annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Parasite (Bong Joon-ho)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #91
    Finalmente visto ieri. Davvero bello, tutto Perfetto tra i migliori di questa ottima annata.

    Commenta


    • #92
      Bong sta lavorando con Adam McKay a una mini-serie HBO basata sul film.

      Ha detto che sfrutterà l'occasione per sviluppare delle idee che gli piacevano ma che per motivi di spazio non hanno trovato posto nel film.
      Luminous beings are we, not this crude matter.

      Commenta


      • #93
        posso sapere dove lo hai visto.

        Commenta


        • #94
          La notizia circola da giorni.
          Sarà un remake in inglese o coinvolgerà gli stessi talent del film? Mica l' ho capito.
          Si è parlato del coinvolgimento di Tilda Swinton quindi presumo sia valida la prima. Imho, una roba inutile.
          HBO is in negotiations for a limited series based on one of the hottest movies of the year, Bong Joon Ho's genre-bending Parasite.
          Ultima modifica di mr.fred; 14 gennaio 20, 11:39.

          Commenta


          • #95
            Originariamente inviato da Sonny Crockett Visualizza il messaggio
            Finalmente visto ieri. Davvero bello, tutto Perfetto tra i migliori di questa ottima annata.
            dove lo hai visto me lo dici?

            Commenta


            • #96
              Originariamente inviato da lenoir1990 Visualizza il messaggio

              dove lo hai visto me lo dici?
              cerca su google parasite ita streaming e lo trovi

              Commenta


              • #97
                Originariamente inviato da papermoon Visualizza il messaggio

                Ecco, ho trovato il film (visto da poco) privo di sbavature e vieppiù godibile, ma mi è parso troppo rigido, asfittico, vincolato alla sua parabola/metafora di fondo (ce lo dice anche un personaggio, che è tutta una metafora), per cui il soggetto, una volta messo in moto, ha uno sviluppo eccessivamente obbligato, segnato, telefonato, incanalato ben presto su binari piuttosto rigidi.
                Questo schacciamento sul metaforico produce insomma una struttura narrativa troppo meccanica, troppo a orologeria (prima l'uno, poi l'altra, poi l'altro ancora...), come in una lunga barzelletta nera che finisce per mettere sin troppo a nudo il suo meccanismo generatore.

                Insomma, è un film senza particolari sbavature ma troppo rigidetto, programmatico e calcolatino per i miei gusti.
                Mi è piaciutoh, ma senza particoalri entusiasmi.
                Mi accodo al commento di papermoon
                Aggiungo che a parte il piacere cinefilo e intellettuale ho trovato impossibile amare un film così poco interessato a fornire allo spettatore un collegamento empatico genuino con i suoi vari personaggi. Sono tutte pedine di una scacchiera sacrificabili in nome del metaforone o della scena ad effetto. Questo per me è un grosso problema perché il film non vuole portare avanti un discorso totalmente cinico e distaccato sin dall'inizio, anzi si premura di seguire molto da vicino i suoi protagonisti ma nonostante ciò desidera lo stesso spiazzarti in ogni modo senza preoccuparsi di sacrificare o muovere a piacimento la pedina di turno. Il risultato a tratti è troppo artificioso, grottesco, dissonante. Posto anche l'eccellente e precisa analisi di Sentieri Selvaggi, con cui mi ritrovo in pieno: https://www.sentieriselvaggi.it/para...-bong-joon-ho/
                Ultima modifica di Mr.Magpie; 15 gennaio 20, 08:45.

                Commenta


                • #98
                  Concordo anche io con papermoon e Mr.Magpie anche se complessivamente, per la sua fattura, lo metto ugualmente nella mia top ten stagionale. Ma non è un capolavoro, imho.
                  https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

                  "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                  Commenta


                  • #99
                    Originariamente inviato da Mr.Magpie Visualizza il messaggio

                    Mi accodo al commento di papermoon
                    Aggiungo che a parte il piacere cinefilo e intellettuale ho trovato impossibile amare un film così poco interessato a fornire allo spettatore un collegamento empatico genuino con i suoi vari personaggi. Sono tutte pedine di una scacchiera sacrificabili in nome del metaforone o della scena ad effetto. Questo per me è un grosso problema perché il film non vuole portare avanti un discorso totalmente cinico e distaccato sin dall'inizio, anzi si premura di seguire molto da vicino i suoi protagonisti ma nonostante ciò desidera lo stesso spiazzarti in ogni modo senza preoccuparsi di sacrificare o muovere a piacimento la pedina di turno. Il risultato a tratti è troppo artificioso, grottesco, dissonante. Posto anche l'eccellente e precisa analisi di Sentieri Selvaggi, con cui mi ritrovo in pieno: https://www.sentieriselvaggi.it/para...-bong-joon-ho/
                    Non sono d’accordo, si empatizza molto con i personaggi del figlio e del padre invece.

                    Critiche come quella di SS ne ho lette a decine e si basano tutte sull’assunto che un film, per essere veramente bello, debba essere “poco controllato” e “libero”, come se il Cinema fosse nient’altro che una serie di scene montate a caso, organizzate senza una pianificazione.

                    Non ha senso.

                    Mi sembra onestamente che questo approccio sia basato molto sulle sensazioni del momento, sulla convinzione che un film per assurdo “troppo perfetto” faccia il giro e finisca immerso nella mediocrità, o addirittura che si faccia fatica ad accettare l’idea che un capolavoro possa ricevere tutto questo apprezzamento e riconoscimento a livello internazionale. Strano che Fury Road non ebbe problemi, forse essendo un blockbuster era anche legittimato a raccogliere un ampio consenso, senza creare cortocircuiti nella testa del cinefilo. ll valore di un’opera cinematografica può essere spiegato, se un film è bello ci sono dei motivi ben precisi.



                    PS: già il fatto che nella rece di SS si confondano il nome del padre per il cognome della famiglia dei poveri, è tutto un programma.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
                      Non sono d’accordo, si empatizza molto con i personaggi del figlio e del padre invece.

                      Critiche come quella di SS ne ho lette a decine e si basano tutte sull’assunto che un film, per essere veramente bello, debba essere “poco controllato” e “libero”, come se il Cinema fosse nient’altro che una serie di scene montate a caso, organizzate senza una pianificazione.

                      Non ha senso.

                      Mi sembra onestamente che questo approccio sia basato molto sulle sensazioni del momento, sulla convinzione che un film per assurdo “troppo perfetto” faccia il giro e finisca immerso nella mediocrità, o addirittura che si faccia fatica ad accettare l’idea che un capolavoro possa ricevere tutto questo apprezzamento e riconoscimento a livello internazionale. Strano che Fury Road non ebbe problemi, forse essendo un blockbuster era anche legittimato a raccogliere un ampio consenso, senza creare cortocircuiti nella testa del cinefilo. ll valore di un’opera cinematografica può essere spiegato, se un film è bello ci sono dei motivi ben precisi.



                      PS: già il fatto che nella rece di SS si confondano il nome del padre per il cognome della famiglia dei poveri, è tutto un programma.
                      Non ho detto che non sia un bel film. Ho detto che non potrò mai amare un film simile ed ho spiegato i motivi. Che abbia una costruzione perfetta nessuno lo mette in dubbio. Che il risultato finale sia perfettamente convincente è un altro discorso. Se invece vuoi convincermi che sia oggettivamente un capolavoro faccio spallucce e giro i tacchi.

                      Peraltro l'assunto di cui parli non è presente né nel mio commento né nella rece di SS. È una tua elaborazione.
                      Ultima modifica di Mr.Magpie; 15 gennaio 20, 15:38.

                      Commenta


                      • Sto solo cercando di capire per quale motivo dei pregi vengano fatti passare per difetti

                        L'elaborazione seguente comprende tutta una serie di critiche verso il film di Bong che ho letto e che non arrivano mai a spiegare, a farmi capire, che problemi concreti abbia. In ogni caso il mio approccio è molto aperto: se qualcosa non mi convince ma nasconde pregi che non riesco a cogliere sono disposto a mettermi in discussione, senza fare spallucce e girare i tacchi. Mi è capitato più volte, so che cambiare idea richiede uno sforzo più grande che restare convinti delle proprie idee.
                        Ultima modifica di SE7EN; 15 gennaio 20, 16:24.

                        Commenta


                        • Rispetto il parere di tutti ma sono sostanzialmente d'accordo con SE7EN .
                          E' un film con una costruzione sicuramente molto ragionata, solida e ineccepibile, ma non mi sembra che questo vada a scapito dell'empatia e del sentimento - almeno, per me non è stato così. L'ho trovato tutto fuorché troppo rigido, meccanico e cerebrale; anzi, sia il divertimento che i pugni nello stomaco che il film elargisce in abbondanza sono dati proprio dal coinvolgimento emotivo che riesce a creare, imho

                          Commenta


                          • Con un post pubblicato su Facebook, Academy Two ha rivelato che Parasite, il film di Bong Joon-ho in corda agli Oscar, tornerà nei cinema italiani

                            Commenta


                            • Anche io ho apprezzato il fatto che é un film molto ben costruito e diretto senza però essere freddo per questo motivo. Anzi é qualcosa che veramente può essere ben apprezzato sia guardando puramente all'intrattenimento che ad aspetti più tecnici come la regia e il montaggio. La sceneggiatura può sembrare un po' forzata, enfatica però il finale dimostra proprio come il film non punti eccessivamente sul realismo ma piuttosto sul far riflettere in maniera originale su certe tematica classiche

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da SE7EN Visualizza il messaggio
                                Sto solo cercando di capire per quale motivo dei pregi vengano fatti passare per difetti

                                L'elaborazione seguente comprende tutta una serie di critiche verso il film di Bong che ho letto e che non arrivano mai a spiegare, a farmi capire, che problemi concreti abbia. In ogni caso il mio approccio è molto aperto: se qualcosa non mi convince ma nasconde pregi che non riesco a cogliere sono disposto a mettermi in discussione, senza fare spallucce e girare i tacchi. Mi è capitato più volte, so che cambiare idea richiede uno sforzo più grande che restare convinti delle proprie idee.
                                No è che semplicemente a volte è questione di sensibilità diverse dei fruitori. Non metto in discussione la fattura del film.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X