annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filmografie e registi a confronto: la classifica di Badtaste

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da David.Bowman
    Il Cinema d'Arte non è mai facile e richiede un certo impegno, passione e preparazione :sisisi:
    Su questo però David non sono d'accordo, ma probabilmente perchè ho un concetto di cinema d'arte (o meglio, di Grande Cinema. Perchè quando un titolo lo trovo bello, riuscito e coinvolgente per me è automaticamente un'espressione artistica), o di arte in generale, diverso dal tuo...

    I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
    http://www.destroythismovie.com

    Commenta


    • Originariamente inviato da Il Borg
      Originariamente inviato da David.Bowman
      Il Cinema d'Arte non è mai facile e richiede un certo impegno, passione e preparazione :sisisi:
      Su questo però David non sono d'accordo, ma probabilmente perchè ho un concetto di cinema d'arte (o meglio, di Grande Cinema. Perchè quando un titolo lo trovo bello, riuscito e coinvolgente per me è automaticamente un'espressione artistica), o di arte in generale, diverso dal tuo...
      Il concetto di Grande Cinema secondo me è anche un concetto soggettivo. Film che generalmente sono considerati capolavori a me sembrano solamente dei discreti lavori e viceversa. Ognuno ha un proprio concetto di grande cinema: Quarto potere per me è un capolavoro come pochi altri, ma comprendo anche che qualcuno lo possa considerare in modo diverso.

      Probabilmente questa mia opinione è data dal fatto che mi sono avvicinato al cinema da solo, senza una "formazione" particolare: il mio giudizio sui film deriva solamente dalle sensazioni che ho quando li guardo. Una volta pensavo che fosse questo il motivo per il quale non riesco ad apprezzare pienamente alcuni registi considerati Maestri (uno su tutti, Fellini). Altri grandi registi come appunto Welles sono invece nel gruppo dei registi che amo. Questo mi porta a pensare che il Cinema d'Arte richieda soprattutto la passione, mentre la preparazione è una cosa secondaria.
      Welles non sarebbe Welles, se tutti potessero essere Welles

      Commenta


      • Originariamente inviato da Il Borg
        Originariamente inviato da David.Bowman
        Il Cinema d'Arte non è mai facile e richiede un certo impegno, passione e preparazione :sisisi:
        Su questo però David non sono d'accordo, ma probabilmente perchè ho un concetto di cinema d'arte (o meglio, di Grande Cinema. Perchè quando un titolo lo trovo bello, riuscito e coinvolgente per me è automaticamente un'espressione artistica), o di arte in generale, diverso dal tuo...
        si, forse come affermazione è troppo lapidaria, magari meglio cambiare quel non è mai facile con un più elastico non è quasi mai facile asd

        Quando parlo di Cinema d'Arte io mi riferisco, principalmente, ai Registi (Maestri) che io collego nel mio personale Nirvana cinematografico: asd

        Welles, Bergman, Kubrick, Fellini, Kurosawa (la mia personale TOP 5)
        e poi tutti gli altri a cui ho dato voti superiori al 9

        su questi qui la mia affermazione (categorica) è quasi sempre vera
        "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


        Votazione Registi: link

        Commenta


        • Originariamente inviato da paro_noodles
          Originariamente inviato da Il Borg
          Originariamente inviato da David.Bowman
          Il Cinema d'Arte non è mai facile e richiede un certo impegno, passione e preparazione :sisisi:
          Su questo però David non sono d'accordo, ma probabilmente perchè ho un concetto di cinema d'arte (o meglio, di Grande Cinema. Perchè quando un titolo lo trovo bello, riuscito e coinvolgente per me è automaticamente un'espressione artistica), o di arte in generale, diverso dal tuo...
          Il concetto di Grande Cinema secondo me è anche un concetto soggettivo. Film che generalmente sono considerati capolavori a me sembrano solamente dei discreti lavori e viceversa. Ognuno ha un proprio concetto di grande cinema: Quarto potere per me è un capolavoro come pochi altri, ma comprendo anche che qualcuno lo possa considerare in modo diverso.

          Probabilmente questa mia opinione è data dal fatto che mi sono avvicinato al cinema da solo, senza una "formazione" particolare: il mio giudizio sui film deriva solamente dalle sensazioni che ho quando li guardo. Una volta pensavo che fosse questo il motivo per il quale non riesco ad apprezzare pienamente alcuni registi considerati Maestri (uno su tutti, Fellini). Altri grandi registi come appunto Welles sono invece nel gruppo dei registi che amo. Questo mi porta a pensare che il Cinema d'Arte richieda soprattutto la passione, mentre la preparazione è una cosa secondaria.
          Ma assolutamente. La penso esattamente come te.
          Però è normale che quando un film ci è particolarmente caro ci schieriamo con chi ha un giudizio quanto più simile al nostro...
          Poi, per quanto mi riguarda, non mi scompongo di un centimetro se qualcuno che ha visto (ad esempio) Quarto Potere lo sottovaluta, rimane freddo o peggio ancora lo stronca totalmente. Ne possiamo discutere se l'intenzione è quella di intavolare un confronto civile, certo, ma per me finisce lì. Mi ripugna anche solo il pensiero di dover formare chissà quale gusto (e poi, con quale facoltà?). Non mi interessa, ognuno è libero di sviluppare il proprio senso estetico come meglio crede...
          L'importante è parlare soltanto dopo aver visto l'oggetto dell'eventuale disapprovazione o dell'eventuale lode...

          Originariamente inviato da David.Bowman
          Originariamente inviato da Il Borg
          Originariamente inviato da David.Bowman
          Il Cinema d'Arte non è mai facile e richiede un certo impegno, passione e preparazione :sisisi:
          Su questo però David non sono d'accordo, ma probabilmente perchè ho un concetto di cinema d'arte (o meglio, di Grande Cinema. Perchè quando un titolo lo trovo bello, riuscito e coinvolgente per me è automaticamente un'espressione artistica), o di arte in generale, diverso dal tuo...
          si, forse come affermazione è troppo lapidaria, magari meglio cambiare quel non è mai facile con un più elastico non è quasi mai facile asd

          Quando parlo di Cinema d'Arte io mi riferisco, principalmente, ai Registi (Maestri) che io collego nel mio personale Nirvana cinematografico: asd

          Welles, Bergman, Kubrick, Fellini, Kurosawa (la mia personale TOP 5)
          e poi tutti gli altri a cui ho dato voti superiori al 9

          su questi qui la mia affermazione (categorica) è quasi sempre vera
          Sì, capisco cosa vuoi intendere. Però aggiungo che quei registi non hanno fatto soltanto opere ermetiche di difficile avvicinamento, tutt'altro. Anche se la ricchezza dei contenuti resta quasi sempre elevata non significa che i loro film si precludano il solito, meraviglioso, decisivo e appassionante piacere del racconto. E quando c'è questo anche il soggetto più modesto (nel senso di discreto, mediocre) riesce a seguirli, ad amarli profondamente e a trovare lo stimolo per meglio esplorarli. Lo dico perchè altrimenti uno come me col cacchio che avrebbe apprezzato (tanto) quei registi... :biggrin: :biggrin:

          I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
          http://www.destroythismovie.com

          Commenta


          • Intervengo solo in questo interessante discorso per dire ke io non mettevo in dubbio la possibilità soggettiva di dare 9 o 9.5 anzikè 10... non era una questione di numeri ma di motivazioni per cui.

            Votare per stizza o rivalsa in base a qualkosa ke nel film non c'è è semplicemente folle.
            (non che dare un voto alla carriera del regista avendone visto uno o due film sia tanto diverso eh).
            [img width=420 height=140]http://oi54.tinypic.com/33f72vd.jpg[/img][size size=12pt][color color=red]!!!ANNUNCIATE LE NOMINATION!!![/color][/size]

            Commenta


            • Originariamente inviato da Il Borg
              Originariamente inviato da David.Bowman
              Il Cinema d'Arte non è mai facile e richiede un certo impegno, passione e preparazione :sisisi:
              Su questo però David non sono d'accordo, ma probabilmente perchè ho un concetto di cinema d'arte (o meglio, di Grande Cinema. Perchè quando un titolo lo trovo bello, riuscito e coinvolgente per me è automaticamente un'espressione artistica), o di arte in generale, diverso dal tuo...

              Anche per me è parzialmente non vera.
              Nel senso che molti capolavori che mi sono apparsi tali, sono state visioni a sorpresa, per così dire, che non adeguatamente preparate o studiate a posteriori( in qualche caso ammetto che è utile).

              Il carattere di un'opera d'arte si legge anche nella sua universalità,trasversalità e dal primario impatto emotivo, che non nella comprensione assoluta e razionale dell'opera.
              Per me l'arte è qualcosa che trascende la conoscenza completa della sua storia, ma deve avere un suo senso compiuto in sè. Io trovo poi che i veri capolavori non siano così criptici. Amo i film di Kurosawa da quando avevo 14 anni, cos'ha di così criptico I Sette Samurai, che è la storia più universale che esista?
              Per amare veramente il Cinema e il vero Cinema non credo necessitiamo per forza, sempre uno studio a piori.
              Il mio è un discorso che critica la filologia per amare il cinema, e che questa decreti ciò che è artistico, ma a contrario trovo che, inversamente, amando in maniera più istintiva, intuitiva,profonda il cinema si possa e ci si ritrovi a voler ricostruirne la sua storia.


              Comunque senza dimenticarci, che il Cinema è un arte direttamente consegnata al popolo e alle masse, fin dai suoi albori. Non nasce nelle scuole private, sembra che questo dividere il cinema sempre in cinema d'arte e qualcos'altro, alla fine non possa poi che continuamente rinnovare e allargare i divari tra grande pubblico e elite medio borghesi possessori di qualunque segreto in merito( magari perlopiù anche inutili).

              Commenta


              • Originariamente inviato da Franzo
                Originariamente inviato da Il Borg
                Originariamente inviato da David.Bowman
                Il Cinema d'Arte non è mai facile e richiede un certo impegno, passione e preparazione :sisisi:
                Su questo però David non sono d'accordo, ma probabilmente perchè ho un concetto di cinema d'arte (o meglio, di Grande Cinema. Perchè quando un titolo lo trovo bello, riuscito e coinvolgente per me è automaticamente un'espressione artistica), o di arte in generale, diverso dal tuo...

                Anche per me è parzialmente non vera.
                Nel senso che molti capolavori che mi sono apparsi tali, sono state visioni a sorpresa, per così dire, che non adeguatamente preparate o studiate a posteriori( in qualche caso ammetto che è utile).

                Il carattere di un'opera d'arte si legge anche nella sua universalità,trasversalità e dal primario impatto emotivo, che non nella comprensione assoluta e razionale dell'opera.
                Per me l'arte è qualcosa che trascende la conoscenza completa della sua storia, ma deve avere un suo senso compiuto in sè. Io trovo poi che i veri capolavori non siano così criptici. Amo i film di Kurosawa da quando avevo 14 anni, cos'ha di così criptico I Sette Samurai, che è la storia più universale che esista?
                Per amare veramente il Cinema e il vero Cinema non credo necessitiamo per forza, sempre uno studio a piori.
                Il mio è un discorso che critica la filologia per amare il cinema, e che questa decreti ciò che è artistico, ma a contrario trovo che, inversamente, amando in maniera più istintiva, intuitiva,profonda il cinema si possa e ci si ritrovi a voler ricostruirne la sua storia.


                Comunque senza dimenticarci, che il Cinema è un arte direttamente consegnata al popolo e alle masse, fin dai suoi albori. Non nasce nelle scuole private, sembra che questo dividere il cinema sempre in cinema d'arte e qualcos'altro, alla fine non possa poi che continuamente rinnovare e allargare i divari tra grande pubblico e elite medio borghesi possessori di qualunque segreto in merito( magari perlopiù anche inutili).
                Massì, massì, sono molto d'accordo con questa considerazione di Franzo, me la potrei pure salvare... :sisisi: :sisisi:

                I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
                http://www.destroythismovie.com

                Commenta


                • ragazzi, ma neanche io penso che il Cinema d'Autore sia una cosa da sgobboni patentati o da topi da biblioteca :lol:

                  concordo che l'emotività della prima visione sia l'approccio più valido e veritiero per giudicare un film, anche io faccio così di solito

                  certo, si potrebbe dire che ognuno ha il suo grado di emozionabilità ma poi non la finiamo più asd

                  e poi ci sono film che necessitano di visioni successive, riflessioni, studi, etc per capirne ed apprezzarne meglio i molteplici livelli di lettura , ma in generale la prima visione è quella che non mente mai

                  Io volevo solo dire che il Cinema d'Arte è, mediamente, più complesso e meno "leggero" di quello commerciale da puro intrattenimento, che oggi viene consumato dalla maggioranza degli utenti dei cinema

                  e non mi dite che questo non sia vero ;D

                  e poi non parlavo delle persone di questo forum, in cui la cultura cinefila è mediamente alta
                  però se propongo un film di Bergman o di Welles o di Bunuel alla maggioranza dei giovani che campano a "pane e super-eroi" :mrgreen:, sono certo che il 99% scapperebbe a gambe levate :lol:

                  è questo che volevo dire in fondo....certo, ho scoperto l'acqua calda :lol:
                  "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                  Votazione Registi: link

                  Commenta


                  • Ma i supereroi sono anche Bunuel, Bergman, Welles... 8)

                    Basta saper cercare (parlo dei fumetti, in particolar modo)...

                    Nell'ambito "supereroi al cinema", invece, mi spiace, ma per me il Cavaliere Oscuro gravita comodamente nella zona capolavoro. Se fosse stato in vita Fritz Lang, quest'ultimo sarebbe ancora lì ad applaudire la pellicola. Dico sul serio, e ci credo a questa cosa...


                    David, tu mi generalizzi troppo a volte...

                    I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
                    http://www.destroythismovie.com

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Mr.Unknow

                      Votare per stizza o rivalsa in base a qualkosa ke nel film non c'è è semplicemente folle.
                      Per quanto mi riguarda il mio non è un 9 di stizza o rivalsa, ammetto di non essere chissà quale intenditore o esperto di cinema e forse neanche un gran conoscitore di film prima di una certa data e in virtù o per colpa di ciò considero alcuni film migliori di Citizen Kane e parlo comunque di un numero limitato, dal momento che i miei 10 si contano sulle dita di 2 mani e i 9,5 sono ancora meno. Quindi il 9 dimostra che lo considero un film di grandissimo livello.
                      Ammetto che nel mio giudizio del film conta molto il momento in cui lo guardo e l'affetto che nel tempo può crearsi, se per assurdo se non avessi mai visto un Pulp fiction (un film da 10 per me) e lo vedessi oggi per la prima volta magari non lo considerei fra i miei tre film preferiti e gli darei un 8,5.
                      Per tornare al discorso iniziale sono d'accordo con te, ma se per il mio gusto personale il film è da 9, non vedo perchè dovere dare 10 solo per sentirmi la coscienza a posto e non avere diti puntati contro.
                      Non voglio offendere nessuno, ma a parte te, David.Bowman e qualcun'altro, scommetto che molte persone in questo forum (me compreso) sono semplici appassionati che provano piacere a guardare un film e non magari veri cinefili nel vero senso della parola.
                      Dal momento che il proprio gusto si è formato in pochi anni, senza studi e letture particolari e con molte lacune è legittimo e probabile che qualcuno non trovi in Citizen Kane o in altri film quello che ci trova chi ha studiato, è più esperto, ecc.; è per questo che molti elogi da parte della "massa" mi hanno sempre insospettito.
                      Comunque la discussione che si è creata mostra in qualche modo un fondamento in ciò che ho detto, dal momento che quando qualcheduno ha dato 4 e parlato male di altri mostri sacri non si è scatenato questo putiferio.


                      Se non si è capito riassumo il mio pensiero: Citizen Kane è un grandissimo film, trovo comprensibile la sua presenza nei primissimi posti di varie classifiche fatte da critici, registi, ecc; ma allo stesso tempo trovo poco sincero il giudizio della fascia popolare, che spesso e volentieri non apprezza ugualmente film considerati di altissimo livello dalla critica.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Il Borg
                        Ma i supereroi sono anche Bunuel, Bergman, Welles... 8)

                        Basta saper cercare (parlo dei fumetti, in particolar modo)...

                        Nell'ambito "supereroi al cinema", invece, mi spiace, ma per me il Cavaliere Oscuro gravita comodamente nella zona capolavoro...

                        David, tu mi generalizzi troppo a volte...
                        dipende ... se parli dell' ambito Super-eroi al cinema, ok, è sicuramente un CAPOLAVORO... ma altrimenti per come la penso è abbastanza lontano dall' essere un capolavoro... ha i suoi bei difetti... e nella filmografia di nolan, non è il punto più alto raggiunto secondo me.. certo, resta un bel film....

                        Commenta


                        • Per me è il suo miglior film e il suo capolavoro...

                          I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
                          http://www.destroythismovie.com

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Il Borg
                            Per me è il suo miglior film e il suo capolavoro...
                            eh vabbè, opinioni :sisisi: pero non puoi negare che anche quel film ha i suoi bei difetti... un capolavoro per me è un film PERFETTO... e DK non lo è.. vabbè fine OT

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da quentin_basterds
                              Originariamente inviato da Il Borg
                              Per me è il suo miglior film e il suo capolavoro...
                              eh vabbè, opinioni :sisisi: pero non puoi negare che anche quel film ha i suoi bei difetti... un capolavoro per me è un film PERFETTO... e DK non lo è.. vabbè fine OT
                              Ci credo poco a questa idea di "capolavoro come film senza macchia e terso nella sua forma"...
                              Per me deve essere perfetto nelle suggestioni profonde che riesce a regalarmi.
                              Passaggi forzati o piccole inverosimiglianze non sono mai stati un problema per me, anzi, spesso un film mi piace tanto più perchè ce li ha...

                              I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
                              http://www.destroythismovie.com

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da David.Bowman
                                è questo che volevo dire in fondo....certo, ho scoperto l'acqua calda :lol:
                                Ecco, da parte mia, volevo giusto far un pò notare l'ovvio di certe considerazioni. asd

                                Senza che tu ne abbia a male nei miei confronti,eh :uhhm:

                                Se ti fa piacere saperlo, nella mia tesina di maturità, visto che lo citi, ho portato il cinema di Bunuel (legato al surrealismo e a Freud) 8)

                                Però ero ai tempi anche un lettore di fumetti di super-eroi :uhhm: Sarò un'incognita.

                                Originariamente inviato da Il Borg

                                Ci credo poco a questa idea di "capolavoro come film perfetto nella sua forma"...
                                Per me deve essere perfetto nelle suggestioni profonde che riesce a regalarmi.
                                Passaggi forzati o piccole inverosimiglianze non sono mai stati un problema per me, anzi, spesso un film mi piace tanto più perchè ce li ha...
                                Mi ricorda la frase di Bogart : "è il cinema, bellezza...." :sisisi:

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X