annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cinema di Fantascienza

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
    Liebesman?
    Qualcuno di meno ovvio, fuori dal circuito mainstream.

    Commenta


    • Franklyn ha senza dubbio la sua forza nelle atmosfere,nella messa in scena ed anche in alcune inquadrature molto curate.

      Alla fine mischiava bene i vari generi,però senza dubbio aveva le sue forzature.

      Commenta


      • A proposito, vorremmo parlare di Cypher (bello, non un capolavoro ma bello) e di Splice (ridicolo involontario ma suggestivo nella messa in scena) di Natali?

        --- Aggiornamento ---

        VIsto Franklyn.
        Mai visto un tale compendio di boiate, un perfettotestamento di come NON scrivere una sceneggiatura, di come NON sia sufficiente aggiungiere stranezze per fare un film alla Burton o alla Gilliam (e chi critica i due registi farei vedere questo film, per far capire apputo che anche il "solito filmetto alla Burton o alla Gilliam" non è facile da fare).
        ATTENZIONE, SPOILER A GO GO
        Premessa, io sono agnostico. Ma non mi danno fastidio i film cattolici.....o a sfondo cattolico...purchè non mettano in ridicolo le opinioni altrui. Don Camillo ad esempio regge benissimo nella sua dicotomia con Peppone. Questo film fa la morale atea per 90 minuti e diventa cattolico (non religioso, non "faccio una cosa che ti lascia il beneficio del dubbio", no...proprio sembra Una settimana da Dio con Jim Carrey...letterlamnete! Pare copiarne una scena!).
        L'inizio è col botto....città steampunk, voce off da film noir, uomo con maschera minimalista di grande impatto, citazione sulla religione ("la religione è creduta dalle masse, falsa per i saggi, utile per i potenti"). La minaccia "oggi ucciderò un uomo".
        Tempo 5 minuti iniziano i problemi. LI voglio numerare.
        1)La voce off, la gente dovrebbe capirlo, a costo di legarsi a una sedia e di vedere i film di Lang e Wilder a ripetizione, deve essere usata per dire 1 frase ogni tanto, spesso per spiegare le cose e non per aumentare mistero (ad esempio in Viale del Tramonto serve a fare salti temporali, in La fiamma del peccato spiega le motivazioni del protagonista, in Blade Runner un personaggio viene descritto con una frase, cito ). Ora, ogni volta che compare il cecchino ci becchiamo palate e palate di parole inutili....in cui o vengono dette frasi sempre meno interessanti, o in cui viene spiegato ciò che vediamo. Se spieghi ciò che vediamo è tutto moooolto meno interessante. E inoltre, a furia di sentire parlare a questo tizio, iniziamo a prestare meno attenzione a ciò che dice, in tal modo perdiamo le poche frasi che possono spiegare il film "se dio è onnipotente, perchè non interviene affinchè le cose cattive accadano?".

        2) Se non ci è chiaro cosa fanno i personaggi, non ci possiamo appassionare. Sappiamo che questo vuole sparare a uno, ok. Ma non capiamo nulla di cosa stia facendo, dove vada, perchè lo faccia, con chi stia parlando....e capisco il mistero, ma farci capire le cose? In tal modo l'ambientazione più suggestiva diventa noiosa proprio perchè confusionaria.

        3) Gli attori sono diretti male. Il tizio che fa l'amico scoppiato recita troppo sopra le righe, pare voglia fare una caricatura del Brad Pitt delle 12 scimmie. Penoso. La Green da sola buca lo schermo, ma viene poi messa a fare un videoclip con vestito rosso in cui pare una scema (e il suo personaggio, di rara idizia, non aiuta). Tra l'altro una delle (tante) incarnazioni dela Green hai capelli rossi e si chiama Sally. Magra, occhiaie, pallida, capelli rossi, allampanata, Sally. Citazione da Burton/Selick? Bho...

        4) Il regista/ sceneggiatore usa il fastidiosissimo trucchetto di "aggiungo cose che non si capiscono così aumento l'interesse". No. No, perchè il pubblico capisce che sei un gran paraculo e lo vuoi perculare caro mio....perchè Eva Green a un certo punto vede la realtà come la vede il tizio pazzo? Il tizio lava-a-terra che offre il caffè perchè vede Sally??

        5) Guardate Dark City. Film ben piu compilcato di questo in quanto tutto il film è in una realtà alternativa, mentre qui per 3/4 siamo in una realta contemporanea. Lì seguiamo 4 storie: scienziato cattivo+ispettore+la magnifica Connelly+il protagonista. Non ci si annoia e si capisce tutto bene o male. Perchè? Innanzitutto perchè i collegamenti o sono ben chiari, o comunque i personaggi interagiscono da subito tra di loro. Poi nel secondo tempo si riuniscono, i nodi vengono al pettine e tutto funziona.
        In Magnolia, le storie sono tutte divise, solo nel secondo tempo si riuniscono...eppure appassionano. Perchè? per i dialoghi!
        Qui abbiamo personaggi che dicono banalità, fanno cose poco interessanti e non si incrociano per un'ora. Quindi ci troviamo a seguire 4 storie di cui 3 non capiamo niente e 1 di cui ci frega poco. E perchè non capiamo niente? Perchè (vedi punto 6)

        6) quel cervellone del regista/sceneggiatore aspetta un'ora per farci capire qualcosa! Sbagliato! Prendi un manuale di scrtttura e capisci che io pubblico dovevo iniziare a capire dopo la prim mezz'ora (fine primo atto), dopo un primo atto di mistero. Twist: finalmente inizi a capire qualcosa e da questo sviluppo costruisci un'altra mezz'ora. Secondo twist: si riuniscono le storie e mezz'ora in crescendo fino al finale. Ma avendo una storiella esile esile, ha dovuto allungare il brodo

        7) avete visto lost? avete visto once upon a time? avete visto un film di Allen a caso? Ossia, avete capito come gestire più trame senza rompere le scatole ma appassionando? Vi spiego come si fa: fai un mini arco nella storia, raggiungi un crescendo, arrivato allo scioglimento si apre un nuovo arco. Lo spettatore è soddisfatto perchè nella sua testolina ha chiuso un arco e tuttavia vuole saperne di piu. Nel frattempo può seguire l'altro arco con passione e senza irritarsi. Ad esempio, in un film di Allen, potrei seguire lui, sposato, che cerca di limonare una, ci riesce (fine dell'arco), poi arriva il marito di lei e li becca (apertura secondo arco). Stacco, vediamo quello che fa la moglie di Allen. Idem per Lost. Secondo voi qui che accade? Le storie sono talmente esili che gli archi non esistono. Ci sono personaggi che fanno cose come per ammazzare il tempo.

        8) dovrebbe fregarmene qualcosa del personaggio della Green? Una pseudoartista moderna, figliadi papà, finto artista, narcisista? Se non mi dai una ragione per empatizzare o per interessarmi a qualcuno, io non mi emozionerò! L'omino in maschera mi emoziona perhcè capisco che c'è qualcosa dietro la sua vendetta. Milo, lo sfigato, mi appassiona perchè poraccio l'hanno lasciato all'altare. Ma che mi può fregare diquesta ricca finto depressa che si suicida per narcisismo e fa i ballettini in vestitino rosso? Cos'era quella? una scena sexy? A reggì, e rivediti Dark City che entrata in scena fa la Connely, che rischi l'infarto a guardarla. Ma poi, la scena del confronto con la madre, in cui si scopre che il padre forse la molestava, me la metti dopo un'ora??? Prima la devi mettere....anzi doveva essere la 2a scena con la Green nel tuo arco! Cos'ì capivo che lei è una vittima e iniziava a interessarmi la sua storia.
        Ma poi , perchèfilmare quel momento? Vuoi proprio convincermi che questa è ipernarcisista da dover raccontare i fatti suoi a tutti?

        9) il finale. Sally non esite, ma guarda caso è identica al personaggio della Green. QUei 4 caratteri sono incastrati per salvare la vita a unvecchio (unico religioso), mentre il cecchino si suicida, la Green e Milo si mettono assieme e trovano l'amore di cui avevano bisogno. Alè. Chi l'ha scritto? Famiglia Cristiana? In sostanza il religoso vive e il cecchino muore. E se soffri non preoccuparti, c'è uno schema che ti rimette tutto a posto. Anche a costo di beccarti una pallottola.
        C'è il bidello che offre il caffè che pare sappia tutto. E scompare. Io dò questa interpretazione. Quello è Dio, o qualcosa di simile. Anche Morgan Freeman faceva il bidello nero che in realtà era Dio. Infatti lui invita la Green a non morire. Vede Sally anche se non esiste. Scompare alla fine. Solleva la testa come se sapesse. Parla del fututo della green come se sapesse. E poi ci sono le frasi. "se dio esiste, perchè non interviene", e "se credi molto a una cosa, chi può dire che non esiste".
        Allucinante.

        10) non puoi farmi la distopia satirica alla Gillian, e mettere le religioni scemissime "tipo la setta delle manicure". CIoè è satira da Bagaglino

        11) Hai 2 realtà parallele, un cecchino, gente allucinata e non mi crei 1, dico 1 sequenza degna di nota??

        note positive:
        la musica funziona
        la maschera funziona, ma pare un pò un clone di Rorscha. io Avrei cambiato il colore. Tipo farlo in pelle beje o marroncino.
        la sequenza in cui lei chiude la porta a Londra, carrellata a sinistra e ci ritroviamo a Città di mezzo, funziona.
        Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
        Spoiler! Mostra

        Commenta


        • Franklyn come avevo scritto in precedenza, ha qualcosa di buono ma sicuramente non è un gran film...comunque è da tanto che non lo vedo però non mi sembra che il voice over fosse fatto così male.

          Dato che hai citato Dark City,quello sì è un gran film che secondo me poteva essere ancora meglio se non ci fosse stato lo spiegone...a proposito,ma Proyas è scomparso?

          Commenta


          • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
            curiosità: ma tu hai mai effettivamente scritto una sceneggiatura?

            cmq è "voice over". il voice off è un'altra cosa
            hai ragione:

            voice over= voce di un narratore, di un personaggio pensante o colonna sonora - in sostanza suoni esterni a quanto accade nell'inquadratura ma che vengono sentiti dal pubblico
            voice off= suoni dati da elementi interni alla scena ma che non sono inquadrati, tipo la voce di un personaggio che ancora non viene inquadrato, la voce di una radio che viene ascoltata, o un rumore di cui non si conosce la causa.


            mi sono confuso perchè in sceneggiatura si usava (mi pare, è molto che non ripasso) la dicitura (o.s.) vicino al nome del personaggio.

            A scrivere ci ho provato, ero in 4a liceo...fino al 2 universitario...tra il 2003 e il 2007. Però studio, leggo, mi faccio delle domande. La riflessione su Allen/Lost/Franklyn non l'ho letta...ci ho ragionato su e sono arrivato a questa conclusione.

            Tuttavia ho taaaanti appunti, scritti e mentali, per romanzetti, racconti , bozze di fumetti, bozze di sceneggiatura, per lo più commedie o roba horror satirica o fantascienza esistenziale (come ha già detto qualcuno: Gillian, Wilder, Burton, Landis....). Tutta roba di cui parlo poco, anche con gli amici, e che richiederebbe troppo tempo per essere sviluppata.

            Come mai me lo chiedi?

            --- Aggiornamento ---

            Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
            era un voice over invasivo. è un espediente che a me sta tendenzialmente sul culo ma se usato bene può ottenere buoni se non evocativi effetti
            cmq non ricordo di aver avuto problemi di comprensione durante la visione, anzi, quando il tizio racconta la favoletta avevo già capito che nel finale ci sarebbe stata la scena in cui un personaggio "obiettivo" vede proiettata la fantasia dello schizoide e che bene o male l'avrebbe risolta con quella "spiegazione" fatata
            in effetti non ci sta a fare molto in questo topic

            si, infatti credo di aver fornito dei buoni esempi al riguardo.

            In teoria dovrebbe essere una roba a metà tra steampunk e le questioni sulla realtà alla Dick. Il punto è che Dio non viene esplicitamente citato, quindi....
            alla fine dal trailer pareva Fantascienza, e dato che se ne è parlato molto qua ho scritto qua.
            Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
            Spoiler! Mostra

            Commenta


            • Originariamente inviato da Il Ciabattiere Visualizza il messaggio
              Franklyn come avevo scritto in precedenza, ha qualcosa di buono ma sicuramente non è un gran film...comunque è da tanto che non lo vedo però non mi sembra che il voice over fosse fatto così male.

              Dato che hai citato Dark City,quello sì è un gran film che secondo me poteva essere ancora meglio se non ci fosse stato lo spiegone...a proposito,ma Proyas è scomparso?
              Lo spiegone alla fine non è troppo fastidioso....in sostanza a te che sei onnniscente in quanto spettaotre può anche non servire...è comodo per il personaggio protagonista che effettivamente non ci stava più capendo nulla, e tanto valeva fare lo spiegone per far capire anche ai cepponi in sala. Meglio questo spiegone che non 2000 teoria in rete su una trottola che cade o meno. Proyas ha molto talento estetico. E basta. Come film forse ha azzeccato solo Dark CIty. Al limite Il Corvo, ma quel progetto non vive molto di vita propria...la morte del protagonista, problemi in produzione...
              Secondo me Proyas non è tutto questo talento.
              Il vero problema di Dark City, hai voglia a dire, sono I personaggi. Il piu interessante è l'ispettore...perchè ha dei dubbi, lo vedi (grandissimo l'attore che oranon ricordo il nome ma ha fatto 2000 cose) che pur non esponendosi troppo soffre.....la coppietta Connelly e quell'altro non è che ti prende più di tanto....

              Nonostante la scena del pesce rosso ti faccia affezionare subito al personaggio principale.

              --- Aggiornamento ---

              Frusciante a Tor Vergata parla di Fantascienza:



              --- Aggiornamento ---

              A tal proposito, che ne pensate di Gattaca?
              Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
              Spoiler! Mostra

              Commenta


              • Per me Gattaca può essere definito un capolavoro...Niccol è molto bravo ed anche In Time criticato da molti non è così male,è sicuramente molto inferiore a Gattaca ma come prodotto di intrattenimento è buono.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                  in sceneggiatura usi (O.S.) (off screen) per indicare il voice off. e (V.O.) per il voice over. se serve anche (PRE-LAP) che è una forma di voice over ma che poi si riaggancia a una voce in campo nella scena che segue



                  sono curioso visto che ne sembri ossessionato. con tutta l'energia che usi per commentare/criticare all'infinito certe cose (anche per un filmetto come questo) potresti anche provare a "metterti in gioco". magari cambi pure alcune prospettive critiche
                  Sei molto preparato. Fai studi al riguardo?

                  Cmq ci ho provato a scrivere, ma ruba molto tempo e farsi pubblicare è complicato.
                  Dubito che comunque la mia percezione cambierebbe. Le regole quelle sono....possono essere rotte se usi altre regole per costruire un'impalcatura che funzioni e che risulti piu originale.
                  Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                  Spoiler! Mostra

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da UomoCheRide Visualizza il messaggio
                    A proposito, vorremmo parlare di Cypher (bello, non un capolavoro ma bello) e di Splice (ridicolo involontario ma suggestivo nella messa in scena) di Natali?

                    --- Aggiornamento ---

                    VIsto Franklyn.
                    Mai visto un tale compendio di boiate, un perfettotestamento di come NON scrivere una sceneggiatura, di come NON sia sufficiente aggiungiere stranezze per fare un film alla Burton o alla Gilliam (e chi critica i due registi farei vedere questo film, per far capire apputo che anche il "solito filmetto alla Burton o alla Gilliam" non è facile da fare).
                    ATTENZIONE, SPOILER A GO GO
                    Premessa, io sono agnostico. Ma non mi danno fastidio i film cattolici.....o a sfondo cattolico...purchè non mettano in ridicolo le opinioni altrui. Don Camillo ad esempio regge benissimo nella sua dicotomia con Peppone. Questo film fa la morale atea per 90 minuti e diventa cattolico (non religioso, non "faccio una cosa che ti lascia il beneficio del dubbio", no...proprio sembra Una settimana da Dio con Jim Carrey...letterlamnete! Pare copiarne una scena!).
                    L'inizio è col botto....città steampunk, voce off da film noir, uomo con maschera minimalista di grande impatto, citazione sulla religione ("la religione è creduta dalle masse, falsa per i saggi, utile per i potenti"). La minaccia "oggi ucciderò un uomo".
                    Tempo 5 minuti iniziano i problemi. LI voglio numerare.
                    1)La voce off, la gente dovrebbe capirlo, a costo di legarsi a una sedia e di vedere i film di Lang e Wilder a ripetizione, deve essere usata per dire 1 frase ogni tanto, spesso per spiegare le cose e non per aumentare mistero (ad esempio in Viale del Tramonto serve a fare salti temporali, in La fiamma del peccato spiega le motivazioni del protagonista, in Blade Runner un personaggio viene descritto con una frase, cito ). Ora, ogni volta che compare il cecchino ci becchiamo palate e palate di parole inutili....in cui o vengono dette frasi sempre meno interessanti, o in cui viene spiegato ciò che vediamo. Se spieghi ciò che vediamo è tutto moooolto meno interessante. E inoltre, a furia di sentire parlare a questo tizio, iniziamo a prestare meno attenzione a ciò che dice, in tal modo perdiamo le poche frasi che possono spiegare il film "se dio è onnipotente, perchè non interviene affinchè le cose cattive accadano?".

                    2) Se non ci è chiaro cosa fanno i personaggi, non ci possiamo appassionare. Sappiamo che questo vuole sparare a uno, ok. Ma non capiamo nulla di cosa stia facendo, dove vada, perchè lo faccia, con chi stia parlando....e capisco il mistero, ma farci capire le cose? In tal modo l'ambientazione più suggestiva diventa noiosa proprio perchè confusionaria.

                    3) Gli attori sono diretti male. Il tizio che fa l'amico scoppiato recita troppo sopra le righe, pare voglia fare una caricatura del Brad Pitt delle 12 scimmie. Penoso. La Green da sola buca lo schermo, ma viene poi messa a fare un videoclip con vestito rosso in cui pare una scema (e il suo personaggio, di rara idizia, non aiuta). Tra l'altro una delle (tante) incarnazioni dela Green hai capelli rossi e si chiama Sally. Magra, occhiaie, pallida, capelli rossi, allampanata, Sally. Citazione da Burton/Selick? Bho...

                    4) Il regista/ sceneggiatore usa il fastidiosissimo trucchetto di "aggiungo cose che non si capiscono così aumento l'interesse". No. No, perchè il pubblico capisce che sei un gran paraculo e lo vuoi perculare caro mio....perchè Eva Green a un certo punto vede la realtà come la vede il tizio pazzo? Il tizio lava-a-terra che offre il caffè perchè vede Sally??

                    5) Guardate Dark City. Film ben piu compilcato di questo in quanto tutto il film è in una realtà alternativa, mentre qui per 3/4 siamo in una realta contemporanea. Lì seguiamo 4 storie: scienziato cattivo+ispettore+la magnifica Connelly+il protagonista. Non ci si annoia e si capisce tutto bene o male. Perchè? Innanzitutto perchè i collegamenti o sono ben chiari, o comunque i personaggi interagiscono da subito tra di loro. Poi nel secondo tempo si riuniscono, i nodi vengono al pettine e tutto funziona.
                    In Magnolia, le storie sono tutte divise, solo nel secondo tempo si riuniscono...eppure appassionano. Perchè? per i dialoghi!
                    Qui abbiamo personaggi che dicono banalità, fanno cose poco interessanti e non si incrociano per un'ora. Quindi ci troviamo a seguire 4 storie di cui 3 non capiamo niente e 1 di cui ci frega poco. E perchè non capiamo niente? Perchè (vedi punto 6)

                    6) quel cervellone del regista/sceneggiatore aspetta un'ora per farci capire qualcosa! Sbagliato! Prendi un manuale di scrtttura e capisci che io pubblico dovevo iniziare a capire dopo la prim mezz'ora (fine primo atto), dopo un primo atto di mistero. Twist: finalmente inizi a capire qualcosa e da questo sviluppo costruisci un'altra mezz'ora. Secondo twist: si riuniscono le storie e mezz'ora in crescendo fino al finale. Ma avendo una storiella esile esile, ha dovuto allungare il brodo

                    7) avete visto lost? avete visto once upon a time? avete visto un film di Allen a caso? Ossia, avete capito come gestire più trame senza rompere le scatole ma appassionando? Vi spiego come si fa: fai un mini arco nella storia, raggiungi un crescendo, arrivato allo scioglimento si apre un nuovo arco. Lo spettatore è soddisfatto perchè nella sua testolina ha chiuso un arco e tuttavia vuole saperne di piu. Nel frattempo può seguire l'altro arco con passione e senza irritarsi. Ad esempio, in un film di Allen, potrei seguire lui, sposato, che cerca di limonare una, ci riesce (fine dell'arco), poi arriva il marito di lei e li becca (apertura secondo arco). Stacco, vediamo quello che fa la moglie di Allen. Idem per Lost. Secondo voi qui che accade? Le storie sono talmente esili che gli archi non esistono. Ci sono personaggi che fanno cose come per ammazzare il tempo.

                    8) dovrebbe fregarmene qualcosa del personaggio della Green? Una pseudoartista moderna, figliadi papà, finto artista, narcisista? Se non mi dai una ragione per empatizzare o per interessarmi a qualcuno, io non mi emozionerò! L'omino in maschera mi emoziona perhcè capisco che c'è qualcosa dietro la sua vendetta. Milo, lo sfigato, mi appassiona perchè poraccio l'hanno lasciato all'altare. Ma che mi può fregare diquesta ricca finto depressa che si suicida per narcisismo e fa i ballettini in vestitino rosso? Cos'era quella? una scena sexy? A reggì, e rivediti Dark City che entrata in scena fa la Connely, che rischi l'infarto a guardarla. Ma poi, la scena del confronto con la madre, in cui si scopre che il padre forse la molestava, me la metti dopo un'ora??? Prima la devi mettere....anzi doveva essere la 2a scena con la Green nel tuo arco! Cos'ì capivo che lei è una vittima e iniziava a interessarmi la sua storia.
                    Ma poi , perchèfilmare quel momento? Vuoi proprio convincermi che questa è ipernarcisista da dover raccontare i fatti suoi a tutti?

                    9) il finale. Sally non esite, ma guarda caso è identica al personaggio della Green. QUei 4 caratteri sono incastrati per salvare la vita a unvecchio (unico religioso), mentre il cecchino si suicida, la Green e Milo si mettono assieme e trovano l'amore di cui avevano bisogno. Alè. Chi l'ha scritto? Famiglia Cristiana? In sostanza il religoso vive e il cecchino muore. E se soffri non preoccuparti, c'è uno schema che ti rimette tutto a posto. Anche a costo di beccarti una pallottola.
                    C'è il bidello che offre il caffè che pare sappia tutto. E scompare. Io dò questa interpretazione. Quello è Dio, o qualcosa di simile. Anche Morgan Freeman faceva il bidello nero che in realtà era Dio. Infatti lui invita la Green a non morire. Vede Sally anche se non esiste. Scompare alla fine. Solleva la testa come se sapesse. Parla del fututo della green come se sapesse. E poi ci sono le frasi. "se dio esiste, perchè non interviene", e "se credi molto a una cosa, chi può dire che non esiste".
                    Allucinante.

                    10) non puoi farmi la distopia satirica alla Gillian, e mettere le religioni scemissime "tipo la setta delle manicure". CIoè è satira da Bagaglino

                    11) Hai 2 realtà parallele, un cecchino, gente allucinata e non mi crei 1, dico 1 sequenza degna di nota??

                    note positive:
                    la musica funziona
                    la maschera funziona, ma pare un pò un clone di Rorscha. io Avrei cambiato il colore. Tipo farlo in pelle beje o marroncino.
                    la sequenza in cui lei chiude la porta a Londra, carrellata a sinistra e ci ritroviamo a Città di mezzo, funziona.
                    Io l'unica cosa che ricordo di questo film è che mi stavo per colpire con il pesta carne sulle palle durante la visione. Però ottima analisi... asd

                    --- Aggiornamento ---

                    Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                    sorry, non avevo letto il post. cmq diciamo di sì :sisisi:


                    intanto, per tornare IT, quelli di indiewire hanno pubblicato una classifica dei film che per loro sono 25 migliori sci-fi del nuovo millennio aggiornata alle ultimissime uscite (c'è anche Ex Machina, per dire)
                    con alla fine anche parecchie menzioni d'onore

                    http://blogs.indiewire.com/theplayli...0150507?page=1
                    Interstellar al 22esimo posto con tanti film nettamente inferiori davanti. L'hanno fatta da ubriachi questa classifica?
                    Ah, quando vuoi scrivere un horror insieme a me contattami che qua sto conoscendo diverse persone con cui forse sarebbe anche possibile realizzare un film, io da solo non ce la faccio a scriverla, ho il blocco facile asd
                    Duemila anni di storia di Hokuto hanno decretato la vittoria dello spirito sulla materia

                    Commenta


                    • voi cosa ne pensate di kosinski?
                      oblivion l'ho trovato tra i migliori fantascientifici degli ultimi anni.
                      mi manca ancora tron legacy.. su quello posso dire soltanto che solo la colonna sonora è un capolavoro
                      firma 3.jpg

                      Commenta


                      • Non ti facevo un topo così alla "Nolan"asd

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                          pensandoci un po', i miei 25 più o meno sarebbero questi (non in ordine):

                          A.I. - Intelligenza Aritificiale
                          Minority Report
                          La guerra dei mondi
                          Signs
                          Upstream Color
                          Inception
                          Snowpiercer
                          Ghost in the Shell - Innocence
                          District 9
                          Moon
                          Serenity
                          Her
                          Eternal Sunshine Of The Spotless Mind
                          I figli degli uomini
                          Interstellar
                          Wall-E
                          Avatar
                          Super 8
                          Paprika
                          Star Trek
                          Under the Skin
                          Mr. Nobody
                          Watchmen
                          The Host
                          L'ignoto spazio profondo

                          menzione speciale per Melancholia che fa testo a sé
                          Ce ne sono almeno una decina sotto Guardiani :-* Sia nella tua che nella loro :seseh:

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                            ma dici a me? xD
                            Sìsì dico a teasd

                            In una mia classifica non i sarebbero ne Inception, ne Interstellar che per carità non sono brutti film ma c'è di meglio.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                              pensandoci un po', i miei 25 più o meno sarebbero questi (non in ordine):

                              A.I. - Intelligenza Aritificiale
                              Minority Report
                              La guerra dei mondi
                              Signs
                              Upstream Color
                              Inception
                              Snowpiercer
                              Ghost in the Shell - Innocence
                              District 9
                              Moon
                              Serenity
                              Her
                              Eternal Sunshine Of The Spotless Mind
                              I figli degli uomini
                              Interstellar
                              Wall-E
                              Avatar
                              Super 8
                              Paprika
                              Star Trek
                              Under the Skin
                              Mr. Nobody
                              Watchmen
                              The Host
                              L'ignoto spazio profondo

                              menzione speciale per Melancholia che fa testo a sé
                              Vedo che hai messo "Innocence" e "Paprika", sei un appassionato di anime anche? Ottima scelta comunque. Di GITS devo prendere la nuova serie "Arise" visto che ho tutto della saga di Motoko Kusanagi
                              Duemila anni di storia di Hokuto hanno decretato la vittoria dello spirito sulla materia

                              Commenta


                              • Qualcuno di voi ha visto Automata?
                                Non è malaccio. Quasi tutto già visto, un po' di Dick, un po' di Asimov, non eccellente, forse un po' prolisso, con diverse imperfezioni tecniche, ma non malaccio..

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X