annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • c'è un topic su hitchcock

    http://forum.badtaste.it/showthread....fred+hitchcock

    "Il cinema è un arte soggettiva, quanto la musica, belli i 5 alti bello sentire pareri discordanti ai propri, ma alla fine sono io, uno schermo e tutto quello che ci passa di mezzo."

    "Le barbarie sono lo stato naturale dell'umanità, la civiltà è solo un capriccio dell'evoluzione e delle circostanze". cit.


    ~FREE BIRD~

    Commenta


    • Originariamente inviato da UomoCheRide Visualizza il messaggio
      Anche io sono un grande amante del vecchio Hitch!


      Al contrario, film straordinario...una ghost story senza fantasma ma con la morta che si aggira per casa in quanto onnipresente nei ricordi e nei dettagli lasciati sparsi per il mobilio (la R che ritorna)...tende che si gonfiano come nelle migliori haunted house ma che servono solo ad aumentare il senso di isolamento della protagonista e non a disvelare patetici effettacci. Un modo straordinario per farci capire anche come Hitch, pur gestendo una trama non proprio gialla (la prima parte) riesca a cavare fuori la tensione dal nulla. Ottimo l'incendio finale, che probabilmente ha ispirato Argento (dichiarato amante di Hitch) per i finali dei film sulle Madri.


      Basta, tocca aprire un topic su Alfreduccio.
      Perfetta descrizione di "Rebecca"!
      A sto punto di sto rendendo conto di essere l'unico estimatore de "L'ombra del dubbio"...xD

      - - - Updated - - -

      Originariamente inviato da Variabile Ind. Visualizza il messaggio
      Ok, Grazie Variabile!

      Commenta


      • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio

        S'era capito, anche senza lo spiegone. Resta il fatto che, come per l'estremismo, ancora non si capisce da dove deriva questa convinzione che io non cambierei mai idea. No perché è proprio una fesseria con pochi appelli, ma come ho già avuto modo di dire credo di essere abbastanza intelligente da mettermi in discussione e allo stesso tempo da non superare la linea che porta alla costante incertezza. Poi oh, potresti anche evitare di fare la vittima una volta che ti si fa notare di aver detto una cacchiata, che di certo qui non si pretende che gli ignoranti debbano stare zitti su quello che non sanno, altrimenti dovremmo fare quasi tutti scena muta :-*
        Ma alla fine TDK è meglio di Apocalypse Now, o no?

        Commenta


        • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
          Ma alla fine TDK è meglio di Apocalypse Now, o no?
          Te lo dico subito. Dammi un minuto. Prima decido qual è il più bello tra Tutti insieme appassionatamente o L'esorcista.asd

          Commenta


          • C'è dietro un retroscena in quella provocazione che alcuni di noi conoscono asd Risale ai Tempi Oscuri di Seven, comunque.

            Io lo adoro, Seven, in ogni caso, è un cacacazzo borioso e saccente che ha sparato e spara un sacco di cazzate, più sicuramente di quelle che ammetterebbe, ma ha una buona autoironia. Almeno quello :-*

            Detto questo, mi è arrivato Blackhat, sarà una delle prossime visioni, dopo la revisione di Seven (il film di Fincher, non l'utente).

            Commenta


            • La Finestra sul Cortile: chi ama il cinema non può non adorare questo capolavoro assoluto (che sicuramente non piacerà a Sensei xD)
              Si fanno scommesse?

              Commenta


              • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio

                Detto questo, mi è arrivato Blackhat, sarà una delle prossime visioni, dopo la revisione di Seven (il film di Fincher, non l'utente).
                con il tuo recente livello di sopportazione dei film d'autore potresti addormentarti
                CIO' CHE PIACE E CIO' CHE E' BELLO, BADATE BENE, SONO DUE E DUE COSE SOLTANTO!
                cit. me stesso

                Commenta


                • Se c'è una cosa che adoro di questo forum, è la sicumera con cui un gruppo di utenti pensa di potere indovinare i gusti degli altri. asd

                  Speriamo che ti sbagli.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                    Se c'è una cosa che adoro di questo forum, è la sicumera con cui un gruppo di utenti pensa di potere indovinare i gusti degli altri. asd

                    Speriamo che ti sbagli.
                    E' un calcolo delle probabilità. Hai presente quando ho detto "siamo ciò che scriviamo"? Ecco, appunto, ci conosciamo per le nostre sparate nei post.

                    Commenta


                    • @abe
                      Unica nota positiva de l ombra del dubbio: il monologo sulle vedove.

                      P.s. abe, fatti un giro su rick cafe american topic del cinema classico
                      Magari si parla un pò di cukor e hswks
                      Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                      Spoiler! Mostra

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                        No, ma volendo parlare di completezza si potrebbe tirare in ballo anche questo aspetto. Per cui ci sono autori più completi che gli script sanno anche scriverseli, quindi hanno nel loro armamentario di autore un'abilità in più, così come altri hanno nel proprio la versatilità.
                        Si parlava di eclettismo come peculiarità di un autore completo, non come unica caratteristica che rende un autore tale. Parlando di completezza, non c'è bisogno che ti dica né che un regista deve scriversi le sue sceneggiature per essere autore né che un autore degno di questo nome non gira le sceneggiature così come gliele consegnano, come dicevo prima. E per fare esempi non c'è bisogno di scomodare grandi nomi: senza la lungimiranza di Mendes, probabilmente Skyfall sarebbe uscito una caccola. È più importante destreggiarsi tra toni, stili di narrazione e generi diversi piuttosto che mettere la firma in fondo alla pagina.

                        Originariamente inviato da ColonelBlimp Visualizza il messaggio
                        Sabotatori 6
                        L'ombra del dubbio 6 1/2
                        Notorious 9
                        Nodo alla gola 7
                        Che sono questi voti?? Alza!! xD

                        Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                        Ma alla fine TDK è meglio di Apocalypse Now, o no?
                        Mah sai... cambio idea ogni giorno a seconda del tasso di nolabanità che mi sento nel sangue, come il diabete :seseh:

                        [FONT=Verdana]
                        Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                        C'è dietro un retroscena in quella provocazione che alcuni di noi conoscono asd[FONT=Verdana] Risale ai Tempi Oscuri di Seven, comunque.[FONT=Verdana]

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                          No, ma volendo parlare di completezza si potrebbe tirare in ballo anche questo aspetto. Per cui ci sono autori più completi che gli script sanno anche scriverseli, quindi hanno nel loro armamentario di autore un'abilità in più, così come altri hanno nel proprio la versatilità.
                          Si parlava di eclettismo come peculiarità di un autore completo, non come unica caratteristica che rende un autore tale. Parlando di completezza, non c'è bisogno che ti dica né che un regista deve scriversi le sue sceneggiature per essere autore né che un autore degno di questo nome non gira le sceneggiature così come gliele consegnano, come dicevo prima. E per fare esempi non c'è bisogno di scomodare grandi nomi: senza la lungimiranza di Mendes, probabilmente Skyfall sarebbe uscito una caccola. È più importante destreggiarsi tra toni, stili di narrazione e generi diversi piuttosto che mettere la firma in fondo alla pagina.

                          Originariamente inviato da ColonelBlimp Visualizza il messaggio
                          Sabotatori 6
                          L'ombra del dubbio 6 1/2
                          Notorious 9
                          Nodo alla gola 7
                          Che sono questi voti?? Alza!! xD

                          Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                          Ma alla fine TDK è meglio di Apocalypse Now, o no?
                          Mah sai... cambio idea ogni giorno a seconda del tasso di nolabanità che mi sento nel sangue, come il diabete :seseh:

                          Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                          asd[FONT=Verdana] Risale ai Tempi Oscuri di Seven, comunque.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                            E' un calcolo delle probabilità. Hai presente quando ho detto "siamo ciò che scriviamo"? Ecco, appunto, ci conosciamo per le nostre sparate nei post.
                            Bentornato in questo topic!

                            Commenta


                            • [FONT=Calibri]THE MARTIAN (Scott, 2015)

                              film di sorprendente piattezza emotiva e drammaturgica, persino per gli sconfortanti standard attuali. Scott confeziona un compitino mai così anonimo e disinteressato, senza metterci nemmeno una sequenza, scena e/o inquadratura che meriti per qualche motivo di essere ricordata. Non mi capacito dei voti e delle opinioni che leggo in giro. Il film ha tanti di quei problemi che non si sa quasi da dove cominciare. Non ho la forza né il tempo di una disamina approfondita, ma almeno una verità bisogna ribadirla, e cioè che non c’è dramma, non c’è pathos, non c’è tensione, non c’è stupore in questo film. Nessun senso, non dico del meraviglioso (sarebbe chiedere davvero troppo a questi cialtroni hollywoodiani, che vanno su Marte e sono incapaci persino di guardarsi un attimo intorno), ma nemmeno di solitudine e isolamento. Lo scorrere del tempo è gestito malissimo, ogni singola scena/situazione l’abbiamo già vista identica in innumerevoli occasioni, il susseguirsi di spiegazioni tecniche fa cadere le braccia per quanto è ripetitivo e puerile: in definitiva, non è possibile in alcun modo appassionarsi alla vicenda che ci viene raccontata, altro che “Apollo13”! Il paragone con “Cast Away” è offensivo per chiunque abbia anche solo vagamente a cuore quella certa cosa chiamata “cinema”, anche “Gravity” gli è molto superiore, e persino il vituperato “Mission to Mars” esce trionfante dal confronto (sia come singole sequenze memorabili, sia come complessiva tenuta narrativa ed emotiva). Il protagonista qui parla, parla, parla in continuazione. Ma non perché abbia la necessità di colmare il vuoto, la distanza e la solitudine, sentimenti MAI provati o comunque MAI efficacemente trasmessi allo spettatore. Parla perché è la produzione a temere come la peste il vuoto, la distanza e il silenzio, a sentire il dovere di sostituirli con la frenesia, non sia mai che allo spettatore si formi nella testa un qualche pensiero e/o riflessione. Questo film non è la celebrazione della volontà e dell’intelligenza, ma del pragmatismo. Ogni spazio va riempito, ogni distanza colmata, ogni silenzio prontamente stroncato sul nascere: è l’horror vacui del nuovo cinema hollywoodiano, la necessità di eliminare il silenzio dal Silenzio, il vuoto dal Vuoto, e persino lo spazio dallo Spazio.

                              Commenta


                              • Ho visto pure io ieri The Martian,approfittando del Cinema Days.

                                A parte una battuta meta-cinematografica semplicemente esilarante con protagonista Sean Bean,"The martian" è un film che ha qualche scena simpatica,una buona scena finale nello spazio,e poco altro.Vedibile si,ma niente di più.
                                Decisamente troppo lungo,a volte noioso,altre volte semplicemente poco interessante,ha un cast che sembra citare Interstellar,con bravi attori,ma che in questo caso non vanno oltre al compitino.Stessa cosa per praticamente tutti gli altri aspetti del film,incluso quello visivo,discreto e basta.
                                Insomma,un film in cui non si sente decisamente il dramma di un uomo disperso su Marte,e che non aggiunge nulla al suo genere e alla filmografia del suo regista.Questo non è un crimine,mica si possono fare solo film importanti e influenti,però in questo caso mi ha dato pochissimo anche a livello emotivo.Non capisco come mai sia stato accolto così bene,è proprio di ordinaria amministrazione.Forse sono andato troppo poco al cinema in questi anni,o forse ho evitato troppi filmetti,probabilmente l'ordinaria amministrazione è di livello ancora più basso..

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X