annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Whip It

    Drew Barrymore conosce e mantiene tutti i punti saldi del classico cinema indie americano. Il risultato non è di certo rivoluzionario, ma mi ha trasmesso un buon umore non sempre ritrovabile in piccole commedie del genere. Whip It è veramente divertente, liberatorio, e toccante. Cast che funziona alla meraviglia, in primis una Ellen Page che finalmente mi ha conquistato, Kristen Wiig ottima, e la stessa Barrymore spassosa e goliardica, e colonna sonora di primo ordine. Delizioso.

    Commenta


    • Originariamente inviato da trabant
      Scusate ma io alla parola horror associo l'elemento soprannaturale, o volendo essere di manica larga il serial killer alla Jason o Leatherface ma solo perché sono quasi delle entità soprannaturali nel loro personificare il male.

      In Alien il pericolo viene da una specie aliena, ignota ed imprevedibile ma pur sempre un animale.
      Per me è fantascienza e basta.
      IL "Bacio della pantera" lo metti nella fantascienza?
      "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

      Commenta


      • Originariamente inviato da Roy E. Disney
        Primo rigo e poi copia/incolla?
        in realtà non proprio. Noterai che il primo "ah!" del primo rigo comincia con la minuscola, dal secondo rigo è tutto maiuscolo. Ergo: le prime due righe le ho scritte di mio pugno, poi ho usato il copia/incolla.

        (ragazzi, davvero, ma state svegli la notta per inventarvi certe cose?)

        Commenta


        • Ma invece di fare i saccenti e di permettersi una simile mancanza di rispetto (che, per carità, Trabant si merita pure ) perché non andare nel topic dell'horror e dire la propria opinione sull'argomento?

          Pensare che l'horror abbia esclusivamente a che fare con l' "otherworldly" in senso lato non è un'affermazione così peregrina, per quanto ovviamente bisognosa di correttivi.

          Commenta


          • Ovviamente non mi riferivo manco per sbaglio a te, che qui sei una delle persone più equilibrate ed educate...

            Commenta


            • Originariamente inviato da Det. Bullock Visualizza il messaggio
              Se guardi al canone Disney nel suo insieme tante relazioni si svolgono esattamente in quella maniera come colpo di fulmine, sarà che io sono un nerdone Disney all'ultimo stadio, ma rispetto alla cliché storm e all'aria da musical da quattro soldi di Rapunzel (del tipo che ti spunta una canzone ogni tre per due, con Frozen si sono dati una calmata e hanno pure sfruttato la cosa meglio) Frozen è un enorme passo avanti.
              A parte Let it go, le canzoni di Frozen sono una roba oscena e partono a qatso che sembra di guardare Les Mis. In Tangled sono scandite dal ritmo del film e ti rimangono molto di più. Le solite di un classico Disney insomma.

              Commenta


              • Ho visto Belle & Sebastien.
                Non mi ha convinto proprio del tutto ma i paesaggi e il cane sono talmenti belli che passo sopra a tutto il resto.

                Commenta


                • Il segreto dei suoi occhi
                  Se la soluzione dell'enigma non è originalissima, il film si riscatta raccontando benissimo il bisogno di guardare al passato per capire il presente e come i protagonisti siano mossi dal binomio Amore/Vuoto (assenza di Amore)
                  Ottima sceneggiatura e regia ispiratissima, soprattutto nella nota scena dello stadio con un pianosequenza digitale.
                  Non raggiunge per me le vette e l'intensità de Le vite degli altri ma vale la pena vederlo.

                  Letterboxd

                  Hemingway una volta ha scritto: "Il mondo è un bel posto e vale la pena lottare per esso." Condivido la seconda parte.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
                    A parte Let it go, le canzoni di Frozen sono una roba oscena e partono a qatso che sembra di guardare Les Mis. In Tangled sono scandite dal ritmo del film e ti rimangono molto di più. Le solite di un classico Disney insomma.
                    Partono a ***** pure in RAPUNZEL ma perché non le hanno sapute inserire (infatti a me ha fatto schifo la rpima volta che l'ho visto, l'ho rivalutato solo dopo), mentre in Frozen la cosa è chiaramente intenzionale, infatti accade quasi sempre solo nella prima parte (escludendo fixer-upper, ma immagino che cercassero qualcosa per spezzare) che è quella che si attiene scrupolosamente a certi canoni disneyani classici.
                    "Compatisco quelle povere ombre confinate in quella prigione euclidea che è la sanità mentale." - Grant Morrison
                    "People assume that time is a strict progression of cause to effect, but *actually* from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more like a big ball of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

                    Commenta


                    • Ma le sorelle che fanno botta e risposta a suon di canti non si possono vedere. Pare di vedere Jean Valjean e Javert. Non c'è niente di simile in Tangled, dove le canzoni iniziano con la giusta introduzione, cosa che in Frozen avviene solo con Let it go, peccato che la scena dove la canta è talmente slegata da prima e dopo che sembra un videoclip. Magari è una cosa voluta per ottimizzare il consumo su Youtube asd

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
                        Ma le sorelle che fanno botta e risposta a suon di canti non si possono vedere. Pare di vedere Jean Valjean e Javert. Non c'è niente di simile in Tangled, dove le canzoni iniziano con la giusta introduzione, cosa che in Frozen avviene solo con Let it go, peccato che la scena dove la canta è talmente slegata da prima e dopo che sembra un videoclip. Magari è una cosa voluta per ottimizzare il consumo su Youtube asd
                        Perché la conversazione cantata tra Rapunzel e la strega?
                        Quella è una parte che se non fosse stata cantata sarebbe riuscita molto meglio, cantata in quella maniera è un fail epico.

                        La conversazione tra Elsa e la sorella purtroppo è uno strascico dal modo di fare di Rapunzel ovvero il colloquio con la strega di cui sopra.

                        In Rapunzel l'inserimento forzato delle canzoni è sintomo di un film che molto probabilmente è stato scritto senza canzoni in mente per poi inserirle a forza in una fase avanzata della lavorazione, facci caso che in Wreck It Ralph probabilmente hanno fatto qualcosa di simile ma poi hanno fatto marcia indietro, tutte le canzoni dei titoli di coda sono vibilmente il tipo di canzoni che sarebbero state normalmente inserite in un film Disney.

                        Let it Go pare isolata solo perché è un soliloquio senza gag visive su uno sfondo tutto sommato spoglio e stilizzato ma si inserisce meglio di quasi tutte le canzoni di rapunzel messe assieme.
                        "Compatisco quelle povere ombre confinate in quella prigione euclidea che è la sanità mentale." - Grant Morrison
                        "People assume that time is a strict progression of cause to effect, but *actually* from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more like a big ball of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

                        Commenta


                        • Bee Movie - dimenticabile

                          Mr Peabody and Sherman - piacevole

                          Whip It - carino, anche se quello della Berrymore (qui regista) praticamente è un lavoro di copia e incolla (ma è colpa anche della trama, assolutamente canonica e che rispetta tutti i tòpoi del genere)

                          Commenta


                          • Drive (2011), di Nicolas W. Refn


                            Visto solo una volta in sala, era tempo di rivederlo. Uno dei film più riusciti e accattivanti di Refn. I personaggi non spiccano certo per scrittura, ma lo stile di Refn qui fa davvero la differenza, e regala un'opera dalle atmosfere ben riuscite, che trascina man mano in un vortice di negatività ineluttabile.

                            Esagerate come al solito, ai tempi, sia le lodi sperticate che le stroncature nette.

                            Commenta


                            • 21 jump street. Morto dal ridere dall'inizio alla fine. Veramente un gran bel film e le due coppie (Tatum-Hill e Lord-Miller) funzionano alla grandissima. Un film d'azione che prende in giro i film d'azione tradizionali: genialata. Grande attesa ora per il sequel.

                              Sleuth. Due soli attori in scena che regalano grandi interpretazioni (Law e Caine) in un film abbastanza pallosetto. Tanta sceneggiatura (di qualità discutibile) e poco altro. Non coinvolge, non emoziona, i pretesi colpi di scena non fanno sobbalzare.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Green Arrow Visualizza il messaggio

                                Sleuth. Due soli attori in scena che regalano grandi interpretazioni (Law e Caine) in un film abbastanza pallosetto. Tanta sceneggiatura (di qualità discutibile) e poco altro. Non coinvolge, non emoziona, i pretesi colpi di scena non fanno sobbalzare.
                                per me è un film stupendo invece.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X