annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Io sta cosa di EWS non l'ho mai capita. Per me è un filmone. Ha una forma che considero di un'eleganza straordinaria, non per gli ambienti di per sé, ma per come la macchina da presa si muove all'interno di essi e per come gestisce lo spazio in relazione ai personaggi. 100% Ophuls style.

    Commenta


    • Probabilmente la fama di "incompiuto" e il confronto con i giganti del Maestro hanno portato ad un eccessivo ribasso della pellicola, che non fatico certamente a ritenere valido tanto quanto film più blasonati come Full Metal Jacket o Il dottor Stranamore (pur riconoscendo il valore del primo e l'importanza del secondo). Resta sicuramente un'ottima pellicola, all'interno però di una filmografia costellata da pellicole giganti che certamente lo sovrastano.

      Commenta


      • Ribelle (Brave)

        Recuperato questa sera tout court, dopo averlo perso al cinema.
        Non mi ha entusiasmato molto, anzi, quasi per niente. Una favoletta narrata dall'inizio alla fine con troppa semplicità, zero risvolti emotivi, o di un certo peso; tutto liscio come l'olio e scontato (se non regalato).
        Dalla Pixar mi aspettavo qualcosa di più, di più coraggioso, e forse anche qualcosa di più innovativo visti i continui rimandi ad altre opere della stessa casa di topolino (La Sirenetta e Koda Fratello Orso in primis).
        Non so, a parte l'eccezionale lavoro di texture, cromi e composting ho trovato veramente poco da salvare. Peccato.
        La Pixar è ferma da due anni oramai, e poca fiducia ho anche sul venturo lungometraggio/prequel.
        Vedremo...

        Commenta


        • Originariamente inviato da Dwight Visualizza il messaggio
          O di Fino all'ultimo respiro, Il mistero del falco, La morte corre sul fiume, La parola ai giurati, Pather Panchali, La notte dei morti viventi per tirare fuori dei capolavori ormai consolidati come tali... asd
          Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
          infatti Quarto Potere non si conta asd
          Figa mi sta salendo il crimine :contrariatoo:
          Ho detto espressamente che nel caso un film d'esordio si riveli non-valido allora non lo ritengo un flop artistico del regista. Secondo voi potrei includere nell'esempio Citizen Kane o The Night of the Hunter?

          Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
          Povero SE7EN asd Comunque concordo con lui, nel senso che se un grande regista esordisce con un pessimo film (o comunque mediocre, o comunque per nulla rappresentativo della sua filmografia), si può tranquillamente soprassedere sulla cosa. D'altra parte non tutti sono Orson Welles (o i registi sopraccitati)... Un esempio a caso: chi avrebbe intuito il talento di Cameron da Piranha Paura? asd
          Hai vinto la medaglia di "unico che capisce SE7EN" asd non fa una piega, a Piranha Paura avrei dovuto pensarci... tra parentesi è l'unico di Cameron che non ho visto.

          Commenta


          • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
            Si contano solo quando sono validi, quando non sono validi non si contano asd

            Chiaro che per, diciamo, esigenza filologica si cerca di guardare tutto, ma penso che se uno abbia visto i film di Kubrick da Orizzonti di gloria in avanti non credo che abbia una visione molto limitata del regista.
            Non lascerei fuori "Rapina a mano armata".
            Il fatto che gli esordi non contano è però verificabile solo a posteriori: se un regista esordisce oggi con un film brutto non viene giustificato in quanto esordio e il discorso di outis è interessante. Chi avrebbe intuito il talento di Cameron da "Piranha paura" o il talento di Leone da "Il colosso di Rodi". Ancora più interessante il caso di Eastwood, che ha 20 anni di film mediocri con qualche buon film e poi 20 anni di ottimi film con diversi capolavori.
            Mi fa sorridere considerare "La morte corre sul fiume" come un esordio, si può considerare allo stesso modo il film conclusivo di una carriera. asd
            Welles non sarebbe Welles, se tutti potessero essere Welles

            Commenta


            • vabè...ma ogni regista fa storia a se...c'è chi riesce ad avere una certa libertà fin dagli inizi e chi deve fare necessariamente qualche marchetta...

              "Il cinema è un arte soggettiva, quanto la musica, belli i 5 alti bello sentire pareri discordanti ai propri, ma alla fine sono io, uno schermo e tutto quello che ci passa di mezzo."

              "Le barbarie sono lo stato naturale dell'umanità, la civiltà è solo un capriccio dell'evoluzione e delle circostanze". cit.


              ~FREE BIRD~

              Commenta


              • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                Resta sicuramente un'ottima pellicola, all'interno però di una filmografia costellata da pellicole giganti che certamente lo sovrastano.
                Io ne conto solo una. :sisisi: xD

                Originariamente inviato da Tobias Visualizza il messaggio
                Io sta cosa di EWS non l'ho mai capita. Per me è un filmone. Ha una forma che considero di un'eleganza straordinaria, non per gli ambienti di per sé, ma per come la macchina da presa si muove all'interno di essi e per come gestisce lo spazio in relazione ai personaggi. 100% Ophuls style.
                Diciamo 100% Kubrick Style (che però nella sua formazione sappiamo che ha avuto il cinema di Ophuls come massimo bacino d'influenza, insieme inevitabilmente a Welles, e forse anche di ammirazione. Era il suo regista preferito...). E' il suo film dove la "lezione" è più emblematica a mio avviso.


                Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                massì che avevamo capito, ma vuoi mettere il divertimento i stuzzicarti? asd
                Infatti.

                già! chissà cosa avrebbe potuto fare se la sua carriera da regista fosse continuata!
                Già, ma era comunque bello anziano quando lo realizzò.

                Originariamente inviato da paro_noodles Visualizza il messaggio
                Non lascerei fuori "Rapina a mano armata".
                Eh ma forse il nostro outis l'ha lasciato fuori tatticamente, forse perchè gli manca! :twisted: xD
                La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                  De Oliveira docet asd
                  Eh ma Laughton non ne aveva la salute beone e fumatore com'era. Basta guardare Testimone d'accusa: non aveva nemmeno 60 anni ma ne dimostrava minimo 10 in più...
                  La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Devil-lex Visualizza il messaggio
                    Ribelle (Brave)

                    Recuperato questa sera tout court, dopo averlo perso al cinema.
                    Non mi ha entusiasmato molto, anzi, quasi per niente. Una favoletta narrata dall'inizio alla fine con troppa semplicità, zero risvolti emotivi, o di un certo peso; tutto liscio come l'olio e scontato (se non regalato).
                    Dalla Pixar mi aspettavo qualcosa di più, di più coraggioso, e forse anche qualcosa di più innovativo visti i continui rimandi ad altre opere della stessa casa di topolino (La Sirenetta e Koda Fratello Orso in primis).
                    Non so, a parte l'eccezionale lavoro di texture, cromi e composting ho trovato veramente poco da salvare. Peccato.
                    La Pixar è ferma da due anni oramai, e poca fiducia ho anche sul venturo lungometraggio/prequel.
                    Vedremo...
                    Verissimo, anche per me Brave è un bel buco nell' acqua.

                    Facciamo il gioco contrario: grandi esordi a cui non sono corrisposte grandi carriere.
                    Richard Kelly firma un gioiello come Donnie Darko, e poi?

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Dwight Visualizza il messaggio
                      Diciamo 100% Kubrick Style (che però nella sua formazione sappiamo che ha avuto il cinema di Ophuls come massimo bacino d'influenza, insieme inevitabilmente a Welles, e forse anche di ammirazione. Era il suo regista preferito...). E' il suo film dove la "lezione" è più emblematica a mio avviso.
                      Io come regia e ricerca delle atmosfere ci vedo moooolto Ophuls. Di "Kubrick style" possiamo parlarne in termini di impronta autoriale, di come sia riuscito a magnificare un semplice racconto, manipolandolo col suo genio.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Tobias Visualizza il messaggio
                        Io come regia e ricerca delle atmosfere ci vedo moooolto Ophuls. Di "Kubrick style" possiamo parlarne in termini di impronta autoriale, di come sia riuscito a magnificare un semplice racconto, manipolandolo col suo genio.
                        No il punto è proprio che l'influenza dello stile visivo e la concezione dei personaggi di Ophuls è presente già a partire da The Killing... Un bacino d'influenza che Kubrick ostentò con orgoglio con delle dichiarazioni ai tempi di Paths of Glory...

                        Tra l'altro Godard definì come delle "fredde copie" i movimenti di macchina di Kubrick in riferimento alle astrazioni geometriche che creava Ophuls...
                        La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Dwight Visualizza il messaggio
                          No il punto è proprio che l'influenza dello stile visivo e la concezione dei personaggi di Ophuls è presente già a partire da The Killing... Un bacino d'influenza che Kubrick ostentò con orgoglio con delle dichiarazioni ai tempi di Paths of Glory...

                          Tra l'altro Godard definì come delle "fredde copie" i movimenti di macchina di Kubrick in riferimento alle astrazioni geometriche che creava Ophuls...
                          E questo è tutto vero, ma nonostante tutto non c'è un film di Kubrick che definirei ophulsiano come questo. asdQui è veramente marcato. Richiami e omaggi espliciti.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Tobias Visualizza il messaggio
                            E questo è tutto vero, ma nonostante tutto non c'è un film di Kubrick che definirei ophulsiano come questo. asdQui è veramente marcato. Richiami e omaggi espliciti.
                            Difatti ho scritto di "più emblematico" parlando di EWS, nel complesso (anche per le atmosfere). Anche se la scena del tentato suicidio di Alex rimanda al Piacere in maniera mai mai mai così esplicita.
                            La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                            Commenta


                            • Ho comprato "Cosmopolis" in blu-ray e rivisto per la seconda volta. Confermo tutto quello che di buono dissi uscendo dal cinema: un gran film. Verrà sicuramente rivalutato con gli anni.
                              https://www.amazon.it/dp/B08P3JTVJC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=mau rizio+nichetti+libri&qid=1606644608&sr=8-1 Il mio saggio sul cinema di Maurizio Nichetti.

                              "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
                                Ho comprato "Cosmopolis" in blu-ray e rivisto per la seconda volta. Confermo tutto quello che di buono dissi uscendo dal cinema: un gran film. Verrà sicuramente rivalutato con gli anni.
                                Lo spero anch'io perchè è decisamente un grandissimo film. Per me è trai migliori del 2012...

                                Me lo potrei fare anch'io in BD effettivamente.
                                La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X