lattina di Coca della scena di Eleven, probabilmente la Coca Cola ha cacciato dei soldi per sponsor, avrebbe potuto esserci la Pepsi o la Dr Pepper. Come sai, proprio la polemica su uno spot pubblicitario ha fatto passare da loro legge sulla pubblicità comparativa. Ma stiamo parlando di uno show televisivo (che ritengo innocuo) ambientato negli anni 80 e la Coca Cola era - e forse lo è ancora, non saprei, io bevo birra, vino e acqua, nessuna bibita alternativa, a parte il chinotto ogni tanto che mi piace - la bibita più diffusa. Mi sembra abbastanza normale che l'abbiano messa, ma non riesco ancora a cogliere il messaggio politico - nella serie -.
                          Poi, se è per questo, prodotti made in USA e lo stile di vita "occidentale" (e conseguente messaggio politico: i comunisti sono tutti brutti e cattivi che ti levano la libertà) sono stati imposti nella vecchia Europa dell'Ovest già dal dopoguerra, ben prima della nascita tua o mia. Non è arrivata la cultura pop degli anni 80 (ST quello tratta) a portare prodotti, stili di vita e messaggi politici, era già ben da prima.
                          Ultima modifica di Yalun; 11 settembre 20, 13:23.
                          Wars not make one great

                          Commenta


                          • cioè nel 2020 stiamo ancora a stupirci se c'è la coca cola su un telefilm made in usa??

                            Commenta


                            • Ma più che altro a stupirci che ci sia in una serie ambientata nel 1983.

                              E' come stupirsi che in un film o telefilm italiano "nostalgico" ambientanto nel 1993, in un bar sulla spiaggia si vedano girare i Cornetti Algida o il Maxibon della Motta ... o che in film ambientato nella Milano del 1987, dei ragazzi entrino in una Standa a disquisire su quale Gig Nikko sia più figa da avere per Natale ...
                              Ex utente Matt80 dall'autunno 2007

                              Commenta


                              • Ho scritto il post #724 PRIMA di aver visto la puntata di ST. Non avevo preconcetti su una serie che neanche avevo iniziato a vedere (!) e manco volevo , in questa sede, intavolare una polemica strettamente politica retrodatata agli anni '80 !
                                Piuttosto continua a sembrarmi aleatorio e in definitiva fuorviante la separazione tra fiction e supposta "realtà",come se la prima , ritenuta "innocua" non intaccasse concettualmente , eticamente e politicamente la seconda . Diventare politici di professione per gente come Sgarbi non è che la continuazione/legitytimazione del loro pregresso , attuale e futuro ruolo mediatico? Non sta forse rivendendo se stesso attraverso i media, in ognuno dei ruoli che ricopre?

                                Continuate a scantonare la domanda però: se è tanto normale che tutti si abbia cognizione della Coca-cola , da decenni, allora che vi serve un Vip che leghi in maniera mercenaria la sua immagine alla bibita? Ripeto : non ce l'ho con ST, ce l'ho coi morti di fama che calcano il red carpet senza nemmeno averlo fatto un film o telefilm , ma in quanto presunti Vip invitati e usati come tramiti per inculcarci messaggi da "Bevete Coca-cola" a "mettetevi-le-mascherine"; od al limite "la Coca-cola è veleno" e "IL Covid non esiste".
                                "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X