annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

The Tree of Life - Terrence Malick

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • La spiaggia finale in cui tutti si riconciliano sarebbe anche potuta essere solo la proiezione di un desiderio umano, ma diventa un paradiso eterno
    Io credo che la soglia rappresenti semplicemente una sorta di ingresso al classico "palazzo della memoria" tanto caro ai gesuiti... o comunque a qualcosa di molto simile.
    Malick si è preoccupato direttamente, secondo me, di non far passare l'idea che possa trattarsi di un "paradiso eterno" e l'ha fatto inserendo nel montaggio una scena successiva in cui Sean Penn è tutt'altro che trapassato... ma fugge, invece, via dalla sua "gabbia" personale. E' un inserimento che ha una funzione e una tempistica molto chiare, secondo me...
    Anche il modo in cui i personaggi vengono mostrati(e torno a ripetere che in quel limbo ci sono anche personaggi ancora vivi, tipo il padre e la moglie di Jack) dimostra come si tratti di una proiezione della memoria del protagonista(il padre, i fratelli, la moglie, il bambino ustionato... tutti personaggi che ricorda con l'aspetto dei periodi passati che lui ricorda con più affetto).
    Insomma, è chiaro che non ci sarebbero regole fisiche che tengano, però non vedo perché dare elementi per un'interpretazione sbagliata... invece di dare quelli per quella giusta.

    Commenta


    • Originariamente inviato da Marv
      Insomma, è chiaro che non ci sarebbero regole fisiche che tengano, però non vedo perché dare elementi per un'interpretazione sbagliata... invece di dare quelli per quella giusta.
      Messa così, potrei dire esattamente la stessa cosa


      "Spesso contraddiciamo una opinione, mentre ci è antipatico soltanto il tono con cui essa è stata espressa."

      Commenta


      • Originariamente inviato da Marv
        Ok che la CGI di 2001 era molto meglio, ma a me i dinosauri sono sembrati apposto... chi se ne frega se non sono fotorealistici, mica è Avatar che si deve attaccare a quello... è una sequenza di quanto? 2 minuti?
        La mia interpretazione è che comunque il gesto del dinosauro serva a confutare la teoria per cui in natura la sopraffazione è una regola di vita... o meglio, per cui per sopravvivere bisogna sopraffare...
        Cane mangia cane, Homo homini lupus, eccetera... che è un po' la filosofia(anche se poi vediamo che non ne è per niente convinto) di Mr. O'Brien.
        beh dai, non ci sono andato così lontano...

        TheGame... no, ti ha appena fatto presente che ci sono persone ancora vive in quella soglia appena varcata...vuol dire che la interpretazione è errata, non fa una grinza il ragionamento di Marv

        Commenta


        • Originariamente inviato da TheGame
          Originariamente inviato da Marv
          Insomma, è chiaro che non ci sarebbero regole fisiche che tengano, però non vedo perché dare elementi per un'interpretazione sbagliata... invece di dare quelli per quella giusta.
          Messa così, potrei dire esattamente la stessa cosa
          Quali sarebbero, dunque, gli elementi che fanno pensare al luogo metafisico eterno/paradiso anziché allo stato mentale?
          Secondo me non ce ne sono... mentre ce ne sono per quest'ultima interpretazione.
          Se Malick non avesse voluto dare un messaggio non avrebbe messo Penn nella sua normalità DOPO quella sequenza e dopo uno stream of memories come è l'intero film. Avrebbe messo Penn che si suicida o in qualche modo avrebbe suggerito la morte del personaggio... Malick non è tipo che rifugge certe precisazioni, tutt'altro, è molto preciso.

          Commenta


          • E guarda caso tutto si racchiude con
            Spoiler! Mostra
            vegliare... Malick fa di tutto per essere distaccato, ma tra Grazia e Natura, lui ha già scelto


            "Spesso contraddiciamo una opinione, mentre ci è antipatico soltanto il tono con cui essa è stata espressa."

            Commenta


            • Originariamente inviato da TheGame
              E guarda caso tutto si racchiude con
              Spoiler! Mostra
              vegliare... Malick fa di tutto per essere distaccato, ma tra Grazia e Natura, lui ha già scelto
              Ma che lui abbia scelto non c'è dubbio... e per fortuna, anche.
              Ma lo spegnimento del sole non riesco a vederlo in quel senso... è un evento che si verificherà solo dopo molti anni dalla morte di ogni personaggio del film(e forse di ogni essere umano) ed è inserito così com'è inserito il big bang all'inizio, la fine del tutto come l'inizio del tutto. Ma ciò che c'è in mezzo è una parentesi infinitesimale(ma al contempo degna di viaggiare in parallelo ai massimi sistemi) e a dirla tutta non riesco a vedere nemmeno metafore religiose in ciò che viene mostrato nel film. Al massimo posso giungere alla conclusione per cui dio è dentro ciascuno di noi così come è intorno a ciascuno di noi... ma questo senza scomodare pippotti cristianoidi. Per tutto il film Dio(quello con la "d" maiuscola, quello che si chiama così) ci viene mostrato come un assente ingiustificato, mentre parallelamente il "vero" dio inonda tutto. Ma il vero dio di questo film è la vita stessa, assolutamente non un'entità che decide della nostra esistenza in modo più o meno benevolo. Il motivo per cui non vedo "buonismo" in questo film è proprio questo: non c'è una speranza per tutti, c'è solo un approccio che gli umani possono avere per poter vivere al meglio la loro vita, e l'alternativa è tanto amara quanto ci viene mostrata nel film, senza sconti. Una visione molto positivistica della vita, direi.

              Commenta


              • Originariamente inviato da Marv
                Ma che lui abbia scelto non c'è dubbio... e per fortuna, anche.
                Ma lo spegnimento del sole non riesco a vederlo in quel senso... è un evento che si verificherà solo dopo molti anni dalla morte di ogni personaggio del film(e forse di ogni essere umano) ed è inserito così com'è inserito il big bang all'inizio, la fine del tutto come l'inizio del tutto. Ma ciò che c'è in mezzo è una parentesi infinitesimale(ma al contempo degna di viaggiare in parallelo ai massimi sistemi) e a dirla tutta non riesco a vedere nemmeno metafore religiose in ciò che viene mostrato nel film. Al massimo posso giungere alla conclusione per cui dio è dentro ciascuno di noi così come è intorno a ciascuno di noi... ma questo senza scomodare pippotti cristianoidi. Per tutto il film Dio(quello con la "d" maiuscola, quello che si chiama così) ci viene mostrato come un assente ingiustificato, mentre parallelamente il "vero" dio inonda tutto. Ma il vero dio di questo film è la vita stessa, assolutamente non un'entità che decide della nostra esistenza in modo più o meno benevolo. Il motivo per cui non vedo "buonismo" in questo film è proprio questo: non c'è una speranza per tutti, c'è solo un approccio che gli umani possono avere per poter vivere al meglio la loro vita, e l'alternativa è tanto amara quanto ci viene mostrata nel film, senza sconti. Una visione molto positivistica della vita, direi.
                meglio di così non potevo dirla.

                D'altra parte è il film stesso a dirlo. Come abbiamo detto più volte, il film non finisce con quello che nel topic chiamiamo "finale", ma con la scena di Penn per strada. Non è certo casuale.

                Commenta


                • Finalmente sabato probabilmente andrò a vederlo. La vittoria a Cannes non ha fatto altro che alzare ancora di più le mie aspettative. Spero poi di essere d'accordo con quelli a cui è piaciuto.
                  Dopo che l'avrò visto dovrò recuperare le pagine che avete scritto, sono proprio curioso di sapere cosa ne pensate...
                  L'onironauta[IMG width=420 height=108]http://i53.tinypic.com/16kz995.png[/IMG]

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da TheGame
                    E guarda caso tutto si racchiude con
                    Spoiler! Mostra
                    vegliare... Malick fa di tutto per essere distaccato, ma tra Grazia e Natura, lui ha già scelto
                    Aggiungo inoltre che francamente non capisco dove sia il problema. Se a te o a David qualsiasi elemento di trascendenza danno fastidio, è un problema vostro. Ma l'unico modo per valutare se davvero la scelta è banale è valutare la fattura.

                    Perché altrimenti diciamo che la Commedia è brutta perché Dante ha già scelto e il testo ha un finale buonista, con una diretta visione dell'Altissimo.

                    Commenta


                    • Personalmente ho visto troppa sacralità nel finale, troppo ottimismo ingenuo di eternità è stato difficile evitare di vedere la conversione religiosa di Malick. Difficile anche non vedere un riferimento allo Spirito Santo nelle fiammelle fluttuanti e il simbolo di passaggio all'oltre nel ponte finale.

                      Rimane comunque un ottimismo di fondo al di la di ciò, i personaggi camminano sulla spiaggia sino ad andare fuori campo. Jack così riesce a raggiungere una morte dignitosa, nulla di più. Per Malick l'uomo comunque avrebbe il diritto e dovere di naufragare dolcemente; Unica creatura in grado di cogliere il Tutto, di parlare con Dìo e di godere della sua infinita, incomprensibile, misericordia.

                      Originariamente inviato da outis81
                      Ma l'unico modo per valutare se davvero la scelta è banale è valutare la fattura.

                      Perché altrimenti diciamo che la Commedia è brutta perché Dante ha già scelto e il testo ha un finale buonista, con una diretta visione dell'Altissimo.
                      Amen :ilsaggiodice:

                      Poi ciò che fa la differenza è sensibilità di ognuno di noi giustamente


                      "Spesso contraddiciamo una opinione, mentre ci è antipatico soltanto il tono con cui essa è stata espressa."

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da TheGame
                        Personalmente ho visto troppa sacralità nel finale, troppo ottimismo ingenuo di eternità è stato difficile evitare di vedere la conversione religiosa di Malick. Difficile anche non vedere un riferimento allo Spirito Santo nelle fiammelle fluttuanti e il simbolo di passaggio all'oltre nel ponte finale.

                        Rimane comunque un ottimismo di fondo al di la di ciò, i personaggi camminano sulla spiaggia sino ad andare fuori campo. Jack così riesce a raggiungere una morte dignitosa, nulla di più. Per Malick l'uomo comunque avrebbe il diritto e dovere di naufragare dolcemente; Unica creatura in grado di cogliere il Tutto, di parlare con Dìo e di godere della sua infinita, incomprensibile, misericordia.
                        Ma io sinceramente quello che non sono riuscito assolutamente a vedere è una infinita, incomprensibile, misericordia di dio (quello con la D minuscola, come giustamente ha detto Marv)..tutt'altro, ogni volta che dio viene invocato Malick ci porta altrove, ad una vista distante e disinteressata...

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da TheGame
                          Amen :ilsaggiodice:

                          Poi ciò che fa la differenza è sensibilità di ognuno di noi giustamente
                          xD xD xD

                          Certamente. Diciamo però che è un peccato squalificare un'opera per questioni di sensibilità personale.

                          E più ci penso, più credo che il tuo 6 sia assolutamente ingiustificato

                          Commenta


                          • Benigni ne sa un sacco!
                            http://www.youtube.com/watch?v=qktBl...embedded#at=37

                            Commenta


                            • Questo è invece il commento di Baricco, più dalle parti di David:
                              http://www.scribd.com/doc/56048696/B...-TheTreeOfLife

                              Commenta


                              • C'è dell'ottimismo e dell'ingenuità di fondo al di la di ciò, la morte non è una conclusione in ogni caso... Ribadisco, questa è una grande opera di Arte tecnica

                                Originariamente inviato da outis81
                                xD xD xD

                                Certamente. Diciamo però che è un peccato squalificare un'opera per questioni di sensibilità personale.

                                E più ci penso, più credo che il tuo 6 sia assolutamente ingiustificato
                                Bè, ma perdonami, ma ogni valutazione viene fatta in base alle nostre esperienze e sensibilità

                                Sul mio voto, ribadisco, ho l'abitudine di non sbilanciarmi per opere di questa portata, per questo ho optato per un 6 politico in attesa di una seconda visione, essenziale in questi casi... Ma come ho detto, la scelta di Malick è fin troppo chiara, ciò pone degli ovvi limiti derivanti dalla sensibilità e cultura di chi guarda


                                "Spesso contraddiciamo una opinione, mentre ci è antipatico soltanto il tono con cui essa è stata espressa."

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X