annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Venezia 2020

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #76
    Solo in america il film della Zhao è salutato come un capolavoro. Quanto sei ingenua mon chéri.

    Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
    Il film paraculo vince in sostanza.
    Più che altro se non mettono il marchio sul film della stagione dei premi americani non sono contenti, una farsa ai danni di tutti coloro che lecitamente concorrono al Leone d' Oro.
    Ultima modifica di mr.fred; 12 September 20, 19:41.

    Commenta


    • #77
      Mah, Nomadland doveva vincere e Nomadland ha vinto. Ora, io mi chiedo, come mai era dato così favorito alla vigilia? La regista è giovane, per quanto promettente non è un big per cui è semplice sbilanciarsi in un pronostico, illuminatemi voi.
      https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

      "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

      Commenta


      • #78
        E' l' unico film della awards season americana che Barbera è riuscito a trascinare al Lido (presentato l' ultimo giorno in contemporanea con Toronto, tra l' altro), per quello ha vinto.
        L' imperativo è mantenere le buone relazioni con Hollywood.
        Ancora non mi sono ripreso dalla visione di Lucrecia Martel che consegna il Leone a Joker.

        Commenta


        • #79
          Venezia si è asservita agli USA e al loro cinema negli ultimi 3 anni, però se Roma di Cuaron nulla da dire, su Joker invece per quanto buono già avrei molto da contestare, sto Nomadland già era vincitore annunciato per via del tema, ma varrà sicuramente molto meno di quel che la critica USA lo ha pompato.

          https://quinlan.it/2020/09/12/nomadland/

          Quinlan lo stronca, che Leone d'Oro sciagurato.

          Commenta


          • #80
            La Forma dell' Acqua, Roma, Joker, Nomadland.
            Possono piacere e pure molto ma a tutto c' è un limite.

            Commenta


            • #81
              M'ero scordato della bufala di Del Toro, perchè me l'hai ricordata. Di questi meritava solo Roma di Cuaron.

              Commenta


              • #82
                Ok, ma Nomadland nasce come un film indie e come Gidan ha ben ricordato è stato diretto da una regista alla sua seconda esperienza cinematografica. Non è una Cuaròn o una Del Toro o un Philips. E per quanto mi riguarda agli Oscar nemmeno sbancherà più di tanto, pertanto non mi viene da pensare che sia solo il peso di Hollywood che ha influito nella premiazione. Che poi, a ben vedere, non mi sembra ci fossero altri film accolti meglio. Uno dei migliori era proprio questo e ha vinto per questo non ci vedo paraculate varie

                Commenta


                • #83
                  La vittoria di Nomadland, senza paragonare i film, mi ricorda quella di Joker di anno passato, almeno per le dinamiche: grande attore/attrice che meritirebbe la Coppa Volpi (e che forse vince a mani basse agli Oscar, vediamo se succede a Frances), ma la giuria preferisce premiarlo col premio più importante, snobbando l'attore/attrice.
                  Inoltre due attori italiani vincitori per due anni di fila... sarà mai successo?

                  Commenta


                  • #84
                    Originariamente inviato da sherry Visualizza il messaggio
                    Ok, ma Nomadland nasce come un film indie e come Gidan ha ben ricordato è stato diretto da una regista alla sua seconda esperienza cinematografica. Non è una Cuaròn o una Del Toro o un Philips. E per quanto mi riguarda agli Oscar nemmeno sbancherà più di tanto, pertanto non mi viene da pensare che sia solo il peso di Hollywood che ha influito nella premiazione. Che poi, a ben vedere, non mi sembra ci fossero altri film accolti meglio. Uno dei migliori era proprio questo e ha vinto per questo non ci vedo paraculate varie
                    Anch' io credo che alla fine non vincerà chissà quali Oscar ma, della selezione veneziana di quest' anno, era l' unico ad averne le caratteristiche.
                    Di sicuro farà incetta di premi durante la awards season a stelle e strisce e verrà candidato.



                    Film indipendente fino a un certo punto il premio l' ha ritirato il delegato Disney Italia.



                    Baby Castellitto con chi ce l' aveva? “Solo gli infami e i traditori sono bravi coi ringraziamenti” mentre ritirava il premio alla sceneggiatura in Orizzonti. Simpatico.

                    Ultima modifica di mr.fred; 12 September 20, 20:11.

                    Commenta


                    • #85
                      Mettiamoci l'anima in pace, non torneranno più indietro. Il tempo in cui si discuteva se dare il Leone a Fassbinder o Wenders è finito. E non dimentichiamoci che Alfonso Cuarón veniva da un Harry Potter e Gravity. Sempre di Hollywood parliamo. Quest'anno si sono dovuti semplicemente accontentare di ciò che passava il convento. Se Netflix avesse mandato Mank o Blonde sappiamo come sarebbe andata a finire.

                      Piuttosto, sarebbe interessante poter sapere di cosa abbia discusso la giuria fino all'ultimo giorno, quando in teoria i giochi sono già fatti. Siamo alle comiche, veramente. A Cannes 2016 l'ultimo giorno presentarono Elle di Verhoeven, che ovviamente non vinse nulla.
                      Ultima modifica di Smerdjakov; 12 September 20, 20:22.

                      Commenta


                      • #86
                        Di Chloe Zhao ho visto The rider e, nonostante per qualcuno sia un mezzo capovalovoro, a me non ha fatto impazzire, ragion per cui non capisco l'hype per questo Nomadland (non ho neanche visto il trailer).
                        Prendendo ad esempio la lista di Gidan postata qualche giorno fa e il discorso che faceva io ho per esempio visto film di Franco e Mundruczco, ma a prescindere dal fatto che sia roba uscita in sala in Italia o che abbia vinto premi non mi fa salire curiositá. Diverso é quando questi film vengono presentati di fianco a quelli di qualche grande autore (non parlo per forza di americani, ma non credo di doverlo specificare), viene più facile seguire tutto.
                        Ad ogni modo per me seguire i festival é sempre un impegno, seppur piacevole, a meno che non mi capitino giornate morte a lavoro per cui riesco a leggere qualche recensione in ufficio, cerco di leggerle appena sveglio o prima di andare a dormire, o ancora mentre cammino per andare da qualche parte. In caso contrario mi appoggio solo ai titoli che vedo sui social, da questo punto di vista mi pare che se ne sia parlato meno del solito anche fra gli addetti dei lavori.
                        Per il resto vedró di informarmi anche a posteriori, sugli ultimi 10 Cannes credo di avere una media di 13-14 visioni del Concorso ad edizione (non mi sento assolutamente in obbligo di vedere proprio tutto tutto, senza per questo sentirmi un cinefilo di serie B o simili), per Venezia cerco di mantenermi comunque sopra la metá.
                        Spero comunque, vista la situazione, che molti film escano in sala presto anziché anche dopo un anno o due come avviene normalmente.

                        Commenta


                        • #87
                          Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                          Venezia si è asservita agli USA e al loro cinema negli ultimi 3 anni, però se Roma di Cuaron nulla da dire, su Joker invece per quanto buono già avrei molto da contestare, sto Nomadland già era vincitore annunciato per via del tema, ma varrà sicuramente molto meno di quel che la critica USA lo ha pompato.

                          https://quinlan.it/2020/09/12/nomadland/

                          Quinlan lo stronca, che Leone d'Oro sciagurato.
                          Bradshaw 5 stelle su 5. E ora come la mettiamo?

                          Ps : ma davvero hai già avuto la conferma che è brutto dal voto di una rivista x?

                          Commenta


                          • #88
                            Non capisco neanche la riflessione sulla carriera del vincitore. Da quando per vincere leone d'oro, orso d'oro e anche la palma bisogna avere chissà che carriera?

                            Qualche anno fa ha vinto quel regista mi pare argenti no con Ti guardo, che non ricordo manco come si chiama, ed era il film d'esordio ( e al momento unico)

                            Tarantino vinse la palma d'oro col secondo film, Steven Soderberg vinse con sesso, bugie, videotape. Ovvero il suo primo lungometraggio.

                            Commenta


                            • #89
                              Originariamente inviato da Smerdjakov Visualizza il messaggio
                              Piuttosto, sarebbe interessante poter sapere di cosa abbia discusso la giuria fino all'ultimo giorno, quando in teoria i giochi sono già fatti. Siamo alle comiche, veramente. A Cannes 2016 l'ultimo giorno presentarono Elle di Verhoeven, che ovviamente non vinse nulla.
                              Vai a saperlo. Un verdetto scritto nelle stelle.



                              Del Brocco scazzato perché nessuno dei tre film Rai Cinema presenti in concorso ha vinto qualcosa.

                              Ultima modifica di mr.fred; 12 September 20, 22:34.

                              Commenta


                              • #90
                                Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                                La Forma dell' Acqua, Roma, Joker, Nomadland.
                                Possono piacere e pure molto ma a tutto c' è un limite.

                                Sì, in sostanza è ormai quasi una fregatura andare in concorso per gli altri film non competitivi all'award season. Perché il concorso non c'è, è pilotato al punto che si era certi vincesse la Zhao col bel percorsino prefissato (nomination all'Oscar + Gli eterni in pompa magna il prossimo anno) nel momento in cui è uscito il programma. Gli anni di Lav Diaz o Roy Andersson sembrano davvero epoche fa. E non aiuta che il film sia poca cosa, una specie di vetrina per il talento (ben poco a giudicare da questa opera seconda) di Zhao che la prepari a far la storia dell'Academy. Una miracolata.
                                Il problema non è se il pubblico amerà il film, ma se il film amerà il pubblico
                                Luc Dardenne

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X