annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Come ho detto, il secondo è molto più interessante perché da un punto di vista strettamente politico propone una soluzione utile, forse l'unica per quanto utopistica, alle lotte politiche che dividono un paese, focalizzando il problema sulla corruzione nelle alte sfere del governo. Mi piace pensare che sia un ideale incontro tra Gomorra e TDK asd
    Il primo si riduce a "spara e ammazzali dal primo all'ultimo" senza un'antitesi degna di questo nome.

    Commenta


    • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
      Mi piace pensare che sia un ideale incontro tra Gomorra e TDK asd
      non ho visto il secondo...e se me lo descrivi così non mi viene la minima voglia di vederlo.
      CIO' CHE PIACE E CIO' CHE E' BELLO, BADATE BENE, SONO DUE E DUE COSE SOLTANTO!
      cit. me stesso

      Commenta


      • dopo lo splendido City of God oggi mi vedo anche Tropa de Elite

        Commenta


        • Hotel Chevalier

          Cortometraggio molto carino,con un'ottima regia,bravi attori e un uso molto interessante della musica.E' stato molto comprensibilmente incensato più del lungometraggio che lo segue,che in effetti è deludente.

          Il treno per il Darjeeling

          Secondo lungometraggio che vedo di Anderson e prima delusione.
          Avevo adorato praticamente tutto de "I tenenbaum",mi aveva divertito,commosso,emozionato,stupito.Una gioia per gli occhi per il cuore.
          E' successo molto meno,purtroppo,con "Il treno per il Darjeeling".Che contiene gli elementi che avevo amato di Anderson,ma ha una trama decisamente più debole.
          Non mancano tocchi creativi e riusciti,soprattutto alla regia(penso all'uso che si fa degli specchi)ma anche alla sceneggiatura e al montaggio(i due funerali sovrapposti funzionano molto bene).
          Ma a parte questo,l'impressione è quella di un film nel complesso abbastanza scialbo,che emoziona raramente e coinvolge ancora meno.Il senso del film è chiarissimo e il simbolismo usato con una conclusione quasi speculare all'incipit è semplice e diretto,ma tutta la parte che c'è in mezzo annoia,non c'è ritmo,c'è poco stimolo a seguire questi personaggi,per quanto recitati bene e abbastanza gradevoli.Le loro vite non vengono veramente approfondite,e il personaggio della madre avrebbe meritato più spazio.Tutto il contrario di quanto avveniva ne "I tenenbaum",in cui si creava un film corale con tanti personaggi scandagliati nella loro particolarità.
          Ho trovato difficile "entrare nel film".Si guarda senza troppa difficoltà,e non è sicuramente un brutto film,ma poco appassionante.

          Commenta


          • Originariamente inviato da outis81
            Non è la prima volta che leggo che il primo Tropa de Elite è fascista e che non va tanto per il sottile.
            in realtà è un grande film che ha il coraggio di andarci giu duro, veramente un filmone, il fascismo non c'entra, come se il comunismo non usasse certi metodi, non è un film politico

            inferiore ma bello anche il seguito, inferiore perchè fa cose gia viste in altri film, mentre il primo è più originale

            Commenta


            • Originariamente inviato da schwarz83
              dopo lo splendido City of God oggi mi vedo anche Tropa de Elite
              molto differenti. il primo unisce film di formazione e noir, con momenti di notevole surrealismo visivo. il secondo adotta un taglio documentaristico-action crudo e violento.
              tropa d'élite ha fatto molto discutere anche in brasile, per la mitizzazione della polizia, di fatto malfunzionante, impreparata, corrotta e sottopagata, rispetto l'immagine rappresentata.

              cmq due film notevoli. bellissimo city of god
              firma 3.jpg

              Commenta


              • Originariamente inviato da skyRUNNER Visualizza il messaggio
                molto differenti. il primo unisce film di formazione e noir, con momenti di notevole surrealismo visivo. il secondo adotta un taglio documentaristico-action crudo e violento.
                tropa d'élite ha fatto molto discutere anche in brasile, per la mitizzazione della polizia, di fatto malfunzionante, impreparata, corrotta e sottopagata, rispetto l'immagine rappresentata.

                cmq due film notevoli. bellissimo city of god
                ah ok quindi anche se CoG mi è piaciuto questo non vuol dire che mi piacerà anche questo.. ?

                Commenta


                • Originariamente inviato da Mr Bloody Visualizza il messaggio
                  Spy (2915)

                  Non gli avrei dato un euro, e invece mi ha strappato molte (moltissime, anzi) risate.
                  Dopo i primi 20-30 minuti piuttosto banali, o meglio, non così diversi da tante commedie del genere, ha messo una marcia in più e non si è fermato fino alla fine.
                  Esilarante il ruolo di Jason Statham, incredibilmente sopra le righe. Idem per Rose Bryne che riesce ad essere simpatica e stronza tutta in una volta.
                  Davvero un filmetto divertente.
                  credo che la star del film è lui..il suo prendersi per il culo è esilarante a dir poco
                  "Non discutere mai con un idiota: la gente potrebbe non notare la differenza"

                  Commenta


                  • Fear X di Refn

                    Film brutto. E' tecnicamente anonimo, non c'è nessun guizzo alla regia e i tempi narrativi sono dilatati fino ad annoiare; si salva qualche momento di tensione azzeccato.
                    La storia è noiosa, non tanto perché alla fine siamo al punto di partenza ma perché il protagonista non conosce un vero scavo psicologico e per tutto il film non evolve di una virgola. Quindi alla fine quale sarebbe il senso di tutta la vicenda?
                    Il personaggio del poliziotto con relativa famiglia è ben più interessante, ma viene introdotto dopo la metà del film e limitato alla funzione di scontrarsi col protagonista; avrei preferito vedere la storia con lui protagonista.
                    La fotografia fa uso di colori assoluti per creare forti contrasti, così da darsi un tono autoriale. A me ha dato solo fastidio. Accompagnamento sonoro non pervenuto.
                    OGF, seppur dilatava ancor di più la narrazione fino ad essere soporifero, aveva spessore nei contenuti per chi volesse scavare. Questo zero.
                    Spoiler! Mostra

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Mj23 Visualizza il messaggio
                      credo che la star del film è lui..il suo prendersi per il culo è esilarante a dir poco
                      Fa, e sopratutto dice, delle cose da rotolarsi dalle risate xD

                      Commenta


                      • ​Biutiful

                        Uno stratosferico Javier Bardem si aggira nella Barcellona più brutta che si possa immaginare,in un film che è una totale strumentazione del brutto e del dolore;mai noioso e a volte stimolante,ma molto discutibile.
                        Forse Innaritu crede che basti rappresentare personaggi disgraziati per essere profondo e commovente,quando invece "Biutiful" da più pesantezza che emozioni,più stress che dolore,più dispiacere passeggero che immedesimazione.E Innaritu dà il sentore più di calcolo programmatico della miseria che di sincerità vera e propria,più di dolore ricattatorio,di quello che vuole farci sentire in colpa per non esserci commossi,che di dolore davvero sentito.
                        E se ho dubbi sulla sincerità dell'autore,non ne ho su quella dell'attore,in un'interpretazione veramente complessa e interiorizzata che eleva il film ad un livello decisamente più alto.E se ci sono alcune scene,soprattutto con i figli,che toccano davvero,con sofferenza e delicatezza,il merito è in gran parte anche suo.


                        Se un tale impiego di talento sia sprecato in un lunghissimo festival di perdita e dolore,di lungaggini vuote e di stanze piene di morte,dipende dai gusti.Personalmente penso che "Biutiful" senza di lui avrebbe funzionato molto meno di quanto abbia fatto..

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da david briar Visualizza il messaggio
                          Hotel Chevalier

                          Cortometraggio molto carino,con un'ottima regia,bravi attori e un uso molto interessante della musica.E' stato molto comprensibilmente incensato più del lungometraggio che lo segue,che in effetti è deludente.
                          All'epoca in cui uscì fu "incensato" specialmente il regista perché aveva fatto spogliare Natalie...
                          Cinefili: che gentaglia. xD
                          "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                          Commenta


                          • Tropa de Elite bello.. ma molto meno bello di City of God..
                            Imho

                            Commenta


                            • [FONT=arial][FONT=Verdana]
                              Originariamente inviato da Sarva Visualizza il messaggio
                              non ho visto il secondo...e se me lo descrivi così non mi viene la minima voglia di vederlo.
                              [FONT=Verdana]Se ti descrivo un film come un unione di due titoli magnifici non ti viene voglia di vederlo? Come vuoi, ci perdi tu asd

                              Originariamente inviato da david briar Visualizza il messaggio
                              [FONT=Verdana]Ho trovato difficile "entrare nel film".Si guarda senza troppa difficoltà,e non è sicuramente un brutto film,ma poco appassionante.
                              [FONT=Verdana]Pensa che per me è uno dei migliori film di Anderson a mani basse, forse il suo secondo più bello.

                              [FONT=arial][FONT=Verdana]
                              Originariamente inviato da - Rasputin - Visualizza il messaggio
                              in realtà è un grande film che ha il coraggio di andarci giu duro, veramente un filmone, il fascismo non c'entra, come se il comunismo non usasse certi metodi, non è un film politico
                              [FONT=arial][FONT=Verdana]Per me hai visto la versione maroccata :seseh:

                              [FONT=arial][FONT=Verdana]Effettivamente il secondo film, molto superiore già solo per regia-sceneggiatura e portata del messaggio, è politico mentre il primo no, che è fascista non tanto perché ci sono soldati col fez che mettono a ferro e fuoco le favelas per ammazzare e torturare narcotrafficanti ma perché la visione del film è estrema, unilaterale e retorica. Con un finale aberrante.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Mr Bloody Visualizza il messaggio
                                Fa, e sopratutto dice, delle cose da rotolarsi dalle risate xD
                                mi ha fatto crepare dalle risate xDxD
                                "Non discutere mai con un idiota: la gente potrebbe non notare la differenza"

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X