annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filmografie e registi a confronto: la classifica di Badtaste

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio

    E poi voglio evidenziare come questo turno sia tra quelli dove si è discusso di più, sicuramente grazie a Chazelle che è un regista emergente e nuovo, che tutti conoscono, e che ha diretto un film "divisivo" che ha suscitato entusiasmi o freddezza a seconda dei casi.
    In generale negli ultimi tempi il topic pare essersi risvegliato, dopo che in estate c'era stato un calo d'interesse. Ancora mi dispiace pensare che la prima coppia che avevo proposto abbia avuto così poco riscontro nonostante Wilder dovrebbe rappresentare l'ABC per un cinefilo, spero che con le mie prossime accoppiate vada meglio.

    Venendo ai nuovi negli ultimi tempi mi sono messo sotto con Wong Kar-Wai (nel giro di una settimana visione di Ashes of time redux, Days of being wild e 2046, insieme al rewatch di In the mood for love, a cui devo aggiungere quello di Hong Kong Express qualche mese fa).
    Queste visioni ravvicinate mi sono state sicuramente utili per comprendere meglio la poetica dell'autore e rendermi conto di come la sua filmografia, più che in altri casi, è come se fosse un'unica opera e non il semplice insieme di tanti film separati.

    Del suo stile posso dire che mi colpisce come lavora con lo spazio e con il tempo, facendo vivere a diversi personaggi le stesse situazioni negli stessi luoghi o agli stessi personaggi le stesse situazioni in luoghi diversi, magari confondendo lo spettatore ma creando un'atmosfera piuttosto ipnotica. Anche le colonne sonore sono solitamente caratteristiche e il montaggio molto particolare, con sequenze in cui viene mostrato solo l'essenziale e allo spettatore tocca quasi lavorare di immaginazione.

    Si tratta quindi di una filmografia che non mi ha lasciato indifferente e di cui riconosco temi chiave, ma prima di nuove e ulteriori visioni non me la sento di lanciarmi in voti troppo alti per i singoli film, ricordo che mi era piaciuto parecchio The grandmaster, anche per delle somiglianze che ci avevo trovato con C'era una volta in America (espressamente omaggiato nella colonna sonora), ma non l'ho più rivisto dai tempi dell'uscita. Fallen Angels purtroppo l'ho quasi rimosso dalla memoria, mentre Happy together lo ricordo poco.

    Per quanto riguarda Kitano non mi sono sentito ispirato per un approfondimento/ripasso e gli unici film di cui ho un discreto ricordo sono Kikujiro e Violent cop. Sonatine l'ho completamente rimosso, Dolls quasi totalmente mentre di Hana-bi ho giusto qualche flash di memoria ma non saprei come esprimermi.

    Mi è capitato più volte di vedere In the mood for love o anche Dolls in top 10 degli anni 2000 di fianco al citato Mulholland Drive, ma io personalmente non ce la faccio a considerarli. Come dicevo il secondo non lo ricordo neanche bene, ma sono film comunque abbastanza lontani dalla mia sensibilità che non sono riusciti a colpirmi come fece il film di Lynch (e non perché lo capissi a prima visione).

    TAKESHI KITANO

    Violent Cop (Sono otoko, kyôbô ni tsuki) (1989) 7,5
    L'estate di Kikujiro (Kikujirō no natsu) (1999) 8


    WONG KAR-WAI

    Days of Being Wild (A Fei jing juen) (1991) 7
    Hong Kong Express (Chungking Express) (1994) 7
    Angeli perduti (Fallen Angels) (1995) da rivedere
    Happy Together (1997) da rivedere
    In the Mood for Love (Fa yeung nin wa) (2000) 8
    2046 (2004) 7,5
    Ashes of Time Redux (2008) 7,5
    The Grandmaster (Yut doi jung si) (2013) 8

    Commenta


    • A 'sto giro salto. Ho visto qualcosa di Kitano ma tanto tempo fa. Kar-Wai invece lo devo ancora scoprire.
      Nel frattempo ho visto First Man. Non so cosa avete deciso sui recuperi, ma in ogni caso, conteggiato o meno, ci tengo a dirvi che il mio voto è un 6.5.
      https://www.amazon.it/dp/B08P3JTVJC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=mau rizio+nichetti+libri&qid=1606644608&sr=8-1 Il mio saggio sul cinema di Maurizio Nichetti.

      "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

      Commenta


      • Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
        Nel frattempo ho visto First Man. Non so cosa avete deciso sui recuperi, ma in ogni caso, conteggiato o meno, ci tengo a dirvi che il mio voto è un 6.5.
        ok, ho registrato il tuo voto

        "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


        Votazione Registi: link

        Commenta


        • Secondo me, ma non lo dico certo per "rimproverare" Aldo, bisognerebbe avere sempre la curiosità di guardare altrove a ciò che siamo abituati, alle nostre "certezze" in fatto di sensibilità. I film più interessanti che ho visto negli ultimi anni, sarà un caso, vengono da Grecia, Russia, Romania, Corea, Iran o Argentina. A volte, soprattutto quando si è più giovani, si tende a rifiutare tutto ciò che è diverso, che esula un po' dai nostri gusti consolidati, anche per questo ho provato in questo gioco a proporre cineasti conosciuti ma che non fossero provenienti dagli Usa o al massimo dall'Italia. Magari a questo turno parteciperemo in pochi, ma spero che potrà instillare la curiosità di recuperare qualcosa

          Commenta


          • Ho visto molto poco di entrambi. Per cui prendo appunti e cerco di recuperare.

            TAKESHI KITANO

            Sonatine (1993) 9
            Hana-bi - Fiori di fuoco (Hana-bi) (1997) 9
            Zatōichi (2003) 8
            Chacun son cinéma - Episodio One Fine Day (2007) 6.5


            WONG KAR-WAI

            In the Mood for Love (Fa yeung nin wa) (2000) 9
            Eros (episodio "La mano") (2004) 7,5
            The Grandmaster (Yut doi jung si) (2013) 8

            Commenta


            • Wong Kar-Wai me lo segno allora, specie In Mood for love che ha alti consensi e voti.

              Commenta


              • Gidan toglimi una curiosità, dici di avere studiato cinema e di sognare di diventare un regista e al tempo stesso dichiari candidamente di avere enormi lacune su porzioni gigantesche di storia del cinema.
                E' possibile arrivare alla soglia dei trenta anni e non avere visto nulla di determinati maestri, non autori minori ma proprio mostri sacri?
                L' elenco inizia a diventare lungo.

                Commenta


                • Non credo sia raro. Takeshi Kitano è un caso che capita a fagiolo. Ad esempio inizio' come regista ad oltre 40 anni ed ammette tutt'ora di avere lacune enormi. Se ha recuperato alcuni film storicamente importanti, è solo per ragioni di mestiere come dice.

                  Commenta


                  • Kitano appartiene a un' altra generazione e ha avuto una carriera particolare.
                    Anche Dolan ha una cultura cinematografica approssimativa ed è un autodidatta ma è giustificato dal fatto che gira a manetta da quando ha diciotto anni e, immagino, avrà le giornate molto impegnate.



                    Gidan non ti offendere la mia è solo curiosità, che percorso di studi hai fatto?
                    È possibile prendere una laurea in cinema senza avere visto niente di determinati mostri sacri?
                    Non dovrebbero essere dei fondamentali?
                    Io sono architetto.
                    Ultima modifica di mr.fred; 06 November 18, 21:15.

                    Commenta


                    • Dopo il rewatch di La La Land confermo prepotentemente il 9. FIlm eccezionale.

                      First Man magari lo rivedo settimana prossima.

                      Commenta


                      • Chissà perché non mi sorprende.
                        Adesso esigo il parere di Maddux che se non sbaglio non si è mai espresso su La la land.
                        Se ci sei batti un colpo.

                        ​​​​​

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Medeis Visualizza il messaggio
                          Secondo me, ma non lo dico certo per "rimproverare" Aldo, bisognerebbe avere sempre la curiosità di guardare altrove a ciò che siamo abituati, alle nostre "certezze" in fatto di sensibilità. I film più interessanti che ho visto negli ultimi anni, sarà un caso, vengono da Grecia, Russia, Romania, Corea, Iran o Argentina. A volte, soprattutto quando si è più giovani, si tende a rifiutare tutto ciò che è diverso, che esula un po' dai nostri gusti consolidati, anche per questo ho provato in questo gioco a proporre cineasti conosciuti ma che non fossero provenienti dagli Usa o al massimo dall'Italia. Magari a questo turno parteciperemo in pochi, ma spero che potrà instillare la curiosità di recuperare qualcosa
                          A prescindere da quanto abbia espresso sui due registi in fase di voto o su altre opere con me sfondi una porta aperta sull'argomento... in passato proprio su questo forum ho combattuto crociate per convincere gli altri utenti a guardare opere che non fossero Made in Hollywood e spesso e volentieri ho inserito film provenienti da cinematografie emergenti... riferendoci a questo topic nella mia prima accoppiata avevo inserito Pablo Larrain, per quelle future volevo proporre Farhadi e Mungiu, ma poi ho ripiegato su registi anglofoni per timore di non avere abbastanza seguito.

                          Ammetto comunque che con l'Estremo Oriente faccio un po' di fatica, mi "arrivano" più facilmente prodotti del Medio Oriente, del Nord e dell'Est Europa, ma soprattutto dal mondo ispanico.

                          Riguardo alla "critica" mossa da fred a Gidan non credo che tutti i registi siano per forza conoscitori del cinema a 360°, molti magari si specializzano sul genere o sul tipo di storie che vorrebbero raccontare loro stessi.

                          Commenta


                          • Capisco.
                            ​​​​​Chi di voi ha fatto studi professionali di cinema?

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                              Capisco.
                              ​​​​​Chi di voi ha fatto studi professionali di cinema?
                              Io sono tra questi. Non parlo per Gidan, ma per quanto mi riguarda gli studi di cinema non ti portano a scoprire registi bensì ad analizzare vari aspetti relativi alla produzione multimediale che possono essere l'analisi del film, la storia contemporanea, la microeconomia, i nuovi media o il diritto d'autore. Nel mio caso, al trienno, il corso di Storia del cinema si è trattato di una monografia su Bellocchio. Quindi di Bellocchio ho visto anche film improponibili come La balia o Salto nel vuoto ma per scoprire qualche film neorealista ho dovuto arrangiarmi.
                              Personalmente solo l'anno scorso, a laurea magistrale conclusa, mi sono fatto una cura di cinema italiano come si deve.
                              Tuttavia grazie ad alcuni corsi ho recuperato tanta di quella roba che da solo non avrei recuperato.
                              Il punto, comunque, è uno solo: il cinema, in generale, è un oceano enorme e ci vuole tempo per scoprire e assimilare. Io ricordo di aver visto In the mood for love ma non ricordo assolutamente di cosa parla, così come ricordo di aver visto e adorato Hiroshima Mon Amour e non ricordarmi cosa ci sta dentro al film. Alla fine non si tratta di vedere e basta, ma di acculturarsi.
                              A me capita di vedere un film e poi pensarci sopra per giorni, tanto da non riuscire a vedere altro, o posticipare certi nomi grossi per scoprire gli anfratti nascosti di qualche cinematografia sconosciuta.
                              Anch'io ho dei buchi enormi, Kitano per esempio, ma accompagno sempre visioni di film e letture e oltre al recupero di certi film c'è anche il tenersi aggiornato. E nel 2018 tra film e serie diventa un bel lavoro

                              (Ovviamente potessi campare di film dalla mattina alla sera lo farei, ma la realtà mi costringe a fare altro).

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                                Anche Dolan ha una cultura cinematografica approssimativa ed è un autodidatta ma è giustificato dal fatto che gira a manetta da quando ha diciotto anni e, immagino, avrà le giornate molto impegnate.
                                Però il ragazzo conosce molto bene Wong Kar-Wai.


                                Alcuni di Kitano cercherò di riprenderli nuovamente questa settimana perchè le ultime visioni effettivamente sono parecchio datate. Non conto di riuscire a recuperare altro della sua filmografia, anche per poco interesse sui restanti titoli.

                                TAKESHI KITANO

                                Il silenzio sul mare (Ano natsu, ichiban shizukana umi) (1991) 7
                                Sonatine (1993) 7,5 (da rivedere)
                                Hana-bi - Fiori di fuoco (Hana-bi) (1997) 9 (da rivedere)
                                Dolls (2002) 10
                                Zatōichi (2003) 6,5
                                Takeshis' (2005) 5



                                Di Wong Kar-Wai recupererò assolutamente Ashes of Time, me lo consigliate nella versione originale o in quella redux ? E in cosa differiscono ?
                                Proverò anche con Hong Kong Express, ma ho seri dubbi di trovare il tempo entro domenica.

                                WONG KAR-WAI

                                Angeli perduti (Fallen Angels) (1995) 6
                                In the Mood for Love (Fa yeung nin wa) (2000) 8
                                2046 (2004) 7,5
                                Un bacio romantico - My Blueberry Nights (My Blueberry Nights) (2007) 5,5
                                The Grandmaster (Yut doi jung si) (2013) 6,5
                                Ultima modifica di MrCarrey; 07 November 18, 00:14.
                                tumblr_oc8g4uj7aK1sec0ywo1_1280.jpg

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X