annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Anche il diabete se non ricordo male. Ultimamente è pure peggiorato.
    Ai tempi di "Io e te" lo vidi da Fazio, era ancora molto carico.. pronto addirittura per un nuovo film.

    Commenta


    • Be' la vecchiaia è un massacro per tutti, purtroppo.
      Comunque l'intervista dove diceva che stava lavorando ad un serial è abbastanza recente, speriamo bene.

      Commenta


      • Originariamente inviato da -teo Visualizza il messaggio
        Sì, ma non è da considerare un porno con cui passare momenti d'intimità. Per me uno dei film più belli di Von Trier e probabile canto del cigno.
        Per me è in top 3 con Dogville e Melancholia.

        - - - Updated - - -

        Originariamente inviato da Malebolgia
        Be' la vecchiaia è un massacro per tutti, purtroppo.
        Comunque l'intervista dove diceva che stava lavorando ad un serial è abbastanza recente, speriamo bene.
        Non sapevo nulla.. mi fa enormemente piacere.

        Commenta


        • Guarda che bravo che sono roy, ti ho trovato anche l'intervista.
          Purtroppo il contenuto è a pagamento e si ferma proprio quando comincia a parlare di questo nuovo progetto-

          http://www.ilmessaggero.it/PAY/EDICO.../1378186.shtml

          Commenta


          • Thanks l'importante è che esista il progetto!

            Commenta


            • Delirium è già un pezzo di storia del cinema.

              Commenta


              • Le lacrime amare di Petra Von Kant

                Poco alla volta vado avanti con il recupero di Fassbinder. Questo è il suo terzo film che vedo(gli altri due sono Il matrimonio di Maria Braun e La paura mangia l'anima) e anche in questo caso non mi ha deluso.
                E' una visione più difficile a causa del 4:3, delle scene a camera fissa e dall'ambientazione limitata a un appartamento, ma è altrettanto affascinante.
                A tutto ciò il regista contrappone un'ottima descrizione dei personaggi tramite i dialoghi e per quanto riguarda la protagonista ne descrive lo stato d'animo e l'instabilità anche con i cambi d'abito.

                Ritorna la tematica dell'emancipazione femminile e della libertà dagli schemi sociali, anche se l'evoluzione degli eventi sottolinea una propensione a crearsi gabbie e a soffrire anche quando o forse proprio nel momento in cui s'incontra chi condivide lo stesso ideale di libertà. La solitudine è infine il destino per chi si rende conto troppo tardi di avere avuto sempre a disposizione ciò o chi di cui si aveva bisogno.

                Giusto per provocare (ma neanche tanto, si parla pur sempre di un autore importantissimo, seppur poco chiacchierato da queste parti) e per catturare più la vostra attenzione, oserei dire che nel descrivere e nel dirigere personaggi femminili Fassbinder è bravo quanto Bergman.
                Del primo ho visto tre film, del secondo più di dieci, ma vedendo anche gli altri forse io potrei preferire il regista tedesco.

                Commenta


                • Fassbinder è meraviglioso. Recupera Querelle!

                  - - - Updated - - -

                  E L'amore è più freddo della morte.

                  Commenta


                  • The Help di non so chi
                    All'inizio mi sembrava lo spot di Hollywood verso tutti quelli che non vogliono fare una brutta fine nello showbusiness, una sorta di decalogo con scritto "non fumate che poi morite, non dite che si cura l'omosessualità, e soprattutto NON SIATE RAZZISTI"... ah, magari l'avessero mostrato al povero mel Gibson questo film, ma pure ad Hulk Hogan e chissà quanti altri! Detto ciò, il film è recitato molto bene, mi sono davvero piaciute tutte, un pò sopravvalutata la chastain che ha addirittura preso una nomination che secondo me meritava Bryce Dallas Howard, ma d'altronde quelli che assegnano le statuette c'hanno le fisse! Così come magari al posto di nominare chiunque tranne Emma Stone, se ci fosse stata la Lawrence con identica interpretazione sarebbe cambiato qualcosa... Ma, polemica a parte, il film mi è piaciuto, cioè mi ha preso, non conoscevo bene queste dinamiche così assurde di un tempo e il film riesce a tenere incollato lo spettatore per piu di due ore senza mai barare, non ci sono altisonanti rivelazioni e il film non ne ha bisogno, fin dall'inizio si capisce dove porta e il risultato è lodevole

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                      Trainwreck

                      Solita commedia alla Apatow, anche s eun po' meno mordace del solito. Per passare le solite due orette piacevoli e prevedibili.
                      John Cena interpreta il personaggio più divertente, peccato sparisca presto.

                      Quanto l'ho amato.
                      Pensavo fosse tutto merito di lei e del fatto che son suo fan. Ma in realtà è una rom-com che si regge benissimo su se stessa. Le due ore sono tante, ma anche favorevoli alla riuscita perchè approfondisce aspetti e momenti che di solito son trascurati. Per me bello, bello, bello. Colosso del genere proprio per durata e intelligenza rara.

                      Commenta


                      • Trainwreck è prevedibilissimo ma tutto sommato godibile.

                        Ho rivisto l'uomo che sapeva troppo, che gran cosa(e qua devo ringraziare M:I 5 che mi ha fatto risalire la smania di QUELLA scena)

                        Commenta


                        • Ciao a tutti mio primo post qui :-)
                          Ieri sera ho tentato di vedere Arca Russa... Noia, sonno, gran delusione.
                          Mi aiutate a capire? Sto cercando se esiste già un thread sul film o uno generale su Sokurov, ma la ricerca mi dice niet.

                          Commenta


                          • Sokurov è un regista piuttosto particolare, in effetti. Spesso considerato l'erede di Tarkovskij, per quanto secondo me l'accostamento sia improprio. Sicuramente ha la capacità di mettere in scena dei quadri viventi, ma è anche vero, almeno per me, che è un autore piuttosto prolisso, con una filmografia piuttosto difficile da digerire per pesantezza.

                            L'arca russa poi effettivamente è interminabile. Il problema è che gli altri suoi film non è che siano molto più accessibili asd a parte Alexandra che è piuttosto immediato ed efficace.

                            Commenta


                            • L'arca russa non lo vedo da un pezzo ma al di là dell'esercizio di stile c'è qualcos'altro dietro?

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                                Quindi è l'erede di Tarko xD
                                Per la pesantezza sì xD

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X