annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Colossal (2016) di Nacho Vigalondo

    Visto in l.o., un gioiellino di film a metà tra una comedy, un cinecomic e un monster-movie nippo (un pensiero a Pacific Rim è d'obbligo).
    Fatto con 2 spicci ti tira fuori dal cilindro: una trama semplice ma efficace, personaggi ben caratterizzati, una cgi ottima (in rapporto al prodotto, s'intende), un villain davvero cattivo e detestabile (roba rara di questi tempi) e un terzo atto che non annoia.

    ..quando accade che non serve (necessariamente) il budjet per fare un bel film.

    Commenta


    • 25874.jpg
      COSE DELL’ALTRO MONDO Regia di Francesco Patierno
      Anche in dvd Medusa. Commedia con scarto nel surreale e qualche pretesa di fotografare il tessuto sociale di una delle parti geografiche più dinamiche del Paese , tuttavia ancorata a radici che tumultuosamente e rapidamente danno e prendono da un territorio effervescente e in costante mutazione. In trigesimo un “Crash_ Contatto fisico” che ribatte i ricordi di una “Peggy Sue si è sposata”, dove il dato sociologico cede progressivamente il passo alla convenzionalità di rapporti familiari sempre più omogenei , poggiati sul trio dei principali protagonisti , forse per non caricare la storia di eccessive dispute politiche. C’è Diego Abatantuono che colora la dizione con la calata veneta in quel nord-est in cui si fa’ interprete di una borghesia imprenditoriale arricchita che dice la sua sul mondo : è pure l’editore di una emittente privata da dove sciorina pipponi fascio-leghisti sul tema dell’integrazione dei migranti. Finché una notte TUTTI e contemporaneamente gli extracomunitari e stranieri spariscono nel nulla. Pure il moroso di una maestra incinta ( Valentina Lodovini , come in “Generazione 1000 euro”), comunque corteggiata dal suo ex ( Valerio Mastandrea, che “lavora e vive a Roma”, e dunque non sfoggia l’accento indigeno ;-) ) . Come riusciranno gli italians e svicolarsi dai problemi pratici e sentimentali che affiorano rapidamente con la mancanza di manodopera esotica?
      La “trovata” del soggetto monta nelle premesse sui vibranti monologhi televisivi del borioso tycoon e padrone di fabbrica e prende conclusione con uno spiraglio di speranza ancora vago, ma nel frattempo lenito da nostalgie sincere o stornate da un arcaico passato superstizioso ed espiatorio. In mezzo,finti TG “apocalittici” e nervi scoperti da penuria di badanti / operai/ domestici/spazzini/meretrici…
      Passabile; misurato e non predicatorio se non nella esacerbazione urlata dei pro e contro annichiliti a luoghi comuni (imho).


      "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

      Commenta


      • Ho provato a vedere Inland Empire. Dopo un'ora mi sono arreso.
        Premetto che ho adorato Eraserhead, Strade Perdute, Twin Peaks e Mulholland Drive, quindi non è certo la prima volta che mi approccio a Lynch.
        Premetto che in genere ritengo sbagliato giudicare un film senza averlo concluso, ma per questa volta faccio un'eccezione.
        Non è tanto la trama (o l'assenza di essa) il problema, quanto l'aver letteralmente detestato le scelte tecniche ed estetiche che sono state fatte. Posso anche apprezzare l'idea di girare un film con una telecamera semi-professionale, ma in questo caso sul piano estetico il film mi sembrava davvero insignificante. Sì, ho provato del disagio in certi momenti, ma non credo fosse per un merito oggettivo del film, ma piuttosto per il fatto che, girando in quel modo, sia piuttosto semplice procurare questo effetto allo spettatore. Mi sono sentito preso in giro, in pratica.
        In genere adoro lo sperimentalismo e non disdegno assolutamente l'idea di usare dei mezzi tecnici "poveri", anzi è una cosa che mi incuriosisce da morire, ma il film in ogni momento mi dava molto un'idea di "Faccio cose random per come mi va". Secondo me anche se si vuole fare un film visionario e fuori dagli schemi un minimo di disciplina nel girarlo ci vuole, se vedo cose random fatte male il film per me è semplicemente brutto, grazie tante che mi fa provare disagio se è fatto in questo modo, mi sembra ovvio.
        Sapevo già che, andando avanti, la trama sarebbe diventata sempre più sfuggente e incomprensibile e sapevo già che il film sarebbe stato più o meno tutto su questo registro.
        Dopo un'ora mi sono detto: "No, io altre due ore non le butto con questo film, basta". Non me la sono sentita. Quell'ora di film l'ho trovata vuota e inespressiva, e sono abbastanza convinto che sarebbero state allo stesso modo anche le rimanenti due ore.
        Ultima modifica di Lights; 06 luglio 17, 15:34.

        Commenta


        • Insieme a Eraserhead questa è la visione più coercitiva concepita dalla mente di David Lynch.
          Non sono capace di farne una recensione dico solo che le tre ore non mi sono mai pesate e che nel complesso la considero un' esperienza estremamente positiva.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Lights Visualizza il messaggio
            Ho provato a vedere Inland Empire. Dopo un'ora mi sono arreso.

            Hai fatto bene.

            Anch'io ne ho vista un'oretta e stop. La vita è troppo breve, e i film da vedere assolutamente sono migliaia.

            Magari lo capiremo più avanti. Se no amen, oh.

            Commenta


            • Provate a guardarlo a notte fonda, da soli in casa, con tutte le luci spente.



              Avete mai contato le ore perse a vedere film idioti, cinecomic, blockbuster e commedie italiane?

              Commenta


              • Ne ho interrotti tanti, anche di quelli. Farò la prova però...

                Commenta


                • E' un crescendo di delirio tensione e inquietudine con una Laura Dern indimenticabile, una seconda possibilità concedetegliela.
                  Poi per quanto la tecnica utilizzata possa essere definita "sciatta" o "amatoriale" (quante critiche simili a queste ho letto a proposito di Nemico Pubblico!) la cura con cui Lynch compone le immagini rimane sempre esemplare.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                    Provate a guardarlo a notte fonda, da soli in casa, con tutte le luci spente.



                    Avete mai contato le ore perse a vedere film idioti, cinecomic, blockbuster e commedie italiane?



                    Effettivamente Inland Empire è stata una visione non dico liscia, però sarà che mi sono sentito trascinato e trasportato da questa operazione estrema, ma mi è piaciuto molto.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                      E' un crescendo di delirio tensione e inquietudine con una Laura Dern indimenticabile, una seconda possibilità concedetegliela.
                      Poi per quanto la tecnica utilizzata possa essere definita "sciatta" o "amatoriale" (quante critiche simili a queste ho letto a proposito di Nemico Pubblico!) la cura con cui Lynch compone le immagini rimane sempre esemplare.
                      Nemico Pubblico? Quello di Mann, dici? No, beh, in quello a me fa cagare l'uso del digitale (solo in quello, negli altri film no), ma di "sciatto" tecnicamente Mann non ha proprio nulla. Forse la pettina.

                      Comunque mi hai convinto, tranquillo. Anche la modalità di visione che suggerisci mi sembra un'ottima idea. Mi sono anche procurato The Kingdom, seguendo un tuo giudizio entusiastico: potrei fare la doppietta con Lynch, così poi mi ricoverano all'Arkham Asylum.

                      Commenta


                      • Ragazzi cosa ne pensate qui dentro di Lawrence Kasdan come regista? Credo che sia noto alla maggior parte delle persone solo per la sua collaborazione con Lucas ma anche in solitaria ha scritto e diretto degli ottimi film! Per esempio ho appena rivisto "Grand Canyon" e non volevo che finisse.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Milanismi 2 Visualizza il messaggio
                          Ragazzi cosa ne pensate qui dentro di Lawrence Kasdan come regista? Credo che sia noto alla maggior parte delle persone solo per la sua collaborazione con Lucas ma anche in solitaria ha scritto e diretto degli ottimi film! Per esempio ho appena rivisto "Grand Canyon" e non volevo che finisse.

                          Ho sempre amato Silverado, sia perché come film a sé stante funziona, sia perché mi ha spinto a recuperare tanti ottimi western del passato che nel film vengono omaggiati.

                          Commenta


                          • Si, Silverado è stupendo

                            Commenta


                            • Il suo film che preferisco in assoluto è TURISTA PER CASO.

                              Ah, e BRIVIDO CALDO.

                              'azz, e IL GRANDE FREDDO!
                              Ultima modifica di ColonelBlimp; 07 luglio 17, 13:44.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Milanismi 2 Visualizza il messaggio
                                Ragazzi cosa ne pensate qui dentro di Lawrence Kasdan come regista? Credo che sia noto alla maggior parte delle persone solo per la sua collaborazione con Lucas ma anche in solitaria ha scritto e diretto degli ottimi film! Per esempio ho appena rivisto "Grand Canyon" e non volevo che finisse.
                                Come regista... non vale lo sceneggiatore, cosa che capita quasi sempre quando uno sceneggiatore passa dietro la macchina da presa...
                                'Grand Canyon' per quello che ricordo è il suo film migliore, o perlomeno l'unico che preferisco... ci vinse anche l'Orso d'oro a Berlino...
                                Come tipologia di film corale anticipò Altman ('I protagonisti'; 'America oggi') come lo stesso P.T. Anderson, che però con 'Magnolia' si è poi messo alle spalle sia l'uno che l'altro...
                                "E' la vita mia: mille occhi, una foresta, una giostra di periferia"

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X