annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Non ha ne fine ne inizio. E' straordinario per questo, come l'assenza della scelta capitoli nel dvd.

    Commenta


    • MD l'ho visto quattro volte e avrò letto decine di spiegazioni, rimane ancora qualcosina fuori posto o con più possibilità interpretative, ma per il resto fila tutto liscio. Considerando che all'inizio dove essere una serie tv, è un miracolo che alla fine risulti così lineare, nonostante a prima vista possa non sembrarlo. Per il resto è un film che ben rappresenta Lynch e il cinema tutto perché unisce sequenze e generi differenti (si passa dal neo-noir, al romance, al grottesco, ecc.) finendo per amalgamarli in un prodotto unico e inimitabile. Non l'avevo capito per niente la prima volta, ma mi aveva colpito la sua fluidità e l'atmosfera onirica che lo pervade.

      LH è un film interessante e dal punto di vista psicologico forse anche più profondo di come lo sarà il suo successore, ma gli mancano la continuità, il ritmo e la compattezza di MD a mio parere. Inoltre, per chi ci tiene a capire anche le cose, leggendo le varie interpretazioni o anche semplicemente guardando il film più volte ci si rende conto che troppe cose stridono o non tornano. In MD magari non capisci, ma inconsciamente senti che c'è una ragione per tutto, in LH non provavo invece questa sensazione.

      Poi c'è IE, rivisto qualche mese fa insieme agli altri due e a livello di preferenza personale lo collocherei nel mezzo, laddove quando lo vidi anni fa lo consideravo il migliore. E' sicuramente un'opera estrema ed unica dove il regista trasforma definitivamente il cinema in sogno rendendo tutti gli elementi filmici malleabili e scomponibili come avverrebbe con i pensieri in fase di riposo appunto. Per quanto possa sembrare fatto tutto libero o a caso, trovo che è come se ci fosse una sorgente comune per tutti gli eventi a cui assistiamo e nessuno di essi è slegato dagli altri, seppure i collegamenti siano alle volte molto sottili e reinterpretabili in più modi. Questo film è un po' come la complessità dell'essere umano, tanti pensieri slegati tra di essi ma alla fine riconducibili alla stessa persona.

      Commenta


      • Originariamente inviato da lt.aldo.raine.89
        MD l'ho visto quattro volte e avrò letto decine di spiegazioni, rimane ancora qualcosina fuori posto o con più possibilità interpretative, ma per il resto fila tutto liscio. Considerando che all'inizio dove essere una serie tv, è un miracolo che alla fine risulti così lineare, nonostante a prima vista possa non sembrarlo. Per il resto è un film che ben rappresenta Lynch e il cinema tutto perché unisce sequenze e generi differenti (si passa dal neo-noir, al romance, al grottesco, ecc.) finendo per amalgamarli in un prodotto unico e inimitabile. Non l'avevo capito per niente la prima volta, ma mi aveva colpito la sua fluidità e l'atmosfera onirica che lo pervade.

        LH è un film interessante e dal punto di vista psicologico forse anche più profondo di come lo sarà il suo successore, ma gli mancano la continuità, il ritmo e la compattezza di MD a mio parere. Inoltre, per chi ci tiene a capire anche le cose, leggendo le varie interpretazioni o anche semplicemente guardando il film più volte ci si rende conto che troppe cose stridono o non tornano. In MD magari non capisci, ma inconsciamente senti che c'è una ragione per tutto, in LH non provavo invece questa sensazione.

        Poi c'è IE, rivisto qualche mese fa insieme agli altri due e a livello di preferenza personale lo collocherei nel mezzo, laddove quando lo vidi anni fa lo consideravo il migliore. E' sicuramente un'opera estrema ed unica dove il regista trasforma definitivamente il cinema in sogno rendendo tutti gli elementi filmici malleabili e scomponibili come avverrebbe con i pensieri in fase di riposo appunto. Per quanto possa sembrare fatto tutto libero o a caso, trovo che è come se ci fosse una sorgente comune per tutti gli eventi a cui assistiamo e nessuno di essi è slegato dagli altri, seppure i collegamenti siano alle volte molto sottili e reinterpretabili in più modi. Questo film è un po' come la complessità dell'essere umano, tanti pensieri slegati tra di essi ma alla fine riconducibili alla stessa persona.
        Bergman precursore di Lynch, sicuramente.. xD

        Commenta


        • Vedi che è la verità xD soprattutto in Persona e Il posto delle fragole

          Commenta


          • Soprattutto in tutti quelli che no ho visto xD Che sono tutti tranne pochi asd

            Commenta


            • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
              Sinceramente l'opinione di "una sola visione molto tempo fa" per un film come MD non ha basi sufficienti per scandalizzarmi asd
              Appena recupero TP e FWWM mi butto in un rewatch totale e cronologico.

              Originariamente inviato da Roy E. Disney Visualizza il messaggio
              Lo Hobbit?
              L'hai capito quando hai letto "essenziale" vero? asd

              Commenta


              • Frena!!! Quindi mi hai rotto le scatole tutto il tempo quando dicevo che Strade Perdute si mangia Mullolhand Drive per poi uscirtene adesso che il primo è superiore al secondo? Mi pigli in giro!!!!

                Commenta


                • Ah aaaaaaah... ora non lo diamo più il lei... :twisted:

                  xD

                  Commenta


                  • Eh già.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                      Con Seven mi sono incontrato dal vivo e ci mandiamo a quel paese su facebook ogni due giorni ed inoltre ci conosciamo virtualmente da fine 2012...il "lei" posso abbandonarlo.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Roy E. Disney Visualizza il messaggio
                        Ah aaaaaaah... ora non lo diamo più il lei... :twisted:

                        xD
                        xDxDxDxDxD
                        Ormai si usa solo per le mamme.

                        Commenta


                        • Suburra di Stefano Sollima

                          Uno spaccato d'Italia di questi ultimi anni (solo?) che riesce ad affascinare e disgustare allo stesso tempo. Affascinare per il mondo di ricchezza e potere in cui sono immersi i personaggi e disgustare per l'impotenza che proviamo dinnanzi a certe dinamiche più grandi di noi che sfuggono e che spesso restano impunite.

                          Commenta


                          • Dheepan di Jacques Audiard:6
                            Non mi ha fatto impazzire.Audiard è sicuramente tecnicamente bravo e produce immagini simboliche interessanti,in primis quella dell'elefante,e sicuramente le scene di violenza,soprattutto verso la fine,sono girate con molto efficacia.
                            Ma a parte questo e un po di ironia intelligente sulle diversità culturali,il film non entra mai nel cuore,accenna tutto e non incide quasi mai.Sono d'accordo con la rece di Donzelli in Coming soon,ma anche con quella di Niola su Badtaste,sull'urgenza di raccontare per forza questo tema,e sul rappresentare simboli più che personaggi in carne e ossa.Non vale proprio per tutte le figure del film,ma per buona parte.
                            Un film a volte interessante e anche ambiguo nel messaggio finale,ma essenzialmente poco sentito.Palma d'oro comprensibile,comunque,visto il tema..

                            Commenta


                            • Suburra

                              Sollima si muove ormai in un territorio che conosce come le sue tasche, sia per tipologia di film che vicende. Il risultato è un'opera calibrata in ogni suo aspetto, ma ora da questo fior di regista mi aspetto di più e già qui, per me, si poteva scavare ulteriormente in determinate dialettiche.

                              Bravo, ma anche il "bravo", se ripete la sua destrezza "a nastro", rischia prima o poi di annoiare.

                              Menzione speciale per Claudio Amendola. Per una volta non sono stato assalito da istinti pavloviani di omicidio nel guardarlo.



                              Ps inutile esordire con un "hola gente", "come va", "quanto tempo" o cose così. Io torno a cicli, sono tipo Melmoth. xD

                              Commenta


                              • Cane di Paglia di Peckinpah mi ha colpito tantissimo ed è diventato immediatamente il mio Peckinpah preferito, un capolavoro tout court da non perdere.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X