annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Rorschach Visualizza il messaggio
    Per cortesia, non facciamo uscire questi termini dalla zona supereroi O_o

    xD

    Giuro che non volevo essere polemico, è che mi sembrava il termine più adatto. Diciamo che con una certa regolarità viene un utente che ha visto un film blasonato e lo critica, e di solito tutti gli altri a dirgli che sperano di non avere letto davvero quello che ha scritto. Ecco, secondo me in questo caso non ne vale proprio la pena. Il film di Leone non solo non è il più bel film di Leone, ma se addirittura diciamo che è uno dei più bei film della storia del cinema, ecco, per me ce ne sono almeno 20 che gli stanno davanti. E tutti e 20 come fondamentali nella storia del cinema. Quindi, sì, ci può stare che qualcuno rimetta in discussione il film di Leone. A meno che non mi si voglia far credere che Mereghetti (e i suoi collaboratori) sono fruitori di cinema poco preparati, intellettualmente inadeguati e digiuni di storia e tecnica del cinema. O magari sono dei sovvertitori.


    Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
    Se me lo dici tu non è detto che debba crederti, anche perchè il fanboy potresti essere tu e non io asd Detto questo, ho detto che è "uno dei più belli", potrebbe essere tra i primi cento film più belli e non tra i primi venti, non si potrebbe comunque parlare di film sottovalutato. Ci possiamo mettere a discutere pagine e pagine ma non mi va, tanto se ti dico che per me "C'era una volta in America" è meglio dei gangster di Coppola e Scorsese cosa cambia. Ho scritto la mia opinione, non lo faccio per convincere gli altri signor Maestro.
    Guarda che non volevo fare polemica, ho preso il tuo post come esempio perché era l'ultimo sull'argomento e perché secondo me aiuta a chiarire certe dinamiche che ho descritto sopra. Nessuna voglia di fare il Maestro né con te, né con gli altri. Secondo me state sollevando un "polverone" per nulla, il film di Leone ha uno statuto che può essere criticato ragionevolmente con cognizione di causa. Al contrario di altre pietre miliari, con cui l'operazione risulta più difficile.

    Comunque, con la frase in grassetto cominciamo a ragionare

    Commenta


    • Sono anch'io del partito di C'era una volta in America... è un vero manuale, oltre che un film che strega...

      Commenta


      • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
        Non per fare polemica, ma cito il Mereghetti su C'era una volta in America.



        Ho rivisto il film di recente, concordo con il Mereghetti e con Variabile. Lo statuto di capolavoro assoluto per questo film è ampiamente discutibile, e per quel che mi riguarda i gangster di Coppola e di Scorsese fanno mangiare la polvere a Leone.




        E se io dico che ci sono almeno una decina di film presi dalle filmografie di Kubrick, Welles, Bergman, Fellini, Kurosawa che fanno indietreggiare il film di Leone di parecchio, sono un sovvertitore? O magari guardo le cose con un po' meno fanboysmo?
        concordo. Alla fin fine uno deve sentirsi libero di dire "non lo trovo il capolavoro che dicono tutti" senza essere tacciato di bestemmia... se ne può discutere, si può cercare di capire la motivazione, ma non si deve additare un utente come eretico.
        Sono una persona semplice, guardo film e non rompo il cazzo.

        Commenta


        • Sto anch'io con l'ultimo capolavoro di Leone, nonostante preferisca di poco C'era una volta il West. Non ci vedo nessun compiacimento, ci vedo anzi una storia spiccatamente genuina e dai sentimenti "semplici", capace di trasmettere soprattutto un fascino speciale e senza tempo.
          La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

          Commenta


          • Quando avrò finito con Fellini mi ripasserò tutti i Leone cmq, era da tempo che volevo farlo. E a proposito di Federico, ieri ho visto:

            Amarcord, di Federico Fellini

            Viaggio nella memoria surreale e visionario di questo straordinario regista. Secondo me, alterna dei momenti un po' di maniera con dei momenti di straordinaria poesia ed efficacia. Per questa "ambiguità formale" lo reputo al di sotto di La dolce vita e 8 e 1/2, ma comunque resta un grande film, con un'ottima fotografia a colori e una azzeccata scelta di casting.

            Delizioso Ingrassia che sull'albero grida "voglio una dooooooonnna!" asd

            Comunque Fellini ha un effetto collaterale molto triste: guardi i suoi film e ti rendi conto che in Italia, in realtà, non è cambiato un ca**o, da parecchio tempo. :-\

            Commenta


            • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
              Delizioso Ingrassia che sull'albero grida "voglio una dooooooonnna!" asd
              ahahahaha, quella scena è storica :lol:
              Sono una persona semplice, guardo film e non rompo il cazzo.

              Commenta


              • @Outis: non è che citare l'opinione di un noto critico e la sua crew, erga a "più verosimile" un parere, specie se è uno che, tra l'altro, per essere un critico di professione, mostra delle lacune letterarie imbarazzanti quando si tratta di far riferimento a film tratti da libri (questo giustamente è un altro discorso, ma è molto indicativo sull' affidabilità del sor Mereghetti ).
                @Slask: "tacciato" è improprio e fa passare mele per pere. Ho scritto bestemmia perché TDL recensendo ha scritto diverse cose che non stanno né in cielo né in terra. Non è che scrivere con sincerità o esprimere un'opinione renda immuni. Dovrei entrare nello specifico del film e scomporre passo passo, ma non mi va, ché sennò arriva qualcuno e mi "taccia" di fare il professorino...

                Commenta


                • va però riconosciuto un grande "coraggio" al ragazzo... se non ricordo male aveva fatto critiche simili anche a Blade Runner e Taxi Driver ... direi un triplete niente male!!

                  Commenta


                  • C'era una volta in America è un capolavoro ed è IL capolavoro di Segio Leone. Se non ricordo male in passato ho scritto una recensione di quest'opera omnia in questo forum. Adesso però non riesco a recuperarla :huh:

                    come già detto mille volte si può esser critici verso tutto ma bisogna portare tesi ed argomentazioni valide e soprattutto oggettive. Non si può dire che un capolavoro, per quanto controverso come questo film che divise e ancora divide in due anche la critica "colta", non sia tale solo perchè "non mi ha emozionato", "la musica non mi ha colpito" :afrrraid:, "non ho empatizzato con i personaggi", etc etc

                    queste non sono critiche cinematografiche oggettive ma meramente personali, e quindi lasciano il tempo che trovano ...

                    I meriti del film sono tanti, enormi ed oggettivi e mi sembra superfluo stare qui a citarli. Quindi ...

                    @outis
                    Amarcord sta al di sotto di 8 e 1/2 eLa dolce vita (che sono film perfetti) e, imho, anche de La strada. La forte componente lirico fantastica, e strettamente personale, di questo film anti-realistico sulla memoria può rendere un po' ostica la visione per un pubblico poco "felliniano" e, magari, abituato ad un cinema dall'impianto più tradizionale. In ogni caso tutto viene ampiamente ripagato dalla magnificenza visiva, dall'alta poesia e dalla sublime capacità di trasfigurare la realtà per dar vita ai sogni del regista. E questo avviene in moltissime scene memorabili: il passaggio del Rex, il pavone e la neve, l'Oliva nella nebbia, etc etc. Nell'itinerario felliniano è l'opera più personale e quella che porta al massimo livello espressivo la capacità del Maestro di Rimini, che è stato il più grande in assoluto in questo, di ricostruire la "realtà" in studio sublimandola nella poesia e nell'incanto visionario.
                    "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                    Votazione Registi: link

                    Commenta


                    • Non entro troppo in merito alla discussione, visto che potrei essere accusato di fanboyismo (e a ragione ;D) ma trovo effettivamente difficile criticare un capolavoro come C'era una volta in America, un affascinante viaggio nei ricordi (o forse nei sogni) di Noodles. Un film che è la sintesi perfetta (insieme a C'era una volta il West) dello stile di Sergio Leone.
                      Welles non sarebbe Welles, se tutti potessero essere Welles

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Tobias Visualizza il messaggio
                        @Outis: non è che citare l'opinione di un noto critico e la sua crew, erga a "più verosimile" un parere, specie se è uno che, tra l'altro, per essere un critico di professione, mostra delle lacune letterarie imbarazzanti quando si tratta di far riferimento a film tratti da libri (questo giustamente è un altro discorso, ma è molto indicativo sull' affidabilità del sor Mereghetti ).
                        Certamente, ma la citazione del critico era una risposta specifica al post in cui si diceva che mettere in discussione il film di Leone voleva dire mettere in discussione la storia del cinema. Frase che a me sembra esagerata alquanto, perché sicuramente C'era una volta in America non ha la stessa portata storico-artistica di altri capolavori. E questo a me sembra abbastanza indiscutibile, al di là del fatto che il film piaccia o non piaccia. E non fare il professorino! xD

                        Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
                        come già detto mille volte si può esser critici verso tutto ma bisogna portare tesi ed argomentazioni valide e soprattutto oggettive.
                        Oggettivamente Leone cerca l'epico, attraverso la regia, la fotografia e la musica, anche laddove l'epicità non c'è. E a mio parere questa poetica nel film in questione mostra un po' il fianco. Un po' come, se vuoi, così mi collego alla parte successiva, Fellini riesce controllare perfettamente il surrealismo in 8 e 1/2, meno in Amarcord.

                        Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio

                        @outis

                        Amarcord sta al di sotto di 8 e 1/2 eLa dolce vita (che sono film perfetti) e, imho, anche de La strada. La forte componente lirico fantastica, e strettamente personale, di questo film anti-realistico sulla memoria può rendere un po' ostica la visione per un pubblico poco "felliniano" e, magari, abituato ad un cinema dall'impianto più tradizionale. In ogni caso tutto viene ampiamente ripagato dalla magnificenza visiva, dall'alta poesia e dalla sublime capacità di trasfigurare la realtà per dar vita ai sogni del regista. E questo avviene in moltissime scene memorabili: il passaggio del Rex, il pavone e la neve, l'Oliva nella nebbia, etc etc. Nell'itinerario felliniano è l'opera più personale e quella che porta al massimo livello espressivo la capacità del Maestro di Rimini, che è stato il più grande in assoluto in questo, di ricostruire la "realtà" in studio sublimandola nella poesia e nell'incanto visionario.
                        Concordo con questa disamina, credo tu abbia descritto al meglio il film di Fellini. E concordo anche sul grassetto.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                          Frase che a me sembra esagerata alquanto, perché sicuramente C'era una volta in America non ha la stessa portata storico-artistica di altri capolavori.
                          Il suo problema è che non è abbastanza datato e che fa parte di una filmografia esigua e incentrata su un solo genere.
                          Per tutto il resto dico e ripeto che per me è una delle vette più alte di sempre, forse ci sarò troppo affezionato, ma penso comunque di essere in buona compagnia.
                          Personalmente credo che il nome di questo film esca sin troppe poche volte quando si parla di migliori film di sempre.
                          Contribuisci anche a tu a creare la classifica dei migliori film di sempre secondo il forum di BadTaste. Cliccando qui potrai trovare l'elenco di tutti i film nominabili e le modalità di voto.

                          Commenta


                          • Mi trovo sempre completamente d'accordo con David Bowman
                            https://www.amazon.it/dp/B08P3JTVJC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=mau rizio+nichetti+libri&qid=1606644608&sr=8-1 Il mio saggio sul cinema di Maurizio Nichetti.

                            "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da lt.aldo.raine.89 Visualizza il messaggio
                              Il suo problema è che non è abbastanza datato e che fa parte di una filmografia esigua e incentrata su un solo genere.
                              Dici? Sul secondo punto non saprei come risponderti, ma sul primo, beh. giusto per prendere un film che non era piaciuto all'utente che ha sollevato il vespaio, Blade Runner è praticamente degli stessi anni e personalmente non avrei problemi a considerarlo un caposaldo. Ran di Kurosawa poi è del 1985, e quello sì, è un capolavoro senza se e senza ma, e presta il fianco a delle critiche molto meno del film di Leone.

                              EDIT: aggiungo una cosa, tra l'altro. Non ci trovo nulla di male a discutere con divergenza di opinioni su un filmone. Avere unanimità di consensi e parlare male di un film brutto è fin troppo facile. Discutere di film belli può essere un'occasione per affinare le proprie capacità argomentative e per confrontarsi serenamente con gente preparata. Io francamente sono un po' stufo di parlare sempre di quanto siano brutti Thor e Cap.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Mr. Furious Visualizza il messaggio
                                va però riconosciuto un grande "coraggio" al ragazzo... se non ricordo male aveva fatto critiche simili anche a Blade Runner e Taxi Driver ... direi un triplete niente male!!
                                Vero, vero...

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X