annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il Cerca Film

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Bender77
    ha risposto
    Originariamente inviato da Japyx Visualizza il messaggio
    Due vecchi film di ambientazione milanese:


    2) Del secondo ho visto solo l'ultimissima parte. Mi pare fosse anch'esso in bianco e nero, ma non potrei giurarci (potrei averlo visto nei primi anni '80, quando non avevo ancora il televisore a colori). L'ambientazione si direbbe quasi certamente anni '70. Si vede un bambino addormentato in una metropolitana (mi pare la linea rossa) in una carrozza completamente vuota. La metropolitana arriva al capolinea e degli addetti si accorgono del bambino e parlano fra loro in milanese per decidere cosa fare. Nella scena finale si vede, se non ricordo male, un caseggiato di periferia e compare una figura femminile, che, mi pare di ricordare, sarebbe la giovane mamma del bambino, ma appare come una tossicodipendente o una figura simile, una di quelle giovani figure un po' devianti socialmente e dall'aspetto dimesso che non di rado comparivano in certi documentari o film di taglio sociologico dell'epoca, a cui forse (ma non ricordo bene) viene riconsegnato il bambino. Ma potrei aver arricchito il ricordo di particolari. Ciò di cui sono sicuro è la scena del bambino addormentato in metropolitana.
    Era anch'esso suggestivo, per quel poco che ne ho visto, nel rappresentare, in questo caso, elementi di degrado metropolitano delle periferie.

    Qualcuno si ricorda o sa qualcosa circa questi due film o uno dei due? Tipo il titolo... la reperibilità...
    Grazie mille anticipatamente.

    a me questo ricorda un po' la storia di Maicol (1988) di M. Brenta...ma era a colori e non in bn...purtroppo trailer per confrontare, neanche a pagarne...

    Lascia un commento:


  • Medeis
    ha risposto
    Originariamente inviato da Japyx Visualizza il messaggio
    Due vecchi film di ambientazione milanese:

    buongiorno a tutti.
    Sto cercando informazioni su due film di cui ricordo di aver visto delle parti, ma non sono in grado di ricostruire il titolo o altro.
    Non ho nemmeno la certezza che fossero film e non film tv o altro (li ho visti in televisione molti anni fa). Entrambi erano molto suggestivi, poco convenzionali, presumibilmente roba d'autore, non commerciale e, direi, estranea ai circuiti della diffusione di massa.

    1) Il primo, in bianco e nero, aveva per protagonista (almeno per la parte che ho visto) un adolescente milanese. L'ambientazione era palesemente anni '60 (o, al più tardi, primi '70, ma direi '60) e c'era una scena in cui il ragazzo si trovava a scuola. Poi ricordo degli spostamenti in tassì, una Seicento multipla guidata da un tassista che si esprimeva in milanese, tutto in una fitta nebbia serale. Infine il ragazzo arriva a una festa e c'è un lungo dialogo con una ragazza più grande di cui lui è innamorato; lei è molto rispettosa, lo stima ma lo respinge. Ha un modo di esprimersi formale, in un italiano che non indulge a colloquialismi giovanili, come poteva capitare ancora in quegli anni a una ragazza sui vent'anni. Lui ha un forte accento milanese, un po' ruvido, di quelli che oggi sentiresti in gente oltre i sessant'anni, come è logico.

    2) Del secondo ho visto solo l'ultimissima parte. Mi pare fosse anch'esso in bianco e nero, ma non potrei giurarci (potrei averlo visto nei primi anni '80, quando non avevo ancora il televisore a colori). L'ambientazione si direbbe quasi certamente anni '70. Si vede un bambino addormentato in una metropolitana (mi pare la linea rossa) in una carrozza completamente vuota. La metropolitana arriva al capolinea e degli addetti si accorgono del bambino e parlano fra loro in milanese per decidere cosa fare. Nella scena finale si vede, se non ricordo male, un caseggiato di periferia e compare una figura femminile, che, mi pare di ricordare, sarebbe la giovane mamma del bambino, ma appare come una tossicodipendente o una figura simile, una di quelle giovani figure un po' devianti socialmente e dall'aspetto dimesso che non di rado comparivano in certi documentari o film di taglio sociologico dell'epoca, a cui forse (ma non ricordo bene) viene riconsegnato il bambino. Ma potrei aver arricchito il ricordo di particolari. Ciò di cui sono sicuro è la scena del bambino addormentato in metropolitana.
    Era anch'esso suggestivo, per quel poco che ne ho visto, nel rappresentare, in questo caso, elementi di degrado metropolitano delle periferie.

    Qualcuno si ricorda o sa qualcosa circa questi due film o uno dei due? Tipo il titolo... la reperibilità...
    Grazie mille anticipatamente.
    Gli indizi sono un po' fumosi... Il primo da come lo descrivi potrebbe essere La cotta di Ermanno Olmi, ma non ne sono sicuro al 100 per cento...

    Lascia un commento:


  • Japyx
    ha risposto
    Due vecchi film di ambientazione milanese:

    buongiorno a tutti.
    Sto cercando informazioni su due film di cui ricordo di aver visto delle parti, ma non sono in grado di ricostruire il titolo o altro.
    Non ho nemmeno la certezza che fossero film e non film tv o altro (li ho visti in televisione molti anni fa). Entrambi erano molto suggestivi, poco convenzionali, presumibilmente roba d'autore, non commerciale e, direi, estranea ai circuiti della diffusione di massa.

    1) Il primo, in bianco e nero, aveva per protagonista (almeno per la parte che ho visto) un adolescente milanese. L'ambientazione era palesemente anni '60 (o, al più tardi, primi '70, ma direi '60) e c'era una scena in cui il ragazzo si trovava a scuola. Poi ricordo degli spostamenti in tassì, una Seicento multipla guidata da un tassista che si esprimeva in milanese, tutto in una fitta nebbia serale. Infine il ragazzo arriva a una festa e c'è un lungo dialogo con una ragazza più grande di cui lui è innamorato; lei è molto rispettosa, lo stima ma lo respinge. Ha un modo di esprimersi formale, in un italiano che non indulge a colloquialismi giovanili, come poteva capitare ancora in quegli anni a una ragazza sui vent'anni. Lui ha un forte accento milanese, un po' ruvido, di quelli che oggi sentiresti in gente oltre i sessant'anni, come è logico.

    2) Del secondo ho visto solo l'ultimissima parte. Mi pare fosse anch'esso in bianco e nero, ma non potrei giurarci (potrei averlo visto nei primi anni '80, quando non avevo ancora il televisore a colori). L'ambientazione si direbbe quasi certamente anni '70. Si vede un bambino addormentato in una metropolitana (mi pare la linea rossa) in una carrozza completamente vuota. La metropolitana arriva al capolinea e degli addetti si accorgono del bambino e parlano fra loro in milanese per decidere cosa fare. Nella scena finale si vede, se non ricordo male, un caseggiato di periferia e compare una figura femminile, che, mi pare di ricordare, sarebbe la giovane mamma del bambino, ma appare come una tossicodipendente o una figura simile, una di quelle giovani figure un po' devianti socialmente e dall'aspetto dimesso che non di rado comparivano in certi documentari o film di taglio sociologico dell'epoca, a cui forse (ma non ricordo bene) viene riconsegnato il bambino. Ma potrei aver arricchito il ricordo di particolari. Ciò di cui sono sicuro è la scena del bambino addormentato in metropolitana.
    Era anch'esso suggestivo, per quel poco che ne ho visto, nel rappresentare, in questo caso, elementi di degrado metropolitano delle periferie.

    Qualcuno si ricorda o sa qualcosa circa questi due film o uno dei due? Tipo il titolo... la reperibilità...
    Grazie mille anticipatamente.

    Lascia un commento:


  • Yog Sothoth
    ha risposto
    Originariamente inviato da cesarmanuel10 Visualizza il messaggio
    mi rivolgo agli amanti dell'horror, mi ricordo di questa scena che dava il via ad un film diviso in storie del tipo i racconti della cripta (credo), dove durante una nottata invernale una famiglia in casa il padre di famiglia raccontava la storia di questo mostro dalle mani grandi come palle da basket in grado di stritolare una persona...di lì a poco si sente bussare alla porta e i genitori (o i bambini) andando ad aprire, si trovano di fronte una persona tutta inbaccuccata in una pelliccia che li fa spaventare (i bambini) trattasi dello zio di quest'ultimi che insieme ai genitori era complice di uno scherzo, poi dalle finestre della casa si vedono sbucare queste braccia enormi che prendono tra le mani le teste dei genitori e le stritolano...qualcuno si ricorda di che film si tratta?...da bambino m'aveva colpito tanto...
    Non è un film. È una puntata della serie tv "un salto nel buio" La puntata si intitola "Diabolica Realtà"

    Lascia un commento:


  • Cooper96
    ha risposto
    Ti ringrazio, è questo.

    Lascia un commento:


  • Maddux Donner
    ha risposto
    A naso direi Erased https://www.animeclick.it/anime/8798/bokumachi

    Lascia un commento:


  • Cooper96
    ha risposto
    Non è un film ma un anime/manga...provo comunque.
    Parla di un ragazzo sui venti anni che quando assiste ad un omicidio ha il potere di tornare indietro nel tempo fino a 5 minuti prima che avvenga. Per qualche motivo poi si va a parlare della sua infanzia durante la quale era avvenuto un delitto irrisolto.

    Lascia un commento:


  • luka69
    ha risposto
    Buonasera, gradirei un aiuto per riuscire a trovare il titolo di una serie televisiva horror di cui ho visto solo il primo episodio.
    É una serie tv che dovrebbe essere del 2017 ed é ambientata in germania, comincia con un funzionario di polizia un po goffo che viene inviato in un paesino vicino ad una foresta per supervisionare ed aiutare la polizia locale su dei casi mi sembra di sparizioni ma non ne sono certo.
    Viene accolta dal una ragazza commissaria di polizia e vanno insieme in un pub dove lei stende con un pugno un bifolco locale. Poi mi ricordo che vanno in una ditta dove dei ragazzi hanno fatto qualcosa per bloccare l'attività della stessa, forse uno di questi é suo figlio ma il proprietario di questa azienda é un suo ex. Altro particolare é che uscendo da un locale il funzionario di polizia inviato sbatte accidentalmente sulla porta...
    So che non ė molto, mi sembra che questo paesino sia ai confini della foresta nera.
    Non si tratta di dark.
    Potete aiutarmi?
    grazie

    Lascia un commento:


  • Bone Machine
    ha risposto
    Originariamente inviato da henry angel Visualizza il messaggio

    Upstream color di Shane Corruth?
    È LUI!! Meno male, Henry Angel, era da una settimana che cercavo questo benedetto titolo. Adesso vedo come procurarmelo. Grazie, buona giornata!

    Lascia un commento:


  • henry angel
    ha risposto


    Upstream color di Shane Corruth?

    Lascia un commento:


  • Bone Machine
    ha risposto
    Originariamente inviato da Bender77 Visualizza il messaggio
    di sicuro non è la sua opera seconda, ma puoi provare con Love di G. Noè del 2015...ricordo anche una bellissima sequenza sulle note di is there anybody out there dei pink floyd...

    No non è Love, non l'ho visto ma non è quello il trailer che intendo. Grazie comunque per il tentativo!

    Lascia un commento:


  • Bender77
    ha risposto
    di sicuro non è la sua opera seconda, ma puoi provare con Love di G. Noè del 2015...ricordo anche una bellissima sequenza sulle note di is there anybody out there dei pink floyd...

    Ultima modifica di Bender77; 19 maggio 19, 10:37.

    Lascia un commento:


  • Bone Machine
    ha risposto
    Un grazie e una birra virtuale offerta a chi mi risolve l'enigma. Film statunitense (o canadese?) di 4 o 5 anni fa. Mai uscito in Italia. Avevo visto il trailer e mi aveva intrigato. Era l'opera seconda di un regista già di culto da quelle parti, era del sottogenere "mindfucker", paranoide alla Charlie Kaufman. Stile ricercato ma non enfatico, minimalista, forse con tocchi lynchiani. L'unica inquadratura che ricordo: una coppia che s'abbraccia dentro una vasca.

    Lascia un commento:


  • henry angel
    ha risposto
    Non saprei davvero,se non è un porno.
    Ti dice qualcosa " Les Nuit Fauves" di Cyril Collard ( non l' ho sottomano...)?

    Lascia un commento:


  • Liza
    ha risposto
    Raga cerco un film..vidi questo spezzone su "palco" molti anni fa, tipo 97.
    una coppia che faceva l amore è l unica cosa che ricordo, a un certo punto lei prende tipo un preservativo nel casetto, ci soffia dentro, glielo infila è iniziano.
    scena dopo.si svegliano , un piccolo dialogo è l ho rifanno.

    Era tipo una soffitta, questo ricordo. Ero piccolo..

    grazie.in anticipo ragazzi.

    Lascia un commento:

In esecuzione...
X