annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Montaggio

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Montaggio

    Non mi sembra ci sia una discussione simile, quindi perchè non parlare di quella fase della post produzione di un film nota come il montaggio? Spesso è quella più delicata e condizionata da molte decisioni, anche esterne, limiti di tempo imposti o riconsiderazioni del regista. Nel corso degli anni ne abbiamo visti di eccezionali e di pessimi. Quali vi hanno colpito di più? Quale vi hanno fatto star male? Siete in grado di giudicare un montaggio da un altro? Per fare un esempio ho trovato grossolano il montaggio di certe sequenze di Quantum of solace, in particolare all'incontro con Giancarlo Giannini. Ma sono ignorante in materia e forse non sono in grado di giudicare, quindi mi farebbe piacere leggere opinioni ben più autorevoli sull'argomento.

  • #2
    Bella discussione!
    L'unica cosa che posso dire in piena sicurezza sul montaggio è che è sicuramente la cosa più difficile, PER ME, da notare e giudicare in un film.
    So che è importantissimo in quanto detta i tempi del film e che un film può essere stravolto se il montaggio viene cambiato.
    Ma a me viene solo da pensare al susseguirsi delle scene, a come vengono tagliate, sovrapposte, unite ecc. Invece è molto altro, nevvero? asd

    Se c'è un "corso di cinema" che seguirei molto volentieri, comunque, sarebbe proprio un corso sul montaggio, ma anche solo per capire come funziona!

    Commenta


    • #3
      Anch'io spesso mi sono posto questioni in merito, soprattutto in merito ai gradi di libertà del montatore, rispetto al testo della sceneggiatura e al girato effettivo.
      Capisco poco in merito, ma impazzisco per il montaggio dei film di Nolan (The prestige e TDK soprattutto) e per quello dei film della Nouvelle vague.

      Commenta


      • #4
        L'unica cosa che so per certo del montaggio è che in un film è la caratteristica che riesco a giudicare con maggiore difficoltà, anzi praticamente sono ignorante. ;D

        EDIT: è la stessa cosa che ha detto Edo.Raven
        Welles non sarebbe Welles, se tutti potessero essere Welles

        Commenta


        • #5
          Mi aggiungo anche io ai confusi. Nel senso, capisco cos'è il montaggio e in linea generale so giudicarlo ma qualcuno qui ha parlato dei film di Nolan, nei quali (secondo me) c'è un po' di confusione. Prendiamo l'esempio di Memento. La genialità di quel film sta nel montaggio? Io sinceramente penso di no perché l'ordine delle scene e il modo di gestire la storia è qualcosa che era già stato stabilito in fase di sceneggiatura (quindi in pre-produzione). Correggetemi se sbaglio.
          Infatti, quell'anno l'Oscar per il montaggio è andato a Chicago che, effettivamente, ha un montaggio pauroso. E' un film dal ritmo serrato tanto che quando ho finito di vederlo mi è sembrato di aver ascoltato un'unica canzone lunga due ore, piuttosto che un'insieme di scene appiccicate insieme.

          Commenta


          • #6
            Il montaggio è quella cosa che meglio la fai e meno si vede...

            Commenta


            • #7
              Se qualcuno vuole avere un'idea di un montaggio fatto a regola d'arte, si guardi il Triello finale da Il Buono, il Brutto e il Cattivo di Sergio Leone.

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da FelixFelicis
                Mi aggiungo anche io ai confusi. Nel senso, capisco cos'è il montaggio e in linea generale so giudicarlo ma qualcuno qui ha parlato dei film di Nolan, nei quali (secondo me) c'è un po' di confusione. Prendiamo l'esempio di Memento. La genialità di quel film sta nel montaggio? Io sinceramente penso di no perché l'ordine delle scene e il modo di gestire la storia è qualcosa che era già stato stabilito in fase di sceneggiatura (quindi in pre-produzione). Correggetemi se sbaglio.
                Infatti, quell'anno l'Oscar per il montaggio è andato a Chicago che, effettivamente, ha un montaggio pauroso. E' un film dal ritmo serrato tanto che quando ho finito di vederlo mi è sembrato di aver ascoltato un'unica canzone lunga due ore, piuttosto che un'insieme di scene appiccicate insieme.
                Ecco, hai tirato fuori una cosa interessante! Anche secondo me il punto di forza di quel film, ciò che lo rende unico e geniale, è la sceneggiatura. E' in questi casi che io mi chiedo quanto, alla fine, abbia inciso il montaggio. Si tratta banalmente del susseguirsi delle scene, del modo in cui sono tagliate? Sicuramente no. Il montaggio definisce anche i tempi, e quando parli di Chicago per me intendi proprio quello: i tempi delle scene (e delle parti cantate) sono gestiti talmente bene che il film scorre molto velocemente, senza intoppi. Dico bene?

                Mi ricordo poi che Colin in un articolo (sugli Oscar mi pare) aveva parlato del probabile/giusto Oscar al montaggio del terzo capitolo della saga di Bourne perché era un "saggio di montaggio". Qualcuno mi può spiegare perché? Magari non siete neanche d'accordo ;D Dal mio solito punto di vista poco esperto Colin si riferiva soprattutto alle numerose scene d'azione, girate molto bene, con chiarezza e in modo fluido.

                Originariamente inviato da Marv
                Il montaggio è quella cosa che meglio la fai e meno si vede...
                Aaaah chiaro 8) :seseh:
                E se in un film il montaggio è appositamente vistoso? Che so: salta velocemente da un personaggio all'altro, o da un luogo all'altro, apposta per farti notare lo "split". Ce ne sono diversi di film che utilizzano questa tecnica, anzi è sicuramente più usata oggi che nel passato. Potrebbe quindi essere un montaggio molto riuscito, ma tutt'altro che "nascosto"?

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da Marv
                  Il montaggio è quella cosa che meglio la fai e meno si vede...
                  Ma, chiedo visto che sono ignorante anch'io, è una regola che non ha valore universale, o sbaglio? Ad esempio, quando Alex ascolta il Ludovico Van in camera sua e il montaggio stacca molto velocemente sulle diverse angolazioni da cui è ripreso il Cristo, be', lì me ne accorgo che c'è, eccome, ma quella scena mi è sembrata anche perfetta per come è montata e per come scandisce il ritmo della musica.

                  Commenta


                  • #10
                    Aaaah chiaro Fico :seseh:
                    E se in un film il montaggio è appositamente vistoso? Che so: salta velocemente da un personaggio all'altro, o da un luogo all'altro, apposta per farti notare lo "split". Ce ne sono diversi di film che utilizzano questa tecnica, anzi è sicuramente più usata oggi che nel passato. Potrebbe quindi essere un montaggio molto riuscito, ma tutt'altro che "nascosto"?
                    Anche in quel caso si seguono degli schemi ben precisi e una grammatica corretta... altrimenti il risultato sarebbe comunque sbagliato e persino brutto da vedere. Il montaggio fatto bene non è questione di quante inquadrature metti, come fai gli stacchi ecc. quello è un aspetto che appartiene allo stile e al ritmo che si vuole imprimere all'opera. Il montaggio è la parte più difficile, ma è anche quella in grado di salvare o affosare il risultato finale... è più importante di qualsiasi altro aspetto di un film, sceneggiatura compresa.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Edo.Raven
                      Originariamente inviato da FelixFelicis
                      Mi aggiungo anche io ai confusi. Nel senso, capisco cos'è il montaggio e in linea generale so giudicarlo ma qualcuno qui ha parlato dei film di Nolan, nei quali (secondo me) c'è un po' di confusione. Prendiamo l'esempio di Memento. La genialità di quel film sta nel montaggio? Io sinceramente penso di no perché l'ordine delle scene e il modo di gestire la storia è qualcosa che era già stato stabilito in fase di sceneggiatura (quindi in pre-produzione). Correggetemi se sbaglio.
                      Infatti, quell'anno l'Oscar per il montaggio è andato a Chicago che, effettivamente, ha un montaggio pauroso. E' un film dal ritmo serrato tanto che quando ho finito di vederlo mi è sembrato di aver ascoltato un'unica canzone lunga due ore, piuttosto che un'insieme di scene appiccicate insieme.
                      Ecco, hai tirato fuori una cosa interessante! Anche secondo me il punto di forza di quel film, ciò che lo rende unico e geniale, è la sceneggiatura. E' in questi casi che io mi chiedo quanto, alla fine, abbia inciso il montaggio. Si tratta banalmente del susseguirsi delle scene, del modo in cui sono tagliate? Sicuramente no. Il montaggio definisce anche i tempi, e quando parli di Chicago per me intendi proprio quello: i tempi delle scene (e delle parti cantate) sono gestiti talmente bene che il film scorre molto velocemente, senza intoppi. Dico bene?

                      Mi ricordo poi che Colin in un articolo (sugli Oscar mi pare) aveva parlato del probabile/giusto Oscar al montaggio del terzo capitolo della saga di Bourne perché era un "saggio di montaggio". Qualcuno mi può spiegare perché? Magari non siete neanche d'accordo ;D Dal mio solito punto di vista poco esperto Colin si riferiva soprattutto alle numerose scene d'azione, girate molto bene, con chiarezza e in modo fluido.
                      Sì, secondo me è proprio così. Il montaggio di Memento sarà pure buono (sinceramente non lo ricordo!) però non ha niente a che fare con l'ordine delle scene e con la scelta di presentare gli eventi in un certo modo. Quello è tutto merito della sceneggiatura.
                      Per quanto riguarda Chicago intendevo proprio quello. Il film ha un ritmo davvero sensazionale che non accenna mai a rallentare.

                      Su Bourne invece non so che dire, non ho visto il film, però quando parli delle scene d'azione mi viene da storcere il naso perché credo che siano merito della regia. Prendiamo i combattimenti di Hellboy 2: in tutto il film si evita il montaggio frenetico tipico dei combattimenti e si preferisce sfruttare le coreografie e gli effetti speciali, dando vita a scene "lente/statiche" ma assolutamente spettacolari da vedere e, soprattutto, chiare.

                      Un campanello d'allarme, comunque, è spesso la colonna sonora, che in alcuni casi è ottima da ascoltare ma nel film neanche si nota, mentre in altri è estremamente valorizzata. Citerei anche i rallenty, ma per esempio se si pensa a Snyder è indubbio che la regia influisca anche su quelli e che quindi il merito sia (a volte) di quest'ultima.

                      Commenta


                      • #12
                        Ma guardate che il montaggio segue sempre la sceneggiatura... non è che capiti che la stravolga.

                        Commenta


                        • #13
                          Appunto dico che portare Memento come esempio è estremamente fuorviante.

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da FelixFelicis
                            Appunto dico che portare Memento come esempio è estremamente fuorviante.
                            Infatti!! Continuate a non aiutare noi "ignorantoni" xD

                            E comunque (a qualcuno farà orrore ciò) riporto la definizione di wikipedia:

                            Il montaggio è la principale fase della cosiddetta post-produzione di un filmato, durante la quale il materiale disponibile è visionato, analizzato e ricomposto in base ad esigenze narrative, strutturali, ritmiche ed espressive. La "composizione" avviene attraverso tagli e unioni per mezzo di attrezzature meccaniche (come la moviola) o informatiche (workstation o software di montaggio). In particolare nel cinema, per montaggio si intende il cosiddetto "montaggio scena", in cui si dispongono le singole inquadrature nell'ordine narrativo previsto dalla sceneggiatura; il "montaggio scena" è seguito dal montaggio del suono, che si occupa della rielaborazione dell'audio, nelle sue diverse tracce. Fase preliminare del montaggio è la sincronizzazione, ovvero l'accoppiamento delle immagini ai rispettivi suoni, registrati separatamente in fase di ripresa.
                            Nella parte in grassetto è tirato giustamente fuori anche il suono, che però (agli Oscar) ha due categorie per sè, separate dal montaggio (cosa che non ho mai ben capito: che bisogno c'è di DUE categorie per il suono? Tanto valeva mantenere le candidature minori "miglior soggetto" o "miglior commedia". Ma va beh...).


                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da Edo.Raven
                              Originariamente inviato da FelixFelicis
                              Appunto dico che portare Memento come esempio è estremamente fuorviante.
                              Infatti!! Continuate a non aiutare noi "ignorantoni" xD
                              Di preciso cos'è che vorresti capire meglio?

                              Commenta

                              In esecuzione...
                              X