annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Turbocapitalismo è un termine esistente nella Treccani, Garzanti e in tutti gli altri vocabolari, non è un termine inventato da Fusaro e significa "capitalismo sfrenato".

    Commenta


    • Diciamo che - specie in Italia - viene usato quasi esclusivamente da Fusaro e gente del suo "spessore".

      Commenta


      • A coniare il termine fu l'economista Luttwak negli anni 70. Quelle teorie sono interessanti, si analizzava la fine di ogni ideologia anti capitaliste nella società occidentale post guerra fredda. Poi da fusaro e soci è stato ripreso negli ultimi anni e semplificato per dire capitalismo sfrenato che mira a distruggere sovranità degli stati, mentre Luttwak diceva che gli Stati del primo mondo ormai non potrebbero reggere più guerre pena la distruzione totale quindi la guerra si fa a livello economico, globalizzando l'economia mondiale ma con tutto un gioco di strategie economico-militari che favoriscano gli stati nazionali.
        Ultima modifica di Sebastian Wilder; 17 ottobre 18, 11:20.

        Commenta


        • Originariamente inviato da trabant Visualizza il messaggio
          L'albero dei frutti selvatici di Nuri Bilge Ceylan
          Ceylan prosegue con la sua critica piuttosto feroce degli intellettuali del suo paese, persi dietro aspirazioni velleitarie e narcisistiche e per questo lontani dal popolo che finisce per seguire il populismo di stampo militare e religioso. Mentre nel film precedente il bersaglio era un agiato sessantenne, qui se la prende anche con un giovane appena laureato e spiantato, come a dire non si salva nessuno.
          Non male ma Il Regno d'inverno era a mio avviso molto migliore.
          Eh ma Il Regno d'Inverno è un capolavoro. Eguagliarlo o fare meglio non era affatto semplice. Beato te comunque che sei riuscito a vedere quest'ultima fatica di Ceylan.


          Ragazzi vi prego, non nominiamo Fusaro anche qui. Già non lo si sopporta in generale
          https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

          "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

          Commenta


          • Praticamente avete fatto una polemica basata sul nulla... il termine turbocapitalismo esiste nella lingua italiana e su chi lo utilizzi sinceramente me ne frega zero.
            Non è un termine discriminatorio, che dovrebbe causare ribrezzo al lettore; a meno che non si sia dei capitalisti sfrenati, ma in quel caso è il film che condanna la tale pratica, quindi il vostro sdegno dovrebbe essere rivolto a Wyler e comunque io mi schiero a favore del regista nettamente.

            Mi spiace che vi siano utenti che si sono fermati nella lettura del commento subito perché c'era quella parola. Vorrà dire che la prossima volta sceglierò termini meno controversi... sempre che ve ne siano in questo periodo.

            Commenta


            • Suvvia, si scherza. La seriosità è un altro grande problema di quest'epoca moderna. Oltre a Fusaro. E ai fascisti come lui.*










              *tra i quali non metto te, of course.

              Commenta


              • Uno Sparo nel Buio - di B. Edwards

                Forse il miglior film della saga della Pantera Rosa (e unico senza la pantera nel titolo!). Funziona tutto, da un Sellers strepitoso ma non cartoonesco come in futuro, alla new entry Kato, vero deus ex machina comico, al grandissimo Lom, unico in grado di rubare la scena a Sellers! Soprattutto c'è una solida trama di stampo teatrale che fornisce una solida ossatura agli istrionismi di Sellers. Molte poi le trovate puramente cinematografiche inventate da Edwards per vivacizzare il film, come l'omicidio al campo nudista. Incredibile quanti film successivi abbiano saccheggiato le gag da questo film e da altri simili (praticamente metà dei film di Villaggio).
                Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                Spoiler! Mostra

                Commenta


                • Originariamente inviato da ColonelBlimp Visualizza il messaggio
                  Suvvia, si scherza. La seriosità è un altro grande problema di quest'epoca moderna. Oltre a Fusaro. E ai fascisti come lui.*










                  *tra i quali non metto te, of course.
                  Ok, tengo conto di questo post, abbinandolo _di mia iniziativa_ al discorso sulle iperboli personali che Maddux Donner faceva nella sez. Home Video. Anch'io, figurarsi, ho le mie impuntature , ma ti/vi chiedo anche "stacce", non prendetele necessariamente come filippiche atte a dimostrare una tesi socio-politica sebbene metta termini di quella estrazione.
                  Per dire : ne "La Foresta Pietrificata" c'è la signora borghese a cui i banditi fregano la macchina ed i contanti del marito , che all'inizio sembra altezzosa e disgustata da tutti; poi si rivela come una aspirante attrice che ha rinunciato "ai sogni" in cambio della sicurezza (economica) matrimoniale, ed addirittura finisce col chiedere un "passaggio" sulla macchina requisita dai gangster...Quasi la parabola marxista della vampiresca "carne morta" (il Capitalismo ; vedi anche i Buoni del Tesoro "congelati" dal nonno di Gaby...) che in questo caso si rianima riavvicinandosi all'azione "proletaria/lavoratrice" della "carne viva". Una suggestione intellettuale, non una tribuna politica : a Fusaro comunque non ci pensavo proprio...:-p.

                  Per quanto riguarda l'origine del Turbocapitalismo agli albori del XX secolo e la sua semantica fissata poi dai "Chicago Boys", non si dimentichi che in mezzo ci sono state robe non da poco come la Grande Depressione,La Seconda Guera Mondiale, il Fordismo, il Vietnam e la Guerra Fredda e la fase appunto dell'edonismo Reaganiano. Periodi ampiamente tratteggiati al cinema . :-)
                  Ultima modifica di henry angel; 18 ottobre 18, 05:31.
                  "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                  Commenta


                  • Ne han scritto sul FilmTv di questa settimana. Non posso dire di averlo visto da cima a fondo ma val la pena scorrerlo, si consiglia soprattutto la sezione "hhh"... Immagino che a casa di Sarah-Judy lo trasmettano così. Un abbraccio virtuale al forsennato che l'ha concepito e montato.

                    https://vimeo.com/150423718



                    Commenta


                    • Sono sotto shock. Ma chi diavolo può aver mai pensato a una cosa del genere e soprattutto quanto tempo può avergli mai preso?!

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da ColonelBlimp Visualizza il messaggio
                        Suvvia, si scherza. La seriosità è un altro grande problema di quest'epoca moderna. Oltre a Fusaro. E ai fascisti come lui.*










                        *tra i quali non metto te, of course.
                        Fusaro non è fascista ma un marxista rossobruno. Fine OT.

                        Commenta


                        • A volte gli estremi si toccano: il nostro amico marxista scrive anche per "Il primato nazionale", rivista ufficiale di CaccaPound. Fine OT anche per quanto mi riguarda.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Bone Machine Visualizza il messaggio
                            Ne han scritto sul FilmTv di questa settimana. Non posso dire di averlo visto da cima a fondo ma val la pena scorrerlo, si consiglia soprattutto la sezione "hhh"... Immagino che a casa di Sarah-Judy lo trasmettano così. Un abbraccio virtuale al forsennato che l'ha concepito e montato.

                            https://vimeo.com/150423718


                            Mad pure i titoli iniziali... "to to To to to"

                            Commenta


                            • Sono arrivato alla k, la parte "hhh" è roba che cinema d'essai levati.

                              La parte più facile da fare comunque è stata al "because"

                              Commenta


                              • La pantera rosa sfida l'ispettore Clouseau:
                                alla 4 avventura, la saga, già di per se cartoonistica, diventa fin troppo surreale. Manca una base solida, rigida, su cui poggiare gli istrionismi dei personaggi. Qui si cerca invece la costante parodia cinematografica (dichiarata gia nei titoli animati, che riprendono vari film), dai film Hammer fino alla parodia dei film di Bond. Delundente, specie perchè ci sono dei buoni momenti, come l'interrogatorio della servitu' o la gag del gobbo di Notre Dame.
                                Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                                Spoiler! Mostra

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X