annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Filmografie e registi a confronto: la classifica di Badtaste

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ultimi 2 giorni di votazioni per Wenders/Payne ...
    "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


    Votazione Registi: link

    Commenta


    • WIM WENDERS

      Alice nelle città (Alice in den Städten) (1973) 6,5
      L'amico americano (Der amerikanische Freund) (1977) 8
      Paris, Texas (1984) 8,5
      Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin) (1987) 7

      Ne ho approfittato per un ripasso di film di cui ricordavo poco o nulla e per vedere per la prima volta L'amico americano.
      Guardando Il cielo sopra Berlino capisco ciò che dice Gidan sul fatto che Sorrentino abbia preso il peggio di Wenders. Si salva per la messa in scena, ma la maggior parte dei dialoghi e dei monologhi sono piuttosto insostenibili.
      Il voto alto a Paris, Texas è soprattutto per le scene tra Harry Dean Stanton e Nastassja Kinski.

      ALEXANDER PAYNE

      Election (1999) 7
      A proposito di Schmidt (About Schmidt) (2002) 6,5
      Sideways - In viaggio con Jack (Sideways) (2004) 6,5
      Paradiso amaro (The Descendants) (2011) 6,5
      Nebraska (2013) 7

      Ho visto solo i primi due di recente, per gli altri vado a memoria, ma non credo che rivedendoli assegnerei voti molto più alti.
      Sulla base delle ultime visioni più che sul viaggio, come dice Gidan, direi che al centro c'è la descrizione dei mediocri.

      Commenta


      • WIM WENDERS

        Alice nelle città (Alice in den Städten) (1973) 8
        Falso movimento (Falsche Bewegung) (1975) 7
        Nel corso del tempo (Im Lauf der Zeit) (1976) 9.5
        L'amico americano (Der amerikanische Freund) (1977) 9
        Lo stato delle cose (Der Stand der Dinge) (1982) 8
        Paris, Texas (1984) 8.5
        Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin) (1987) 8
        Fino alla fine del mondo (Bis ans Ende der Welt) (1991) 9
        Così lontano così vicino (In weiter Ferne, so nah!) (1993) 7
        Lisbon Story (1994) 6.5
        The Million Dollar Hotel (2000) 6
        La terra dell'abbondanza (Land of Plenty) (2004) 6.5

        ALEXANDER PAYNE

        Election (1999) 8
        A proposito di Schmidt (About Schmidt) (2002) 6.5
        Sideways - In viaggio con Jack (Sideways) (2004) 6
        Paradiso amaro (The Descendants) (2011) 6.5
        Nebraska (2013) 7.5

        Commenta


        • Originariamente inviato da aldo.raine89 Visualizza il messaggio

          Sulla base delle ultime visioni più che sul viaggio, come dice Gidan, direi che al centro c'è la descrizione dei mediocri.
          Il viaggio è il punto in comune con Wenders, poi si, nel cinema di Payne i protagonisti sono quasi sempre uomini medi "loser", cosa che me lo rende ancora più simpatico. La punta di amaro che emerge quasi sempre lo rende vicino alla commedia all'italiana.
          https://www.amazon.it/dp/B08P3JTVJC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=mau rizio+nichetti+libri&qid=1606644608&sr=8-1 Il mio saggio sul cinema di Maurizio Nichetti.

          "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

          Commenta


          • Posso aggiungere voti? Sto cercando d'infiltrarmi nel forum, non sarò competente quanto voi altri ma qualcosa ho visto.
            Comincio da questi autori, ma mi piacerebbe votarne qualcuno tra i precedenti, anche.

            WIM WENDERS

            L'amico americano (Der amerikanische Freund) (1977) 8
            Paris, Texas (1984) 8,5
            Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin) (1987) 8
            The Million Dollar Hotel (2000) 6

            ALEXANDER PAYNE

            Election (1999) 7,5
            Sideways - In viaggio con Jack (Sideways) (2004) 7
            Paradiso amaro (The Descendants) (2011) 5,5


            Ho visto Il cielo sopra Berlino giusto ieri, e concordo con chi dice che il film soffra un po' per l'impostazione iper-letteraria della voce fuori campo in gran parte delle sequenze (ma in qualche frangente sa farsi sicuramente suggestiva). Però la regia la trovo anche molto ispirata, inventiva, evocativa. E con Nick Cave e i Bad Seeds direi che arriviamo tranquillamente all'8.
            Paris, Texas invece il più lancinante e indimenticabile ma dovrei rivederlo.

            [FONT=lucida grande]"Il cinema non fornisce ciò che desideri, ti spiega come desiderare." Slavoj Žižek

            Commenta


            • Originariamente inviato da franzo89 Visualizza il messaggio
              Posso aggiungere voti? Sto cercando d'infiltrarmi nel forum, non sarò competente quanto voi altri ma qualcosa ho visto.
              Non sarai mai stato attivissimo ma vedo che sei comunque un utente di vecchia data, non ti stai sicuramente "infiltrando"... Ad ogni modo, considerata una sempre minore partecipazione al forum e in particolare a questo topic mi sembrerebbe controproducente comportarsi come se fossimo un circolo elitario ed escludere o far sentire a disagio chi è nuovo, di passaggio o di ritorno dopo un po' di tempo...
              Ultima modifica di aldo.raine89; 08 dicembre 20, 15:44.

              Commenta


              • Originariamente inviato da franzo89 Visualizza il messaggio
                Posso aggiungere voti? Sto cercando d'infiltrarmi nel forum, non sarò competente quanto voi altri ma qualcosa ho visto.
                Comincio da questi autori, ma mi piacerebbe votarne qualcuno tra i precedenti, anche.
                ma certo! benvenuto!

                per i precedenti direi più no che si perchè poi questo comporta tutto un lavoro (mio e di Gandalf ) di ricalcolo, aggiornamento delle classifiche e modifica dei vecchi post.
                Poi dipende da quanti dei precedenti vorresti votare, se fossero dell'ordine delle dita di una mano allora ci possiamo pensare, ma se invece volessi votare per 20-30 registi allora anche no

                ma non ti preoccupare, ce ne saranno tanti altri da qui in avanti, il nostro "gioco" è ben lungi dal finire ...
                "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                Votazione Registi: link

                Commenta


                • Ok, ho capito. Magari ci penso...potrei anche sceglierne massimo 5 e accontentarmi, se non di eccessivo disturbo. Sennò amen, continuo con i prossimi e sto al passo.. Grazie comunque.
                  [FONT=lucida grande]"Il cinema non fornisce ciò che desideri, ti spiega come desiderare." Slavoj Žižek

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da franzo89 Visualizza il messaggio
                    Ok, ho capito. Magari ci penso...potrei anche sceglierne massimo 5 e accontentarmi, se non di eccessivo disturbo. Sennò amen, continuo con i prossimi e sto al passo.. Grazie comunque.
                    magari possiamo fare anche a tappe, scegline 5 adesso, poi altri 5 più in avanti e così via. In questo mondo facciamo un lavoro di recupero a tappe e quindi più leggero

                    e tieni conto che il voto di "10 e lode" (da indicare con 10L o "10 e lode") vale 11 nel calcolo della media, quindi pesa più del 10 (non so se questa cosa ti è chiara, per alcuni che votavano già da tempo ad esempio non lo era)
                    "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                    Votazione Registi: link

                    Commenta


                    • Intanto, inizio a proporre la mia futura coppia:

                      Fratelli Taviani - Giorgio Diritti.

                      https://www.amazon.it/dp/B08P3JTVJC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=mau rizio+nichetti+libri&qid=1606644608&sr=8-1 Il mio saggio sul cinema di Maurizio Nichetti.

                      "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                      Commenta


                      • Ma sì, per me non è un problema se la mole di votazioni di Franzo (di cui mi ricordo tra l'altro, bentornato a un utente di vecchia data ) non è eccessiva, se va bene a David è ok anche per me.

                        P.S. ieri ho recuperato Paris, Texas trovandolo quasi per caso mentre giravo su Prime e concordo con Aldo. La prima parte l'ho trovata discreta ma niente di che, piuttosto canonica e con qualche momento di stanca che la appesantisce forse un pochino, ma nel secondo atto (il viaggio verso Houston) il film decolla decisamente e diventa grande cinema, con un'ultima mezzora strepitosa accesa (metaforicamente parlando ma anche letteralmente dalla fotografia che vira su colori molto più luminosi) dal confronto tra Stanton e Kinski che è semplicemente meraviglioso, si trattiene quasi il respiro per assorbire tutti quei dialoghi sussurrati, intrisi di dolore e rimpianto, e gli sguardi fanno il resto in maniera impeccabile. Insomma, un crescendo continuo che mi ha lasciato con la sensazione finale di aver visto un film di spessore.
                        I will not say "Do not weep", for not all tears are an evil.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Gandalf Visualizza il messaggio
                          P.S. ieri ho recuperato Paris, Texas trovandolo quasi per caso mentre giravo su Prime e concordo con Aldo. La prima parte l'ho trovata discreta ma niente di che, piuttosto canonica e con qualche momento di stanca che la appesantisce forse un pochino, ma nel secondo atto (il viaggio verso Houston) il film decolla decisamente e diventa grande cinema, con un'ultima mezzora strepitosa accesa (metaforicamente parlando ma anche letteralmente dalla fotografia che vira su colori molto più luminosi) dal confronto tra Stanton e Kinski che è semplicemente meraviglioso, si trattiene quasi il respiro per assorbire tutti quei dialoghi sussurrati, intrisi di dolore e rimpianto, e gli sguardi fanno il resto in maniera impeccabile. Insomma, un crescendo continuo che mi ha lasciato con la sensazione finale di aver visto un film di spessore.
                          se mai interessasse a qualcuno riporto qui una cosa in merito che ho scritto tempo fa:

                          L’ultimo film del “periodo americano” di Wenders è una struggente elegia, in forma malinconica, sul tempo e sulle occasioni perdute, che rilegge in maniera critica, e a tratti dolorosa, la “mitologia” della seconda occasione, tipica dell’american way of life. Raffinato ed astratto, introspettivo e profondo, come il suo regista, è un ammaliante labirinto di sensazioni di cui si cerca il senso, più che l’uscita, a mano a mano che la trama si dipana, lentamente ma inesorabilmente, ricostruendo il puzzle della vita di Travis come in un mistery d’alta classe. E’ un road movie spirituale, unico nel suo genere, costruito su tempi lenti, atmosfere avvolgenti, scenari abbacinanti ed alto risalto cromatico, splendidamente raffigurati nella preziosa fotografia di Robby Müller, che conferisce al film un fascino unico, al tempo stesso conturbante e straniante. Il viaggio di Travis è quello dell’uomo alla ricerca di se stesso, in fuga dai propri fantasmi che sa di non poter scacciare mai, ma con cui deve provare a convivere per rimediare agli errori del passato. E’ un viaggio lungo perché grande è lo smarrimento interiore di fronte al male, all’amore, al senso di inadeguatezza ed alla bellezza, quella, abbagliante, di una Nastassja Kinski, golfino rosso e schiena nuda, che con un semplice gesto si volta e ci consegna un’immagine iconica, indimenticabile, più potente di mille dialoghi. Wenders regala, non senza compiacimento manieristico, una grande lezione di cinema europeo agli americani e lo fa, non a caso, nel territorio simbolo di un certo immaginario a stelle e strisce: il Texas. Nel cast spiccano i due protagonisti, entrambi perfetti per i rispettivi ruoli: un dimesso Harry Dean Stanton, simbolo compiuto del rimorso lacerante, ed una luminosa Nastassja Kinski, che incarna egregiamente il desiderio supremo, troppo perfetto per essere raggiunto. Premiato a Cannes con la Palma d’Oro, è un’opera di eccezionale bellezza formale, profonda complessità tematica e suggestiva rarefazione enigmatica, declinate con una sensibilità che lascia ammirati.

                          "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                          Votazione Registi: link

                          Commenta


                          • spero di non essere fuori tempo masimo, ecco i miei voti, ho fatto in tempo a recupearne un paio:

                            WIM WENDERS

                            L'amico americano (Der amerikanische Freund) (1977) 8,5
                            Paris, Texas (1984) 9
                            Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin) (1987) 8
                            Lisbon Story (1994) 7
                            Al di là delle nuvole – co-regia con Michelangelo Antonioni (1995) 6


                            ALEXANDER PAYNE

                            A proposito di Schmidt (About Schmidt) (2002) 7
                            Sideways - In viaggio con Jack (Sideways) (2004) 7
                            Downsizing - Vivere alla grande (Downsizing) (2017) 6

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da loStraniero Visualizza il messaggio
                              spero di non essere fuori tempo masimo, ecco i miei voti, ho fatto in tempo a recupearne un paio:
                              no no, sei in tempo. Anzi ... un po' ti stavo anche aspettando

                              classifiche finali:

                              WIM WENDERS

                              L'amico americano (Der amerikanische Freund) -------------------------------------------------------- 8,5 <-> 8,5 (7 voti)
                              Paris, Texas ---------------------------------------------------------------------------------------- 8,38 <-> 8,5 (8 voti)
                              Nel corso del tempo (Im Lauf der Zeit) -------------------------------------------------------------- 8,33 <-> 8 (3 voti)
                              Lo stato delle cose (Der Stand der Dinge) ----------------------------------------------------------- 7,63 <-> 7,75 (4 voti)
                              Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin) ----------------------------------------------------- 7,56 <-> 8 (8 voti)
                              Alice nelle città (Alice in den Städten) ------------------------------------------------------------ 7,25 <-> 7,25 (6 voti)
                              Falso movimento (Falsche Bewegung) ------------------------------------------------------------------ 7 <-> 7 (3 voti)
                              Lisbon Story ---------------------------------------------------------------------------------------- 7 <-> 7 (4 voti)
                              Fino alla fine del mondo (Bis ans Ende der Welt) ---------------------------------------------------- 6,83 <-> 6,5 (3 voti)
                              Hammett - Indagine a Chinatown ---------------------------------------------------------------------- 6,75 <-> 6,75 (2 voti)
                              Non bussare alla mia porta (Don't Come Knocking) ---------------------------------------------------- 6,5 <-> 6,5 (2 voti)
                              La terra dell'abbondanza (Land of Plenty) ----------------------------------------------------------- 6,33 <-> 6,5 (3 voti)
                              Ritorno alla vita (Every Thing Will Be Fine) -------------------------------------------------------- 6,25 <-> 6,25 (2 voti)
                              Così lontano così vicino (In weiter Ferne, so nah!) ------------------------------------------------- 6,17 <-> 6,5 (3 voti)
                              Al di là delle nuvole – co-regia con Michelangelo Antonioni ----------------------------------------- 6 <-> 6 (5 voti)
                              Submergence ----------------------------------------------------------------------------------------- 6 <-> 6 (1 voti)
                              La paura del portiere prima del calcio di rigore (Die Angst des Tormanns beim Elfmeter) ------------- 6 <-> 6 (1 voti)
                              I bei giorni di Aranjuez (Les Beaux Jours d'Aranjuez) ----------------------------------------------- 6 <-> 6 (1 voti)
                              La lettera scarlatta (Der scharlachrote Buchstabe) -------------------------------------------------- 6 <-> 6 (1 voti)
                              The Million Dollar Hotel ---------------------------------------------------------------------------- 5,75 <-> 6 (4 voti)
                              Crimini invisibili (The End of Violence) ------------------------------------------------------------ 5,5 <-> 5,5 (2 voti)
                              Palermo Shooting ------------------------------------------------------------------------------------ 4,5 <-> 4,5 (2 voti)


                              ALEXANDER PAYNE

                              Nebraska -------------------------------------------------------------------------------------------- 7,25 <-> 7,25 (6 voti)
                              Election -------------------------------------------------------------------------------------------- 7,2 <-> 7 (5 voti)
                              A proposito di Schmidt (About Schmidt) -------------------------------------------------------------- 7,08 <-> 7 (6 voti)
                              Sideways - In viaggio con Jack (Sideways) ----------------------------------------------------------- 6,64 <-> 6,5 (7 voti)
                              Paradiso amaro (The Descendants) -------------------------------------------------------------------- 6,58 <-> 6,5 (6 voti)
                              La storia di Ruth, donna americana (Citizen Ruth) --------------------------------------------------- 6,25 <-> 6,25 (2 voti)
                              Paris, je t'aime - episodio 14e arrondissement ------------------------------------------------------ 6 <-> 6 (1 voti)
                              Downsizing - Vivere alla grande (Downsizing) -------------------------------------------------------- 5,75 <-> 6 (4 voti)



                              ed ecco la nuova coppia settimanale proposta da Bone Machine

                              sul primo mi sa che .... ci faremo "male" invece, per quanto riguarda Murnau, ho inserito per completezza anche i primi film che sono tutti "perduti"


                              GASPAR NOÉ

                              Solo contro tutti (Seul contre tous) (1998)
                              Irréversible (2002)
                              Destricted, segmento We Fuck Alone (2006)
                              Enter the Void (2009)
                              7 Days in Havana (7 días en La Habana), segmento Ritual (2012)
                              Short Plays, segmento Argentina (2014)
                              Love (2015)
                              Climax (2018)


                              FRIEDRICH WILHELM MURNAU

                              Il ragazzo in blu (Der Knabe in Blau) (1919)
                              Satana (Satanas) (1920)
                              Nostalgia (Sehnsucht) (1920)
                              Il gobbo e la ballerina (Der Bucklige und die Tänzerin) (1920)
                              La testa di Giano (Der Januskopf) (1920)
                              Sera... notte... mattino (Abend - Nacht - Morgen) (1920)
                              Il cammino della notte (Der Gang in die Nacht) (1921)
                              Marizza, detta la signora dei contrabbandieri (Marizza, genannt die Schmugglermadonna) (1920)
                              Il castello di Vogelod (Schloß Vogelöd) (1921)
                              Nosferatu il vampiro (Nosferatu, eine Symphonie des Grauens) (1922)
                              La terra che brucia (Der brennende Acker) (1922)
                              Fantasma (Phantom) (1922)
                              L'espulsione (Die Austreibung) (1923)
                              Finanze del granduca (Die Finanzen des Großherzogs) (1924)
                              L'ultima risata (Der letzte Mann) (1924)
                              Tartufo (Herr Tartüff) (1925)
                              Faust (1926)
                              Aurora (Sunrise: A Song of Two Humans) (1927)
                              I quattro diavoli (4 Devils) (1928)
                              Il nostro pane quotidiano (City Girl) (1930)
                              Tabù (Tabu) (1931)
                              Ultima modifica di David.Bowman; 09 dicembre 20, 08:24.
                              "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                              Votazione Registi: link

                              Commenta


                              • I film del primo sono adorabili
                                'They play it safe, are quick to assassinate what they do not understand. They move in packs ingesting more and more fear with every act of hate on one another. They feel most comfortable in groups, less guilt to swallow. They are us. This is what we have become. Afraid to respect the individual. A single person within a circumstance can move one to change. To love herself. To evolve.'

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X