annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Transformers 3: Dark of the Moon

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sì wabbè Marv sempre la solita storia, o come è dici altrimenti non se ne fa nà Eva eh? quindi per te è fantasy anche Dune. Capito. Idem per quanto riguarda La Fondazione allora no? Mi sorge il sospetto quindi che lo sia anche Guida Intergalattica per gli Autostoppisti...

    Forse deve aver scritto qualche libro fantasy anche Ray Bradbury...

    Poi non riesco a capire perché la tecnologia T2 è ok e quella di T3 invece è demenziale, il film è demenziale e quello son d'accordo anch'io, ma la TX non mi sembrava così malaccio... ma va a gusti immagino.
    «Perché ti sei dimenticato di me?»

    Commenta


    • Guida Galattica per autostoppisti è una commedia sul genere Monti Pyton.
      In verità non c'è niente di plausibile nel T-1000, cameron ha bellamente sorvolato su come sia possibile realizzare quel coso, semplicemente ci è dato sapere che nel 2029 skynet può farlo. Il TX parte da un presupposto più facile da immaginare, rispetto al T-1000.

      Commenta


      • Originariamente inviato da Maddux Donner
        Guida Galattica per autostoppisti è una commedia sul genere Monti Pyton.
        In verità non c'è niente di plausibile nel T-1000, cameron ha bellamente sorvolato su come sia possibile realizzare quel coso, semplicemente ci è dato sapere che nel 2029 skynet può farlo. Il TX parte da un presupposto più facile da immaginare, rispetto al T-1000.
        Il presupposto è la scoperta di un nuovo metallo liquido e la tecnologia per plasmarlo a piacimento(impulsi elettrici?). Se ci pensi non è così "fantascientifico", appunto, cose di questo tipo riescono a farsi tutt'ora...

        Originariamente inviato da Alexian
        Sì wabbè Marv sempre la solita storia, o come è dici altrimenti non se ne fa nà Eva eh? quindi per te è fantasy anche Dune. Capito. Idem per quanto riguarda La Fondazione allora no? Mi sorge il sospetto quindi che lo sia anche Guida Intergalattica per gli Autostoppisti...

        Forse deve aver scritto qualche libro fantasy anche Ray Bradbury...

        Poi non riesco a capire perché la tecnologia T2 è ok e quella di T3 invece è demenziale, il film è demenziale e quello son d'accordo anch'io, ma la TX non mi sembrava così malaccio... ma va a gusti immagino.
        Ma guarda che non è difficile arrivarci... il termine "fantascienza" si basa proprio su questo. Si tratta di scienza con una buona dose di fantastico. Mette in pratica cose che la nostra tecnologia ancora non permette, ma magari possibili a livello teorico. Qualche esempio? La cibernetica negli anni '50, il viaggio nel tempo tutt'ora, la clonazione fino a qualche anno fa, la colonizzazione dello spazio e così via. Il fantasy non ha bisogno di questi presupposti, propone un mondo, una realtà, totalmente fantastici, in cui magari le persone vivono nello spazio da sempre e possono avere un potere innato che ha tutte le caratteristiche di un potere spirituale(la Forza), vivono tra razze mai viste(proprio come Hobbit, Elfi e Nani) e combattono forze oscure. O mi vuoi dire che gli Ewok, gli wookie non sono esseri tipici del fantasy? I punti di contatto tra LOTR e SW sono infiniti... l'unica differenza, invece, è l'ambientazione... ma un film d'avventura resta tale sia se ha un'ambientazione, che ne so, asiatica, sia se ce l'ha antartica. Così come un film fantasy è ambientato in una realtà fantastica quale può essere quella della Terra di Mezzo o quella della Repubblica Galattica. Quindi si deve essere propensi o meno a classificarli nello stesso genere? Secondo me si... il fantasy, appunto, perché entrambi nel rispettano praticamente tutti i canoni.
        Asimov, Bradbury parlavano anche, e soprattutto, della scienza che porta gli esseri umani ad assurgere allo status in cui vengono presentati nei loro scritti... Asimov, anzi, propone delle regole precisissime per quanto riguarda i mondi da lui descritti, tutte scientificamente verosimili... Io, Robot, Fondazione... tutta roba che si basa sulla scienza e sui limiti che impone, quelli che si possono trascendere, le regole che la compongono ecc. La differenza è enorme, direi totale.

        Commenta


        • Il T-1000 sta sul filo del rasoio della fantascienza però. Il fatto che nel film spieghi solo i suoi limiti e le sue capacità, non spiega assolutamente come sia possibile una tecnologia del genere e lo spettatore medio non è che ci arriva a spiegarlo, ma lo spettatore medio nemmeno se lo chiede ovviamente. Però un conto è dire che con impulsi di qualche tipo il metallo liquido si può plasmare, un conto è invece credere che si possa fare un intero computer e meccanismo con il metallo liquido. Stà proprio al limite. Il T-X invece sta tranquillamente nella fantaszienza e non è così complicato capirlo, ma anche qui il pubblico medio entra in confusione o più semplicemente non se lo chiede...

          Commenta


          • Originariamente inviato da Marv
            Ma guarda che non è difficile arrivarci... il termine "fantascienza" si basa proprio su questo. Si tratta di scienza con una buona dose di fantastico. Mette in pratica cose che la nostra tecnologia ancora non permette, ma magari possibili a livello teorico. Qualche esempio? La cibernetica negli anni '50, il viaggio nel tempo tutt'ora, la clonazione fino a qualche anno fa, la colonizzazione dello spazio e così via. Il fantasy non ha bisogno di questi presupposti, propone un mondo, una realtà, totalmente fantastici, in cui magari le persone vivono nello spazio da sempre e possono avere un potere innato che ha tutte le caratteristiche di un potere spirituale(la Forza), vivono tra razze mai viste(proprio come Hobbit, Elfi e Nani) e combattono forze oscure. O mi vuoi dire che gli Ewok, gli wookie non sono esseri tipici del fantasy? I punti di contatto tra LOTR e SW sono infiniti... l'unica differenza, invece, è l'ambientazione... ma un film d'avventura resta tale sia se ha un'ambientazione, che ne so, asiatica, sia se ce l'ha antartica. Così come un film fantasy è ambientato in una realtà fantastica quale può essere quella della Terra di Mezzo o quella della Repubblica Galattica. Quindi si deve essere propensi o meno a classificarli nello stesso genere? Secondo me si... il fantasy, appunto, perché entrambi nel rispettano praticamente tutti i canoni.
            Asimov, Bradbury parlavano anche, e soprattutto, della scienza che porta gli esseri umani ad assurgere allo status in cui vengono presentati nei loro scritti... Asimov, anzi, propone delle regole precisissime per quanto riguarda i mondi da lui descritti, tutte scientificamente verosimili... Io, Robot, Fondazione... tutta roba che si basa sulla scienza e sui limiti che impone, quelli che si possono trascendere, le regole che la compongono ecc. La differenza è enorme, direi totale.
            Quindi secondo la tua logica allora in un film di fantascienza non dovremo nemmeno presentare delle razze aliene, perché nel momento in cui creiamo un razza fantastica, tac questa fa automaticamente parte del fantasy. Mi parli di potere spirituale della Forza, ma alla fin fine è una variante della psicocinesi chiamata in un'altra maniera, non si parla né di magia né di formule elfiche o quant'altro per richiamarla.

            Inoltre in Guerre Stellari si parla di clonazione come hai detto tu (già dalla trilogia vecchia), si parla di conquiste (da Repubblica ad Impero), si parla di politica e si parlano di molte altre cose che non sono presenti nel fantasy. Poi non capisco il fatto del perché uno scontro tra bene e male dovrebbe esser unicamente una regola del fantasy, tipo Giochi Stellari? Fa palesemente il verso a Guerre Stellari, ma non mi pare un fantasy, no? Ci sono regole precise anche nel mondo di Guerre Stellari, non è un mondo completamente creato dal nulla.

            I punti infiniti che dici tu tra ISDA e GS sono gli elementi comuni di lotta tra bene e male, tra conquista e sconfitta, tra eroe e antagonista, punti che si riescono a trovare anche nelle favole di Pinocchio o un racconto di Robin Hood.
            «Perché ti sei dimenticato di me?»

            Commenta


            • Star Wars gli elementi da te citati sono utilizzati come negli altri racconti fantasy, solo que qui hanno altri nomi, ma gli elementi cardini che lo collocano come fantasy ci sono tutti.

              Commenta


              • Star Wars non è fantascienza è vero.

                Diciamo nemmeno 'fantasy puro'....è definibile come un "fantasy fantascientifico" xD
                May the Force be with you....
                Il mio impianto HT---> Tv: Pioneer Kuro LX5090, amplificatore: Marantz SR4003, frontali: Wharfedale 9.5, centrale: Wharfedale 9.CM, sub: Wharfedale SW-250, surround: Indiana Line HC-206, lettore B-Ray: PS4.

                Commenta


                • Space Fantasy lo chiama Giorgione.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Maddux Donner
                    Star Wars gli elementi da te citati sono utilizzati come negli altri racconti fantasy, solo que qui hanno altri nomi, ma gli elementi cardini che lo collocano come fantasy ci sono tutti.
                    Elencameli ti prego...

                    Perché se Guerre Stellari è un fantasy, allora Il Signore degli Anelli non lo è... (cosa che infatti non è...)
                    «Perché ti sei dimenticato di me?»

                    Commenta


                    • Dato che siamo entrati in argomento, poso un articolo di D.Siccardi da GS.net:


                      "Guerre Stellari tra fantasy e sci-fi

                      La fantascienza, ma sarebbe il caso di dire tutto il fantastico di genere, vive anche di contrapposizioni e contrasti.
                      Si sprecano, ad esempio, le polemiche tra i più accesi sostenitori di Guerre Stellari e quelli di Star Trek (quando, invece, le due serie -televisive, cinematografiche, videoludiche, letterarie, fumettistiche...- hanno nella loro storia molti momenti di “contatto”: a partire, direi, dalla produzione di parte degli effetti speciali del secondo film di Star Trek), ma non mancano anche diatribe “interne” ai sotto generi ed ai “sotto gruppi”.
                      Una polemica che non accenna a scomparire è quella relativa alla natura del ciclo di George Lucas: in soldoni “Star Wars è fantasy o science fiction?”.

                      Secondo alcuni non ha neppure senso porsi la domanda, dato che o il fantasy comprenderebbe la sci-fi o sarebbe la fantascienza ad avere nel fantasy una sua ramificazione.
                      Secondo altri è evidente il peso della componente tecnologica nella saga, e tutti quei personaggi robotici o “contaminati”, positivi e negativi, definirebbero inequivocabilmente la saga come fantascientifica.
                      Altri ancora ritengono che quelle paroline ormai entrate nell’immaginario collettivo “C’era una volta in una galassia lontana, lontana...” proprio non possano essere sottovalutate.
                      Insomma, la questione scalda gli animi degli appassionati, e non è difficile capirne il motivo: una diversa definizione della saga può sottintendere una diversa maniera di giudicarne i tanti elementi.

                      Dunque fantasy perché anti tecnologica, anti razionalista, mistica oppure fantascientifica perché tecnologica, space operistica, razionale?
                      Ma siamo sicuri che tutti i film della saga debbano essere giudicati nella stessa maniera?

                      Che il ciclo di Guerre Stellari faccia suoi spunti molteplici ed apparentemente contraddittori è un fatto: dalle storie western di cow-boy e fuorilegge alle vicende di pirati e bucanieri, dalle principesse in pericolo ai robot umanizzati, dai caccia stellari rugginosi alle sofisticate armate di droni e cloni.
                      Si potrebbe continuare a lungo: il senso è che i film del ciclo nascono dalla rielaborazione -e talvolta dalla semplificazione- di molteplici modelli narrativi, eventi storici, suggestioni religiose eccetera.
                      Ma in tutti i film i vari elementi sono “mixati” nella stessa maniera?
                      E vi è, diversamente, un metodo nella diversa “gradazione” di questi elementi?

                      Si è sempre fatta notare la “disumanizzazione” degli Jedi sottoposti ad innesti meccanici: addirittura in Episodio 2 ci viene mostrato un Anakin dotato di una vistosa protesi proprio nel momento più drammatico del film (quello del matrimonio segreto, che sancisce in un contesto di apparente “buonismo” il definitivo allontanamento del ragazzo dalla diritta via per la strada delle bugie e degli inganni), quando invece nel “successivo” Episodio 5 suo figlio Luke sfoggia un innesto decisamente meno appariscente.
                      Anakin diverrà lord Casco Nero mentre Luke salverà l’universo intero -e lo spirito del papà- non facendosi tentare dalla brama di potere.
                      D’altro canto, però, è pure vero che nella nuova trilogia è stata data una spiegazione “razionale” della forza: non più un forza mistica ma un rapporto simbiotico.
                      Dunque?
                      Proviamo ad analizzare lo sviluppo della trama partendo da Episodio 4, il vero “primo” film del ciclo.
                      In Episodio 4, comunemente noto come “Guerre Stellari”, scopriamo che in una galassia lontana lontana (ma nello spazio o nel tempo?) un Impero malvagio ha sottomesso le pacifiche popolazioni precedentemente organizzate in qualcosa di simile ad una democrazia, dando vita ad una nuova era di oscurantismo e superstizioni.
                      La via della forza è stata dimenticata, gli Jedi sono stati tutti -o quasi- uccisi nella “guerra dei quoti” (sig!), e la tecnologia “spiccia” e povera è l’unico strumento in mano ai comuni mortali per campare.
                      In un contesto “futuristico” e “spaziale” strambi droidi di servizio sono grosso modo l’equivalente della staffa e del giogo in un’ambientazione di tipo fantastico-medievaleggiante.
                      I “cattivi” paiono conciati con armature solo un po’ rivedute ed aggiornate (e, di fatto, nelle intenzioni originali tutti dovevano essere dotati di spade laser: situazione che, in parte, traspare dalla facilità con cui Luke impara a maneggiare l’arma) ed i “buoni” sono cow-boy della frontiera che si ribellano alle ingiustizie o pistoleri a cavallo dei loro cavalli-astronavi.
                      Come a dire: i cattivi hanno vinto una guerra che non ci hanno mostrato, ed esercitano il loro potere anche con la disinformazione ed il controllo della tecnologia e del sapere.
                      Non solo: si ha l’impressione che entrambe le parti siano state duramente provate nei mezzi e negli uomini, sebbene siano i cattivi, non a caso i vincitori, a detenere il primato “strutturale”.
                      Le armate “oscure” sono le più tecnologicamente sviluppate, ed il cavaliere nero della situazione, il più potente di tutti gli Jedi (nonché l’ultimo, grosso modo, rimasto sulla piazza), è chiaramente un cyborg ambulante.
                      Dunque la tecnologia come caratteristica negativa, alleata del male?
                      Eppure due degli alleati di Luke sono droidi (ben più “umani” di molti altri personaggi), la Morte Nera viene distrutta grazie alla Forza ma pur sempre guidando un’astronave e dirigendo un missile, e le spade laser sono chiaramente un raffinato strumento di artigianato tecnologico (per altro retaggio di un rimpianto passato).
                      Un bel problema, insomma.
                      Ma solo considerando Guerre Stellari come film singolo e non come capitolo di una più vasta saga.
                      Già semplicemente vedere Luke che guida il siluro là dove fa più male fa sorgere qualche sospetto: forse è nell’equilibrio tra tecnologia e mistico, tra ambizione e morale, tra forza e riflessione e pure tra sci-fi e fantasy che si trova il fondamento del film, il suo senso originale e dunque la sua “definizione”?
                      La saga prosegue: termina la guerra tra Impero e ribelli e ci si avvia verso una nuova era di prosperità.
                      Ma cosa è prosperità in Guerre Stellari?
                      La massima gloria dell’universo lucasiano non ci viene mai mostrata, ma risalendo nel tempo fino agli anni che precedono la venuta dell’Impero, ci viene fatto vedere quanto più vi si avvicina: una società democratica, multi etnica, colta, che fa largo uso di tecnologia di estrema sofisticazione e che ritiene la conoscenza, scientifica, mistica e morale, di centrale importanza.
                      Gli Jedi non sono considerati, come in Episodio 4, bizzarri adepti di una stramba, bislacca e bugiarda religione, ma sono trattati quasi alla stregua dei più potenti politici, non detentori di “verità assolute” ma esploratori del cosmo (basti pensare alla maniera di Yoda e Obi-Wan di accorgersi della mancanza del pianeta dei clonatori: la posizione dei pianeti circostanti suggerisce la presenza di Kamino e della sua forza di attrazione) e dei “cosmi interiori”.
                      Non santoni alla maniera new age ma, semmai, maestri di filosofie razionali che non rifiutano conoscenze di tipo diverso da quelle religiose.
                      Patatrac.
                      Chi vede in Guerre Stellari lo strumento per demonizzare la scienza, la tecnologia, lo spirito fantascientifico comunque inteso, si sente tradito e derubato e reagisce con veemenza.
                      Ogni pretesto è buono per criticare la nuova trilogia, che viene accusata di essere solo lo strumento delle ditte fondate da Lucas per mettere in mostra le proprie (addirittura discusse!) capacità tecniche.
                      Ma come, un’origine fantascientifica?
                      La trilogia classica avrebbe un “accento fantasy” leggermente più marcato solo perché l’Impero, la decadenza, il male, hanno portato nell’universo un’epoca di ignoranza?
                      Ancora: ma come, allora lo Jedi improvvisato Luke non è poi così in gamba se paragonato agli Jedi del passato?
                      A dirla tutta, queste cose erano già state chiaramente dette nel corso della trilogia classica, e l’attesa per la nuova trilogia era motivata anche, e molto, dal desiderio di vedere l’universo lucasiano nel suo splendore “originario”.
                      E’ pure vero, però, che non sono poche le accuse nei confronti della devozione alla macchina disseminate per tutti i film della saga.
                      Tanto nella trilogia classica quanto nella nuova trilogia, la corruzione e la disumanizzazione dei personaggi vengono spesso evidenziati dall’amputazione di arti o dall’indebolimento del fisico: si pensi ad Anakin e Luke, ma anche al bastone da passeggio di Yoda (Yoda è il simbolo degli Jedi: la sua fatica nel compiere gesti quotidiani suggerisce un notevole indebolimento della Forza negli Jedi).
                      Non è inoltre possibile pensare alla Morte Nera, in entrambe le sue versioni, come a qualcosa di diverso dall’esaltazione del nichilismo: una mostruosa macchina da guerra che scimmiotta nelle forme un “vero” pianeta.
                      Cosa dire, poi, del corpo deturpato e sconvolto dagli innesti cibernetici del padre di Luke?
                      E’ difficile non riconoscere in questi segnali un chiaro messaggio di tipo fantasy (quanto meno di un tipo di fantasy).
                      Si ripropone il quesito: dunque?

                      Dunque si direbbe che, proprio come i personaggi dei film ripetono continuamente, è nell’equilibrio che va cercato il senso del ciclo narrativo.
                      Non è la tecnologia da sola a definire la qualità dei film, ma è l’uso che della tecnologia si fa (giudizio che, curiosamente, si può estendere anche all’uso degli effetti speciali nei film).
                      Certamente è vero che l’esercito di cloni è, comunque lo si utilizzi, uno strumento infido (per il semplice fatto di essere stato utilizzato: ma questo per l’avveduta e diabolica mossa politica di chi l’ha commissionato), ma è pur vero che è la conoscenza dei mezzi tecnologici e della “natura scientifica” della realtà a definire la “saggezza”, nei diversi film della saga.
                      D’altro canto gli spettatori al cinema vanno a vedere un solo film per volta e non intere saghe in un colpo solo: è naturale, e giusto, che l’entusiasmo o la delusione siano il risultato della visione di “quel” film.
                      Alla stessa maniera, pare ovvio come alcuni film della saga risultino più vicini al genere fantasy ed altri più tipicamente fantascientifici.
                      Questo in qualche maniera sminuisce la saga nel complesso o ne stravolge il senso?
                      Il senso della saga popolare di Guerre Stellari non è forse la ricerca di un equilibrio personale?

                      Tenendo conto di ciò -e con “ciò” si intende, niente meno, il “succo”, il fondamento di tutti quanti i film girati ed in lavorazione- e tenendo conto dei tanti esempi di narrativa a cavallo tra i due generi (e delle molteplici sfumature dei due generi: vogliamo forse dimenticarci che tanta space opera, ovvero tanta fantascienza, è indubbiamente la versione modernizzata, galattica e futuristica del western?), non viene naturale replicare alla domanda “Guerre Stellari è fantasy o sci-fi?” con un “Semplicemente, Guerre Stellari è fantasy e sci-fi”? "
                      May the Force be with you....
                      Il mio impianto HT---> Tv: Pioneer Kuro LX5090, amplificatore: Marantz SR4003, frontali: Wharfedale 9.5, centrale: Wharfedale 9.CM, sub: Wharfedale SW-250, surround: Indiana Line HC-206, lettore B-Ray: PS4.

                      Commenta


                      • Ha sollevato un sacco di questioni non risolvendone alcuna, mica male come articolo :uhhm:
                        «Perché ti sei dimenticato di me?»

                        Commenta


                        • Allora cos'è il signore degli anelli? :uhhm:

                          Abbiamo la magia (forza), il vecchio mago che guida il giovane eroe (Ben, luke) il sovrano cattivo che soggioga un regno e tiene prigioniera una principessa(Vader e l'impero), alleati e creature che fanno progradire l'eroe e li aiutano nel suo viaggio per salvare il regno e la principessa... ^^'

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Alexian
                            Ha sollevato un sacco di questioni non risolvendone alcuna, mica male come articolo :uhhm:
                            Si in effetti è proprio quello il punto: non c'è una risposta esatta.
                            Star Wars contiene sia elementi fantasy che sci-fi....è tutt'è due... e nessuno dei due....è un'opera 'al di sopra delle parti', difficillmente catalogabile....è semplicemente STAR WARS. :mrgreen:
                            May the Force be with you....
                            Il mio impianto HT---> Tv: Pioneer Kuro LX5090, amplificatore: Marantz SR4003, frontali: Wharfedale 9.5, centrale: Wharfedale 9.CM, sub: Wharfedale SW-250, surround: Indiana Line HC-206, lettore B-Ray: PS4.

                            Commenta


                            • Space Fantasy, se pure il giorgione lo chiama così, magari una categoria l'abbiamo trovata.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Maddux Donner
                                Space Fantasy, se pure il giorgione lo chiama così, magari una categoria l'abbiamo trovata.
                                Ma che ne sa lui....basta che vede questi $$$ xD :mrgreen: ....

                                Cmq si, in effetti "Space Fantasy" è il giusto termine....fermo restando che, appunto, è difficile catalogarlo nelle due categorie 'principe' (fantascienza e fantasy)
                                May the Force be with you....
                                Il mio impianto HT---> Tv: Pioneer Kuro LX5090, amplificatore: Marantz SR4003, frontali: Wharfedale 9.5, centrale: Wharfedale 9.CM, sub: Wharfedale SW-250, surround: Indiana Line HC-206, lettore B-Ray: PS4.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X