annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Queen of Earth è un intrigante seppur lento e poco incisivo ritratto psicologico. Kate Moss , brava e bruttissima. Pessima la scelta del frame finale, chi ha visto sa cosa intendo. Azzeccate però le scelte registiche che creano interesse partendo dal nulla.

    Commenta


    • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
      Heaven Knows What

      Seconda prova per i fratelli Safdie, qui alle prese con la storia di giovani fattoni "senzatetto" sospesi in un perenne stato di alienazione e strattonati tra passioni (auto)distruttive e le spinte basiche della fame di cibo e di droga e alcool.
      La forma del racconto aderisce con uno stile straniante, quasi amusicato se non per brevi, martellanti squarci elettronici, riuscendo a creare un atmosfera stagnante che non rifugge dal brutto e dallo sporco e si concede anche qualche breve momento di lacerante onirismo (specie nel quasi misterioso finale).



      - - - Updated - - -

      Queen of Earth

      Con questo film Alex Ross Perry si piazza definitvamente tra i nuovi (ma controversi) beniamini del cinema indie, cotruendo un racconto dissonante nello script, nella recitazione, nel montaggio, nelle musiche.
      Persona, Polansky e Images aleggiano in ogni istante come modelli di questo film teso quasi come un thriller, non alieno da una certa influenza horror (anzi, padroneggia certa materia molto meglio di tanti prodotti di genere), il film erode implacabilmente l'animo e la mente delle sue due protagoniste, da cui Perry tira fuori due eccezionali performance, facendo dei loro volti paesaggio da studiare (emblematico il piano-sequenza di quasi 10 minuti a circa mezz'ora dall'inizio) in contrapposizione ai suoni che le circondano (comprese le parole che escono dalle loro bocche).


      concordo su queen of earth,riecheggiano particolarmente tutti quei thriller psicologi degli anni 60/70, però Bergman e Polanski riuscivano a catturare l'attenzione dello spettatore con una facilità disarmante, mentre qua c'è una generale povertà di scelte. E poi Elizabeth Moss è stata veramente difficile da guardare per tutta la durata :aiutt:

      Commenta


      • Mi segno spesso i film segnalati da Sir Dan e mi fa piacere constatare che sia uno di quegli utenti le cui visioni vanno molto al di là del solo mainstream o dei classici.

        Commenta


        • Amores perros qualcuno l'ha visto? ?

          Commenta


          • Originariamente inviato da schwarz83 Visualizza il messaggio
            Amores perros qualcuno l'ha visto? ?
            Bello. Non il migliore di Inàrritu ma decisamente merita.

            Commenta


            • È l'unico Inarritu che devo ancora recuperare.

              Commenta


              • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
                Bello. Non il migliore di Inàrritu ma decisamente merita.
                Mi frena vederlo perché ho letto che ci sono scene di combattimenti con i cani.. a me danno fastidio!

                Commenta


                • Originariamente inviato da schwarz83 Visualizza il messaggio
                  Mi frena vederlo perché ho letto che ci sono scene di combattimenti con i cani.. a me danno fastidio!
                  Uno dei protagonisti fa quello di 'mestiere', e puoi immaginare come va a finire.
                  Al di là di questo non so se è il film migliore di inarritu, ma credo sia il suo più onesto.

                  Guardalo.

                  Commenta


                  • molto bello, concordo con SE7EN, non il migliore ma credo uno dei
                    ah, i bei tempi in cui Inarritu era un beneamato signor nessuno...


                    Honour to the 26s

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Uncle Scrooge Visualizza il messaggio
                      molto bello, concordo con SE7EN, non il migliore ma credo uno dei
                      ah, i bei tempi in cui Inarritu era un beneamato signor nessuno...
                      intendi dire quando ancora i cinefolli non ci rompevano l'anima perchè Birdman sarebbe un film paraculo di poco valore? hai proprio ragione, bei tempi. xD
                      CIO' CHE PIACE E CIO' CHE E' BELLO, BADATE BENE, SONO DUE E DUE COSE SOLTANTO!
                      cit. me stesso

                      Commenta


                      • che poi oh...la paraculaggine ce l'ha pure, però che due marò sti discorsi
                        CIO' CHE PIACE E CIO' CHE E' BELLO, BADATE BENE, SONO DUE E DUE COSE SOLTANTO!
                        cit. me stesso

                        Commenta


                        • Sicario
                          Gran bel filmone. Assolutamente perfetto sul piano tecnico, non c'è un inquadratura, un movimento di macchina o uno stacco fuori posto; Villeneuve ma soprattutto Deakins in stato di grazia. Ho trovato qualche problema nella sceneggiatura che si concentra più sulla storia che sui personaggi, ma gli attori fanno un lavoro assolutamente magnifico che da un senso al tutto e al quale è impossibile rimanere impassibili. Grandi applausi.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Sarva
                            intendi dire quando ancora i cinefolli non ci rompevano l'anima perchè Birdman sarebbe un film paraculo di poco valore? hai proprio ragione, bei tempi. xD
                            Birdman?
                            sono i film che stanno in mezzo il problema.
                            Birdman è solo un po' furbo, ma va bene così.

                            Commenta


                            • Innaritu: "ma perché ti copri i genitali con una spada? "

                              Oscar: "lo scoprirai presto..."

                              Commenta


                              • Padri e figlie
                                Mi ritrovo in gran parte con la recensione di Alò in home. E' sicuramente un bel passo in avanti rispetto a Quello Che So Sull'Amore, ma è inferiore a Sette Anime e La Ricerca Della Felicità. Senza infamia e senza lode, si differenzia dagli altri film medi per la grandezza e bravura del cast, ottimamente diretto. Trovo che invece la sceneggiatura sia il tallone d'Achille, sembra che manchino momenti di stasi o di pausa che sarebbero serviti per far assorbire allo spettatore i vari traumi dei protagonisti; va troppo veloce, con il risultato di non indagare a fondo nei personaggi e nelle loro storie. Si è sentita troppo la mancanza di coinvolgimento emotivo, ed è strano per un film di Muccino.
                                Parlando del cast, bravissimo Crowe che soprattutto nelle crisi epilettiche è stato eccezionale; la Seyfried fornisce la sua prova più drammatica e tutto sommato non se l'è cavata male; la Wallis, la Spencer e la McTeer hanno pochi minuti e non rubano certo la scena anche se sono state comunque brave. Mi piaciuto un sacco Bruce Greenwood, davvero in parte.
                                La Kruger ci prova ma il suo personaggio è scritto con i piedi.
                                La bambina Kylie Rogers è stata fenomenale, invece; fantastica. Neanche a dirlo, brava la Fonda con quel poco minutaggio a sua disposizione; stesso dicasi per Paul.
                                Non so se Muccino sia stato fedele al copione o se lo abbia cambiato minimamente, però è troppo strano che una sceneggiatura del genere sia entrata in Black List: troppo superficiale e poco profonda.
                                Comunque ripeto, bello vedere Muccino risalire la china in America dopo quel disastro del film precedente.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X