annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

TeneT - Christopher Nolan

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Secondo me, per adesso c'è minor hype perché sembra troppo un Nolan nella sua comfort zone. Per quanto abbia una cifra stilistica riconoscibile, ci aveva abituato a film sempre differenti (era passato dal cinecomic al film di fantascienza per poi passare al war movie), mentre adesso è tornato ad un film d'azione con elementi fantasy alla Inception e tutto sa di già visto (dal cromatismo della fotografia al modo in cui sono vestiti e pettinati gli attori). Forse per la prima volta si avverte in maniera forte una sensazione di deja-vu. Questo non vuol dire che sarà per forza così, né che il film non possa essere grandioso.
    https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

    "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

    Commenta


    • Bè sì ma possono benissimo essere diversissimi.

      Commenta


      • Distinguete però i temi dalla ripetizione. La poetica di Nolan riguarda il tempo, la scomposizione temporale, la crisi delle certezze etc... lamentarsi che tratta questo tema dopo oltre 10 film è assurdo, tutti gli autori hanno i loro temi ricorrenti, altrimenti basta con sto Welles che c'ha rotto le scatole con sto titano dopo vari film, basta con sto innocente in fuga da parte di Hitchcock etc...

        Commenta


        • Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
          ci aveva abituato a film sempre differenti (era passato dal cinecomic al film di fantascienza per poi passare al war movie), mentre adesso è tornato ad un film d'azione con elementi fantasy alla Inception e tutto sa di già visto (dal cromatismo della fotografia al modo in cui sono vestiti e pettinati gli attori). Forse per la prima volta si avverte in maniera forte una sensazione di deja-vu. Questo non vuol dire che sarà per forza così, né che il film non possa essere grandioso.
          Ok ti sei spiegato benissimo.
          Su questo posso concordare.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
            Distinguete però i temi dalla ripetizione. La poetica di Nolan riguarda il tempo, la scomposizione temporale, la crisi delle certezze etc... lamentarsi che tratta questo tema dopo oltre 10 film è assurdo, tutti gli autori hanno i loro temi ricorrenti, altrimenti basta con sto Welles che c'ha rotto le scatole con sto titano dopo vari film, basta con sto innocente in fuga da parte di Hitchcock etc...
            Io ho provato a dare una spiegazione a questo "raffreddamento" nei suoi confronti, da parte comunque da una community che solitamente lo idolatra. Io personalmente ho avvertito una forte sensazione di deja-vu, magari tu no, che ti devo dire. Il discorso delle tematiche ha senso così come quello dello stile, ma un conto è saper variare bene (e magari estendere un discorso) un conto è ripetere.
            https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

            "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

            Commenta


            • Più che altro a me poco importa se sa di già visto, se venisse fuori un Inception fatto meglio sarei già contento. Il soggetto mi piace molto di più rispetto quello dei sogni.

              Commenta


              • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                Distinguete però i temi dalla ripetizione. La poetica di Nolan riguarda il tempo, la scomposizione temporale, la crisi delle certezze etc... lamentarsi che tratta questo tema dopo oltre 10 film è assurdo, tutti gli autori hanno i loro temi ricorrenti, altrimenti basta con sto Welles che c'ha rotto le scatole con sto titano dopo vari film, basta con sto innocente in fuga da parte di Hitchcock etc...
                Che la poetica di un regista sia ricorrente è sacrosanto, ma ciò non impedisce di declinare questi temi in generi o strutture più variate. I temi ricorrenti in Nolan non gli hanno impedito di declinarli in un thriller action sci-fi (Inception), in tre cinecomics (Batman Begins, The Dark Knight e The Dark Knight Rises), uno sci-fi spaziale (Iinterstellar) e in un film di guerra (Dunkirk).

                La sensazione di deja vu non è certo data dalle tematiche, ma dal ritorno ad un thriller action sci-fi che, almeno dal trailer, presenta tutto il peggio che c'era nel pur buon Inception (verbosità, action altalenante, un'ennessima scena in autostrada, un concept arzigogolato che nel corso del film potrebbe richiedere diversi momenti didascalici).

                Concordo con Gidan quando dice che si ha la sensazione di un ritorno ad una comfort zone.
                Ultima modifica di Tom Doniphon; 23 maggio 20, 14:03.

                Commenta


                • c'è anche la teoria dei fan (riportata da praticamente ogni sito di cinema) che inception e questo film siano collegati, non a caso proprio per il discorso delle ultime pagine (non che ci creda ovviamente)

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio

                    Che la poetica di un regista sia ricorrente è sacrosanto, ma ciò non impedisce di declinare questi temi in generi o strutture più variate. I temi ricorrenti in Nolan non gli hanno impedito di declinarli in un thriller action sci-fi (Inception), in tre cinecomics (Batman Begins, The Dark Knight e The Dark Knight Rises), uno sci-fi spaziale (Iinterstellar) e in un film di guerra (Dunkirk).

                    La sensazione di deja vu non è certo data dalle tematiche, ma dal ritorno ad un thriller action sci-fi che, almeno dal trailer, presenta tutto il peggio che c'era nel pur buon Inception (verbosità, action altalenante, un'ennessima scena in autostrada, un concept arzigogolato che nel corso del film potrebbe richiedere diversi momenti didascalici).

                    Concordo con Gidan quando dice che si ha la sensazione di un ritorno ad una comfort zone.
                    L'azione sembra migliorata da quel che si vede nel trailer e per quanto riguarda la verbosità boh... sarà perchè sto vedendo e rivedendo in questi giorni dei film di Eric Rohmer che sono veramente verbosi, quindi questo trailer mi sembra sia dialogato ma non verboso, ma nulla di che alla fine.

                    Sulla scena in autostrada c'era anche nel teaser, poi per giudicarla aspetto il film ovviamente, il concept è arzogogolato sin dalla parola Tenet che può essere letta in un verso o nell'altro, magari stavolta mette una quadra al tutto in modo migliore di Inception.

                    Nel trailer mi delude la postilla sull'aereo che si schianta, manco l'avrei inserito.
                    Ultima modifica di Sensei; 23 maggio 20, 14:26.

                    Commenta


                    • Sensei viceversa a me è piaciuta molto la scena in teatro, pare davvero tanta roba.

                      Commenta


                      • Per me la verbosità nei film di Nolan non è quasi mai stata un problema, comunque sicuramente non in questo trailer. Semmai la cosa che mi perplime è l'impressione di trovarsi di fronte ad un action/thriller di gran classe, ma abbastanza standard; nei trailer non si vede nulla di particolarmente spettacolare o immaginifico (mentre nel caso di Inception già i trailer mostravano scene visivamente incredibili). Oltre al fatto che, come diceva Sir Dan, il trailer punta su toni più rilassati rispetto agli standard nolaniani (c'è solo un urlo della Debicki verso la fine). Il paragone col già citato Inception viene spontaneo per via del concept simile: un team di personaggi con abilità fuori dall'ordinario (lì la manipolazione dei sogni, qui l'inversione del flusso temporale) intraprendono una missione segreta ad altissimo rischio (solo che in quel caso era spionaggio industriale, stavolta pare essere una questione di rilevanza internazionale), senza considerare la presenza di vari elementi caratteristici del cinema nolaniano dell'ultimo decennio (personaggi in giacca e cravatta, SWAT, inseguimenti automobilistici, onde che si infrangono su barche, Bruce Wayne che scende da una macchina, Michael Caine seduto ad un tavolo). E pure qui c'è il protagonista sdraiato sui binari di un treno L'aereo, a naso, si sarà pappato quasi metà budget (oggi un Boeing 737 può costare fra 90 e 140 milioni di dollari circa, e sicuramente ne avranno preso uno fuori servizio da tempo). Comunque secondo me a Nolan l'idea di rilasciare il trailer su Fortnite è venuta dopo aver sentito il messaggio di Palpatine

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                          Sensei viceversa a me è piaciuta molto la scena in teatro, pare davvero tanta roba.
                          Quello sembra il pezzo forte del film, un utente (ma non ricordo chi) che ha visto la sequenza in anteprima l'ha elogiata in modo ampio ed esteso.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da A.Crowley Visualizza il messaggio
                            non so, inception è la prima cosa che mi è venuta in mente guardando il trailer
                            c'è il team, c'è la missione in mezzo alle città, c'è il tema del tempo che sostituisce il sogno, c'è michael caine

                            ci sono parecchie inquadrature che lo rimandano anche
                            se ci fermiamo al primo strato, ovvero a quello che hai detto tu e che ha pensato il 90% di chi ha visto questo trailer, sì. potrà anche essere un inception 2.0

                            ma io mi riferivo al montaggio del trailer e a quello che hanno messo in scena, con tanto parlato, 2 o tre spiegazioni inutili o che non si capiscono se non contestualizzate con la grande tragedia/minaccia che riguarda il mondo (qui 3 guerra mondiale, in interstellar la fine del mondo) e alla soluzione che il protagonista scelto dovrà portare avanti.

                            le sensazioni date da questo secondo trailer sono simili al trailer che vidi di Interstellar. Non ho detto che il film sarà come Interstellar, come ha detto Tom.

                            ah comunque Michael Caine era anche in quel film

                            personalmente ho preferito il primo trailer di Tenet dove si capiva poco ma tutto offriva un buon hype. nel momento in cui questo secondo trailer ha cominciato ad addentrarsi nel mostrare quelle 2-3 scene action e il parlato, l'ho trovato abbastanza deludente e mi ha dato la sensazione che la tematica scelta sul reverse, potrebbe non interessarmi più di tanto.

                            le inquadrature dei trailer di Inception erano diverse. c'era un gigantismo nella messa in scena che qui non c'è. Sembrava una rivisitazione in chiave nolaniana di Matrix.
                            "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                            And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                            That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                            # I am one with the Force and the Force is with me #

                            -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                            Commenta


                            • Questo è il secondo trailer di Inception



                              E questo il secondo trailer di Interstellar




                              Il primo spicca per quanto sia esaltante e per quanto riesca ad intrigare. Il secondo spicca per un approccio più emozionale e per quanto siano dannatamente belle le immagini.

                              Prendete questo nuovo trailer di Tenet e ditemi davvero che è intrigante quanto gli altri due.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

                                ma io mi riferivo al montaggio del trailer e a quello che hanno messo in scena, con tanto parlato, 2 o tre spiegazioni inutili o che non si capiscono se non contestualizzate con la grande tragedia/minaccia che riguarda il mondo (qui 3 guerra mondiale, in interstellar la fine del mondo) e alla soluzione che il protagonista scelto dovrà portare avanti.

                                le sensazioni date da questo secondo trailer sono simili al trailer che vidi di Interstellar. Non ho detto che il film sarà come Interstellar, come ha detto Tom.

                                ah comunque Michael Caine era anche in quel film

                                personalmente ho preferito il primo trailer di Tenet dove si capiva poco ma tutto offriva un buon hype. nel momento in cui questo secondo trailer ha cominciato ad addentrarsi nel mostrare quelle 2-3 scene action e il parlato, l'ho trovato abbastanza deludente e mi ha dato la sensazione che la tematica scelta sul reverse, potrebbe non interessarmi più di tanto.

                                le inquadrature dei trailer di Inception erano diverse. c'era un gigantismo nella messa in scena che qui non c'è. Sembrava una rivisitazione in chiave nolaniana di Matrix.
                                in questo caso alzo le mani sulle sensazioni ognuno può avere quelle che preferisce ovviamente

                                rispondevo solo alla tua domanda su cosa ci sarebbe di inception in questo trailer o qualcosa del genere


                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X