annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cannes 2022

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Un gruppo (dipazzi ) di persone ha fatto la griglia definitiva prendendo in considerazione quasi tutto il campione fino a circa 200 testate tra blog e giornali che han pubblicato recensioni in questi giorni..

    Il risultato è prevedibile ed in linea con le reazioni generali, applausi in sala etc.. mentre postando le varie diverse griglie da 7-8 testate casuali alla fine è sempre un po' tutto il contrario di tutto. Per esempio ho visto in giro una griglia in cui Kore Ada risulta essere uno dei peggiori accolti del festival perchè casualmente ci stanno 2 recensioni molto negative. E' chiaro invece che in linea generale è piaciuto parecchio e dovrebbe andare a premi.

    Ecco attualmente la top 10 di questa super grigllia

    1) Dhont 8.5/10
    2) Park Chan Wook 7.8/10
    3) Kore eda 7.60/ 10
    4) Ostlund 7.55/10
    5) Cronenberg 7.25/10
    6) Roustaee 7.10/10
    7) Denis 7.05/ 10

    8) Gray 6.90/10
    9) Hi- Han 6.9/10
    10) Mungiu 6.8/10


    alla fine credo che tutti i primi 7 abbiano infatti forti chance di vincere un premio
    Ultima modifica di Sebastian Wilder; 27 maggio 22, 16:00.

    Commenta


    • A titolo informativo il peggiore è Desplechin con un pessimo 4.5/10.
      L'altra insufficienza è dell'altro film francese.

      Poi tutti una sufficienza media anche se stiracchiata la acciuffano.
      Ultima modifica di Sebastian Wilder; 27 maggio 22, 16:10.

      Commenta


      • Il più delle volte le giurie fanno quello che vogliono indipendentemente dalle preferenze di pubblico e critica.

        Commenta


        • Il critico di Screen Daily ha scritto appena adesso che la sua Palma d'oro è SHOWING UP di Kelly Reichardt (ecco, già smentito quanto abbiamo detto 3 secondi fa).

          Commenta


          • Cotillard recita nel film di Desplechin.



            Forse ti sbagli col film di Madame Bruni Tedeschi?
            A proposito Alberto Crespi su Repubblica fa il suo endorsement proprio per lei e suggerisce che potrebbe andare a premi perché ci recita la figlia di Vincent Lindon.

            Commenta


            • No non il più delle volte, ma è l'eccezione.

              Non ricordo come era stato accolto a livello generale Titane, ci vorrebbe una super griglia così e non solo una molto limitata. Ma per esempio i 4 anni precedenti Parasite, Un affare di famiglia, The Square e Io, Daniel Blake erano tra i migliori film accolti in assoluto.

              Commenta


              • Idem La vita di adele, the tree of life o Amour.
                Non vado più indietro perchè ai tempi non seguivo il festival e non ho ricordi sulle accoglienze del momento, ma tutti questi film dell'ultimo decennio furono applauditi sin da subito.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio
                  No non il più delle volte, ma è l'eccezione.

                  Non ricordo come era stato accolto a livello generale Titane, ci vorrebbe una super griglia così e non solo una molto limitata. Ma per esempio i 4 anni precedenti Parasite, Un affare di famiglia, The Square e Io, Daniel Blake erano tra i migliori film accolti in assoluto.
                  Titane nella griglia dei critici più istituzionali (e anziani) di Screen Daily aveva il secondo rating più basso del festival (1,6 su 4). Nella griglia dei critici indipendenti (e più giovani) di Ioncinema aveva il rating più alto dopo Drive My Car, Memoria e A Hero (3,5).

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Fish_seeks_water Visualizza il messaggio
                    Io adoro la prima ora di Night Moves... comunque First Cow mi è sembrato un po' più convenzionale rispetto agli altri, ma non so dire bene il perché, forse la messa in scena, forse l'impostazione del racconto non lo so. Forse sta diventando "classica" come James Gray
                    Rimpiango i tempi in cui eravamo sempre d'accordo su tutto e volevamo scrivere un libro di cinema assieme
                    Luminous beings are we, not this crude matter.

                    Commenta


                    • Titane la prendiamo come eccezione.
                      Però poi ecco tutto è possibile però insomma che la Bruni Tedeschi vinca la palma d'oro lo potremmo escludere ad occhio e croce .
                      In linea di massima il vincitore dovrebbe essere nella top 5 che ho postato. Nella top 10 in caso di sorpresa.

                      Poi Titane è il caso del film magari divisivo che però sin da subito ha fatto discutere etc.. Possiamo dire la stessa cosa di tutti gli altri film di quest'anno che non sono nella top 10 che ho postato?. L'unico è forse solo Holy spider.

                      Commenta


                      • The Guardian e Indiewire danno 3 stelle su 5 a Kelly Reichardt.

                        Bradshaw: "Kelly Reichardt’s indie art drama is downbeat but diverting" (cupo ma divertente)

                        Indiewire: "Slight but charming comedy of resentment set in the Portland art scene"

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio

                          Rimpiango i tempi in cui eravamo sempre d'accordo su tutto e volevamo scrivere un libro di cinema assieme
                          Ahahahahah

                          Commenta


                          • Comunque First Cow mi è piaciuto, gli ho dato 8. Solo che agli altri ho dato 9 e 10 (Meek's Cutoff, Old Joy, Certain Women).

                            Commenta


                            • Alberto Crespi scrive ancora di cinema? Possibile che di tutti gli autori passati a Cannes lui torni a casa proprio col film della Bruni Tedeschi? Per carità sarà anche carino ma BOH.

                              Commenta


                              • Essere comunque all'ultimo giorno e piazzata dopo una giornata con 3 film di un certo peso influisce.
                                Oggi a pranzo sentivo una intervista di Valeriona Golino proprio dalla croisette che diceva quello di qui qua qualcuno ha già discusso: che insomma i festival sono anche una questione di culo (lei ha detto fortuna) in base a dove vieni piazzata come giornata, dopo quale film nelle stessa giornata e così via. Può cambiare la predisposizione generale.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X