annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Hustlers (Lorene Scafaria)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Visto adesso. Ributtante, come le sue protagoniste.

    Commenta


    • #32
      Giusto per argomentare un po' il lapidario commento di cui sopra... il film è, come temevo, espressione di un vetero (e ahimè ancora diffusissimo) femminismo anti-desiderio, anti-sesso, anti-cazzo. Alle spogliarelliste non frega niente di tutto questo (di essere desiderate o desiderare), l'unica cosa che interessa loro (l'unica cosa che le arrapa, come recita una delle battute più sciagurate del film) sono i SOLDI (e qualcuno dovrebbe spiegarmi perché essere affamate di soldi dovrebbe essere più morale, o più edificante per una donna, che essere affamate di cazzo), soldi che, peraltro, servono, a comprare cose frivole come la borsa da 10.000 dollari o le scarpe loubutain. Il maschio arrapato è giudicato e punito (invece di pensare ad essere arrapate anche loro, le donne giudicano e puniscono). Non c'è niente di erotico, Jennifer Lopez mostra il culone enorme e sproporzionato in un paio di scene giusto per poter dire di essere stata coraggiosa e prendersi una nomination agli Oscar, Constance Wu, più coerentemente, si fa inquadrare sempre vestita.
      Che altro dire? Non credo di avere mai odiato dei personaggi femminili come quelli presenti in questo film (ma il target di pubblico ideale ovviamente non ero io, bensì le donne femministe che odiano gli uomini e il sesso e il desiderio). Riguardarsi Stripped to kill di Katt Shea (che pur nel suo essere un b-movie era decisamente superiore a questo) o il vituperato (ma grandioso) Verhoeven di Showgirls (che magari mi riguardo proprio stasera).
      Ultima modifica di Fish_seeks_water; 29 novembre 19, 15:49.

      Commenta


      • #33
        Avercene oggi film come Shogirls.
        "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

        Commenta


        • #34
          Per ruoli iconici di spogliarelliste (in film non su spogliarelliste) ricordo invece la magnifica, magnifica Marisa Tomei di The Wrestler (la donna più bella del mondo in quegli anni, io ne ero totalmente innamorato, altro che Jennifer Lopez) o la Mati Diop in versione attrice di Simon Killer di Antonio Campos, dove mostra il pelo e il culo davanti a uno sbigottito Brady Corbet (Mati Diop che è anche una delle pochissime, purtroppo, registe donne ad aver girato un film sul desiderio femminile - Snow Canon - oltre a mantenere sempre, anche negli altri lavori, uno sguardo erotizzante nei confronti dei corpi e dei volti maschili).
          Ultima modifica di Fish_seeks_water; 29 novembre 19, 16:12.

          Commenta


          • #35
            Originariamente inviato da Fish_seeks_water Visualizza il messaggio
            Visto adesso. Ributtante, come le sue protagoniste.
            Tranchant.



            Qua si spiega perché le femministe 2.0 lo ritengono un film bello e importante.
            Mi sembra giusto sentire anche l' altra campana.

            Nell'ultimo film di Jennifer Lopez Le Ragazze di Wall Street, l'attrice balla la lap dance nuda.

            Commenta


            • #36
              Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio

              Tranchant.



              Qua si spiega perché le femministe 2.0 lo ritengono un film bello e importante.
              Mi sembra giusto sentire anche l' altra campana.

              sarebbe tempo perso, pure una scimmia capirebbe perchè piace alle femministe tossiche, inoltre non sapevo che la regista fosse donna, te credo che la critica lo pompa

              Commenta


              • #37
                Tempo perso? Bastano due minuti.

                Commenta


                • #38
                  Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio

                  Tranchant.



                  Qua si spiega perché le femministe 2.0 lo ritengono un film bello e importante.
                  Mi sembra giusto sentire anche l' altra campana.

                  E' un articolo preciso, ed effettivamente la mia frustrazione nasce dal fatto che questo è un film che parla di soldi, di chi ce li ha e di chi non ce li ha (e li vuole), laddove io avrei voluto vedere un film che parlasse un po' di desiderio. Ma di desiderio qui non c'è traccia, se non quella moralista che lo condanna (quello maschile, quello femminile non esiste).

                  Commenta


                  • #39
                    E' un film che non mi interessa vedere al cinema e dubito che sia bello come dice l' autrice dell' articolo (film dell' anno; regia, fotografia e interpretazioni perfette... tutto questo in attesa di Piccole Donne che qualcosa mi dice lo scalzerà dal podio lol) ma offre un punto di vista ben argomentato.

                    Commenta


                    • #40
                      Io ho trovato anche insopportabile come ste donne siano fatte passare come delle eroine da idolatrare, quando non solo fregavano i soldi ai clienti, ma, drogandoli pesantemente, rischiavano pure di accopparli. Un nervoso per tutto il film per questa cosa.

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                        Tempo perso? Bastano due minuti.
                        ma l'hai scritto tu?, ti pagano a click?, ci sarà la spiegazione paracula ma le recensioni che ho letto parlano chiaro ed è quello il motivo per cui lo chiamano film femminista, tra l'altro è un insulto alle donne definirlo cosi ma il femminismo di adesso è questo

                        Commenta


                        • #42
                          Passabile dai. Jlo è in formissima e devo dire anche decisamente brava.

                          Commenta


                          • #43
                             
                            "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                            Commenta


                            • #44
                              L'ho beccato ieri sera su Sky Cinema. Che trashata mamma mia .
                              Per carità intrattiene abbastanza e ha qualche scena divertente ma come struttura narrativa è impostato proprio male e diretto ancora peggio. Non ci posso credere che abbiano tentato di creargli attorno un buzz da premi, giustamente poi non andato a buon fine.

                              Commenta


                              • #45
                                Originariamente inviato da Fish_seeks_water Visualizza il messaggio
                                Giusto per argomentare un po' il lapidario commento di cui sopra... il film è, come temevo, espressione di un vetero (e ahimè ancora diffusissimo) femminismo anti-desiderio, anti-sesso, anti-cazzo. Alle spogliarelliste non frega niente di tutto questo (di essere desiderate o desiderare), l'unica cosa che interessa loro (l'unica cosa che le arrapa, come recita una delle battute più sciagurate del film) sono i SOLDI (e qualcuno dovrebbe spiegarmi perché essere affamate di soldi dovrebbe essere più morale, o più edificante per una donna, che essere affamate di cazzo), soldi che, peraltro, servono, a comprare cose frivole come la borsa da 10.000 dollari o le scarpe loubutain. Il maschio arrapato è giudicato e punito (invece di pensare ad essere arrapate anche loro, le donne giudicano e puniscono). Non c'è niente di erotico, Jennifer Lopez mostra il culone enorme e sproporzionato in un paio di scene giusto per poter dire di essere stata coraggiosa e prendersi una nomination agli Oscar, Constance Wu, più coerentemente, si fa inquadrare sempre vestita.
                                Che altro dire? Non credo di avere mai odiato dei personaggi femminili come quelli presenti in questo film (ma il target di pubblico ideale ovviamente non ero io, bensì le donne femministe che odiano gli uomini e il sesso e il desiderio). Riguardarsi Stripped to kill di Katt Shea (che pur nel suo essere un b-movie era decisamente superiore a questo) o il vituperato (ma grandioso) Verhoeven di Showgirls (che magari mi riguardo proprio stasera).
                                Non l'ho visto e perciò non mi metterò a contraddirti . Per fare un po' di sociologia spicciola (?) mi verrebbe in mente che la borsa da 10.000$ è un primo atto di riconoscimento sociale che, se ulteriormente accompagnato, non si baserà "unicamente"sul soldo. Non credo , per dire , che a Chiara Ferragni interessi unicamente inseguire una escalation di borse da 10-20-30-40-50mila dollari per essere etichettata"di tendenza", ma ce ne infili pure qualcuna (di borse) da 10$ per coprire un lato di presunto "anticonformismo", più quelle da 100$ da lanciare come "splendida normalità". Idem sul fronte sexy : c**o di fuori certo e tanga firmato, ma anche nudità col "legittimo"marito e nudità "naturali" benedette pure dalla Chiesa (pancione da gestante, allattamento da neo madre).
                                Tutto centrifugato per produrre la "schiuma" del Vip, certo , danaroso, e/ma distinto anche quanto si dedica a faccende "comuni", che però svolte da Lei hanno risalto a prescindere . Poi già, possiamo invece fare l'elogio della professionista bardata come una palombara che si sbatte nei reparti Covid. Ma quest'ultima è forse implicitamente tenuta alla riservatezza (?)...Ma dunque sarà "riconosciuta"da chi è già nella posizione di influencer, e siamo daccapo.

                                "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X