annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filmografie e registi a confronto: la classifica di Badtaste

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • non sono mai stato un grande fan di Boyle

    DANNY BOYLE

    Piccoli omicidi tra amici (Shallow Grave) (1994) 7
    Trainspotting (1996) 7
    Una vita esagerata (A Life Less Ordinary) (1997) 5
    The Beach (2000) 5
    28 giorni dopo (28 Days Later) (2002) 7,5
    Millions (2004) 7
    Sunshine (2007) 7
    The Millionaire (Slumdog Millionaire) (2008) 6
    127 ore (127 Hours) (2010) 6
    In trance (Trance) (2013) 5
    Steve Jobs (2015) 7,5
    T2 Trainspotting (2017) 5
    Yesterday (2019) 6
    "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


    Votazione Registi: link

    Commenta


    • Dai però Steve Jobs meglio di Trainspotting non si può vedere
      https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

      "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

      Commenta


      • Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
        Dai però Steve Jobs meglio di Trainspotting non si può vedere
        come ho detto non sono mai stato un fan di Boyle nè di Trainspotting in particolare, film che ho via via ridimensionato nel corso degli anni. Di Steve Jobs ho apprezzato diverse cose: la struttura accattivante del racconto che ripropone sempre il medesimo schema spostandosi avanti di un decennio alla volta, il montaggio frenetico che sottolinea il carattere del protagonista e, più in generale, la logica tirannica del mondo del business informatico e poi il ritratto in chiaroscuro di Jobs, di cui vengono evidenziati sia il genio sia i tanti lati negativi (senza fare troppi sconti agiografici). Poi si avvale anche di buone prove recitative, quindi lo reputo un bel film da intrattenimento che consente di gettare un occhio all'interno della vita pubblica e privata di un personaggio simbolo dell'era tecnologica. Un'opera sicuramente più matura e meno effettistica di tanti altri lavori dell'autore.
        "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


        Votazione Registi: link

        Commenta


        • su Trainspotting il mio giudizio è in parte influenzato dall'idea di quelle che ha rappresentato e continua a rappresentare nell'immaginario collettivo, un film icona. Che non rivdrei a differenza di Jobs. Questa invece è pellicola che è somma delle parti: la regia di Boyle che segue il ritmo della vicenda, ma allo stesso tempo ne prende le distanze, senza indugiare troppo sullla tendeza di Sorkina s scrivere copioni che paiono ancor più adatti al teatro (non per nulla è un fan di Chi ha paura di Virigina Woolf?'). Ci sarebbe molto da dire, avevo scritto un mini saggio su quel film, ma DavidBowman ha ben sintetizzato il mio pensiero. Un film dia chiari scuri che gioca sul tempo. Bella l'intuizizone di averlo ambientto durante le presentazioni dei suoi prodotti, con l'ambientazione di quelli che in fondo erano teatri o comunque luoghi preposti alle rappresentazioni...

          Commenta


          • Mi sa che Gidan ha visto la versione sbagliata di Jobs, quella con coso non mi ricordo come si chiama... L'allora toy boy di Demi Moore che poi altre qualità non aveva

            Cmq è inammissibile che Trainspotting continui a circolare liberamente traviando la mente di chissà quante persone. Avverto fortissima l'esigenza di un video disclaimer HBO che aiuti a contestualizzare... Dove andremo di questo passo!?

            Commenta


            • DANNY BOYLE

              Piccoli omicidi tra amici (Shallow Grave) (1994) 7
              Trainspotting (1996) 7.5
              28 giorni dopo (28 Days Later) (2002) 8
              Sunshine (2007) 7.5
              The Millionaire (Slumdog Millionaire) (2008) 7
              127 ore (127 Hours) (2010) 7
              In trance (Trance) (2013) 6
              Steve Jobs (2015) 7.5

              Considero la morte prematura di Satoshi Kon una delle più cocenti disdette della storia del cinema tutto, sono ancora in lutto.

              SATOSHI KON

              Perfect Blue (Pâfekuto burû) (1997) 8.5
              Millennium Actress (Sennen joyû) (2001) 9
              Tokyo Godfathers (Tôkyô goddofâzâzu) (2003) 8
              Paprika - Sognando un sogno (Papurika) (2006) 10L

              (Aggiungo anch'io la valutazione alla sua serie animata Paranoia Agent - 9 - esortando tutti a recuperarla ché è un gioiello)

              Commenta



              • Per quel che ricordo, mi trovai d'accordo col parere di Alò.
                https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

                "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                Commenta


                • ricordo quella recensione, ma, a mio modo di vedere, è viziata dalla sua avversione verso Steve Jobs, che considera un misto Satana e Hitler. E secondo quanto dice Sorkin sarebbe stato troppo gentile nel dipingere Jobs, parteggiando per uno che in fondo era coetaneo e poteva comprendere (che non un Zuckerberg qualsiasi). Tutta quella critica gira grosso modo sul "come avrebbe dovuto essere", non mi parve un gran che come stroncatura. Mereghetti diversamente nel suo dizionario mi pare gli dia 3 stelle, bollandolo come didascalico. Qualcosa che ha accenato anche Alò asserendo che in fondo si è trattato di una sorta di rivistazione di 'Canto di Natale'. Può darsi, però a me sembra che ci siano talmente tante cose in scrittura da sembrarmi riduttiva come argomentazione, per quanto riguarda Jobs: è chiaro che è rappresentazione cinematografica, non rispondendo nemmeno lontanamente ad un'idea di vero somiglianza...mentre l'idea di metterlo in evidenza con chiari scuri dia una maggiore profondità al film e forse era più rispettosa per la sua persona, che rimane controversa.

                  Altrimenti l'alternativa è questa:

                  Ultima modifica di loStraniero; 05 luglio 20, 17:09.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da loStraniero Visualizza il messaggio
                    Tutta quella critica gira grosso modo sul "come avrebbe dovuto essere", non mi parve un gran che come stroncatura.
                    a me non sembra nemmeno una recensione ... 9 minuti per non dire praticamente nulla al di fuori di confronti con altri film o mancate aspettative personali su di esso ... bah

                    sono lieto di non aver mai seguito codesto personaggio

                    "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                    Votazione Registi: link

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
                      a me non sembra nemmeno una recensione ... 9 minuti per non dire praticamente nulla al di fuori di confronti con altri film o mancate aspettative personali su di esso ... bah

                      sono lieto di non aver mai seguito codesto personaggio
                      Si, guarda, non è nemmeno una delle sue peggiori eh Io credo che l'era youtube abbia esasperato i toni, confuso l'idea di fare critica con la provocazione o con l'idea di imporsi come personaggio... non sto a postare una recensione su Whiplash propostatmi sempre dal tubo da un altro recensore/youtuber, roba da mettersi le mani nei capelli... c'è un limite a tutto. Ormai evito sistematicamene gli youtuber di qualsiasi di genere.
                      Ultima modifica di loStraniero; 06 luglio 20, 00:28.

                      Commenta


                      • La nuova frontiera della critica è Youtube ragazzi.

                        Commenta


                        • classifica finale:

                          DANNY BOYLE

                          Trainspotting --------------------------------------------------------------------------------------- 8 <-> 8 (11 voti)
                          28 giorni dopo (28 Days Later) ---------------------------------------------------------------------- 7,67 <-> 8 (9 voti)
                          Sunshine -------------------------------------------------------------------------------------------- 7,36 <-> 7 (7 voti)
                          Millions -------------------------------------------------------------------------------------------- 7,25 <-> 7,25 (2 voti)
                          Steve Jobs ------------------------------------------------------------------------------------------ 7 <-> 7 (10 voti)
                          T2 Trainspotting ------------------------------------------------------------------------------------ 6,94 <-> 7,25 (8 voti)
                          Piccoli omicidi tra amici (Shallow Grave) ----------------------------------------------------------- 6,93 <-> 7 (7 voti)
                          The Millionaire (Slumdog Millionaire) --------------------------------------------------------------- 6,85 <-> 7 (10 voti)
                          127 ore (127 Hours) --------------------------------------------------------------------------------- 6,5 <-> 6,5 (11 voti)
                          Yesterday ------------------------------------------------------------------------------------------- 6,25 <-> 6,25 (4 voti)
                          Una vita esagerata (A Life Less Ordinary) ----------------------------------------------------------- 5,75 <-> 5,75 (4 voti)
                          The Beach ------------------------------------------------------------------------------------------- 5,69 <-> 6 (8 voti)
                          In trance (Trance) ---------------------------------------------------------------------------------- 5,43 <-> 5,5 (7 voti)


                          SATOSHI KON

                          Paprika - Sognando un sogno (Papurika) -------------------------------------------------------------- 8,94 <-> 9 (8 voti)
                          Millennium Actress (Sennen joyû) -------------------------------------------------------------------- 8,6 <-> 9 (5 voti)
                          Tokyo Godfathers (Tôkyô goddofâzâzu) ---------------------------------------------------------------- 8,4 <-> 8 (5 voti)
                          Perfect Blue (Pâfekuto burû) ------------------------------------------------------------------------ 8,19 <-> 8,25 (8 voti)


                          ed ecco la prossima coppia scelta da Medeis



                          SAMUEL FULLER

                          Ho ucciso Jesse il bandito (I Shot Jesse James) (1948)
                          Il barone dell'Arizona (The Baron of Arizona) (1949)
                          Corea in fiamme (The Steel Helmet) (1951)
                          I figli della gloria (Fixed Bayonets!) (1951)
                          Park Row (1952)
                          Mano pericolosa (Pickup on South Street) (1953)
                          Operazione mistero (Hell and High Water) (1953)
                          La casa di bambù (House of Bamboo) (1955)
                          El Tigrero (1955)
                          La tortura della freccia (Run of the Arrow) (1957)
                          La porta della Cina (China Gate) (1957)
                          Quaranta pistole (Forty Guns) (1957)
                          Verboten, forbidden, proibito (Verboten!) (1958)
                          Il kimono scarlatto (The Crimson Kimono) (1959)
                          La vendetta del gangster (Underworld U.S.A.) (1961)
                          L'urlo della battaglia (Merrill's Marauders) (1962)
                          Il corridoio della paura (Shock Corridor) (1963)
                          Il bacio nudo o Il bacio perverso (The Naked Kiss) (1964)
                          Quattro bastardi per un posto all'inferno (Shark!) (1967)
                          La rossa ombra di Riata (The Deadly Trackers) non accreditato (1973)
                          Un piccione morto in Beethovenstrasse (Tote Taube in der Beethovenstrasse) (1973)
                          Il grande uno rosso (The Big Red One) (1980)
                          Cane bianco (White Dog) (1982)
                          Le voleurs de la nuit (1984)
                          Strada senza ritorno (Street of No Return) (1989)


                          JOHN WOO

                          The Young Dragons (Tie han rou qing) (1975)
                          The Dragon Tamers (Nu zi tai quan qun ying hui) (1975)
                          Princess Chang Ping (Dinü hua) (1975)
                          Hand of Death alias Countdown in Kung Fu (Shaolin Men) (1976)
                          Money Crazy (Fa qian han) (1977)
                          The Brave Lion (1977)
                          Follow the Star (Da sha xing yu xiao mei tou) (1978)
                          Hello, Late Homecomers (Ha luo, ye gui ren) (1978)
                          Last Hurrah for Chivalry (Hao xia) (1979)
                          From Riches to Rags (Qian zuo guai) (1980)
                          To Hell with the Devil (Mo deng tian shi) (1981)
                          Laughing Times (Hua ji shi dai) (1981)
                          Lam Au Chun No. 3 (Ba cai Lin Ya Zhen) (1982)
                          The Time You Need a Friend (Xiao jiang) (1984)
                          Run Tiger Run (Liang zhi lao hu) (1985)
                          Heroes Shed No Tears (Ying xiong wei lei) (1986)
                          A Better Tomorrow (Ying huang boon sik) (1986)
                          A Better Tomorrow II (Ying huang boon sik II) (1987)
                          The Killer (Die xue shuang xiong) (1989)
                          Just Heroes (Yi dan qun ying) (1989)
                          Bullet in the Head (Die xue jie tou) (1990)
                          Once a Thief (Chung hang sei hoi) (1991)
                          Hard Boiled (Lashou shentan) (1992)
                          Senza tregua (Hard Target) (1993)
                          Nome in codice: Broken Arrow (Broken Arrow) (1996)
                          Face/Off - Due facce di un assassino (Face/Off) (1997)
                          Mission: Impossible II (2000)
                          Windtalkers (2002)
                          Paycheck (2003)
                          La battaglia dei tre regni (Chi bi) (2008)
                          La congiura della pietra nera (Jianyu) codiretto con Chao-Bin Su (2010)
                          The Crossing (Taipíng lun) (2014)
                          Manhunt (Zhui bu) (2017)

                          "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                          Votazione Registi: link

                          Commenta


                          • Come avevo scritto qualche settimana fa commentando il film trovo che The beach sia oltremodo disprezzato, anche questa votazione lo conferma.

                            Seguiranno i voti della nuova coppia nei prossimi giorni, anticipo che trovo una grande scelta quella di Samuel Fuller.
                            Temo tuttavia sia poco conosciuto, molti suoi film si distaccavano dai canoni hollywoodiani del tempo e non é praticamente mai finito nel giro dei premi, che avrebbero aiutato sicuramente a preservare meglio la memoria dei suoi film.
                            Avendo visto/rivisto alcuni suoi film di recente ho notato che talvolta, oltre a scrivere e dirigere, si autoproduceva. Ció credo confermi non avesse troppo sostegno dall'industria e lo possa far definire come un prototipo di regista indipendente.
                            Al di lá di questi pensieri, basati semplicemente su elaborazioni personali (ammetto che la passione mi porta a guardare tanti film ma solo raramente ad approfondire biografie, aneddoti produttivi, ecc.), trovo che la sua filmografia abbia poco da invidiare rispetto a quella di alcuni suoi contemporanei più famosi e premiati.
                            Al di lá dei voti sarei curioso di leggere opinioni da parte di utenti più esperti.

                            Su John Woo invece sono meno preparato, nessuna visione fresca e minore conoscenza complessiva della filmografia.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da aldo.raine89 Visualizza il messaggio
                              anticipo che trovo una grande scelta quella di Samuel Fuller.
                              Temo tuttavia sia poco conosciuto, molti suoi film si distaccavano dai canoni hollywoodiani del tempo e non é praticamente mai finito nel giro dei premi, che avrebbero aiutato sicuramente a preservare meglio la memoria dei suoi film.
                              Avendo visto/rivisto alcuni suoi film di recente ho notato che talvolta, oltre a scrivere e dirigere, si autoproduceva. Ció credo confermi non avesse troppo sostegno dall'industria e lo possa far definire come un prototipo di regista indipendente.
                              Al di lá di questi pensieri, basati semplicemente su elaborazioni personali (ammetto che la passione mi porta a guardare tanti film ma solo raramente ad approfondire biografie, aneddoti produttivi, ecc.), trovo che la sua filmografia abbia poco da invidiare rispetto a quella di alcuni suoi contemporanei più famosi e premiati.
                              beh, tutto quello che hai detto (e intuito ) su Fuller è giusto. Autore arcigno, duro, visionario, totalmente libero e anti-hollywoodiano, indipendente che più indipendente non si può. Ebbe ovviamente diverse traversie produttive e pratiche per realizzare i suoi film e portare avanti la sua visione di cinema. Aveva una sensibilità ed un approccio più europeo che americano. Non a caso fu adorato dai francesi della Nouvelle Vague, che in lui vedevano un idolo, un ribelle ed un maestro. E infatti Godard gli diede un ruolo nel mitico Il bandito delle ore 11. E' stato senza dubbio un regista importante, un innovatore, un ispiratore ed un punto di riferimento per tutti i grandi registi americani "indipendenti" venuti dopo (molti dei quali sono ben più famosi di lui).
                              "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                              Votazione Registi: link

                              Commenta


                              • Non mi è mai capitato di vedere qualcosa di Fuller. Di John Woo ho visto praticamente tutta la filmografia americana, ma i ricordi sono assai labili. Ho visto recentemente Hard Boiled e nonostante sia tutto sommato un buon film, m'aspettavo qualcosa in più. Bullett in the head l'ho tolto dopo i primi terribili 20 minuti. Magari mi sbaglio, ma l'idea che mi son fatto è che i suoi film non stanno invecchiando benissimo. Da piccolo comunque era uno dei miei registi preferiti
                                https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

                                "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X