annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da ColonelBlimp Visualizza il messaggio
    Ma perché mi costringi nuovamente ad evocare Moravia, PERCHÉEEEEEE???

    Stiamo dicendo la STESSA cosa!

    "Era un film sboccatissimo", poi apro un'incidentale: "almeno per gli standard dell'epoca". Ergo: era un film molto volgare, ALL'EPOCA, ma OGGI forse è una cosa che colpisce meno, ESATTAMENTE per il motivo che sottolinei tu; e cioè che fra un po' - OGGI - bestemmiano pure in Don Matteo.
    Quindi sì: evocavo un'epoca - quella degli anni Ottanta - per metterla A CONFRONTO con la nostra!!!!!!!

    Ma è così difficile?

    - - - Updated - - -

    Poi per carità se adesso vogliamo dire che al Cinema, negli Anni Ottanta, volavano "porconi" che era un piacere, oh, liberissimo.
    vabevabe un po a scoppio ritardato ma mo t'ho capitoxD
    diciamo che tu vedi gli anni 80 come un bicchiere mezzo vuoto murphy escluso, io come un bicchiere mezzo pieno murphy compresoxDxD

    Commenta


    • :-*:-*:-*:-*

      Commenta


      • L'ultimo lupo, di Jean Jacques Annaud
        film franco-cinese in cui Assaud ritira fuori il suo lato "zoofilo" ma, onestamente, toppa.
        retorico e banale: gli uomini si comportano da bestie e gli animali (fin troppo) da umani
        meritano solo le scene alcune riprese aeree dei lupi in caccia che mammamia che sono, lunghe sequenze con paesaggi mozzafiato


        Honour to the 26s

        Commenta


        • Beverly Hills l'ho visionato pure io in TV per la prima volta. Filmetto dimenticabile e sopravvalutato. Battute che non fanno ridere ed il tempo della battuta non è neanche azzeccato. Regia televisiva, fotografia non pervenuta ed il Rated-R non è sfruttato a dovere (l'omicidio con la pistola puntata alla testa pretendo che mi venga inquadrato se non in primo piano, per lo meno che mi si venga mostrato il sangue che schizza dalla testa, ed invece...).
          Non si capisce mai che tono voglia avere poi, perchè il protagonista è un cazzone (e poi ride sempre e che palle), ma la vicenda è seria. Inoltre non c'è un tema di fondo nella vicenda. La colonna sonora è troppo invasiva, ma carina.

          Nel 1984 se proprio si vuole vedere un poliziesco fatto per bene, c'è Coraggio...Fatti Ammazzare, quello che che è in primis un film e che presenta interessanti sotto-testi tematici.

          Commenta


          • Taxi Driver di Martin Scorsese
            Fa sempre bene rivedere questi film ogni tanto, riconciliano con il cinema dopo qualche brutta visione

            Commenta


            • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
              Beverly Hills l'ho visionato pure io in TV per la prima volta. Filmetto dimenticabile e sopravvalutato. Battute che non fanno ridere ed il tempo della battuta non è neanche azzeccato.
              di che anno sei?
              firma 3.jpg

              Commenta


              • Originariamente inviato da skyRUNNER Visualizza il messaggio
                di che anno sei?
                È un pischello che si atteggia a un matusa XD

                Commenta


                • Originariamente inviato da skyRUNNER Visualizza il messaggio
                  di che anno sei?
                  Classe '89.. 2089 :seseh:

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da skyRUNNER Visualizza il messaggio
                    di che anno sei?
                    Importa molto?

                    Commenta


                    • Il Rated R dell'epoca - come è stato abbondantemente scritto - era per il linguaggio volgarissimo del protagonista, non per la violenza. E' un aspetto che nell'edizione italiana va in parte perso, in quanto abbondantemente "ripulito" dall'adattamento. La risata che ti ha innervosito è un'invenzione del doppiatore Tonino Accolla.
                      In un film che è una commedia (ai limiti della farsa) prima che un poliziesco, l'omicidio iniziale è efficace proprio per la sua imprevedibilità e uno schizzo di sangue e cervello non lo avrebbe reso più scioccante.
                      Tuo nonno che dice?

                      Commenta


                      • Invece della risata che c'era nella versione originale?

                        Il problema è che abbiamo un film che si presenta serio nella trama orizzontale, ma nelle varie situazioni ci ritroviamo un protagonista sopra le righe, che rischi la vita o meno...c'è bisogno della battuta anche quando stai per crepare? Comunque da quel che ho capito l'adattamento italiano ha parzialmente rovinato il film.

                        Il nonno che dice? Boh...mai chiesto pareri su questo film.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                          Importa molto?
                          no così, per curiosità..magari sei un gggiovane ribbelle no global centrosocialeokkupato che schifa il cinema reaggganiano (ma ti piace Eastwood che proprio un progressista non è..), o magari sei un matusa come me, ma con un'infanzia infelice

                          e poi quale sarebbe il tuo concetto di cinema d'intrattenimento contemporaneo? ..magari qualche esempio.. ripeto, "intrattenimento", non Solaris.. roba da "Badtaste" insomma
                          firma 3.jpg

                          Commenta


                          • no così, per curiosità..magari sei un gggiovane ribbelle no global centrosocialeokkupato che schifa il cinema reaggganiano
                            Non sono nè un ribelle, nè un no global (non sono anarchico, ma sono contro il neo-liberismo economico) e nè faccio parte dei centri sociali.
                            Sono solo un giovane della gloriosa annata 1993.

                            Il cinema Reganiano si schifa per buon senso, di certo non per posizioni politiche. Anche perchè sei costretto a piegare l'immagine (perchè riducendo il cinema all'unità minima, possiamo dire che il cinema è una successione di frame e quindi di immagini).

                            (ma ti piace Eastwood che proprio un progressista non è..)
                            Double F. fà categorizzazioni politiche dei registi, sostenendo che a sinistra c'è arte e a destra niente, cosa che è facilmente smentibile visto che registi di destra come Eastwood, Kitano o Lynch (votato e sostenuto Bush sigh...) regge tranquillamente il confronto (risultando anche superiore) con i registi comunisti/socialisti come i vari Miyazaki, Moretti, Romero, Carpenter, Landis etc...
                            In sostanza la frase "la cultura sta a sinistra" è facilmente smentibile dai fatti.

                            Eastwood si esalta perchè è bravo, tutto qui e che sia di destra poco importa (perchè poi chi supporta tale ideologia viene mal visto...mah). Magari sul piano politico avrei da ridire su alcune sue idee sul non intervento statale nell'economia che invece è necessario, ma comunque una chiacchierata cinematografica con lui la farei ben volentieri.
                            Poi Eastwood è si registrato repubblicano, ma è un liberale (favorevole quindi a tutti i diritti civili e politici per le persone di colore, gay, eutanasia etc...). Favorevole all'immigrazione (basta vedere Gran Torino). Insomma il concetto di destra è molto cambiato, anche se purtroppo in Italia è fermo come concetto a 100 e passa anni fà.

                            Poi il suo unico film di propaganda Firefox Volpe di Fuoco non a caso è il suo unico film brutto.

                            o magari sei un matusa come me, ma con un'infanzia infelice
                            Fondamentalmente detesto l'umanità intera e la gioventù odierna.

                            e poi quale sarebbe il tuo concetto di cinema d'intrattenimento contemporaneo? ..magari qualche esempio.. ripeto, "intrattenimento", non Solaris.. roba da "Badtaste" insomma
                            In primis non credo che Badtaste sia un sito dedito solo al cinema d'intrattenimento...anzi, ho visto numerosi topic di pellicole e registi ben lontane dai canoni mainstream.
                            Limitandoci agli ultimi 15-20 anni, direi che a livello cinema d'intrattenimento/blockbuster per il sottoscritto il massimo esponente attuale è Christopher Nolan (che però ha molti detrattori qua sopra e in internet, mentre nella vita reale viene stimato da molti) con la sua ben calibrata e fredda regia, abbinata ad interessanti sceneggiature presentanti trame non lineari a sotto-testi interessanti che fanno pensare lo spettatore senza rimambirlo. In sostanza è un autore (nel senso che ha un suo stile definito e riconoscibile, poi che sia merda o maestro di cinema, ad ognuno il suo giudizio). Inoltre presenta un interessante poetica concernente il tema dell'ossessione che affronta praticamente in ogni sua pellicola.

                            Proseguendo a livello d'intrattenimento grandi vette negli ultimi anni le ha raggiunge Jackson con la Trilogia del Signore degli Anelli. A livello fuori dagli USA, ci sarebbe La Battaglia dei Tre Regni di John Woo che è un film notevolissimo e forse anche capolavoro (lo collocherei sotto al solo Bullet in the Head nella filmografia di tale regista).
                            Interessanti Lone Ranger per alcune piccole cose , mentre a livello estetico-visivo Avatar e Tron Legacy. In animazione qualche pellicola superlativa in tale ambito la troviamo nella Pixar con Toy Story 3 e Wall-E (suo apice).

                            In sostanza un film deve prima di tutto far ragionare lo spettatore ed invogliarlo a riflessioni che devono trascendere il genere d'appartenenza per riversarsi nel sociale, proponendosi tramite una forma che non debba obbligatoriamente e forzatamente omologarsi alle mode imperanti in quel momento.
                            Molti blockbuster invece non piegano la narrazione all'immagine, ma fanno l'esatto contrario cioè piegano all'immagine alla narrazione e la "umiliano" imprimendo in essa ciò che vuole il pubblico (fotografia da spot videoclip/pubblicitario laccato etc...).

                            PS: prima che mi venga chiesto "E Mad max?". Non l'ho visto ancora.

                            Commenta


                            • sono 2-3 sere che esco e non mi sto vedendo nulla..
                              vediamo se stasera mi sparo un colosso.. asd

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                                Molti blockbuster invece non piegano la narrazione all'immagine, ma fanno l'esatto contrario cioè piegano all'immagine alla narrazione e la "umiliano" imprimendo in essa ciò che vuole il pubblico (fotografia da spot videoclip/pubblicitario laccato etc...).
                                il cinema blockbuster è cinema di puro intrattenimento, punto. non è così difficile comprendere il concetto di svago..
                                firma 3.jpg

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X