annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il cinema italiano di oggi: pregi e difetti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Martin Scortese Visualizza il messaggio

    Si avevo posto io il quesito. Io ho l'impressione che, semmai dovesse succedere, più che da quel contesto lì potrebbe uscire da un Lol di Prime video et similia, mi sembrano più trasversali anagraficamente a livello di gradimento.
    Col successo che hanno avuto nella prima serie non vedo perché togliere Fedez. O dici come concorrenti? in quel caso lo vedo molto improbabile.

    Commenta


    • Originariamente inviato da SebastianWilder Visualizza il messaggio

      Col successo che hanno avuto nella prima serie non vedo perché togliere Fedez. O dici come concorrenti? in quel caso lo vedo molto improbabile.
      Secondo me invece proprio dai concorrenti, in fondo sono tutti comici

      Commenta


      • Originariamente inviato da SebastianWilder Visualizza il messaggio

        il video di zalone è un mega successo su youtube, fa bene a farlo
        quello è un film che fa miliardi al box office e lei è un attrice, poi è zelone, mica chaplin o jerry lewis

        Commenta


        • La Mirren vive in Pugia da anni e non si è mai tirata indietro quando si è trattato di prestare il suo volto a quei territori.
          E poi sempre meglio Zalone che questo:


          Commenta


          • Ma perché non deve fare un video con Zalone? Un video se non un film con Ben Stiller o Adam Sandler non lo poteva fare?: Quale sarebbe la differenza, che quelli sono americani?. Beh allora

            Commenta


            • Ho visto che vi siete fiondati in preda all'irrefrenabile desiderio di poter finalmente mettere le mani sulla nuova fatica di Andrea De Sica.

              IMG_20210501_224109.jpg


              No? Beh ci ho pensato io.
              Dunque è un film che è stato pubblicizzato come il Twilight italiano uscito fuori tempo massimo. Il genere emo che torna al cinema, prima era dark o gothic, nei primi anni 2000 veniva definito emo. In realtà la classificazione è errata, il film di De Sica non guarda ai vampiri della Meyer, ma bensì il riferimento è più Lasciami Entrare, film del 2008 di Tomas Alfredson.
              La prima parte è stranamente buona, quasi atipica per il nostro cinema attuale, come ho scritto ricerca un'impostazione più in sintonia col cinema horror d'autore che quella dell'horror glamour young adult. Buona l'atmosfera funerea, buona anche la recitazione di Alice Pagani che muore, torna in vita, sfonda la bara a calci e brancola confusa per le strade di una Roma notturna ansimando con questo mezzo respiro tubercolotico che si strozza.
              Mirta ha fame di vita, non vuole lasciare il suo mondo, la sua giovinezza, i suoi genitori, e quindi si nutre della vita altrui per rimanere in salute e non andare in putrefazione, e la preda perfetta per sopperire questa fame chi è se non dei depravati abusatori di giovani donne ? C'è anche la favola nera femminista, e non stona.
              Poi improvvisamente il film però cambia, la narrazione introduce la solita setta che da la caccia ai protagonisti (il cattivo macchietta uscito da un film di supereroi) e si assesta su un format più commerciale perdendo in credibilità e serietà. I personaggi cominciano a parlare sempre di più, e questo è un male, perché i dialoghi sono pessimi, l'azione è gestita da una mano che non ha idea di come metterla in scena, la narrazione devia in situazioni che evolvono nel trash puro e il film si sbilancia fino a perdersi definitivamente. Ma nonostante questo non manca di rilanciare incoscientemente ad un ben poco auspicabile sequel.
              Un pò dispiace, perché si perdono alcune prime idee con del potenziale, c'è un buon uso del make-up casereccio molto anni '70, sa essere anche piuttosto gore con giugulari strappate a morsi, De Sica visivamente ha qualcosa da dire (a tratti), ma non è bravo nel dirigere il cast che fa da contorno alla protagonista (Silvia Calderoni è l'unico volto degno di considerazione, gli altri appaiono tutti come dei cani della peggio specie) ed è veramente scarso nella scrittura (o incapace di scegliere a chi affidarsi per la sua stesura).
              Alice Pagani regge discretamente il personaggio di Mirta, per gli spasimanti sottolineo che si concede alla camera in almeno due nudi, Rocco Fasano si rivela essere come intuito solo una strategia pubblicitaria per le evidenti affinità con Pattinson perché diversamente da come ci hanno fatto credere non divide la scena con lei ma è presente sullo schermo per massimo dieci minuti, e tutto lo screentime lo impiega per limonare o ciulare con Mirta come un assatanato (mica scemo). Poco male, la storia d'amore tra i due ha davvero poco fascino.
              De Sica è chiaramente rimasto folgorato dalla scena del martello nel corridoio di Old Boy, ma far menare Mirta con una spranga venti uomini diciamo che non è un'idea/omaggio vincente.
              Continuate a tenervi comodamente alla larga.


              IMG_20210501_235632.jpg
              ​​​​
              Silvia Calderoni e il buon utilizzo del make-up.
              Ultima modifica di MrCarrey; 02 maggio 21, 02:50.

              Commenta


              • Originariamente inviato da SebastianWilder Visualizza il messaggio
                Ma perché non deve fare un video con Zalone? Un video se non un film con Ben Stiller o Adam Sandler non lo poteva fare?: Quale sarebbe la differenza, che quelli sono americani?. Beh allora
                è un ridimensionamento, una scelta verso il basso, come fare un film con virzi, forse la prossima è fare un film con pieraccioni

                Commenta


                • Cioè è ( sarebbe...) un ridimensionamento per lei che è già Vip, ma comunque grasso che cola per gli impiegati delle poste di Offanengo? E se questi ultimi la snobbassero su Internet li plaudiresti come nuovi anticonformisti o come i "soliti " haters frustrati ed invidiosi?
                  "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da - Rasputin - Visualizza il messaggio
                    è un ridimensionamento, una scelta verso il basso, come fare un film con virzi, forse la prossima è fare un film con pieraccioni

                    Se vabé fare un film con Paolo virzi una scelta verso il basso. Fast and furious 39 no perché fa i soldi.
                    Ok

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da MrCarrey Visualizza il messaggio
                      Ho visto che vi siete fiondati in preda all'irrefrenabile desiderio di poter finalmente mettere le mani sulla nuova fatica di Andrea De Sica.

                      IMG_20210501_224109.jpg


                      No? Beh ci ho pensato io.
                      Dunque è un film che è stato pubblicizzato come il Twilight italiano uscito fuori tempo massimo. Il genere emo che torna al cinema, prima era dark o gothic, nei primi anni 2000 veniva definito emo. In realtà la classificazione è errata, il film di De Sica non guarda ai vampiri della Meyer, ma bensì il riferimento è più Lasciami Entrare, film del 2008 di Tomas Alfredson.
                      La prima parte è stranamente buona, quasi atipica per il nostro cinema attuale, come ho scritto ricerca un'impostazione più in sintonia col cinema horror d'autore che quella dell'horror glamour young adult. Buona l'atmosfera funerea, buona anche la recitazione di Alice Pagani che muore, torna in vita, sfonda la bara a calci e brancola confusa per le strade di una Roma notturna ansimando con questo mezzo respiro tubercolotico che si strozza.
                      Mirta ha fame di vita, non vuole lasciare il suo mondo, la sua giovinezza, i suoi genitori, e quindi si nutre della vita altrui per rimanere in salute e non andare in putrefazione, e la preda perfetta per sopperire questa fame chi è se non dei depravati abusatori di giovani donne ? C'è anche la favola nera femminista, e non stona.
                      Poi improvvisamente il film però cambia, la narrazione introduce la solita setta che da la caccia ai protagonisti (il cattivo macchietta uscito da un film di supereroi) e si assesta su un format più commerciale perdendo in credibilità e serietà. I personaggi cominciano a parlare sempre di più, e questo è un male, perché i dialoghi sono pessimi, l'azione è gestita da una mano che non ha idea di come metterla in scena, la narrazione devia in situazioni che evolvono nel trash puro e il film si sbilancia fino a perdersi definitivamente. Ma nonostante questo non manca di rilanciare incoscientemente ad un ben poco auspicabile sequel.
                      Un pò dispiace, perché si perdono alcune prime idee con del potenziale, c'è un buon uso del make-up casereccio molto anni '70, sa essere anche piuttosto gore con giugulari strappate a morsi, De Sica visivamente ha qualcosa da dire (a tratti), ma non è bravo nel dirigere il cast che fa da contorno alla protagonista (Silvia Calderoni è l'unico volto degno di considerazione, gli altri appaiono tutti come dei cani della peggio specie) ed è veramente scarso nella scrittura (o incapace di scegliere a chi affidarsi per la sua stesura).
                      Alice Pagani regge discretamente il personaggio di Mirta, per gli spasimanti sottolineo che si concede alla camera in almeno due nudi, Rocco Fasano si rivela essere come intuito solo una strategia pubblicitaria per le evidenti affinità con Pattinson perché diversamente da come ci hanno fatto credere non divide la scena con lei ma è presente sullo schermo per massimo dieci minuti, e tutto lo screentime lo impiega per limonare o ciulare con Mirta come un assatanato (mica scemo). Poco male, la storia d'amore tra i due ha davvero poco fascino.
                      De Sica è chiaramente rimasto folgorato dalla scena del martello nel corridoio di Old Boy, ma far menare Mirta con una spranga venti uomini diciamo che non è un'idea/omaggio vincente.
                      Continuate a tenervi comodamente alla larga.


                      IMG_20210501_235632.jpg
                      ​​​​
                      Silvia Calderoni e il buon utilizzo del make-up.
                      Hai pagato per vederlo?

                      Commenta


                      • Io avrei potuto anche affermare "mi è piaciuto" se non fosse per l'incommensurabile faccia da caxxo del protagonista maschile, oltre al fatto che sono decisamente fuori target. Ma visivamente De Sica conferma quanto di buono aveva mostrato nel primo film, ma soprattutto c'è sangue e sesso, ossia tutto quello che mancava ipocritamente in Twilight, per quel che rammento quando lo davano in tv. Tra l'altro anche Pattinson e Stewart recitavano malissimo, qui almeno Alice Pagani e la Calderoni sono ben sopra la sufficienza. Sarà che mi aspettavo il peggio, ma non è così male, anzi è meglio di quello che dovrebbe essere il suo modello di riferimento (non che poi ci volesse molto...). La vera nota dolente è che una roba del genere nei tempi d'oro sarebbe uscito un anno dopo Twilight, o addirittura prima per batterlo sul tempo come si faceva all'epoca, adesso esce 10 anni dopo ed è (forse) fuori tempo massimo

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da SebastianWilder Visualizza il messaggio
                          Anna, la serie tv scritta e diretta da Ammaniti non la sta seguendo nessuno?. Sono usciti già tutti gli episodi. Ho visto il primo ed è interessante, anche se come scrive Niola Ammaniti regista pare sempre un passo indietro a quello sceneggiatore - scrittore, che non c'è bisogno di sottolineare essere di grande livello.
                          Io ho visto le prime tre, effettivamente ci sono diversi momenti in cui la realizzazione non è esattamente all'altezza dell'idea o comunque non riesce a restituirne il pieno potenziale, inoltre gli attori (che per essere giovani neanche recitano malissimo) sono in genere poco carismatici e contribuiscono ad affossare alcune scene, però ci sono anche momenti azzeccati e atmosfere suggestive, soprattutto per una serie italiana. Insomma fa piacere che ogni tanto si cerchino di raccontare storie che non ruotino intorno alla criminalità organizzata, nel panorama dell'intrattenimento "di qualità". Mi stupisce però il poco buzz che si è creato intorno a questa serie, può aver contribuito l'elemento troppo scabroso del virus in questo periodo storico? Se fosse uscita su Netflix credo sarebbe stata pubblicizzata molto di più, anche perché quelle vibes da "Il Signore delle Mosche incontra The Last of Us" possono far presa facilmente.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
                            Io ho visto le prime tre, effettivamente ci sono diversi momenti in cui la realizzazione non è esattamente all'altezza dell'idea o comunque non riesce a restituirne il pieno potenziale, inoltre gli attori (che per essere giovani neanche recitano malissimo) sono in genere poco carismatici e contribuiscono ad affossare alcune scene, però ci sono anche momenti azzeccati e atmosfere suggestive, soprattutto per una serie italiana. Insomma fa piacere che ogni tanto si cerchino di raccontare storie che non ruotino intorno alla criminalità organizzata, nel panorama dell'intrattenimento "di qualità". Mi stupisce però il poco buzz che si è creato intorno a questa serie, può aver contribuito l'elemento troppo scabroso del virus in questo periodo storico? Se fosse uscita su Netflix credo sarebbe stata pubblicizzata molto di più, anche perché quelle vibes da "Il Signore delle Mosche incontra The Last of Us" possono far presa facilmente.
                            Sky mi pare sia molto debole nella promozione, tutte le serie che producono (anche quelle coprodotte con l'estero) non hanno avuto molto presa.
                            Probabilmente il pubblico interessato alle serie tv è concentrato su altri servizi e cerca altrove.
                            Va detto che io trovo app e servizi tecnologici collegati molto scadenti, rispetto a netflix e disney plus come app sono molto indietro.
                            La questione tecnlogica, il lay out , la reperibilità sono cose importanti. Per dire è solo da un paio di mesi mi pare che puoi scaricare la app di now tv su una stick amazon fire (che funzionano bene). Prima ti dovevi comprare solo la loro stick, che funzionava di merda.
                            Devono capire che ste cose sono importanti non dico quanto i contenuti che poi offri ma quasi.

                            Per dire una cretinata. Se seguo una serie su now tv puntualmente se metto 2 giorni dopo l'episodio mi ricomincia daccapo e devo andare a cercare il punto dove ero arrivato, così come nei film.
                            Netflix mai dato problemi del genere. Pure ricominci a guardare una cosa dopo 2 anni ti riparte dallo stesso punto.
                            Ultima modifica di SebastianWilder; 02 maggio 21, 12:49.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da SebastianWilder Visualizza il messaggio

                              Sky mi pare sia molto debole nella promozione, tutte le serie che producono (anche quelle coprodotte con l'estero) non hanno avuto molto presa.
                              Probabilmente il pubblico interessato alle serie tv è concentrato su altri servizi e cerca altrove.
                              Va detto che io trovo app e servizi tecnologici collegati molto scadenti, rispetto a netflix e disney plus come app sono molto indietro.
                              La questione tecnlogica, il lay out , la reperibilità sono cose importanti. Per dire è solo da un paio di mesi mi pare che puoi scaricare la app di now tv su una stick amazon fire (che funzionano bene). Prima ti dovevi comprare solo la loro stick, che funzionava di merda.
                              Devono capire che ste cose sono importanti non dico quanto i contenuti che poi offri ma quasi.

                              Per dire una cretinata. Se seguo una serie su now tv puntualmente se metto 2 giorni dopo l'episodio mi ricomincia daccapo e devo andare a cercare il punto dove ero arrivato, così come nei film.
                              Netflix mai dato problemi del genere. Pure ricominci a guardare una cosa dopo 2 anni ti riparte dallo stesso punto.
                              A casa abbiamo ancora il decoder con Sky On Demand quindi tutte queste cose su NowTv o sull'app non le sapevo, ma mi riferivo più alla promozione "interna", proprio sulla piattaforma. Non ho avuto la sensazione che sia stata spinta e promossa come altre loro serie originali (ma potrei anche sbagliarmi)

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio

                                Hai pagato per vederlo?
                                No, mai!

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X