annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Still Alice
    Film parecchio tosto dal punto di vista emotivo complice anche la messa in scena semplice ed efficace che non scade in patetismi facilotti. Anzi, mi sono piaciuti molto quei dettagli di scrittura, piccoli momenti, piccole azioni che caratterizzavano i personaggi e con molta naturalezza portavano avanti la storia. Julianne Moore straordinaria si porta a casa un Oscar meritato; Alec Baldwin, benché anche lui abbia dei bei momenti, va avanti di buon mestiere; mi ha sorpreso Kristen Stewart e sono sempre più convinto che fosse la sceneggiatura di Twilight a renderla anonima quando in realtà mi sembra un'ottima attrice (curioso di vedere Sils Maria a questo punto).

    La nave bianca
    Primo film diretto da Rossellini, dalla durata esigua (70 minuti scarsi) ma meritevole per varie ragioni. L'essenzialità della trama non è per nulla un difetto in un film che, nonostante metta in mostra l'onore degli italiani che combattono per la patria e Mussolini, fa dell'emozione il punto forte. Ci sono sequenze che, grazie anche all'uso del montaggio e della colonna sonora, emozionano davvero e quindi rilevano l'aspetto umano a discapito della propaganda fascista. Alla fine del film provi compassione per i soldati che vedono la loro nave tornare nel porto. Potrei dire che Rossellini riesce dove Eastwood fallisce col cecchino americano.

    Grizzly man
    Documentario di Herzog sulla vita di Timothy Treadwell, amante degli orsi che, dopo aver passato una vita tra di loro, finirà sbranato da uno di loro. Questo bellissimo film è una riflessione sulla bellezza e sull'indifferenza della natura. Herzog sceglie (giustamente) di non farci ascoltare gli ultimi istanti di vita dell'uomo, preferendone raccontare l'ossessione bonaria attraverso il racconto di conoscenti e i video amatoriali di Treadwell che girava in loco. Colpisce come in maniera del tutto casuale la natura si manifestava davanti alla macchina da presa creando momenti di una bellezza disarmante. E in effetti è affascinante, così come entrare nella mentalità di quest'uomo. E' un film veramente bellissimo, a tratti divertente, a tratti toccante.

    Commenta


    • It Felt Like Love
      Film indipendente americano sulle prime scoperte sessuali di una quindicenne.
      Abbastanza buono, funziona bene. Molto coraggiosa la regista Eliza Hittman, qui al suo debutto, nello sviare dai soliti cliché del caso e nel far capire perfettamente il punto di vista della ragazzina protagonista; brava anche nel non far cadere nel ridicolo involontario le scene di nudo/sesso, che sono state tutte ben dirette.

      Commenta


      • The Vow

        The Vow è una love-story tratta da una storia vera incredibile e il film ne guadagna in credibilità proprio grazie a questo ancoraggio alla realtà, attenuando così la sensazione di ridicolaggine che potrebbe sorgere di fronte a taluni passaggi e svolte narrative. Ben interpretato dalla solita Rachel McAdams dal visino dolce e dal più imbalsamato Channing Tantum, la pellicola mostra per benino il trauma della perdita di memoria, dal punto vista sentimentale, per lei e per lui, proponendo qua e là scene romantiche carine e non troppo stucchevoli; dal punto di vista registico vi sono di tanto in tanto dei rallenty bruttini e inefficaci e l'OST, seppur bellina, a momenti è invadente. E' però anche un film che termina con Pictures of You dei The Cure e quello è senza dubbio un modo sicuro per sciogliermi e ottenere la mia approvazione.

        - - - Updated - - -

        About Time (sub)

        About Time è un dolce, british e piacevole film diretto (e si vede davvero) da quel Richard Curtis già apprezzato per Love Actually, The Boat That Rocked e compagnia. La premessa della storia, dalle tinte sci-fi, ha scombussolato la prima parte della visione, poichè è necessaria una sospensione dell'incredibilità che a primo acchito appare difficile poichè si notato qua e là dei cavilli temporali fuorvianti. In realtà, dalla seconda metà in poi, il film prende un'altra piega e accettato lo stratagemma dei viaggi del tempo per quello che è, ossia un veicolo per dir altro, la pellicola procede deliziosamente fino alla fine. E questo altro che la storia vuol comunicare è condensato in momenti realistici e pregni di significato, momenti di vita di coppia filmati e recitati con grazia (la scena della prova dei vestiti di lei, con lui che la consiglia, è a-d-o-r-a-b-i-l-e), stralci di vita vera che arricchiscono il film di tante sfumature, insieme ad alcuni passaggi musicali che contribuiscono alla costruzione di molte scene carine (Il Mondo di Jimmy Fontana per un matrimonio!). Vi è poi un cast bravissimo e una fotografia delicata e bella. Seppur la tesi conclusiva del film non sia certo avanguardismo che critica si può muovere a un finale così sincero, fluido ed elegante?

        Commenta


        • Starred Up
          Ottimo film britannico su un giovane criminale appena arrivato in carcere dopo un'infanzia complicata e violenta. Bravissimo Jack O'Connell che si conferma come uno dei più talentuosi attori della sua generazione (l'ho trovato più bravo qui che non in '71, ed è già tutto dire). Ben Mendelsohn è fenomenale ed è molto bravo anche Friend, che però esce troppo presto dal film.
          Invece non mi è piaciuta la figura del direttore del carcere, che sembra essere stato inserito come villain solo per far empatizzare lo spettatore nei confronti dello scapestrato e manesco protagonista. Se i poliziotti fossero stati trattati in modo più impersonale e indifferente (come avviene nella serie Gomorra) questo film sarebbe stato un ritratto veramente onesto e crudo di cosa voglia dire essere in carcere. Il finale è esemplificativo di questo, poteva essere gestito meglio nonostante sia comunque un ottimo finale che chiude un altrettanto ottimo film.

          Commenta


          • Ex Machina, di Alex Garland
            Gran bel film. E' uno di quei film che si appoggiano su un'idea e la portano avanti fino in fondo. E' tutto concentrato sui personaggi, sul concetto di identità e su questa "lotta" tra uomo e macchina, ma forse anche tra uomo e donna. La tensione è costruita benissimo lungo tutto il film, c'è un ottimo uso della musica e della scenografia usata per creare questo ambiente-gabbia in cui i personaggi agiscono.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Alice* Visualizza il messaggio
              The Vow

              The Vow è una love-story tratta da una storia vera incredibile e il film ne guadagna in credibilità proprio grazie a questo ancoraggio alla realtà, attenuando così la sensazione di ridicolaggine che potrebbe sorgere di fronte a taluni passaggi e svolte narrative. Ben interpretato dalla solita Rachel McAdams dal visino dolce e dal più imbalsamato Channing Tantum, la pellicola mostra per benino il trauma della perdita di memoria, dal punto vista sentimentale, per lei e per lui, proponendo qua e là scene romantiche carine e non troppo stucchevoli; dal punto di vista registico vi sono di tanto in tanto dei rallenty bruttini e inefficaci e l'OST, seppur bellina, a momenti è invadente. E' però anche un film che termina con Pictures of You dei The Cure e quello è senza dubbio un modo sicuro per sciogliermi e ottenere la mia approvazione.

              - - - Updated - - -

              About Time (sub)

              About Time è un dolce, british e piacevole film diretto (e si vede davvero) da quel Richard Curtis già apprezzato per Love Actually, The Boat That Rocked e compagnia. La premessa della storia, dalle tinte sci-fi, ha scombussolato la prima parte della visione, poichè è necessaria una sospensione dell'incredibilità che a primo acchito appare difficile poichè si notato qua e là dei cavilli temporali fuorvianti. In realtà, dalla seconda metà in poi, il film prende un'altra piega e accettato lo stratagemma dei viaggi del tempo per quello che è, ossia un veicolo per dir altro, la pellicola procede deliziosamente fino alla fine. E questo altro che la storia vuol comunicare è condensato in momenti realistici e pregni di significato, momenti di vita di coppia filmati e recitati con grazia (la scena della prova dei vestiti di lei, con lui che la consiglia, è a-d-o-r-a-b-i-l-e), stralci di vita vera che arricchiscono il film di tante sfumature, insieme ad alcuni passaggi musicali che contribuiscono alla costruzione di molte scene carine (Il Mondo di Jimmy Fontana per un matrimonio!). Vi è poi un cast bravissimo e una fotografia delicata e bella. Seppur la tesi conclusiva del film non sia certo avanguardismo che critica si può muovere a un finale così sincero, fluido ed elegante?
              che voto gli daresti ad about time, anche rispetto agli altri film di Curtis? Ad esempio teh boat that rocked e notting hill non mi sono piaciuti....forse di curtis ho apprezzato solo i 4 matrimoni.
              Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
              Spoiler! Mostra

              Commenta


              • Beh, considerando che Love Actually è tra le mie commedie preferite, e sicuramente la commedia a tema natalizio che rivedo ogni Dicembre, ad About Time darei un 7 pieno, pure qualcosina in più. The Boat That Rocked e gli altri film in cui Curtis è solo sceneggiatore li ho visti tempo fa, dovrei rivederli, ma ne serbo un ricordo piacevole!

                Commenta


                • Casinò di Martin Scorsese
                  Mi mancava Casinò, film di Scorsese degli anni 90 che indaga nel mondo del gioco d'azzardo. Devo dire che ho colmato una grande lacuna perchè questo film secondo me è eccezionale, tecnicamente si tratta senza dubbio di uno dei migliori Scorsese e come al solito il cast è da urlo. Mi è piaciuto in partical modo De Niro, che qui lavora di sottrazione piu del solito immedesimandosi nel ruolo di uomo che vive in mezzo a tutto ciò che si può giocare. Non è un gangster, e si vede, ed è sicuramente il personaggio "buono" del film dato che in ogni occasione la sua indole di giocatore lo porta a non mollare mai, ma a questo giro senza dover prendere in mano AK47 e altre armi. Da contraltarte c'è joe Pesci, con lo stesso personaggio di Quei bravi ragazzi. Ecco, se c'è un difetto in questo film è quello di somigliare troppo a quei bravi ragazzi, ma secondo me lo supera in tutto. Per il resto c'è tutto quello che in Scorsese non manca mai e quindi gangester, qualche sparatoria, litri e litri di sangue, droga, ma soprattutto, come suggerisce il titolo del film, una montagna di Soldi

                  Commenta


                  • fury

                    voto 7
                    firma 3.jpg

                    Commenta


                    • Noooo love actually nooo! 30 storie inconsistenti e tonnellate di melassa...l ho odiato!!!!
                      Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                      Spoiler! Mostra

                      Commenta


                      • Quattro Matrimoni e un Funerale è il migliore.

                        Commenta


                        • Casinò l’ho rivisto anch’io stanotte, su Iris. La quintessenza scorsesiana, una delle più belle lezioni di regia di ogni tempo. Un’esperienza ammaliante e cinematograficamente istruttiva.

                          Commenta


                          • Io Casinò lo trovo sopravvalutato. Grande stile, gran atmosfera, gran cast ecc. ma troppo autocompiaciuto.
                            Spoiler! Mostra

                            Commenta


                            • io invece l'ho trovato migliore di quei bravi ragazzi, sia perchè si discosta leggermente dal tema gangster, poi a detta di Scorsese si è ispirato al cinema di Rosi nel voler quasi fare un documentario sui malaffari di Las Vegas, infatti è anche molto interessante. Infine ho trovato piu coinvolgimento rispetto a quei bravi ragazzi che a mia memoria è molto freddo

                              Commenta


                              • Per me sono due grandi film entrambi, ma personalmente anch'io preferisco Casinò.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X