annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Malebolgia Visualizza il messaggio
    Uno dei film più brutti che abbai mai visto ed il peggiore di Muccino.
    E avevo 14 anni quando la guardai.
    figurati se a 14 anni uno capisce il fallimento esistenziale che si cela sotto la tranquillità borghese

    ma manco a 50 anni certe volte
    In qualche strana maniera noi svalutiamo le cose appena le pronunciamo. Crediamo di esserci immersi nel più profondo dell'abisso, e invece quando torniamo alla superficie la goccia d'acqua sulle punte delle nostre dita pallide non somiglia più al mare donde veniamo. Crediamo di aver scoperto una caverna di meravigliosi tesori e quando risaliamo alla luce non abbiamo che pietre false e frammenti di vetro; e tuttavia nelle tenebre il tesoro seguita a brillare immutato. (Maeterlinck)

    Commenta


    • Originariamente inviato da Roy E. Disney Visualizza il messaggio
      Anche perchè quello che ha fatto dopo è di un genere un tantinello diverso, my treasure asd
      Parli di Tsui o di Wong? :uhhm: Di Tsui ho visto troppo poco per ora, The Blade, A better tomorrow III, Seven Swords, e questo per me vince a mani basse al momento.. un film pazzesco.

      Commenta


      • Wong, pulcino asd

        Commenta


        • Originariamente inviato da franzo89 Visualizza il messaggio
          La differenza?
          Io ho visto la redux...

          Col senno di poi, anch'io ho finito a preferire Seven Swords a The Blade, nonostante quasi tutti i pareri convergono concordi su quest'ultimo.

          Nel complesso lo trovo comunque un regista dotato, ma sopravvalutato...c'è sempre qualcosa che non mi convince nel disegno dei personaggi, nel tono schizzoide della narrazione, sopratutto nell'uso di un umorismo che spesso non capisco.
          Emblematico è C'era una volta in Cina in questo senso. Poi certo...la sequenza acrobatica sulle scalette mobili in legno è da capogiro, e in grado di segnare l'immaginario collettivo (se anche da noi lo si conoscesse a sufficienza...).
          Nella Redux c'è un botto di roba tagliata, la fotografia è tutta sminchiata al digitale e in generale c'è una rimasterizzazione.. il problema, ho letto, è che le copie in pellicola di questo film si sono danneggiate per la scarsa cura nella conservazione.. manco fosse un film del 1895 asd

          Comunque sono d'accordo sulla valutazione ma non sulle motivazioni, per me in The Blade manca la costruzione del viaggio epico di vendetta, redenzione, ricostruzione, sembra a tutti gli effetti una scazzottata di paese, il villain principale un ubriacone palestrato da basso borgo, e se parliamo di uno wi-xia dalle pretese epiche non è un difetto da poco.. Seven Swords dopo pochi minuti ti butta le mani in faccia e ti fa sentire in un mondo davvero leggendario, un mondo quasi fantasy, tra fabbri leggendari e spade miracolose, spadaccini invincibili, la portata è di altro livello per me.

          Ma ho apprezzato molto in THe Blade il sottotesto della tizia volontariamente divisa tra due (o più?) cuori senza amare nessuno, è trattato molto bene il suo disturbo esistenziale, la sua compulsione nel cercare l'espediente romantico..

          - - - Updated - - -

          Originariamente inviato da Roy E. Disney Visualizza il messaggio
          Wong, pulcino asd
          Allora non lo guardo quel cacchio di film, gallino xD

          Commenta


          • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
            Ma visto che è tutto l'inverso di un wuxia dalla pretese epiche non è un difetto xD
            Boh, si comincia con questi fabbri superbravissimi, si continua con pugnali indistruttibili distrutti, spade con gli anelli in stile manga, il tizio presunto volante che spacca i culi e non viene mostrato in volto fino a più di metà film, il mistero del padre di On, l'esilio dopo la mutilazione e il conseguente power-up (gestito anche piuttosto male in termini di credibilità visto che trova un mezzo libro bruciacchiato ed impara il kung-fu praticamente da autodidatta sconfiggendo il leggendario tatuato volante, poi l'ho capito il sottotesto dell'eredità del padre, eredità anche nel senso di skills, però no, ci ho creduto poco).. per me è proprio epico-wannabe, cosa che poi a Tsui esce benissimo con Seven Swords, ma qui per me è un no.

            Poi il film è bello per altri motivi, per la "sottotrama" di Ling forzatamente innamorata dei due eredi spirituali della bottega, per lo stile registico a tratti isterico che riesce benissimo a trasmettere frustrazione prima e presa di coscienza rispetto a sè stessi poi, mi sono piaciute molto anche le riprese alte soprattutto all'inizio durante la scazzottata del monaco, ecc.. ci sono tanti aspetti positivi. Ma la portata del film per me è involontariamente provinciale..

            Commenta


            • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque
              No, Tsui l'ha pensato come una sorta di decostruzione del genere wuxia sia a livello narrativo che visivo.
              Quelle che a te sembra pezzenteria sono volute scelte demitizzanti.
              Quello che ad alcuni sembrano una regia e un montaggio confusi, idem.
              Eh vabbè se è una scelta fatta consapevolmente va bene, capisco le intenzioni, ma per chi non possiede una cultura parecchio vasta sul genere la vedo dura coglierle per quello che il regista voleva fossero colte..

              Poi come mai torna su binari più "classici" con Seven Swords?

              Commenta


              • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                Perché con The Blade e poi con Time and Tide (che non è wuxia ma è cmq un esperimento a suo modo particolare) si era spinto già abbastanza in là.



                Un wuxia che parla di wuxia, forse è difficile poterlo apprezzare appieno se non si ha un minimo (vasta manco per niente) di conoscenza pregeressa.
                Io all'epoca non avevo avuto particolari problemi ad afferrare la cosa e non avevo sulle spalle molti altri film di quel genere.
                Alla fine è un Gli spietati del wuxia (di livello inferiore, ovviamente)
                Non so quanti ne debbano passare tra minima e vasta, ma io non arrivo alla doppia cifra e non ho colto xD

                Commenta


                • The Walk

                  Prima parte fastidiosa, ai limiti del macchiettistico, seconda molto coinvolgente, tecnicamente eccelsa, visivamente inaudita.
                  Però Man on Wire sull'argomento è complessivamente è molto più bello, sentito, emozionante. E anche il sottovalutato The Flight rimane un film migliore. Rimane comunque inspiegabilmente un film visto da pochissimi, quando avrebbe tutte le carte in regola per piacere a una grande fetta di pubblico.
                  [FONT=lucida grande]"Il cinema non fornisce ciò che desideri, ti spiega come desiderare." Slavoj Žižek

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da franzo89 Visualizza il messaggio
                    The Walk

                    Prima parte fastidiosa, ai limiti del macchiettistico, seconda molto coinvolgente, tecnicamente eccelsa, visivamente inaudita.
                    Però Man on Wire sull'argomento è complessivamente è molto più bello, sentito, emozionante. E anche il sottovalutato The Flight rimane un film migliore. Rimane comunque inspiegabilmente un film visto da pochissimi, quando avrebbe tutte le carte in regola per piacere a una grande fetta di pubblico.
                    Anche questa espressione è piuttosto originale!xD Mi piace!

                    Commenta


                    • Visto che parlavate di wuxia segnalo che The assassin è appena sbarcato nelle "sale"... xD

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da lt.aldo.raine.89 Visualizza il messaggio
                        Visto che parlavate di wuxia segnalo che The assassin è appena sbarcato nelle "sale"... xD
                        Ah bravo... ottimo, lo aspettavo.

                        Commenta


                        • "Stoker"
                          Il primo film in lingua inglese di Chan-wook Park è davvero un'ottimo thriller anche se in alcuni momenti tende ad appattiarsi ed a diventare prolisso sopratutto nella prima parte.nella seconda invece il film prende slancio e diventa un thriller angosciante e confezionato ad arte e registicamnete perfetto.
                          Voto:7.5
                          "Non discutere mai con un idiota: la gente potrebbe non notare la differenza"

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                            Visto la settimana scorsa :seseh:
                            Pareri? Sono curiosissimo.

                            Ah quindi sarebbe già uscito? Buono a sapersi...
                            [FONT=lucida grande]"Il cinema non fornisce ciò che desideri, ti spiega come desiderare." Slavoj Žižek

                            Commenta


                            • Ho recentemente visto due documentari: Going Clear (che tema terrificante) e Twinsters (carino).
                              Poi ho visto"Bare" di Natalia Leite, un piccolo film indie con Dianna Agron e Paz de la Huerta. Non male, Dianna ha dimostrato che puà trascinare da sola un'intero film da lead.
                              "La nostra vita non è dietro a noi, né avanti, né adesso, è dentro." (Jacques Prévert)

                              Commenta


                              • Visto Timecrimes di Nacho Vigalondo.. ragazzi.. geniale.. totale.. quattro attori in tutto, cinquanta personaggi diversi, per me è già cult. Non credo a quello che ho visto.. a cosa cazzarola ha tirato fuori 'sto ragazzo da un plot semplicissimo, madonna..

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X