annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Soul (Pete Docter) - Pixar

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • mr.fred
    ha risposto
    In blu-ray dal 31 marzo.

    Lascia un commento:


  • Mr.Magpie
    ha risposto
    Io invece generalmente non mi sono mai strappato i capelli per i prodotti Pixar, mentre questo lo ritengo uno dei più riusciti.

    Lascia un commento:


  • Admiral Ackbar
    ha risposto
    Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
    Mmmmmmmmmmmmh.
    Per fortuna da noi lo ha doppiato NERI Marcoré

    Lascia un commento:


  • mr.fred
    ha risposto
    Mmmmmmmmmmmmh.
    A petition in Portugal to remake the local edition of "Soul" has garnered over 17,000 signatures.

    Lascia un commento:


  • Sebastian Wilder
    ha risposto
    Concordo con tutto. Visivamente è uno dei pixar più belli, con anche le cose più sperimentali. Ho trovato abbastanza debole narrativamente la parte ambientata nella terra, con lo scambio uomo - gatto. Se in questa parte ci fosse stata un po' più di originalità (il modo in cui sia 22 che l'umano arrivano allo scopo della storia, e cioè apprezzare ognuno a modo sua la vita mi è sembrato molto prevedibile) sarebbe stato ai livelli alti della pixar.

    Edit: ecco ho letto anche altri commenti oltre quello di Tom e mi pare che molti concordino.
    Ultima modifica di Sebastian Wilder; 02 gennaio 21, 20:43.

    Lascia un commento:


  • Tom Doniphon
    ha risposto
    Per me invece è un film di alti e bassi, sicuramente ben lontano dai prodotti più belli della Pixar.

    In generale, mi sembra che sia tutto costruito di forza per evidenziare la morale di fondo del bello di apprezzare la vita di per sé, con un prevalere del lato "educativo" su quello del divertimento, laddove i Pixar migliori invece riescono a trovare un maggiore equilibrio e ad essere più spontanei.

    Pieno comunque di idee visive molto belle e una realizzazione tecnica di altissimo livello, con l'ottima contrapposizione tra il concettuale/stilizzato e il fotorealismo, peraltro movitato anche tematicamente.

    È un buon prodotto, ma non del tutto riuscito.

    Lascia un commento:


  • Sir Dan Fortesque
    ha risposto
    Bello, come sempre in casa Pixar riesce a veicolare contenuti stratificati e profondi con una rifinità semplicità impressionante.

    Splendido il mondo animico, che con il suo design minimale si pone in netta antitesi con la sfarzosità dell'aldilà di Coco, e che, come sempre, dimostra un'invidiabile abilità di worldbuilding, sempre al servizio della storia e mai fine a se stesso.

    Ma il vero rischio la Pixar se lo prende nel secondo atto, quando, in barba alle aspettative di voleva un Inside Out o un Coco ambientato nel mondo delle anime, imbastisce invece una storia semplice e lineare distante dalle sequele di svolte e controsvolte tipiche dei loro plot articolati.

    In un altro film probabilmente avrebbero puntato su tutta una serie di ostacoli e complicazioni a valanga da commedia classica
    Spoiler! Mostra
    .

    Qua invece regna la linearità quotidiana:
    Spoiler! Mostra

    E nient'altro.

    Allo spettatore viene chiesto lo sforzo, come a Joe, di apprezzare la bellezza dell'ordinario (reso con una tecnica fotorealistica pazzesca che si contrappone all'essenzialità del mondo animico), per cui 22 che "nuota" divertita sulla grata del marciapiede vale più di mille intrecci di trama.

    Ovviamente è pur sempre un film Pixar, e nel terzo atto riesce a creare una sintesi delle sue due anime, di ordinario e straordinario, ambizione e semplicità, raccogliendo quanto seminato, con almeno un singolo momento di sublime trasporto.

    Lascia un commento:


  • Naihir
    ha risposto
    Che cosa ho visto?

    Questo è un piccolo capolavoro.

    L'ho trovato incredibile. Colpisce nel profondo dell'animo. E' toccante, riflessivo, struggente, emozionante. Un kaleidoscopo di sensazioni che convergono tutte in una grande scintilla.

    Adoro il percorso che sta facendo la Pixar con i suoi film, c'è davvero contenuto, esplorazione e voglia di spingersi sempre più avanti , con il discorso che da un po' stanno portando avanti con produzioni come Inside Out e Coco.

    Bellissime le musiche, che colorano perfettamente il passaggio tra il terreno e il non terreno.

    Un vero peccato che sia uscito solo su Disney+, meritava la grande sala e un successone al botteghino

    Lascia un commento:


  • Cek10
    ha risposto
    Condivido anche io le ottime opinioni, anche se a fronte delle ottime parti ambientate nel mondo delle anime a mio parere il film soffre un po' nella parte ambientata sulla terra.

    Lascia un commento:


  • Omar
    ha risposto
    Di notevole ha tutta la prima parte extraterrena... Con trovate visive e di sceneggiatura geniali (anime perdute e spiritualismo su tutti). Poi cala vistosamente... Sino al finale banalotto.

    Reznor/Ross ahimè sprecati.

    Certo in questa stagione è una delle cose migliori viste... Peccato non abbiano portato avanti l'idea iniziale di 22 vera protagonista e l'ambientazione totalmente priva di azione sulla Terra.

    Lascia un commento:


  • Lord Vell
    ha risposto
    Mi accodo ai pareri positivi: lavoro eccelso, tematiche veicolate in maniera efficacissima pur nella loro semplicità, e visivamente strabiliante (probabilmente il massimo della sperimentazione raggiunto dalla Pixar in questi anni). Gli mancano forse giusto un paio di tocchi grazie ai quali avrebbe potuto essere un capolavoro assoluto, mi riferisco in particolare al finale
    Spoiler! Mostra
    La colonna sonora aderisce benissimo alle immagini, ed è indubbiamente un commento che aiuta a conferire alla pellicola la sua personalità unica, ma non mi è sembrata troppo immediata e incisiva ad un primo ascolto. Unico altro "appunto" riguarda
    Spoiler! Mostra
    Si tratta di un Pixar più "per adulti" del solito, anche solo per il fatto che
    Spoiler! Mostra
    Sono anche stati bravi a rivelare pochissimo nei trailer
    Spoiler! Mostra
    Purtroppo tanta bellezza è compensata dal travaso di bile al pensiero che questo film non è uscito al cinema (e che, se uscirà, sarà da considerarsi alla stregua di una re-release)

    Lascia un commento:


  • Admiral Ackbar
    ha risposto
    Molto bello, la Pixar colpisce ancora. Ha diversi punti in comune con Coco (il personaggio principale che vuole fare il musicista nonostante il parere contrario di una parente, l'affacciarsi della morte) e Inside Out, eppure non dà mai l'impressione di riciclare qualcosa di già visto perché declina tutto in modo originale; quando il film sembra andare in una direzione conosciuta seguendo la falsa riga proprio di Inside Out, sterza improvvisamente e cambia tutto. Secondo me il film sarebbe potuto finire in modo un tantino diverso con un po' di coraggio in più, ma capiscoperché siano andati in un'altra direzione e la storia ha molto senso anche così.

    Lascia un commento:


  • Gidan 89
    ha risposto
    L'ho trovato bellissimo, il miglior Pixar da Inside Out. Lo si può mettere tranquillamente nella fascia altissima delle loro produzioni. Fa ridere e piangere contemporaneamente, una vera perla.

    Lascia un commento:


  • Gandalf
    ha risposto
    Beh, anche stavolta hanno fatto centro, altro grande film della Pixar.
    Qui la Pixar sembra prendere degli elementi cardine di alcuni suoi ultimi lavori (soprattutto Inside Out per come tratta con maestria la componente emotiva, emozionale e psicologica che caratterizza il modo di essere e di vivere, incrociando la via di Coco nel calarsi nel tema della musica come ragione di vita, ma anche in parte nell'affrontare la doppia dimensione di vita terrena e "aldilà") mescolandoli però in modo differente in un impianto narrativo che cerca di muoversi in bilico tra elementi contrapposti: abbiamo una grossa riflessione sul vivere ma anche sulla morte, abbiamo la sfera del personale che si scontra con l'importanza del collettivo (che bella quella scena del pianoforte verso la fine), troviamo la dimensione psicologica e mistica e quella prettamente terrena, così come il dualismo tra l'essere pronti e preparati per morire e l'esserlo anche per vivere.
    È un vero e proprio inno alla vita, un invito a godersi la bellezza del vivere valorizzando la ricchezza del quotidiano, composto dalle tante piccole cose che troppo spesso vengono ignorate... per inseguire cosa?
    Gli manca forse qualcosa per essere al livello dei lavori migliori, dovrei rivederlo. Ho trovato la parte centrale un po' meno riuscita, mentre ottima quella iniziale e splendida l'ultima mezzora.
    Graficamente e visivamente ottimo, ed ho trovato particolarmente riuscito il connubio tra il visionario e la sua componente concettuale, con alcune trovate particolarmente riuscite
    Spoiler! Mostra

    E infine la musica che è un valore aggiunto anche e soprattutto stavolta.

    Lascia un commento:


  • Leorgrium
    ha risposto

    Lascia un commento:

In esecuzione...
X