annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
    Concordo. Trovo più adatto lo stile di Del Toro alle favole.
    A parte che The Fall non è una favola, non alla stessa maniera del Fauno...

    Ma a livello estetico per me non c'è paragone, e in questo caso non uso iperboli. The Fall è una trovata dietro l'altra, un continuo lasciare a bocca aperta lo spettatore e giocare con lui con la memoria cinematografica, un gioco di rimandi metacinematografici. Tutto molto al di là della "semplice" favola quale è il film di del Toro.

    Commenta


    • Originariamente inviato da tizfx Visualizza il messaggio
      È una commedia, ma non una commedia demenziale come 1941.
      Non ho visto 1941-Allarme a Hollywood. Rispondevo ad Axeman, che sostiene che Spielberg non sia "portato" per la commedia "pura", con un esempio contrario (secondo me)
      Avvampando gli angeli caddero;
      profondo il tuono riempì le loro rive,
      bruciando con i roghi dell'orco.


      Commenta


      • Beh, se è per questo i toni da commedia o addirittura comici li ha gestiti molto bene anche in Indiana Jones.

        1941 è 'na mezza porcheria, altro che capolavoro di genere...

        Commenta


        • Vero.
          Avvampando gli angeli caddero;
          profondo il tuono riempì le loro rive,
          bruciando con i roghi dell'orco.


          Commenta


          • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
            Anni fa si era confrontato questo con The Fall di Tarsem, e per me non ci sono proprio paragoni, il film dell'indiano è proprio su altri livelli.
            Non so se il paragone è sensato, ma una volta tanto concordo.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
              Non so se il paragone è sensato, ma una volta tanto concordo.
              Il paragone effettivamente è un po' tirato, più che altro ai tempi c'era stata una discussione sui film che mischiano realtà e fantasia, e c'era appunto in ballo Big Fish, The Fall e il Fauno. E per me il terzo è inferiore agli altri due, per quanto certo non sia un brutto film.

              Sull'inventiva di Tarsem in The Fall... beh...

              Commenta


              • The Fall essenzialmente racconta la capacità dell'immaginazione di plasmare fiabe e speranze a suo piacimento. Il film di Del Toro invece è una favola al contrario, dove il sacrificio diventa l'aspirazione a un mondo favolistico che si concretizza nel passaggio dalla vita alla morte. C'è guerra, dramma, orrore, fantasia. Tutti ingredienti dosati alla perfezione che creano un quadro coerente e funzionante, con uno stile personale e trattenuto allo stesso tempo. Non fa videoarte o videoclip come Tarsem, e non stucca.

                Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                1941 è 'na mezza porcheria, altro che capolavoro di genere...
                Se vabbè. Il film meno ossequioso e più scorretto di Spielberg una porcheria. Ma certo asd

                Commenta


                • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                  Fanno schifo tutti e due. :lingua:
                  Tranchant! asd

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
                    Non fa videoarte o videoclip come Tarsem, e non stucca.
                    Ovvio, te pareva il commento su cosa è cinema e cosa no...


                    Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio

                    Se vabbè. Il film meno accondiscendente e più scorretto di Spielberg una porcheria. Ma certo asd
                    Era per bilanciare il tuo solito commento esagerato buttato de panza asd Anche perché secondo i tuoi criteri, il 90 % dei film sono capolavori (assoluti, di genere, intragenere, trascendenti e quant'altro). :-*

                    Il film meno accondiscendente... il prossimo passo qual è, che siccome è più irriverente allora è meglio di Schindler's List?

                    Commenta


                    • Il Fauno è una patinata fiction priva di gusto (lo definirei "polpettone" ma poi qualcuno potrebbe offendersi asd ) in confronto a quel mezzo capolavoro di The Fall. Suvvia non scherziamo regassi! :twisted:

                      Commenta


                      • Ofelia si rifugia in un mondo sotterraneo immaginario per sfuggire agli orrori della guerra, ma anche quel mondo onirico ha in serbo per lei turbamenti e perversioni. Il labirinto è anche simbolo dell'incomunicabilità col mondo reale (rifiutato da Ofelia, che cerca conforto in una vita altra oltre la morte) Almeno io l'ho percepito così.
                        Avvampando gli angeli caddero;
                        profondo il tuono riempì le loro rive,
                        bruciando con i roghi dell'orco.


                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Mj23 Visualizza il messaggio
                          capisco che il cinema è soggettivo
                          La più soggettiva delle arti. Parole sacre da non dimenticare mai quando si crede di saperla più lunga degli altri ... :lingua:

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                            Il Fauno è una patinata fiction priva di gusto (lo definirei "polpettone" ma poi qualcuno potrebbe offendersi asd ) in confronto a quel mezzo capolavoro di The Fall. Suvvia non scherziamo regassi! :twisted:
                            Oh grazie... con tutto che poi Tarsem si è perso eh...

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Pink Arrow Visualizza il messaggio
                              Ofelia si rifugia in un mondo sotterraneo immaginario per sfuggire agli orrori della guerra, ma anche quel mondo onirico ha in serbo per lei turbamenti e perversioni. Il labirinto è anche simbolo dell'incomunicabilità col mondo reale (rifiutato da Ofelia, che cerca conforto in una vita altra oltre la morte) Almeno io l'ho percepito così.
                              Questa analisi è impeccabile ma un film lo si valuta dal risultato.
                              Sulla carta è un capolavoro ma a conti fatti è una prosaica fictionazza incapace di trasmettere le emozioni e le inquietudini che vorrebbe a causa di una scialba messa in scena.
                              Lo stile di Del Toro proprio mi urta per quanto è di cattivo gusto.



                              Originariamente inviato da outis81
                              Oh grazie... con tutto che poi Tarsem si è perso eh...
                              Non che prima avesse fatto chissà che (l' hai visto The Cell? xD ).
                              Ma quel The Fall ha del miracoloso per come gli è uscito fuori.

                              Commenta


                              • Ma infatti non lo considero un capolavoro. Un film intrigante e pieno di spunti originali, questo sì. A me aveva trasmesso una certa inquietudine... sotterranea, appunto.
                                Avvampando gli angeli caddero;
                                profondo il tuono riempì le loro rive,
                                bruciando con i roghi dell'orco.


                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X