annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'ultimo film che hai visto?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Hollywood Party è il miglior film del regista, e no, non fu un successo all'epoca, ma un flop nonostante l'attacco al sistema. Tra l'altro Edwards attacca pure i giovani contestari del 68' visti come dei coglioni che manifestano (la madre dice alla figlia "non stavi a contestare qualcosa?") e fanno gli pseudo trasgressivi, utili per mandare il tutto in caciara.

    Commenta


    • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
      è il golfo di Salerno! per chi lo conosce è riconoscibilissimo

      si vede anche chiaramente la marina di Vietri sul Mare ripresa dai paesini alti di quel tratto iniziale di Costiera Amalfitana
      Ho riconosciuto la chiesa di Vietri e la Torretta di Cetara!!
      A volte mi scordo che sei campano anche tu...
      Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
      Spoiler! Mostra

      Commenta


      • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
        Hollywood Party è il miglior film del regista, e no, non fu un successo all'epoca, ma un flop nonostante l'attacco al sistema. Tra l'altro Edwards attacca pure i giovani contestari del 68' visti come dei coglioni che manifestano (la madre dice alla figlia "non stavi a contestare qualcosa?") e fanno gli pseudo trasgressivi, utili per mandare il tutto in caciara.
        Indubbiamente ha generato quasi un filone, creando molte "copie" anche in Italia (penso a "Odio le bionde", o "Aragosta a colazione" con Montesano, o a "Spaghetti a mezzanotte" con Banfi), ma sul fatto che sia il miglior film dissento....credo che "La pantera rosa" o "uno sparo nel buio" gli sia superiore.
        Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
        Spoiler! Mostra

        Commenta


        • Il mio preferito di Edwards resta forse Victor Victoria, benchè anche gli altri si difendano.
          Tra i meno noti ricordo sempre con piacere il bellissimo Micki & Maude, godibilissima commedia su un bigamo impenitente, con la Amy Irving di Fury.

          Un film che avrei voluto vedere e non vedrò mai, invece, è un "Dottor Stranamore" diretto dal grande Blake (di certo non ci saremmo persi le torte in faccia).
          Ultima modifica di papermoon; 09 dicembre 18, 11:24.

          Commenta


          • Originariamente inviato da papermoon Visualizza il messaggio
            Il mio preferito di Edwards resta forse Victor Victoria, benchè anche gli altri si difendano.
            .
            quoto! Anche per me è il suo capolavoro e quello di più alta e rigorosa tenuta registica, riuscendo così a garantire (molto meglio che altrove) una solida adesione tra il registro brillante e quello psicologico, con conseguente agile mescolanza tra malinconia e comicità. Il complesso gioco di trasformismi alla base dell’opera, una donna che si finge un uomo che si finge una donna, diventa una sapiente metafora dell’illusione alla base della fiction cinematografica: l’auto convincimento, da parte dello spettatore, della realtà di una finzione. E' il remake "travestito" di un film tedesco poco conosciuto, ma risulta nettamente superiore all’originale per esuberanza visiva, erotismo conturbante, ricchezza scenografica, capacità inventiva, ritmo coinvolgente, eleganza formale e interpretazioni degli attori. Sotto la patina luccicante si nasconde una caustica critica alla morale perbenista ed alla sua connaturata tendenza a giudicare, etichettare, bandire, in base alle apparenze. E' senza dubbio una delle migliori commedie degli anni '80.

            "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


            Votazione Registi: link

            Commenta


            • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
              quoto! Anche per me è il suo capolavoro e quello di più alta e rigorosa tenuta registica, riuscendo così a garantire (molto meglio che altrove) una solida adesione tra il registro brillante e quello psicologico, con conseguente agile mescolanza tra malinconia e comicità. Il complesso gioco di trasformismi alla base dell’opera, una donna che si finge un uomo che si finge una donna, diventa una sapiente metafora dell’illusione alla base della fiction cinematografica: l’auto convincimento, da parte dello spettatore, della realtà di una finzione. E' il remake "travestito" di un film tedesco poco conosciuto, ma risulta nettamente superiore all’originale per esuberanza visiva, erotismo conturbante, ricchezza scenografica, capacità inventiva, ritmo coinvolgente, eleganza formale e interpretazioni degli attori. Sotto la patina luccicante si nasconde una caustica critica alla morale perbenista ed alla sua connaturata tendenza a giudicare, etichettare, bandire, in base alle apparenze. E' senza dubbio una delle migliori commedie degli anni '80.
              pensare che la parte dell'amico gay era prevista per Sellers, che è venuto a mancare troppo presto
              Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
              Spoiler! Mostra

              Commenta


              • Hollywood Party non si batte, è l'essenza del regista con Peter Sellers che esprime appieno la visione del regista come attore. Victor Victoria può essergli superiore.

                La Pantera rosa è un ottimo film, ma s'arena incredibilmente nella parte romantica con tanto di lunghissimo dialogo tra Cardinale e Niven che è tirato per le lunghe.
                Fortunatamente il resto del film surclassa e la seconda parte è follia pura, tra festa scatenata, la zebra (tre inquadrature ed è nel mito), i due vestiti da scimmie e tutto l'inseguimento in strada.

                Di Edwards facendo una classifica di ciò che ho visto di suo (non molto), direi :

                - Hollywood Party
                - Victor Victoria
                - Colazione da Tiffany
                - Pantera Rosa
                - La Grande Corsa

                Dovrei recuperare altro del regista.
                Ultima modifica di Sensei; 09 dicembre 18, 12:57.

                Commenta


                • Visto solo una volta anni fa, ma di Edwards ho un ricordo positivo di S.O.B.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da UomoCheRide Visualizza il messaggio

                    Cerasella
                    Film dei telefoni bianchi che racconta un mondo che non c'è piu e che ho visto solamente per tre ragioni 1) dovevo stirare, 2) inizialmente si inquadra quello che credo sia il golfo di Salerno 3) mi incuriosiva vedere il giovani Terence Hill (qui Mario Girotti) recitare insieme a Luigi De Filippo (che qui si dimostra un attore molto capace, addirittura in certi momenti vittimistici degno erede del padre Peppino). Storiella anni 50, di battibecchi amorosi tra ricchi e poveri...soliti stereotipi...i militari scontrosi, i vecchi saggi, i matrimoni organizzati in pochi secondi....robetta da antiquariato, da vedere per curiosità.
                    Cmq non è un film dei telefoni bianchi, con questo termine si indica la commedia sofisticata durante il Ventennio di ispirazione est-europea.

                    Brevi commenti su film visti non in sala:

                    Under the silver lake (D. R. Mitchell, 2018)

                    Anche se a tratti mi ha pure divertito, il film è un pasticcio tremendo, e non si capisce bene nemmeno cosa vorrebbe essere, sembra più una collezione di sequenze una dietro l'altra, sempre più strambe, che non un film. Che il regista di It follows sia stato sopravvalutato come Richard Kelly? Il dubbio è lecito.

                    Assassination Nation (S. Levinson, 2018)

                    Un pastiche di generi, un po' Harmory Korine di Spring Breakers, un po' The Purge, con in mezzo altre diecimila cose. Ha diversi cambi di registro e tono, il ritmo tiene bene, le 4 zoccolette sono brave e in parte, lo stile sovraeccitato dopo 30 minuti si normalizza ma non è necessariamente una pecca. Cinema di pure superfici, di seduzione epidermica, meno di profondo di quel che forse vorrebbe essere, ma non così stupido come molti a un primo sguardo potrebbero pensare.

                    Burning (Lee Chang-Dong, 2018)

                    La cosa migliore vista negli ultimi tempi insieme al film di Cuaron, un melò-thriller sorprendente per come gioca con le aspettative dello spettatore. Il cineasta coreano si riconferma un maestro della produzione odierna. Pare che (scandalosamente) nessun distributore lo abbia preso, spero vivamente di sbagliarmi perché lo rivedrei volentieri in sala. Magnifico

                    Hesus, Rebolutyonaryo (L. Diaz, 2002)

                    Ambientato in un prossimo futuro - che oggi è già sorpassato in termini di datazione - un film sorprendente perché insolito rispetto allo stile tipico del regista filippino. Un action secco e violento come un film di Hong Kong dei bei tempi, profondamente politico nel puntare il dito contro il governo del suo Paese. Di maniera ma già personale nei temi e nel modo di approfondire i personaggi, l'ennesimo tassello di un percorso autoriale tra i più curiosi del cinema contemporaneo. E dura appena 1 ora e 50 minuti.

                    Under the electric clouds (A. German jr, 2015)

                    Tosto sicuramente, ma questo regista russo è degno di cotanto padre, filmando una fantascienza distopico/realistica che affonda le viscere non solo nella realtà del suo Paese, ma anche nella condizione umana tout court, con quella sensibilità e l'acribia tipica degli intellettuali russi. Fatalmente per pochi, ma è grande cinema.

                    Days of the eclipse (A. Sokurov, 1988)

                    Anche il massimo regista russo vivente si è cimentato a mia insaputa con la fantascienza di stampo realistico. Un'opera sperimentale nella fotografia e nella colonna sonora, ma non mi ha convinto fino in fondo, la struttura narrativa è troppo slabbrata e lascia addosso un senso di straniamento circa la vicenda e le emozioni dei personaggi. Più una curiosità per completisti del Maestro russo.
                    Ultima modifica di Medeis; 10 dicembre 18, 15:37.

                    Commenta


                    • Dove li hai visti?

                      Commenta


                      • Concordo su Burning... non perdevetelo.

                        Commenta


                        • Giorni fa ho visto "Eighth Grade", scritto e diretto da Bo Burnham che è un bravissimo comico-cantautore statunitense classe '90 (!), qui all'esordio da regista.
                          Protagonista del film è una ragazzina che sta finendo la terza media, senza amici e inadeguata in qualsiasi cosa, che tenta di uscire da questa situazione anche se sempre in modo goffo e imbarazzante. E l'imbarazzo è ciò che permea tutto il film, si raggiungono vette clamorose di cringe (tanto per usare un termine in voga), e non è affatto difficile empatizzare o identificarsi con la protagonista, il cui disagio è palpabile. Il tutto è raccontato e confezionato in modo molto sobrio ed efficace, e si sente che dietro a questo progetto c'è un neanche trentenne: penso sia la prima volta che vedo la tecnologia (intesa come novità portate dagli smartphone e dai social) raccontata in questo modo, con consapevolezza ma senza demonizzazioni urlate, così come raramente mi è capitato di veder dipinta in modo così autentico e realistico la quotidianità di chi è nato nell'era digitale. Sicuramente tra i migliori film "da Sundance" che abbia visto.

                          Commenta


                          • sempre interessanti le proposte di Medeis

                            dal canto mio alcune visioni in sala

                            Tre volti di Jafar Panahi, l'immagine di un Iran rurale, arretrato economicamente e culturalmente, ancora più di quanto la rivoluzione islamica abbia riportato indietro il resto della nazione, che il regista guarda con un occhio sconsolato e allo stesso tempo compassionevole verso quella che comunque è la sua terra, finale stupendo che da solo vale il film

                            Santiago, Italia di Nanni Moretti, approvo l'idea di richiamare alla memoria il golpe cileno ed il coinvolgimento del nostro paese, disapprovo l'utilizzo del dramma degli esuli in chiave politica con un forzato riferimento alle vicende attuali, sala abbastanza gremita di esponenti dell'intellighenzia medio borghese vicini ai 60, commossi al ricordo agli anni nei quali erano giovani e inneggiavano anche loro alla revolusiòn intonando erpuebblounìdo

                            La casa delle bambole (Ghostland) di Pascal Laugier, per me la vera sorpresa del weekend, non gli avrei dato molto dopo aver visto il trailer dal quale sembrava tutta roba già vista, ed in effetti anche se è così il risultato regala momenti di autentica angoscia, nei quali le speranze e i sogni vanno in frantumi e si vive la disperazione delle protagoniste, rispetto agli horror o presunti tali arrivati in sala quest'anno questo piccolo film è di un altro livello
                            Ultima modifica di trabant; 10 dicembre 18, 23:07.
                            In qualche strana maniera noi svalutiamo le cose appena le pronunciamo. Crediamo di esserci immersi nel più profondo dell'abisso, e invece quando torniamo alla superficie la goccia d'acqua sulle punte delle nostre dita pallide non somiglia più al mare donde veniamo. Crediamo di aver scoperto una caverna di meravigliosi tesori e quando risaliamo alla luce non abbiamo che pietre false e frammenti di vetro; e tuttavia nelle tenebre il tesoro seguita a brillare immutato. (Maeterlinck)

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da trabant Visualizza il messaggio
                              s
                              Santiago, Italia di Nanni Moretti, approvo l'idea di richiamare alla memoria il golpe cileno ed il coinvolgimento del nostro paese, disapprovo l'utilizzo del dramma degli esuli in chiave politica con un forzato riferimento alle vicende attuali, sala abbastanza gremita di esponenti dell'intellighenzia medio borghese vicini ai 60, commossi al ricordo agli anni nei quali erano giovani e inneggiavano anche loro alla revolusiòn intonando erpuebblounìdo
                              Nella spietata competizione per issare il proprio lavoro nelle sale e tenercelo il tempo minimo necessario per ricavare utili, anche una "sparata" che pare fatta apposta per dare, ovvero ricevere, titoli sui giornali è "utile alla causa". E' pure volgare , si può essere d'accordo. Meglio essere sobriamente ignorati e lasciare il campo libero TUTTI I GIORNI E SU TUTTI I MEDIA alle improvvide dichiarazioni di questo o quello "vip" (del trash)?Davvero "...dacci oggi il nostro Vittorio Feltri quotidiano" che (stra)parla di qualsiasi argomento , rivenduto come "autorevole esperto" da qualche "autorità" nel campo della comunicazione con gli occhi fissi sull'auditel? Peraltro allora, nel segno della sobrietà comincino a segare la pubblicità obbligatoria prima delle proiezioni. :-p

                              "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                              Commenta


                              • Climax (2018) di G. Noé

                                un'esperenza disturbante che trae alimento del congenito sadismo dell'uomo comune nel non riuscire a distogliere lo sguardo dai corpi maciullati durante un grandguignolesco incidente in autostrata che coinvolge mezzi pesanti.

                                Gaspar preme in maniera molesta nel solleticare la devianza della psiche che fa leva sugli istinti più scellerrati, senza affrontare un percorso dal quale trarre un qualsivoglia insegnamento. L'epilogo tronco denota proprio il disinteresse verso qualsiasi altra aspirazione che non sia quella di offrire un brutto giro di giostra fine a se stesso.

                                non fa per me...

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X