annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il cinema italiano di oggi: pregi e difetti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
    Alle 14:00 esce il video di Colapesce e Dimartino feat Ornella Vanoni diretto da Guadagnino.

    Niente di che alla fine

    Commenta


    • Canzoncina ina ina ina e video insignificante.

      Commenta


      • Il video non è male. Era prevedibile che fosse una cosa simile e che per assoldare il regista avessero esaurito tutto il budget possibile.
        La canzone come quella di Sanremo. La solita fotocopia blanda del battiato pop più popolare.
        Però il testo è abbastanza divertente.
        Ultima modifica di Sebastian Wilder; 03 luglio 21, 17:18.

        Commenta


        • Divertente ma anche la parodia di sé stessa, sembra un siparietto di Virginia Raffaele che imita Ornella Vanoni.
          Sul video c' era da aspettarselo anche Garrone e Sorrentino quando vengono chiamati a girare pubblicità fanno il minimo indispensabile se non proprio cacare.
          Ultima modifica di mr.fred; 03 luglio 21, 18:15.

          Commenta


          • La canzone è nata da un siparietto comico che hanno portato a Propaganda Live su La7. Alla fine ci hanno ricamato sopra e hanno rilasciato la versione estesa. Mi stanno simpatici comunque.
            Mi riferivo all'apporto della regia di Guadagnino, come ha detto Fred è quasi nullo, il minimo sindacale.

            Per dire, restando sul fronte nuovi singoli di artisti del nostro paese trovo decisamente più ispirata rispetto a Guadagnino la regia di questo, curata da un certo Francesco Calabrese. Specialmente la transizione al min 2.30.

            Commenta


            • Nel video della vanoni si vede la mano di un regista più talentuoso.
              Se la location e il video del concept erano quelli e è non prevedevano grandi effetti tecnici non è che si potevano mettere a caso.
              Il video è girato benissimo, però se prendi guadagnino e sei di Martino e colapesce penso che già sei andato pure fuori budget, devi fare per forza una cosa molto essenziale

              Commenta


              • Quindi è proprio un siparietto comico come avevo immaginato.
                Imho la Vanoni meritava di meglio, è un' artista che mi emoziona sempre ma stavolta passo.

                Commenta


                • Violetta Rocks annuncia che è in pre produzione l'adattamento della sua GN "Il Migliore dei mali". Mai letta ma congratulazioni sulla fiducia, anche perché si accollerà script e regia.
                  "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                  Commenta


                  • Segnalo che il documentario sui cercatori di tartufo piemontesi prodotto da Guadagnino e battente bandiera italiana ha incassato mezzo milione di dollari in una manciata di sale americane e continua a macinare settimana dopo settimana. Distribuito negli states da Sony Pictures Classics. Scommetto che sarà un buon volano di promozione turistica per la zona.

                    Commenta


                    • Comunque ho visto alcuni film in anteprima a Taormina. la terra dei figli e occhi blu mi son piaciuti, Boys di Ferrario un po' tanto meno.

                      Commenta


                      • Questo merita attenzione.

                        Arriva da Cannes la notizia che Alice Rohrwacher, regista di Le Meraviglie e Lazzaro Felice (premiati sulla Croisette), dirigerà la sua prima serie tv: si tratta di Ci sarà una volta, ed esplorerà le storie folk italiane.



                        La serie verrà girata l’anno prossimo, il casting e gli altri dettagli sono in corso, e verrà prodotta da Wildside (una società Fremantle), la stessa casa di produzione de L’amica geniale, di cui la Rohrwacher ha diretto due episodi nella seconda stagione, e la Tempesta Film di Carlo Cresto-Dina.

                        Ci sarà una volta è basato su un soggetto di Rohrwacher scritto da lei assieme a Marco Pettenello. “La fiaba si riferisce a un tempo immaginario: se oggi sembra ci normale ambientare queste fiabe in un passato medievale, forse negli anni cinquanta il rifugio della nostra immaginazione non era il passato, ma il futuro,” ha affermato la regista. “Quindi ogni volta che i nostri narratori inizieranno a raccontare la loro fiaba, non diranno ‘c’era una volta’, ma ‘ci sarà una volta’. Per molti anni ho raccolto impressioni del mondo dei narratori che popolano le strade, le piazze e i festival dell’Italia dalla seconda metà del ventesimo secolo. Riprese, foto, storyboard, volantini con versi di canzoni, tarocchi: da tutto questo materiale mi è venuto il desiderio di creare un’antologia dei loro viaggi e delle loro storie. Da un lato esplorare il vasto mondo della fiaba italiana, e dall’altra rivivere l’esperienza della vita nelle strade dell’Italia della fine degli anni cinquanta”.
                        Dal festival di Cannes arriva la notizia che Alice Rohrwacher dirigerà la sua prima serie tv: si intitolerà Ci sarà una volta

                        Commenta


                        • Impossibile non amarlo.

                          Commenta


                          • è anche umile

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da SebastianWilder Visualizza il messaggio
                              Comunque ho visto alcuni film in anteprima a Taormina. la terra dei figli e occhi blu mi son piaciuti, Boys di Ferrario un po' tanto meno.
                              Anch'io qualche giorno fa ho visto al cinema La terra dei figli e m'è piaciuto pure a me. Come adattamento mi è sembrato buono, una prima parte molto fedele (fino ai due fratelli per intenderci) e, visto che la seconda parte era un po' strana da trasporre, ci sta abbiano scelto un epilogo un po' più classico nel rapporto fra quei tre personaggi.
                              L'ho apprezzato forse ancor più dal lato tecnico, per il bel lavoro tra costumi, fotografia, scenografie e l'uso degli ambienti naturali, con il delta padano molto azzeccato per il tipo di paesaggio lacustre. Bravi gli attori (Pierobon nei primi minuti non mi convinceva per il padre, quando avevano annunciato il cast pensavo lo facesse Mastandrea! invece non male pure lui) e infine carine le musiche di Motta, con il tema che mi è rimasto in testa, per quanto magari non originalissimo.
                              Forse sfortunata la scelta di distribuirlo in questo inizio luglio, tra post covid ed Europei, magari sarebbe stato preferibile tenerlo per l'autunno, ma immagino sarà già ben intasato.

                              Commenta


                              • Commenta

                                In esecuzione...
                                X