annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filmografie e registi a confronto: la classifica di Badtaste

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi


  • Distretto 13 - Le brigate della morte (Assault on Precinct 13) (1976) 8,5
    Halloween - La notte delle streghe (Halloween) (1978) 9
    Fog (1980) 8
    1997: Fuga da New York (Escape from New York) (1981) 9
    La cosa (The Thing) (1982) 9
    Christine - La macchina infernale (Christine) (1983) 8
    Grosso guaio a Chinatown (Big Trouble in Little China) (1986) 7,5
    Il signore del male (Prince of Darkness) (1987) 8
    Essi vivono (They Live) (1988) 7,5
    Avventure di un uomo invisibile (Memoirs of an Invisible Man) (1992) 7
    Il seme della follia (In the Mouth of Madness) (1994) 8,5
    Villaggio dei dannati (Village of the Damned) (1995) 6,5
    Fuga da Los Angeles (Escape from L.A.) (1996) 6,5
    Vampires (1998) 7
    Fantasmi da Marte (Ghosts of Mars) (2001) 6

    Body Bags - Corpi estranei (Body Bags) (1993) 7,5
    Cigarette Burns ep. Masters of Horror I (2005) 10

    Commenta


    • Come si è capito dai miei voti ritengo Carpenter un buon regista di horror ma senza entusiasmi personali particolari. Per me nessuno dei suoi film si avvicina allo status del capolavoro. Alla fine ritengo che proprio Halloween (una sorta di b-movie a basso costo) sia il suo lavoro più iconico, più puro e più riuscito. Gli altri film che avete citato hanno tutti degli ottimi momenti e delle valide trovate ma peccano anche di ingenuità, di eccessi e di una realizzazione non sempre convincente. Penso ad esempio ad alcuni effetti visivi in bilico tra il grossolano e l'enfasi splatter, senza una sottile sublimazione metaforica o valenza sociale. Insomma per i miei gusti la grana è troppo grossa. Sto scrivendo con un cellulare e quindi non posso dilungarmi o approfondire come vorrei. Ma penso che il mio pensiero si sia capito. Spero anche che il t9 non faccia troppi danni
      "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


      Votazione Registi: link

      Commenta


      • Io in linea di massima sono vicino alla posizione di David.Bowman . Sono più generoso di lui (che comunque sull'horror è un po' un Gianluigi Rondi eh) ma credo che non abbia tutti i torti. Amavo il cinema di Carpenter in adolescenza, oggi non mi fa più lo stesso effetto. Essi Vivono ad esempio, altro che "capolavoro antisistema". Ricordo un finale abbastanza frettoloso e deludente. Poi dipende uno in che modo vota. Per me un 9 è un 9, e deve poter essere equiparato ad altri 9 che ho dato ad altri film. E se ho dato 9 a film come Blow Up, Roma Città Aperta, Andrej Rublev, Rashomon non riesco a darlo anche a Fuga da New York. In ogni caso, bisogna prendere atto del giudizio altrui, soprattutto se proviene da utenti di conclamata esperienza.
        https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

        "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

        Commenta


        • In ogni caso non posso non dare una tiratina d'orecchie a quel simpaticone del mio amico Gidan 89 perché per me dare solo 9 ad alcuni dei titoli eccelsi che hai citato è (questo sì che lo è!) un vero delitto
          "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


          Votazione Registi: link

          Commenta


          • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
            In ogni caso non posso non dare una tiratina d'orecchie a quel simpaticone del mio amico Gidan 89 perché per me dare solo 9 ad alcuni dei titoli eccelsi che hai citato è (questo sì che lo è!) un vero delitto
            Per me 9 è comunque "capolavoro" eh. Io sono più stretto di voti. Il mio Empireo dei 10 è molto ristretto e si, molto personale ovviamente Tu di solito invece sei abbastanza generoso, e proprio per questo i voti che di solito dai agli horror si notano di più.
            https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

            "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

            Commenta


            • Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
              Tu di solito invece sei abbastanza generoso, e proprio per questo i voti che di solito dai agli horror si notano di più.
              Col passare degli anni divento sempre più generoso in fatto di voti. Ma le mie idee sul genere horror e su come un buon horror dovrebbe essere fatto non si sono spostate di un centimetro
              "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


              Votazione Registi: link

              Commenta


              • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
                Per favore MVRulez quando metti i voti copia i titoli dal mio elenco iniziale oppure dai post degli altri utenti e poi ovviamente ci accodi il tuo voto. Non aggiungere nulla (ad esempio caratteri come : o .). Altrimenti non posso usare il mio programma di aggiornamento automatico delle classifiche e mi tocca farlo a mano. Grazieeeee
                Pardon.

                JOHN CARPENTER

                Halloween - La notte delle streghe (Halloween) (1978) 8,5
                1997: Fuga da New York (Escape from New York) (1981) 8
                Grosso guaio a Chinatown (Big Trouble in Little China) (1986) 7,5
                Il signore del male (Prince of Darkness) (1987) 7
                Il seme della follia (In the Mouth of Madness) (1994) 8
                Fantasmi da Marte (Ghosts of Mars) (2001) 5,5


                GARETH EVANS

                The Raid - Redenzione (2011) 7
                The Raid 2: Berandal (2014) 8

                Commenta


                • Secondo me non dare voti alti e quindi 9 o 10 a film odierni (oppure vecchi non così citati dalla critica) o comunque di genere quando se lo meritano, per me è sbagliato, poiché contribuisce solo a far invecchiare l'arte del cinema, che dovrebbe essere moderna ed in divenire.

                  Fermarsi ai classici elenchi come la top 100 di Sight & Sound, per me è triste. Dopo Quarto Potere, Vertigo, Andrej Rublev, 8 e 1/2, Sentieri Selvaggi, Padrino, Cantando Sotto la Pioggia, Grande Illusione e solita noia di titoli via discorrendo, praticamente ci si potrebbe fermare e non vedere più film allora.

                  Carpenter è un regista cha ha una valenza sociale, visto che sfrutta l'horror per imbastire molti altri discorsi; la messa in crisi della razionalità e delle certezze umane innanzi al male puro ed ignoto, riflessioni allegoriche sulla realtà e di come l'uomo invece di unirsi in una catena sociale, tende a dividersi e ad avere una totale sfiducia nell'altro pensando solo a sé stesso.
                  Carpenter analizza un microcosmo in cui l'uomo è chiuso o si barrica per difendersi dal mondo esterno per poi fare tutto per uscire, poiché il microcosmo tende sempre a far emergere il peggio dell'essere umano.


                  Detto questo, Auguri di buona Pasqua a tutti.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
                    Io in linea di massima sono vicino alla posizione di David.Bowman Essi Vivono ad esempio, altro che "capolavoro antisistema". Ricordo un finale abbastanza frettoloso e deludente. Poi dipende uno in che modo vota.
                    Se all'epoca sostenevi Reagan, logicamente Essi Vivono di Carpenter era fastidioso per te.
                    Per Carpenter dal punto di vista proletario, il borghese e gli uomini di potere che sostengono questo sistema, sono per l'appunto "alieni" in tutto e per tutto dalla sua concezione e modo di vivere.
                    Vuoi fare una scalata sociale? Adula e difendi il potere attuale come fa la donna e avrai benefici e soldi a volontà.

                    È un film terrificante nelle sue tesi.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                      Secondo me non dare voti alti e quindi 9 o 10 a film odierni (oppure vecchi non così citati dalla critica) o comunque di genere quando se lo meritano, per me è sbagliato, poiché contribuisce solo a far invecchiare l'arte del cinema, che dovrebbe essere moderna ed in divenire.

                      Fermarsi ai classici elenchi come la top 100 di Sight & Sound, per me è triste. Dopo Quarto Potere, Vertigo, Andrej Rublev, 8 e 1/2, Sentieri Selvaggi, Padrino, Cantando Sotto la Pioggia, Grande Illusione e solita noia di titoli via discorrendo, praticamente ci si potrebbe fermare e non vedere più film allora.
                      non so se alludi a me ma io non faccio così. Dò 10 quando un film per me lo merita. Quando per me possiede i canoni del capolavoro. A prescindere da genere, anno di uscita, etc.
                      Su Carpenter non dico che i suoi film non abbiano valore sociale o metafore concettuali. Non lo posso dire in quanto molte di queste sono evidenti. In generale non mi convince il come siano realizzate. Trovo che il suo cinema sia troppo superficiale e grossolano per essere realmente incisivo e andare quindi oltre il confine di genere.

                      Auguro anche io buona Pasqua a tutti e vi ricordo che metterò i nuovi registi domani sera.

                      "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                      Votazione Registi: link

                      Commenta


                      • State a parlare dei voti a La cosa ma sulla base di questi criteri sarei più sinceramente curioso degli 8 o dei 10 a The Raid 2 a questo punto.
                        Luminous beings are we, not this crude matter.

                        Commenta


                        • ecco le classifiche finali:

                          JOHN CARPENTER

                          La cosa (The Thing) --------------------------------------------------------------------------------- 8,5 <-> 8,5 (13 voti)
                          1997: Fuga da New York (Escape from New York) ------------------------------------------------------- 8,39 <-> 8,5 (14 voti)
                          Halloween - La notte delle streghe (Halloween) ------------------------------------------------------ 8,25 <-> 8,25 (12 voti)
                          Il seme della follia (In the Mouth of Madness) ------------------------------------------------------ 8,25 <-> 8,5 (14 voti)
                          Distretto 13 - Le brigate della morte (Assault on Precinct 13) -------------------------------------- 8,05 <-> 8 (10 voti)
                          Essi vivono (They Live) ----------------------------------------------------------------------------- 7,63 <-> 7,5 (12 voti)
                          Grosso guaio a Chinatown (Big Trouble in Little China) ---------------------------------------------- 7,58 <-> 7,5 (13 voti)
                          Il signore del male (Prince of Darkness) ------------------------------------------------------------ 7,46 <-> 7,75 (12 voti)
                          Fog ------------------------------------------------------------------------------------------------- 7,4 <-> 7,5 (10 voti)
                          Christine - La macchina infernale (Christine) ------------------------------------------------------- 6,72 <-> 7 (9 voti)
                          Starman --------------------------------------------------------------------------------------------- 6,42 <-> 6,5 (6 voti)
                          Vampires -------------------------------------------------------------------------------------------- 6,36 <-> 6,5 (7 voti)
                          Fuga da Los Angeles (Escape from L.A.) -------------------------------------------------------------- 6 <-> 6,25 (8 voti)
                          Fantasmi da Marte (Ghosts of Mars) ------------------------------------------------------------------ 5,73 <-> 6 (11 voti)
                          The Ward - Il reparto (The Ward) -------------------------------------------------------------------- 5,69 <-> 6 (8 voti)
                          Avventure di un uomo invisibile (Memoirs of an Invisible Man) --------------------------------------- 5,6 <-> 5 (5 voti)
                          Dark Star ------------------------------------------------------------------------------------------- 5,6 <-> 5,5 (5 voti)
                          Villaggio dei dannati (Village of the Damned) ------------------------------------------------------- 5,5 <-> 5,5 (5 voti)

                          GARETH EVANS

                          The Raid 2: Berandal -------------------------------------------------------------------------------- 8,31 <-> 8 (8 voti)
                          The Raid - Redenzione ------------------------------------------------------------------------------- 7,94 <-> 8 (9 voti)
                          V/H/S/2, segmento: Safe Haven, co-regia con Timo Tjahjanto ------------------------------------------ 7 <-> 7 (3 voti)
                          Merantau -------------------------------------------------------------------------------------------- 6,5 <-> 6,5 (4 voti)
                          Apostolo -------------------------------------------------------------------------------------------- 6,06 <-> 6,25 (8 voti)
                          Footstep -------------------------------------------------------------------------------------------- 0 <-> 0 (0 voti)


                          ed ecco ora la nuova coppia proposta da Gidan 89
                          (da oggi il "lancio" delle nuove coppie di registi da votare avverrà al lunedì sera, in modo da garantire i soliti 7 giorni di votazione)

                          ROY ANDERSSON

                          En kärlekshistoria (1970)
                          Giliap (1975)
                          Canzoni del secondo piano (Sånger från andra våningen) (2000)
                          You, the Living (Du levande) (2007)
                          Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza (En duva satt på en gren och funderade på tillvaron) (2014)


                          CARLOS REYGADAS

                          Japón (2002)
                          Battaglia nel Cielo (Batalla en el cielo) (2005)
                          Luz Silenciosa (Stellet Licht) (2007)
                          Post Tenebras Lux (2012)
                          Nuestro Tiempo (2018)

                          "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                          Votazione Registi: link

                          Commenta


                          • ROY ANDERSSON

                            Canzoni del secondo piano (Sånger från andra våningen) (2000) 5
                            Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza (En duva satt på en gren och funderade på tillvaron) (2014) 5


                            CARLOS REYGADAS

                            Japón (2002) 6,5
                            Battaglia nel Cielo (Batalla en el cielo) (2005) 5
                            Luz Silenciosa (Stellet Licht) (2007) 10
                            Post Tenebras Lux (2012) 5,5
                            Nuestro Tiempo (2018) 8,5

                            Commenta


                            • Eccoci qui alla coppia di registi proposta da me.
                              Premetto che non ho visto tutto di entrambi, e li ho proposti principalmente perché non se ne parla poi così tanto e mi interessava confrontarmi con voi. Di Reygadas in realtà mi manca il solo Japòn, mentre di Roy Andersson mi manca You, The Living, oltre ai suoi primi due lavori degli anni '70. In settimana recupererò sicuramente i due film appena citati.
                              Che dire, ho appena letto i voti di Medeis e già mi verrebbe di tirare giù tutto il calendario, santo dopo santo
                              Parlando per me, ecco i miei voti (per adesso)

                              ROY ANDERSSON

                              Canzoni del secondo piano (Sånger från andra våningen) (2000) 10
                              Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza (En duva satt på en gren och funderade på tillvaron) (2014) 7,5


                              CARLOS REYGADAS

                              Battaglia nel Cielo (Batalla en el cielo) (2005) 9
                              Luz Silenciosa (Stellet Licht) (2007) 5
                              Post Tenebras Lux (2012) 9,5
                              Nuestro Tiempo (2018) 8

                              Ci tengo a cominciare a postarli adesso giusto per non far demoralizzare qualche recupero dopo i voti di Medeis.
                              Canzoni del secondo piano l'ho visto qualche mese fa per la prima volta. Per me, senza troppi giri di parole, è un film incredibile, uno dei migliori del nuovo millennio. Andersson lavora a camera fissa creando quasi dei tableaux vivants. Si tratta di un autore molto originale che può benissimo non piacere (come tutto ciò che è molto originale d'altronde), ma trovo che, alla luce della sua trilogia "sull'essere umano"(a cui presto si aggiungerà un quarto capitolo) sia da considerare una delle voci più importanti e interessanti del cinema europeo contemporaneo.
                              Se Andersson non muove affatto la telecamera, Reygadas è l'esatto opposto. Regista divisivo per antonomasia (basti già vedere la differenza di voti tra me e Medeis), per me è un talento eccezionale. Il suo sguardo è all'altezza di quello dei più grandi. Poi, i singoli film possono piacere tanto o poco per disparati motivi, ma come regista in sé, per il suo talento visivo, è uno dei migliori del mondo tout court.
                              Stellet Licht al momento è stato l'unico incontro negativo che ho avuto col suo cinema. Una palla allucinante per masochisti del cinema. Certo, ha i suoi momenti di grande bellezza, ma in linea di massima l'ho profondamente odiato. Spero che Japòn assomigli più agli altri suoi film con tutto il cuore. Con Battaglia nel cielo e Post Tenebras Lux invece ho goduto tantissimo. Nuestro Tiempo ho avuto modo di vederlo recentemente e l'ho trovato un passo indietro rispetto ai suoi film che preferisco, ma conferma il suo essere un grande regista.
                              https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

                              "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                              Commenta


                              • ROY ANDERSSON

                                Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza (En duva satt på en gren och funderade på tillvaron) (2014) 7

                                CARLOS REYGADAS

                                Japón (2002) 7.5
                                Post Tenebras Lux (2012) 8

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X