annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filmografie e registi a confronto: la classifica di Badtaste

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • grazie Tom Doniphon

    Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio

    Sentieri selvaggi - John Ford
    I dieci comandamenti (1956) - Cecil B. DeMille
    solo questi due non vanno bene perchè DeMille non è stato votato e nemmeno John Ford (però il secondo l'ho proposto io ed arriverà a breve su "questi schermi" )

    Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
    Questi sono quelli che mi vengono di primo pelo guardando la lista dei registi votati, in caso si può fare qualche aggiunta?
    ma certo, fino a martedì prossimo tutti possono aggiungere tranquillamente
    "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


    Votazione Registi: link

    Commenta


    • David.Bowman ah cavoli scusa, non avevo fatto caso che Ford e DeMille non erano ancora stati votati E sì che ho guardato il tuo link in firma!


      Sono ancora indeciso per un paio di nomi. Riguardo a Welles Quarto Potere se lo merita tutto, ma io ho un amore particolare per L'orgoglio degli Amberson... Un film di Billy Wilder se lo meriterebbe a prescindere la lode. Per quanto Wilder sia un genio delle commedie, adoro il suo Viale del tramonto, anche se ho un debole particolare per Sabrina. Non so, ci devo pensare ancora un attimo.

      Riguardo a qualcosa di più moderno, per Lynch sono indeciso, forse un 10L lo darei all'esperienza indimenticabile che è stata vedere Inland Empire. Penso che anche un film di Eastwood meriterebbe di stare nella "Hall of Fame", ma sarei forse troppo indeciso, tra Un mondo perfetto, Gli Spietati, Mystic River o Million Dollar Baby.
      Tra i miei dubbi anche In the Mood for Love e qualcosa di Anderson (P.T.), giusto per riconoscimento ad uno dei più grandi registi viventi.

      Ci penserò!
      Ultima modifica di Tom Doniphon; 13 novembre 20, 16:40.

      Commenta


      • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
        Sono ancora indeciso per un paio di nomi. Riguardo a Welles Quarto Potere se lo merita tutto, ma io ho un amore particolare per L'orgoglio degli Amberson...
        e metti la lode a entrambi!

        su tutto il resto che dici concordo più o meno su tutto, però io una lode a Eastwood non la darei per nessun film
        "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


        Votazione Registi: link

        Commenta


        • Welles Quarto Potere 10L sicuramente. Wilder tutta la vita Viale del Tramonto, se lo vuoi dare ad una commedia, allora L'Appartamento, la più bella commedia americana di sempre. Per me Wilder è il Dio del cinema, Sabrina è un capolavoro, ma da 9, non credo meriti 10... oppure in quanto misero essere umano, non sono in grado di comprendere Dio fino in fondo e quindi in futuro potrei aumentare, però nella considerazione critica è aumentato (4 stelle da parte di Mereghetti).
          Lynch dovrei rivederlo in toto.
          Eastwood ti aiuto io, Gli Spietati e siamo tutti contenti, in primis zio Clint ^^, non ascoltare David Bowman, lui sottovaluta zio Clint, neanche un 10 .

          Ran 10L siiii, Hidetora molto nel profondo del suo cuore approva.
          Ultima modifica di Sensei; 13 novembre 20, 17:50.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
            Welles Quarto Potere 10L sicuramente. Wilder tutta la vita Viale del Tramonto, se lo vuoi dare ad una commedia, allora L'Appartamento, la più bella commedia americana di sempre. Per me Wilder è il Dio del cinema, Sabrina è un capolavoro, ma da 9, non credo meriti 10... oppure in quanto misero essere umano, non sono in grado di comprendere Dio fino in fondo e quindi in futuro potrei aumentare, però nella considerazione critica è aumentato (4 stelle da parte di Mereghetti).
            Lynch dovrei rivederlo in toto.
            Eastwood ti aiuto io, Gli Spietati e siamo tutti contenti, in primis zio Clint ^^, non ascoltare David Bowman, lui sottovaluta zio Clint, neanche un 10 .

            Ran 10L siiii, Hidetora molto nel profondo del suo cuore approva.
            Beh riguardo a Ran mi pare ci fossimo già confrontati in passato e avevamo opinioni molto simili Per me è il capolavoro a colori di Kurosawa come I sette samurai è il suo capolavoro in b/n.

            Riguardo a Wilder confesso che L'appartamento ancora mi manca, ho ordinato proprio oggi il blu ray, speriamo che mi arrivi prima di martedì prossimo! Concordo che "oggettivamente" Sabrina da 10 forse non lo è, anche se appunto io ho un debole particolare per quel film. Viale del tramonto, da parte sua, è davvero un capolavoro senza tempo, quindi sì, penso che quello sarà uno dei film di Wilder a cui darò la lode.

            Zio Eastwood per me ha tanti meriti e ha dato tanto al cinema, credo che un riconoscimento gli vada dato... Così su due piedi però non lo darei a Unforgiven, per quanto sia un bellissimo western crepuscolare credo andrei più verso Mystic River o Million Dollar Baby.

            Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
            e metti la lode a entrambi!
            A questa semplicissima soluzione, chissà perché, non avevo pensato E sia!

            Quarto Potere - Orson Welles
            L'orgoglio degli Amberson - Orson Welles

            Commenta


            • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
              Quarto Potere - Orson Welles
              L'orgoglio degli Amberson - Orson Welles
              apposto!

              per me Ran è il miglior film "in costume" mai realizzato, puro e semplice!

              per come la vedo io la lode va data a capolavori ormai "consolidati", che hanno fatto la storia del cinema e di registi altrettanto "consolidati", generalmente a fine carriera. Per questo non la darei ancora ad Autori, pur straordinari, ma ancori "giovani" come PT Anderson, etc

              Viale del Tramonto sta nella mia personale top 10 all-time, quindi niente da ridire sul 10 e lode

              L'appartamento proprio no, per me non merita neanche 10, gli preferisco (restando su Wilder) A qualcuno piace caldo

              a Lynch un 10 e lode si può dare (sicuramente alla carriera), e, in questo senso, il film più emblematico e rappresentativo della sua estetica sarebbe Inland Empire

              Eastwood è un grandissimo, ma non riuscirei a dare il massimo dei voti a nessuno dei suoi film, per quanto mi riguarda

              Sensei a quando i tuoi recuperi ?
              "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


              Votazione Registi: link

              Commenta


              • Da Eastwoodiano di ferro i suoi capolavori sono in quest'ordine

                - Gli Spietati
                - Gran Torino
                - Lettere da Iwo Jima
                - Million Dollar Baby
                - Mystic River

                Se il 10L è un bilanciamento tra sensazioni personali (legittime ed in fondo giuste, perchè le proprie opinioni possono indurre ad una riflessione e una riconsiderazione critica su un film) e peso "oggettivo" (per quanto detesti tale parola), allora con Eastwood Gli Spietati è a tutti gli effetti l'unico che ha una considerazione critica tale da poter competere con i massimi capolavori del cinema come Quarto Potere, Ran, Settimo Sigillo o Il Padrino per capirci.
                Mystic River e Million Dollar Baby non hanno ancora tale peso specifico. Gli Spietati nel 1992 venne salutato dalla critica come il miglior western dai tempi di Sentieri Selvaggi.

                Billy Wilder il suo miglior film è Viale del Tramonto, la pellicola più bella di tutti gli anni 50', su questo poco da discutere. Se non si vuole dare la lode a questo film allora la Fiamma del Peccato, poi l'Appartamento.
                Su Sabrina vale il discorso fatto sopra, se te la senti perchè no, tutto dipende dalle motivazioni, d'altronde io gli ho dato del capolavoro tranquillamente e non me ne penso, si ha delle memore perchè è una fiaba, ma è una condizione cercata e voluta dallo stesso regista, se sei pratico di letteratura fiabesca, ne riconosci tutti gli stilemi e comprendi come il Dio del cinema abbia compreso tutto e cercando tali canoni, li ha perfezionati a tal punto da giungere in cima, non ha senso cercare nel film un tono come l'Appartamento o altre pellicole più cattive di Wilder, il regista non lo cercava ed il tono esplicito da fiaba (sia nella sceneggiatura che nella messa in scena) rende credibile tutto, poi ci sono i due dialoghi sulla democrazia che se ci ragioni sopra finisci tra un anno discuterne per quanto condensi in poche parole una visione del mondo in antitesi al politicamente corretto "Nessun povero è stato chiamato democratico per aver sposato un ricco", grande Wilder, la democrazia americana è un bluff.
                David considera Wilder il padre della commedia americana, però nessun 10 ad una sua commedia...

                Sui miei recuperi boh... mo vedo un pò, sperando di non dimenticarmi niente.
                Ultima modifica di Sensei; 13 novembre 20, 18:25.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                  Da Eastwoodiano di ferro i suoi capolavori sono in quest'ordine
                  Gli Spietati nel 1992 venne salutato dalla critica come il miglior western dai tempi di Sentieri Selvaggi.
                  Vabbeh ma questa è un'evidente esagerazione critica... oltre che, peraltro, non è vero mancopenniente

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                    David considera Wilder il padre della commedia americana, però nessun 10 ad una sua commedia...
                    tra i 130 "10" che ho dato le commedie si contano sulle dita di una mano. E direi che nessuna di queste è una commedia in senso assoluto, sono sempre "commedie" amare, satiriche, contaminate dal dramma e con intenti critici verso l'uomo, la società o i costumi. Ovviamente in questo rientrano anche i gusti personali. Con le grandi classiche commedie americane (che di solito non rientrano nei canoni che ho detto prima) non sono mai andato oltre il 9,5 (la differenza del mezzo voto è per la sfumatura che ho detto prima).

                    Che Gli spietati sia un western enorme non c'è dubbio, che sia il migliore tra i western "moderni" ed anche quello "definitivo" ... idem, nessun dubbio per me. Ma io non lo metterei nella mia top 5 dei western all-time, assolutamente no. Sta sempre dietro ai migliori di Ford, Peckinpah, Hawks e Leone.
                    Ultima modifica di David.Bowman; 13 novembre 20, 18:37.
                    "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                    Votazione Registi: link

                    Commenta


                    • Giusto per rimanere in tema commedie, un 10 ad Allen glielo possiamo anche dare? Perché in effetti Manhattan e Io e Annie meriterebbero.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                        Giusto per rimanere in tema commedie, un 10 ad Allen glielo possiamo anche dare? Perché in effetti Manhattan e Io e Annie meriterebbero.
                        ma certo! e infatti io gliel'ho dato. Ma la lode no .... imho
                        "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                        Votazione Registi: link

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                          Giusto per rimanere in tema commedie, un 10 ad Allen glielo possiamo anche dare? Perché in effetti Manhattan e Io e Annie meriterebbero.
                          Io lo stavo dando a Io e Annie che in assoluto risulta secondo me la commedia di maggiore influenza negli ultimi 50 anni a Hollywood, solo che ho deciso che dovevano esere 20 lodi in tutto e tant'e' . Secondo me la commedia qui dentro troppo sottovalutata, tutti cinefili snob

                          Di Wilder anche io adoro Sabrina, ma il suo apice nel genere direi A qualcuno piace caldo, la commedia perfetta.​​​​​

                          Forse il ragionamento di David e' giusto sul tempo e i capolavori, ma io sono convinto che bisogna prendersi anche dei "rischi" nelle riflessioni sui film recenti, e azzardare sulla considerazione. Io a un Hard to be a God, tanto per dire, non avrei dubbi nell'appiccicare l'etichetta con la C.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio

                            Vabbeh ma questa è un'evidente esagerazione critica... oltre che, peraltro, non è vero mancopenniente
                            Vabbè ora puoi preferire Il Buono, Il Brutto e Il Cattivo (1966, C'era una Volta il West (1968), Il Mucchio Selvaggio (1969), Pat Garrett e Billy the Kid (1975) o I Cancelli del Cielo (1980) al film di Ford, ma era per dire della considerazione critica degli Spietati. Se qualcuno in un duello cinematografico volesse accostare un film di Eastwood ad un Padrino, potrei argomentare facilmente con gli Spietati, più che con Un Gran Torino o un Million Dollar Baby per capirci.

                            Allora i miei 10L... dando uno sguardo ai miei capolavoro da 10 a questo link

                            https://www.filmtv.it/playlist/70314...rfr:user-96297

                            Sulla base dei registi già votati direi :

                            - La Regola del Gioco di Jean Renoir
                            - Quarto Potere di Orson Welles
                            - Mounsier Verdoux di Charlie Chaplin
                            - Viale del Tramonto di Billy Wilder
                            - L'Intendente Sansho di Kenji Mizoguchi
                            - Il Settimo Sigillo di Ingmar Bergman
                            - Rocco e i Suoi Fratelli di Luchino Visconti
                            - L'Appartamento di Billy Wilder
                            - Harakiri di Masaki Kobayashi
                            - C'era una Volta il West di Sergio Leone
                            - 2001 Odissea nello Spazio di Stanley Kubrick
                            - Il Mucchio Selvaggio di Sam Peckinpah
                            - Indagine su un Cittadino al di Sopra di Ogni Sospetto di Elio Petri

                            - L'Ultimo Spettacolo di Peter Bogdanovich
                            - Il Padrino di Francis Ford Coppola
                            - Barry Lyndon di Stanley Kubrick

                            - Solaris di Andrej Tarkowskji
                            - Ran di Akira Kurosawa

                            - Gli Spietati di Clint Eastwood
                            - Sonatine di Takeshi Kitano

                            - Ferro 3 - La Casa Vuota di Kim Ki Duk (Suka Bong!)
                            - Ghost in the Shell 2 : Innocence di Mamoru Oshii
                            - Il Cavallo di Torino di Bela Tarr
                            - La Storia della Principessa Splendente di Isao Takahata
                            Ultima modifica di Sensei; 13 novembre 20, 19:05.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio

                              Che Gli spietati sia un western enorme non c'è dubbio, che sia il migliore tra i western "moderni" ed anche quello "definitivo" ... idem, nessun dubbio per me. Ma io non lo metterei nella mia top 5 dei western all-time, assolutamente no. Sta sempre dietro ai migliori di Ford, Peckinpah, Hawks e Leone.
                              Ma infatti appunto, non è proprio vero che sia il più bel western dai tempi di Sentieri selvaggi

                              Senza nulla togliere al film, che anch'io adoro, tra Ford e Eastwood ci sono una marea di registi che hanno contribuito ad arricchire il genere e a creare dei capolavori (peraltro, di uno dei miei generi preferiti in assoluto del cinema USA).

                              Come minimo non possiamo dimenticare chi ha traghettato il genere verso la modernità, il ruolo assolutamente primario di Peckinpah e di Leone nel creare un nuovo immaginario. Il primo o demitizzando completamente quel mondo con quel vertiginoso Mucchio selvaggio, o cantandone le pieghe più intime con quella bellissima ballata che è Pat Garret e Billy the Kid. E chiaramente Leone, con quel suo western postmoderno, di un regista che guardava ad un mondo culturale non suo ma che evidentemente amava molto.

                              Per non parlare poi del "new western" che ha declinato il genere in modo ancora diverso, da Corvo rosso non avrai il mio scalpo! ai Compari di Altman fino ai Cancelli del cielo di Cimino... Insomma, senza nulla togliere al bellissimo film di Clint, non è che prima di lui ci fosse solo Ford


                              Originariamente inviato da Medeis Visualizza il messaggio

                              Io lo stavo dando a Io e Annie che in assoluto risulta secondo me la commedia di maggiore influenza negli ultimi 50 anni a Hollywood, solo che ho deciso che dovevano esere 20 lodi in tutto e tant'e' . Secondo me la commedia qui dentro troppo sottovalutata, tutti cinefili snob

                              Di Wilder anche io adoro Sabrina, ma il suo apice nel genere direi A qualcuno piace caldo, la commedia perfetta.​​​​​

                              Forse il ragionamento di David e' giusto sul tempo e i capolavori, ma io sono convinto che bisogna prendersi anche dei "rischi" nelle riflessioni sui film recenti, e azzardare sulla considerazione. Io a un Hard to be a God, tanto per dire, non avrei dubbi nell'appiccicare l'etichetta con la C.
                              Inutile dire che concordo al 100%! Come forse hai visto mi sono preso qualche azzardo anche con cinema decisamente molto recente nel dare la lode

                              Concordo decisamente anche su Io e Annie, un film stupendo dall'influenza enorme.


                              Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                              - La Storia della principessa Splendente di Isao Takahata
                              Qui straquoto tantissimo, ma non mi pare Takahata sia stato votato, o sbaglio?
                              Ultima modifica di Tom Doniphon; 13 novembre 20, 18:58.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da David.Bowman Visualizza il messaggio
                                tra i 130 "10" che ho dato le commedie si contano sulle dita di una mano. E direi che nessuna di queste è una commedia in senso assoluto, sono sempre "commedie" amare, satiriche, contaminate dal dramma e con intenti critici verso l'uomo, la società o i costumi. Ovviamente in questo rientrano anche i gusti personali. Con le grandi classiche commedie americane (che di solito non rientrano nei canoni che ho detto prima) non sono mai andato oltre il 9,5 (la differenza del mezzo voto è per la sfumatura che ho detto prima).

                                Che Gli spietati sia un western enorme non c'è dubbio, che sia il migliore tra i western "moderni" ed anche quello "definitivo" ... idem, nessun dubbio per me. Ma io non lo metterei nella mia top 5 dei western all-time, assolutamente no. Sta sempre dietro ai migliori di Ford, Peckinpah, Hawks e Leone.
                                Ok ci sta, ma dare 10 alle commedie di Allen e non a Wilder che gli è superiore è un controsenso.

                                Si, Takahata è stato votato.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X