annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tyler Rake (Sam Hargrave)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    La Farahani con la sua pettinatura impeccabile a prova di qualsiasi fumo, polvere o esplosione (oltre che limitare la visuale che un soldato dovrebbe avere in battaglia) e il suo bellissimo viso perennemente pulitino qualsiasi inferno le si scatenasse intorno, penso fosse allo stesso tempo la cosa più bella e fuori posto del film.
    Luminous beings are we, not this crude matter.

    Commenta


    • #17
      Originariamente inviato da MrCarrey Visualizza il messaggio
      Prima regola dell'actionhero moderno in punto di morte ...
      Spoiler! Mostra
      si anche se

      Spoiler! Mostra
      .

      Commenta


      • #18
        La prima parte funziona meglio della seconda. La storia è abusatissima e vista un migliaio di volte. Il solito personaggio tormentato da qualche tragedia legata alla sua famiglia, che si imbottisce di psicofarmaci, ha un brutto rapporto con l'alcol e che viene richiamato in azione per i soldi e per dare sfogo alle sue manie suicide. L'azione nella prima parte e molto figa e mescola alcune lezioni apprese da The Raid ma, soprattutto, dai film coreani tattici. Purtroppo, quando non hai una storia solida, la seconda parte si ammoscia e diventa il prevedibile finale senza troppi guizzi. Ma che si pretende da un regista alla sua prima prova e che nasce stuntman? (con cameo nella foresta) in ogni caso, montaggio e riprese della prima parte rimangono esemplari, anche per un esordiente. Bella prova per mettere in vista un po di tecniche per riprendere l'azione. Il piano sequenza della prima parte, anche con i vari stacchi digitali, è fatto molto bene. La solita sbobba ma con più di qualche guizzo che vale la pena

        Originariamente inviato da MrCarrey Visualizza il messaggio
        Prima regola dell'actionhero moderno in punto di morte ...
        Spoiler! Mostra
        Ehehehe si, esatto. Purtroppo devono sempre rasentare il ridicolo fino in fondo
        Ultima modifica di ryoma nagare; 26 aprile 20, 10:21.

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
          La Farahani con la sua pettinatura impeccabile a prova di qualsiasi fumo, polvere o esplosione (oltre che limitare la visuale che un soldato dovrebbe avere in battaglia) e il suo bellissimo viso perennemente pulitino qualsiasi inferno le si scatenasse intorno, penso fosse allo stesso tempo la cosa più bella e fuori posto del film.
          Vero, ma è così bella che non ha alcuna importanza.
          Originariamente inviato da MrCarrey Visualizza il messaggio
          Prima regola dell'actionhero moderno in punto di morte ...
          Spoiler! Mostra
          Ah ecco, credevo di essermelo immaginato che non gli avevo dato peso.
          Spoiler! Mostra
          "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

          Commenta


          • #20
            Visto, film action simpatico con delle ottime sequenze di sparatorie/scazzottate. Forse il suo problema principale è quello di sparare le cartucce migliori nei primi 45 minuti e di conseguenza il resto del film risulta abbastanza sgonfiato. L'avrei gradito più corto e più dritto al sodo, sforbiciando tutte quelle parti da bignami dello sceneggiatore in erba che servono solo a creare pause noiosette tra una scazzottata e l'altra. Di base si può dire che ha lo stesso difetto dei vari film di John Wick, film-videogame impostati unicamente su una sequenza di stunt più o meno elaborati e poco altro. Da quel punto di vista comunque niente da dire, Hargrave sa evidentemente il fatto suo. Come esordio direi che va benone, magari alla prossima liberarsi dei Russo e trovare un soggetto ed una sceneggiatura più stimolanti.
            Mi è piaciuto molto Hemsworth e bella l'idea di ambientare il tutto in Bangladesh (tra l'altro dispiego di mezzi notevoli, Netflix si sta lasciando alle spalle il sapore da film-tv delle sue vecchie produzioni).

            Commenta


            • #21
              Con tutti i limiti e le sue semplificazioni, preferisco 300 volte questa formula trita condita da ottimi spunti sul panorama dell'azione a roba come 6 merdground...

              Commenta


              • #22
                Devo vederlo ma quella fotografia color ocra mi respinge

                Commenta


                • #23
                  Il pregio di John Wick oltre alle straordinarie coreografie e sequenze d'azione è l'aver creato una lore(già dal primo con il Continental)notevole ed interessante...inoltre l'azione si svolgeva in scenari e di conseguenza fotografie diverse;ed anche come quadri in se Chad Stahelski ha un buon gusto.

                  Tylar Rake come detto è un buon film d'azione con sequenze(su tutti il piano-sequenza) d'azione ben dirette però a livello di quadri,messa in scena(comunque buona per il film) ed intensità dazione siamo inferiori a John Wick.

                  Certamente rispetto a Bay siamo su tutt'altro pianeta(per come piace a me l'azione dei film).



                  Originariamente inviato da Massi Visualizza il messaggio
                  Devo vederlo ma quella fotografia color ocra mi respinge
                  E' contestualizzata dall'ambientazione calda.

                  Commenta


                  • #24
                    È lo stesso filtro fotografico stereotipo con cui filmano il Messico al cinema.
                    tumblr_oc8g4uj7aK1sec0ywo1_1280.jpg

                    Commenta


                    • #25
                      Originariamente inviato da ryoma nagare Visualizza il messaggio
                      Con tutti i limiti e le sue semplificazioni, preferisco 300 volte questa formula trita condita da ottimi spunti sul panorama dell'azione a roba come 6 merdground...
                      Prima di arrivare a un palese non film, ci sono moltissimi step intermedi. Chi diavolo lo vuole 6 underground? Uno che vuole farsi di acidi immagino. io personalmente mi piace l'equilibrio nelle cose e preferisco che l'azione sia di supporto alla narrazione, anche lineare e semplice, piuttosto che faccia da collante blando tra una scena d'azione e l'altra, anche ben realizzate, ma fini a se stesse. Tyler Rake, per quanto tiratissimo per i capelli, riesce al minimo a portare a casa in tal senso. I The Raid o La Notte decisamente no e sono i momenti in cui controllo l'ora di continuo per capire quanto manca prima che finisca lo strazio. Mia opinione.
                      "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                      Commenta


                      • #26
                        Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio

                        Prima di arrivare a un palese non film, ci sono moltissimi step intermedi. Chi diavolo lo vuole 6 underground? Uno che vuole farsi di acidi immagino. io personalmente mi piace l'equilibrio nelle cose e preferisco che l'azione sia di supporto alla narrazione, anche lineare e semplice, piuttosto che faccia da collante blando tra una scena d'azione e l'altra, anche ben realizzate, ma fini a se stesse. Tyler Rake, per quanto tiratissimo per i capelli, riesce al minimo a portare a casa in tal senso. I The Raid o La Notte decisamente no e sono i momenti in cui controllo l'ora di continuo per capire quanto manca prima che finisca lo strazio. Mia opinione.
                        Riguardo La Notte su di Noi ti seguo, su The Raid un pò meno. Volendo o no, The Raid ha rilanciato l'azione ripresa in un certo modo e, come dicono molti, l'azione in quel film è narrazione intrinseca. La notte su di noi è una ripetizione di quella formula, ma appannata e stanca, con gli indonesiani che fanno i bulletti e non sono credibili neanche mezzo secondo; si salva solo Taslim come presenza scenica. L'azione poi è ripetitiva e, come le definisco io, una "catena di montaggio".Dopo un po la sorpresa va scemando. 6 merdground è roba per discotecari del fine settimana. Extraction ha una sceneggiatura scritta sulla carta igienica (come 80% del genere, sono pretesti per imbastire l'azione); ma almeno l'azione è buona e viaggia su vari momenti diversi (la seconda parte meno convincete) .Ti cadono le palle quando c'è il ragazzino che empatizza sistematicamente con il mercenario tormentato e lo vorrebbe abbracciare, ma te lo fai andare giù se mi intratteni con perizia e quello lo sa fare bene. Extraction meglio di 6 merdground; ma roba come Man from Nowhere (e il 70% dei film coreani tattici: Company Man, No Tears from the dead etc.) uno a caso piscia in testa a questo Extraction.

                        Commenta


                        • #27
                          L'ambiguo finale di Tyler Rake ha colpito molti: il regista del film Netflix con Chris Hemsworth ne parla in una nuova intervista
                          "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                          Commenta


                          • #28
                            https://collider.com/extraction-sequ...ave-joe-russo/

                            Primi fievoli accenni a possibili prequel (con ruolo più ampio per Harbour) e sequel.
                            Luminous beings are we, not this crude matter.

                            Commenta


                            • #29
                              Mhm... da una parte il prequel mi andrebbe bene, perché più Harbour è solo cosa buona e giusta. Però aprirebbe troppo la porta nell'esplorazione del personaggio, raccontandone la rava e la fava. Francamente va bene così, non serve altro per delinearlo.
                              "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                              Commenta


                              • #30
                                Si non frega niente a nessuno di scavare dentro al personaggio, nè di approfondire le dinamiche tra lui e Harbour, che apprezzo come attore ma che per come è stato impostato il personaggio non ha molto senso andarlo a ripescare, cioè non me ne frega niente del suo passato anche in questo caso, non ha un ruolo così importante ed iconico da motivare questo eccesso di curiosità.
                                Un sequel con una nuova missione invece è ben accetto.
                                tumblr_oc8g4uj7aK1sec0ywo1_1280.jpg

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X