annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ghostbusters: Afterlife

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da ReXe Visualizza il messaggio
    curioso che sta incassando meno del reboot, anche in tempi pandemici incassare di più del reboot non deve essere difficile... eppure
    C'è da dire anche che il reboot è costato ben 150 milioni, mentre questo "solo" 75 milioni, dovrebbe essere già rientrato nelle spese.

    Commenta


    • Originariamente inviato da Darkrain Visualizza il messaggio

      C'è da dire anche che il reboot è costato ben 150 milioni, mentre questo "solo" 75 milioni, dovrebbe essere già rientrato nelle spese.
      rientrato si, ma per i capoccia della Sony penso avessero altre previsioni e iniziare il progetto multimediale chiamato Ghost Corps, che inizialmente doveva partire con il reboot.
      Incassare meno del film accantonato non credo rientrava nei loro piani.

      Commenta


      • Quali aspettative vuoi che avessero? Ci hanno investito solo 75 milioni.



        Aspetterei anche a dire che "ha incassato meno del reboot" con tutte le feste di Natale e Capodanno a venire oltre a dovere uscire in Giappone, Australia e (forse) Cina.

        Commenta


        • Ancora non l'ho visto, ho dato un occhio al prologo, ero curioso e già vorrei porre una questione: nei precedenti film non c'è mai stato un morto da parte dei fantasmi. Qui partiamo già con una "morte illustre". Un cambio radicale di tono.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
            Ancora non l'ho visto, ho dato un occhio al prologo, ero curioso e già vorrei porre una questione: nei precedenti film non c'è mai stato un morto da parte dei fantasmi. Qui partiamo già con una "morte illustre". Un cambio radicale di tono.
            è quella morte illustre il fulcro di tutta la trama di Afterlife, se lo vedi lo capisci

            Commenta


            • Originariamente inviato da ReXe Visualizza il messaggio

              è quella morte illustre il fulcro di tutta la trama di Afterlife, se lo vedi lo capisci
              Lo davo per scontato per il sensore iconico che tiene in mano. Volevo porre l'attenzione su un cambio radicale di tono che personalmente non ha molto senso in relazione ai due film originali. Credevo comunque si sarebbero azzardati a fare un double digitale come con Tarkin in Rogue One, invece solo scene in contro luce.

              Commenta


              • E infine l'ho visto. Inutile, senza un briciolo della chimica dei film originali, che non aggiunge nulla. Togliere New York è un errore colossale: è una parte essenziale, con il suo spirito disincantato era come un ulteriore protagonista. Qui ci troviamo in un brutto clone di super 8 che non fa altro che citare a pappagallo ogni cosa vista e sentita del primo film, totalmente a caso perché fa figo fare l'occhiolino. Per altro non ha il minimo senso la storia: Egon poteva semplicemente fare vedere agli altri cosa stava succedendo nella montagna e la cosa si sarebbe risolta anni prima. Non ha senso. Per altro è un film che manca di totale ambizione, di scala ridottissima rispetto agli altri due, senza la scrittura brillante che li aveva contraddistinti. Anche visivamente è scialbo e anonimo, non riesce a copiare nemmeno bene le poche cose che ha: Olivia Wilde è tracagnotta con quel trucco e quegli occhi sono semplicemente sbagliati e i due cani sono ancora più pupazzoni che nel film originale. Anche il cameo tanto atteso, per come inserito manca di forza e sagacia, per quanto è l'unica cosa che mi ha fatto fare mezzo sorriso (Murray e Akroyd basta che respirino e già fanno metà del lavoro), come le due scene dei titoli di coda. Non trovo niente che si possa salvare: non funziona come operazione nostalgia, non funziona come nuovo avvio con personaggi così impalpabili e anonimi. Il nulla. Anche come film in se è noioso da seguire. Incredibile come nemmeno al secondo tentativo ci sono riusciti a riportare in vita il franchise.
                Cammeo di Simmons da WTF.

                Commenta


                • Mah, filmetto piccolo piccolo che si limita al compitino, troppo Spielberghiano e poco Reitmaniano, troppo poco umorismo tipico della serie (che si palesa per gran parte negli ultimi minuti ovviamente) e un pò di noia e lentezza nella prima parte, ovviamente un film guardabile ma che dello spirito irriverente e frizzante di Ghostbusters ha ben poco; è troppo troppo nostalgico e citazionistico, speravo osassero di più e speravo indagassero più su Ivo Shandor e sul mondo di Gozer, con flashback del passato e invece sono rimasto deluso.
                  Sugli attori, bene la ragazzina protagonista anonimi gli altri ragazzetti, Rudd si difende bene mentre la madre dei ragazzini mi è piaciuta solo nel momento in cui viene posseduta da Zuul; a proposito, fantasmi nuovi neanche l'ombra escluso il nuovo Slimer blu spara proiettili, ma almeno qui i fantasmi vengono catturati, a differenza del film del 2016 (sembra strano dirlo, ma non viene catturato nemmeno 1 fantasma).
                  Mitologia rispettata, il ruolo dei cani demoniaci assolutamente rispettato, come nel primo Zuul è quello che ti fa il jumpscare immediato e non perde tempo, mentre Vinz Clortho è quello che preferisce fare il lavoro sporco, preferisce correre dietro alle persone e gli piace avere un ruolo più ampio; bella sorpresa vedere Olivia Wilde nei panni di Gozer, fa piuttosto bene il suo lavoro, mentre JK Simmons è totalmente sprecato (anche se ho apprezzato la sua morte da WTF); trio storico fenomenale (ho visto un Ernie Hudson molto più in forma degli altri due) ma a mio avviso compaiono troppo tardi e per troppo poco tempo; per quanto riguarda Harold Ramis, beh pur non essendo presente fisicamente, il suo spirito è ben presente, ho apprezzato tutti i momenti in cui "appare" (anche se la scena lacrimastoria strappa è piuttosto paracula).
                  Nel complesso un'avventura per ragazzini innocua e troppo nostalgica, fila piuttosto bene (nella seconda parte) ma non lascia nulla, sicuramente meglio del film del 2016, ma lontano dall'essere il Ghostbusters 3 che aspettavo da tempo; rivedrei con piacere esclusivamente determinate scene, perché per il resto non è riuscito a conquistarmi; da segnalare le musiche di Simonsen comunque, molto rispettoso del lavoro di Bernstein.

                  Ah, carine le scene postcredits, soprattutto la seconda con Ernie Hudson.
                  Ultima modifica di Darkrain; 12 gennaio 22, 23:07.

                  Commenta


                  • Beh avete già detto tutto, mi aggiungo senza aggiungere.
                    Tutto davvero modesto.

                    Commenta


                    • Io dopo la visione invece sono arrivato a rimpiangere il film del 2016
                      http://img7.imageshack.us/img7/4629/batmanvsbane.jpg
                      http://jhonillustratore.altervista.org/
                      "Anche in questo mondo piove, quando il tuo cuore è turbato il cielo si rannuvola, quando sei triste la pioggia si mette subito a scendere...per me è straziante... chissà se anche tu lo sai quant'è terrificante venire colpiti dalla pioggia in un mondo solitario come questo" Zangetsu


                      ***FIRMA MODIFICATA DAL MODERATORE***

                      Commenta


                      • Visto anchio, e pur essendomi piaciucchiato, devo sottoscrivere molte delle osservazioni fatte da Maddux e Darkrain.

                        In particolare quella principale, fatta dal primo: New York.
                        C'è poco da dire: nei due film originali la città è uno dei protagonisti ed anzi, caratterizza a modo suo l'intero immaginario (oggi diremmo "universo") Ghostbusters.

                        In questo film manca e quindi viene a mancare tanta ciccia ... viene a mancare il senso di "grande", di catastrofe a larga scala ...

                        Per il resto poco da aggiungere: mi è piaciuta la fotografia e le musiche molto attinenti all'originale, per non parlare del finale (ma davvero, non si potevano vedere qualche minuto in più nel film ?!).

                        Nota di merito per la attrice ragazzina, davvero brava.
                        Ultima modifica di Matthew80; 15 gennaio 22, 10:53.
                        Ex utente Matt80 dall'autunno 2007

                        Commenta


                        • Secondo me va fatto un distinguo: come piccolo film d'avventura che si ispira alle atmosfere Amblin e omaggia gli anni '80, un po' come Super 8, fa il suo senza strafare. Non è propriamente brutto, Reitman jr. d'altronde non è un incapace. Ma come film di Ghostbusters è sbagliato per i motivi di cui già si parlava dopo i trailer: il film originale era una commedia, l'aura sacrale e nostalgica che si respira in questo è davvero stridente, ha senso da un punto di vista metacinematografico per chi è cresciuto con quei film (come il regista, appunto) ma fa acqua da tutte le parti all'interno della narrazione che ha tra l'altro un tono ben diverso dai film originali. Anche perché ci sono cose che in-universe davvero non hanno senso, a partire dal fatto che gli eventi del primo film e l'esistenza dei fantasmi dovrebbero essere noti a tutti i personaggi anche più dell'allunaggio o di altri eventi storici importanti, a maggior ragione con l'impostazione più realistica data a questa storia, invece i ragazzini non ne sapevano nulla (compreso quello appassionato di roba sovrannaturale) e i vecchi acchiappafantasmi sono finiti nel dimenticatoio. Altrettanto assurda è la mancanza di una reazione umana davanti ai fantasmi, pare tutto improvvisamente normale. Tra altre insensatezze e decine di occhiolini si arriva all'atteso finale, che con il resto non è che si amalgami così bene, tant'è che quando nei credits parte la storica canzone del franchise qualcosa sembra fuori posto.
                          Spoiler! Mostra

                          Commenta


                          • Commenta


                            • Visto! Devo ammettere che sul finire mi è scesa anche una lacrimuccia
                              L'avevo bocciato senza riserve subito dopo il trailer, ma quel cameo di 5 minuti vale la pena di aspettarlo ed è l'unico motivo per il quale potrei consigliarne la visione.
                              Admiral ha toccato alcuni dei punti incriminati che hanno reso improbabile un ipotetico successo. Sorvolo sul mettere in mano a dei ragazzini zaini, auto e trappole.. una vera bestemmia e anche sull'azzardata ambientazione campagnola, ma il sismologo che sembrava essere quello più preparato sull'argomento, praticamente da il via a tutto nel modo più idiota possibile senza nemmeno pentirsene più di tanto. Nei precedenti lo spiritismo è mitologia fino a quando non viene reso pubblico con fatti evidenti, ciononostante qualcuno continua ad essere ovviamente scettico. Qui invece tutti si sono dimenticati di quanto successo a New York un evento al pari dell' 11 settembre e quando le cose diventano reali il turbamento è minimo.

                              Per me Ghostbusters 1 e in parte il 2 guardandoli con gli occhi di un bambino sono prima di tutto degli horror che riescono a intrattenere e anche a far ridere non sono semplici commedie come sicuramente il terzo che non ho mai visto.
                              Ultima modifica di Alex Murphy; 01 marzo 22, 17:15.

                              Commenta


                              • il primo Ghostbusters è una commedia per adulti non diversa dalle commedie Rated R di adesso, poi hanno ben visto che piaciuto di più ai ragazzini vedere 4 tizi che acchiappano i fantasmi e da li il target più per famiglia con Ghostbusters 2 e il cartoon, ma rimanevano canonici alle sue origini.

                                Questo Afterlife lo trovo sbagliato già da come nasce, il target ancora più ridotto con il pensiero di attirare nuovi fan (tutti questi giovani fan di Ghostbusters non li vedo da nessuna parte)..... i nuovi fan bisogna conquistarli con qualcosa fatto prima, magari una nuova serie animata con nuove linee di giocattoli, e in caso di successo finalmente provare a fare un film.



                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X