annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il cinema italiano di oggi: pregi e difetti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sì è su Netflix.


    Vedo che il film della Amoroso esce come evento di tre giorni il 25, 26 e 27 ottobre (da lunedì a mercoledì) esattamente come il capo d' opera Chiara Ferragni Unposted. Dal punto di vista commerciale non una brutta idea.
    Freaks Out trema.

    Commenta


    • Sarà nella settimana della critica a Venezia. Produce la Groenlandia di Rovere(sibilia, che ormai lancia un film ogni 2 mesi

      Commenta


      • Borghi e Rovere ci riprovano dopo il grande successo di Il Primo Re.
        Farà il botto anche questo?



        Vi ricordo che il Divo Alessandro non figura in un film dal lontano 2019, ebbene sì la sua ultima apparizione cinematografica è stata proprio quella. Due anni lontano dalle scene sono tanti, di questi tempi.
        Nel mentre ha fatto quel capolavoro di serie che risponde al nome di Diavoli per Sky.



        Trailer tremendo sembra una roba buona per Netflix, ma se questo è ciò che chiede il mercato mi taccio.
        Ultima modifica di mr.fred; 13 agosto 21, 11:40.

        Commenta


        • Non male il film di Filomarino, da queste parti piacerà più che oltreoceano. Anche se dagli spettatori americani leggo buoni commenti sui social.
          Il film specie nella prima parte sicuramente si ispira maggiormente al cinema spionistico anni 70 europeo, anche se non mancano influenze di Pakula, Pollack, Stone.
          Nella seconda parte irrompono più elementi da "action packed" americano, ma siamo comunque più dalle parti de il fuggitivo o frantic che alla ipercafonaggine più moderna. Un mix che mi ha convinto. L'atmosfera generale funziona molto, la Grecia scenario perfetto per questo tipo di storia, sia la campagna che la città, o comunque il regista riesce anche a renderla tale.
          Che attrice Vicky Krieps, ha un viso che per me buca proprio lo schermo pure se non fa nulla.

          P.s è la prima collaborazione tra Rai cinema e Netflix?,
          Ultima modifica di Sebastian Wilder; 13 agosto 21, 13:27.

          Commenta


          • Ah c'è anche Boyd Holbrook che potrebbe dare un assaggio di quanto vedremo in Indiana 5, ma non posso dire di più o svelo una delle (a dir vero magrissime) sorprese nel plot del film.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio
              Sarà nella settimana della critica a Venezia. Produce la Groenlandia di Rovere(sibilia, che ormai lancia un film ogni 2 mesi

              E daremo uno sguardo anche a questo.

              Ps: a una certa si vede la ragazzina de L'amica geniale.
              Luminous beings are we, not this crude matter.

              Commenta


              • Si notata anche io. Più che la ragazzina quella che ha interpretato la lilla bambina i primi 2 episodi.

                Commenta


                • Vi è piaciuta quella puzzonata? Sul serio?



                  Poiché non c' è due senza tre, oggi Groenlandia e Alessandro Borghi hanno annunciato una nuova collaborazione.
                  Nientemeno di un adattamento da Jo Nesbo. Andrà meglio de L' Uomo di Neve?
                  Dirige uno degli uomini più belli e privilegiati d' Italia e forse del mondo.



                  Commenta


                  • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                    Vi è piaciuta quella puzzonata? Sul serio?
                    Quale?
                    Luminous beings are we, not this crude matter.

                    Commenta


                    • Il trailer di Mondocane.


                      Commenta


                      • Il trailer non mi è piaciuto ma sembra ben confezionato e sono sempre curioso di dare uno sguardo alle produzioni Groenlandia più smaccatamente di genere, un minimo di accoglienza positiva permettendo.
                        Luminous beings are we, not this crude matter.

                        Commenta


                        • Da alcuni giorni al primo posto di Netflix USA (per quello che vale) c' è l' italianissimo Beckett.
                          Un risultato che non vedo molto pubblicizzato sui nostri solitamente assai patriottici canali di informazione.
                          Ancora non ho avuto modo di vederlo.

                          Commenta


                          • E' primo anche in Canada, Regno Unito, Grecia (of course), Hong Kong, Jamaica, Lettonia, Nigeria, Romania, Qatar, Russia, Arabia Saudita, Spagna, Thailandia, Turchia, Ucraina.

                            Molto bene considerando che 2 giorni prima è uscito The Kissing Booth 3, che è una delel saghe top di Netflix. infatti è primo in quasi tutti gli altri paesi.
                            Ultima modifica di Sebastian Wilder; 17 agosto 21, 11:51.

                            Commenta


                            • E bravo il pronipote di Luchino Visconti.
                              Vedo che in Italia, però, non ha raggiunto l' obbiettivo.
                              Proprio come l' ex compagno Luca Guadagnino è più popolare all' estero che a casa.



                              Se questi risultati li avesse ottenuti una produzione Groenlandia apriti cielo (non entro nel merito artistico che ancora non l' ho visto).
                              Ovviamente conta il fatto di averlo girato in inglese, con attori famosi, ma non è quello il punto.
                              Da queste parti è stato proprio snobbato.
                              Ultima modifica di mr.fred; 17 agosto 21, 11:56.

                              Commenta


                              • Guadagnino è il produttore del film, altro successo internazionale per il nome più importante del cinema italiano . Mi ricordo quando 2 anni fa qua c'era uno che sbraitava contro Luca dicendo che il nuovo grande nome italiano ad ollivud era Sollima lol

                                In italia ovviamente al primo posto ci sta quella robaccia teen .

                                Negli Usa attira l'attore protagonista, il film nonostante qualche elemento action ameriggano sicuramente è di gusto più europeo. Come tributo al cinema spy degli anni 70 si fa vedere. Nei social ho letto critiche al fatto che il protagonista sia poco atletico, non sappia correre e scappare e faccia cose stupide. Non capendo che a partire dalla scelta del titolo il punto è proprio mettere un uomo comunissimo al centro di una spy story, senza farlo improvvisare super eroe.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X