annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il cinema italiano di oggi: pregi e difetti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Persona dagli evidenti squilibri psichiatrici.

    Commenta


    • A quanto ho capito pare stia bloccando gente dal suo profilo: è partito con i ban!! Qualcuno gli riposta gli screenshot di blocco. Poveri noi!

      Commenta


      • Originariamente inviato da - Rasputin - Visualizza il messaggio

        aggiungiamo anche la nuova morale forcaiola di sinistra da twitter, quella da caccia alla streghe, insomma destra, centro e sinistra hanno una grande voglia di censurare e togliere delle libertà
        Ma non ti viene il sospetto che qualunque "morale" (ti cito) che (tu) proclamassi verrebbe impallinnata comunque e senza meno dai sedicenti uomini di mondo a cui piace proclamarsi adulti ed avveduti?

        Poi rimane il fatto che per denigrare con sicurezza qualcuno su qualsivoglia argomento gli dai del "provinciale": non è prodromico di razzismo?Ed infine ci si potrebbe interrogare se "il popolo" non è che una definizione ingentilita di "le masse", mantenendo una generica connotazione di dispregio; e comunque mai laica.Non sono assiduo di Twitter, ma immagino che se vanti un milione di seguaci passeresti per Influencer , se seguissi mille influencer probabilmente passeresti per un perdigiorno imbesuito da/su internet.
        "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

        Commenta


        • Originariamente inviato da - Rasputin - Visualizza il messaggio

          aggiungiamo anche la nuova morale forcaiola di sinistra da twitter, quella da caccia alla streghe, insomma destra, centro e sinistra hanno una grande voglia di censurare e togliere delle libertà
          Che spesso è istigata da troll (spesso di segno opposto), non nei casi di gentaglia come JK Rowling a cui è stato dato il beneficio del dubbio per mesi e a volte anche anni (ricordo sul corsera quando ero al liceo c'era un saggio sulla Rowling che traeva conclusioni sulla sua visione del mondo che col senno di poi si sono rivelate profetiche) ma ho visto diversi casi di folle che sono andati contro a creatori di sinistra (perlopiù LGBTQ, seguendo un po' l'animazione ho visto attacchi assurdi ai danni sia di Rebecca Sugar che di Noelle Stevenson) visibilmente istigate da troll che sono andati a tirare fuori interpretazioni assurde di frasi smozzicate sui social o per andare sul famoso pensiamo al caso James Gunn che è stato accusato di pedofilia per aver fatto battute sui preti pedofili anni fa da uno che se ricordo bene è stato nei guai con la legge per essere andato con le minorenni.
          Penso che il forcaliolismo genuino sia in parte ispirato dalla paranoia che escano fuori i Joss Whedon di turno, mentre adesso essenzialmente la destra ha abbracciato la sua natura di cattivi da cartone animato coi Trump a cui vengono mosse accuse credibli e talvolta pure provate orripilanti ma tutto bene perché è il "caro leader" e quindi può tutto. Inoltre nella sinistra c'è molta meno predisposizione al culto della personalità e molta più volontà di mettere figure di spicco in discussione e la cosa è sfruttata da chi cerca il minuto di notorietà sui social e sulla stampa.
          Ultima modifica di Det. Bullock; 04 aprile 21, 19:31.
          "Compatisco quelle povere ombre confinate in quella prigione euclidea che è la sanità mentale." - Grant Morrison
          "People assume that time is a strict progression of cause to effect, but *actually* from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more like a big ball of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

          Commenta


          • Sulla questione giovani generazioni più radicalizzate/conservatrici delle precedenti, cinematograficamente parlando si potrebbe citare Hanif Kureishi ;-). .

            Un punto è capire quanto di tuo devi mettere in una discussione per appassionarti al soggetto della stessa. Un esempio calzante d'attualità è Walter Biot, con la parola "magica" Segreti. Gli operatori dei media non sono in controllo di questi "segreti", non li conoscono al pari di un impiegato delle poste di Offanengo dunque non potrebbero innescare la sperequazione che giustifica un loro (per altro già ampiamente autoreferenziale )status di opinionisti di riferimento. Non potendo aggirare questo handicap nemmeno intervistando qualche Ammiraglio / pezzo grosso della Marina militare , l'altra via diventa quella classica della volpe e dell'uva, ossia ridimensionare l'accaduto, togliergli importanza. Ecco che così Biot passerà per uno spione da quattro soldi , un "mariuolo" meno scaltro di "come si vedono nei film " (sic!); magari una pedina sacrificabile a disegni strategici che vivaddìo l'opinionisti de' noantri hanno provvidenzialmente sgamato , e comunque un piccolo tassello in una Storia italo-russa che i solerti beninformati potrebbero percorrere a ritroso fino all'homo georgicus. La difesa legale di Biot ringrazia sentitamente.
            "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

            Commenta


            • Abolita la censura cinematografica in Italia.

              Commenta


              • Originariamente inviato da Darkrain Visualizza il messaggio
                Abolita la censura cinematografica in Italia.
                Mentre la patente di "Artista", intoccabile dunque per definizione, continueranno a darla chi (?) ha già trasformato avere opinioni in lavoro stabile ("Opinionista") ed "autorevole"?

                Di nuovo il medium è il messaggio : un film(ato) con mezz'ora di p*****i [QUI CENSURA!] capiremo che è Arte poiché lo danno a Cannes invece che caricato su Pornhub da bernarda89 ? Oppure finirà, per non far torto a nessuno che tutti i video del sito assumeranno dignità Artistica, sempre con la scusa che il porno lo frequentiamo a milioni (?). Se trovo, con me, milioni di persone che acquisterebbero la casa di Fedez/Ferragni per 10€ , poi loro ce la vendono poiché siamo milioni e lo desideriamo? E non verrà certo abolita quella "stranezza" di pagare vuna marea di soldi al Direttore Artistico del Festival di Sanremo per selezionare le canzonette che poi , a detta di loro stessi "canticchieremo-tutti-sotto-la-doccia". Dato che anch'io sono "tutti" e mi lavo...Potrei selezionare gratis e anche Fedez, così passerei per intenditore di Artisti Musicali/Multimediali e farei risparmiare un botto di soldi ! Im-modestamente a questo punto un Ambrogino d'Oro ci potrebbe scappare per me, neh Franceschini.

                "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                Commenta


                • Full trailer.
                  Lei è una bona atomica e già si sapeva, lui è di un brutto inenarrabile. Ma dove l' hanno trovato.

                  Commenta


                  • lei è molto carina ma non è certamente una strafiga, lui lo hanno preso per la vaga somiglianza a pattinson

                    Commenta


                    • L' hai vista in Loro? Sorrentino buongustaio.



                      Trailer indistinguibile da un qualsiasi teen drama americano, lascio a voi decidere se è un bene o un male.

                      Commenta


                      • no, ho dato un giudizio parziale basandomi sul trailer

                        Commenta


                        • Stasera da come ho letto, ci dovrebbe essere Matteo Garrone ospite da Fazio a CTCF,magari ci dice anche su eventuali prossimi progetti in cantiere.

                          Commenta


                          • Altra intervista frizzantina di Pietro Castellitto
                            [...]
                            «Se non scherzi più, il tuo percorso è stato sacrificato alle consuetudini e al perbenismo dominante. Negli Anni ‘20 Al Capone faceva soldi gestendo alcol e droga, oggi li fai perpetuando il bene. Penso ai milioni incassati dagli studi legali attraverso il monumento all’ipocrisia del Me Too, battaglia sacrosanta, ma se Kevin Spacey mi mette la mano sulla coscia gliela sposto, non gli rovino la vita chiedendo pure soldi; io vedo la volontà di potenza che sfrutta questa crociata morale per ingrassarsi, sto parlando come amante di Nietzsche, che studiai a Filosofia. Ho anche compiuto un viaggio in Germania sulle sue tracce, ho dormito nella casa museo dove ha ideato Zarathustra…».

                            L’annosa questione dell’«essere figlio di»?

                            «E’ un problema che hanno sempre avuto gli altri, poi l’hanno fatto venire a me, un senso di oppressione per cui non sono visto come Pietro qualunque cosa faccia. Questo mi ha spinto a bruciare le tappe, ad avere una voce mia, che dipende anche dalla genetica, dall’educazione, dai genitori e da una percentuale di imprevedibilità».

                            Chi è più presente dei suoi genitori?

                            «C’è un buon equilibrio, non facciamo calcoli, ci diciamo tutto soprattutto quando litighiamo. Non parliamo in modo preponderante di cinema e libri. Mi sono sentito amato, mai privilegiato, mi hanno sempre detto che le cose dovevo conquistarmele, che avrei avuto molti detrattori. Nessun attore vuole che il proprio figlio lo segua perché è tutto aleatorio. Una parte della libertà l’ho portata anch’io in casa, mi riferisco a una intolleranza alla prepotenza intellettuale. Ho detto cose di sinistra in ambienti di destra e viceversa, anche se è più difficile dire cose di destra in ambienti di sinistra».

                            Parla come suo padre...

                            «Nietzsche in un aforisma dice che ognuno di noi è il segreto di nostro padre. Il conformismo del cinema? Ci si odia molto ma non esce mai, neanche nei film, la maggior parte (per inerzia e pigrizia), non sono portatori di un pensiero. Il presupposto è di cavalcare la morale dominante. Una volta gli artisti erano fuorilegge, oggi siamo invasi da damerini che copiano l’America, pulendosi la coscienza autocriticandosi».

                            Nei «Predatori» assistiamo a uno scontro…

                            «Tra borghesia illuminata e nostalgici. E’ una critica mascherata alla nostra epoca. Mi chiedo per quale motivo continuiamo a prendercela coi ragazzi che fanno il saluto romano e non siamo riusciti a creare nuovi simboli. Così, criticando, campiamo di rendita, è questa la vera decadenza. Ed è una forte contraddizione che, a costo di farci qualche nemico o sembrare pazzi, dovremmo dire».
                            [...]

                            Commenta


                            • Mamma santa che strazio quel trailer.
                              Mi vengono in mente le parole di Dacia Maraini sulla letteratura italiana odierna, sulla generazione di nuovi scrittori che ha letto solo Stephen King e Grisham (chiarisco che lei non cita questi nomi) e non hanno mai sfiorato i Pavese, i Moravia, le Morante e gli Ammaniti, e poi vogliono diventare scrittori (si presume scrivendo in italiano) senza aver alcun rapporto con le radici letterarie italiane.
                              Qua uguale vedo uno cresciuto solo a pane e wes craven, peccato che devi girare film in italia. E meno male che si chiama De sica. Tutta sta generazione degli anni 80 che vuole girare film in italia e ha visto più film di Zemeckis che di Scola.

                              Commenta


                              • @ pietro castellitto


                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X