annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Venezia 2019 - Previsioni

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • A maggio il mondo era chiuso te lo sei dimenticato? Come avrebbero potuto farlo? Siamo alle comiche.

    Commenta


    • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
      A maggio il mondo era chiuso te lo sei dimenticato? Come avrebbero potuto farlo? Siamo alle comiche.

      Si rinviava più in avanti, ne avevano discusso. Il bollino Cannes 2020 sembra solo una patetica iniziativa per affermare che Cannes esisteva, iniziativa sorta tra l'altro dopo che Venezia disse che il festival si faceva.

      Commenta


      • Per quale motivo avrebbero dovuto rinviarlo più avanti? Per accavallarsi con tutti gli altri?



        Ad ogni modo un festival con questi nomi interesserà poco e nulla il pubblico dei non addetti ai lavori (a leggere i commenti sui social neppure quello) e si torna al punto di prima: perché? Glielo ha prescritto il medico?



        Ma i produttori di questi film hanno già detto che usciranno nel 2021, strategicamente non ha alcun senso presentare il film a Venezia se non hai programmato una uscita autunnale sui mercati internazionali. Loro sperano che dal 2021 torni tutto normale, speriamo sia così, ma al momento si naviga a vista
        In parole povere: o Cannes o morte. Il modo in cui hanno chiuso all' opzione veneziana ha dell' incredibile.



        In Italia e in Francia i cinema sono aperti da più di un mese ed hanno una disperato bisogno di ossigeno, la triade Moretti/Verhoeven/Carax avrebbe potuto offrire una boccata d' aria a esercenti, distributori e pubblico. Un grande peccato non approfittare della finestra autunnale per aspettare tempi migliori che potrebbero non arrivare mai.
        Parli di "lancio internazionale" ma in tutta sincerità sono autori che il grosso degli incassi lo hanno sempre fatto in patria o rispettivamente in Francia e in Italia.

        Ultima modifica di mr.fred; 28 luglio 20, 17:01.

        Commenta


        • Fossi Venezia cercherei di invitare Nolan se si smuove qualcosa per Tenet a livello distributivo.

          Commenta


          • Non ci siamo con le date e comunque Nolan ai festival non ci va (non chiedermi perché).
            Diabolik e Freaks Out? Un desiderio irrealizzabile? Scorro l' elenco e non c' è nulla ma proprio nulla che possa interessare il pubblico.




            Commenta


            • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio



              In parole povere: o Cannes o morte. Il modo in cui hanno chiuso all' opzione veneziana ha dell' incredibile.



              In Italia e in Francia i cinema sono aperti da più di un mese ed hanno una disperato bisogno di ossigeno, la triade Moretti/Verhoeven/Carax avrebbe potuto offrire una boccata d' aria a esercenti, distributori e pubblico. Un grande peccato non approfittare della finestra autunnale per aspettare tempi migliori che potrebbero non arrivare mai.
              Parli di "lancio internazionale" ma in tutta sincerità sono autori che il grosso degli incassi lo hanno sempre fatto in patria o rispettivamente in Francia e in Italia.

              Non c'è nulla di incredibile, ma anzi è ampiamente logico. Il fatto che i cinema siano aperti conta zero, di fatto il prodotto è bloccato, moltissimo è stato rimandato al 2021 - non solo Hollywood, pure molti film francesi tanto per dire - e a un festival si va per promuovere un film in uscita e venderlo sui mercati. Se i produttori di quei film hanno scelto di posticipare di mesi o addirittura un anno il film non ha alcun senso andare ai festival autunnali, men che meno per gli americani a uno oltreoceano che si è costruita una reputazione negli ultimi anni soprattutto per gli Oscar, Oscar che non siamo sicuri nemmeno se ci saranno nel 2021, e cmq sono già stati posticipati.

              Il fatto che Netflix abbia i soldi - poi un giorno bisognerà parlare dell'enorme esposizione debitoria che ha, ma lasciam perdere per ora - non significa che abbiano da buttarli senza averne un ritorno... Se non hanno film da promuovere per gli Oscar con l'uscita contemporanea in sala (visto che non si sa quando riapriranno negli USA) a che serve andarci? Perlomeno mettiamola così, io fossi in loro non ci andrei, non vedo l'utilità.

              Commenta


              • Netflix mica li fa uscire nelle sale i suoi film.



                In Francia a differenza dell' Italia escono film di alto profilo tutte le settimane da più di un mese, lo dovresti sapere.
                Si saranno accordati con Fremaux per la prossima edizione e tanto è.




                Ultima modifica di mr.fred; 28 luglio 20, 17:40.

                Commenta


                • Per partecipare agli oscar non si deve uscire in sala? Cuaron e Scorsese hanno fatto in questo modo...

                  ​​​​​

                  Commenta


                  • Quest' anno sono ammessi tutti.
                    Non che il regolamento sia mai stato particolarmente restrittivo, è sempre bastata un' uscita tecnica di una settimana in una sala per accedere all' agone.



                    Un brutto presentimento: se Barbera non è riuscito a portare al Lido niente di meglio c' è da aspettarsi un autunno lacrime e sangue sul fronte del cinema in sala.

                    Ultima modifica di mr.fred; 28 luglio 20, 18:41.

                    Commenta


                    • Barbera su assenze e presenze.
                      The festival head explained the safety measures of this year's festival, why Sofia Coppola's film didn't show up, and more.

                      Commenta


                      • Il concorso si è arricchito di un film indiano diretto da un pupillo di Alfonso Cuaron che compare in veste di padrino/produttore.
                        Il trailer di Miss Marx:

                        Commenta


                        • Dentro anche il corto di Pedro e Tildona e l' esordio alla regia di Regina King recentemente acquistato da Amazon per la distribuzione americana e internazionale (questo passa anche a Toronto).

                          La regista di One Night in Miami, Regina King, dice: “Mi sono data un pizzicotto quando ho saputo di essere stata selezionata per la Mostra di Venezia, un festival così prestigioso. Felice di annunciare un’altra tappa nel viaggio di questo film”.

                          Il film di Regina King – afferma Barbera su One Night in Miami – non potrebbe essere più in sintonia con gli avvenimenti degli ultimi mesi e la necessità di combattere ogni forma di razzismo che ancora alligna nelle nostre società. Siamo felici che Venezia possa contribuire a far conoscere un film importante per i suoi contenuti e la conferma del talento di una grande attrice al suo debutto come regista”.
                          Questo è un Oscar bait senza ritegno.


                          Ultima modifica di mr.fred; 03 agosto 20, 12:04.

                          Commenta

                          In esecuzione...
                          X