annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Birdman (Alejandro González Iñárritu)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Michael Keaton Puts Away His Oscars Acceptance Speech in Saddest Vine of All Time

    E vabbè poverino, ce l' aveva pronto..asd

    Commenta


    • Originariamente inviato da Crystal clear
      I BadAwards si avvicinano, e anche le torte a volte ritornano. Stasera mega-diagramma per Birdman, costituito dai responsi di ben 54 utenti (!). Pochi dubbi sul 90% dei vostri pareri, ma chiedo cautelativamente a:
      Spoiler! Mostra
      Come già detto nel topic dell'ultimo film visto: buon film, quindi direi 'good'.

      Opinione un po' più articolata per punti:

      Spoiler! Mostra


      A visione ancora fresca avrei detto di più probabilmente, ma non avevo voglia in quel momento di scrivere un papiro che sarebbe cmq passato inosservato.
      Mi limito a ribadire il 'buono' con la riserva che è un film assolutamente valido ma molto meno significativo di come viene dipinto.

      Commenta


      • mmmmaaaa ... tutti gli attori hanno già pronto il loro discorso, anche quelli non candidati xD
        CIO' CHE PIACE E CIO' CHE E' BELLO, BADATE BENE, SONO DUE E DUE COSE SOLTANTO!
        cit. me stesso

        Commenta


        • Originariamente inviato da MaximaFobia Visualizza il messaggio
          Poverino :sad: ....

          Commenta


          • Non c'ho capito na mazza.
            "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

            Commenta


            • Meno male che ha vinto l'oscar così sono riuscito a vederlo in sala anche se con enorme ritardo xD
              Salto direttamente gli elogi a regia, fotografia, montaggio e attori perché tanto è già stato detto tutto e non ci sarebbe nulla da criticare. Quello che non mi ha convinto è il contenuto e/o il messaggio finale del film: alla fine della fiera dove vuole andare a parare? Non dirò mai che è un film brutto perché oggettivamente non lo è, però non capisco proprio di cosa ci dovrebbe parlare. Non capisco se vuole fare una critica ad Hollywood (e al mondo dello spettacolo e dell'arte in generale) oppure se vuole fare discorsi più generali sul l'animo umano. Forse un po paraculo questo film lo è davvero.
              Comunque in meno di una settimana ho visto al cinema sia Mark Hamill che Michael Keaton, e questo è un bene xD

              Commenta


              • "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                Commenta


                • Birdman è un esperimento di linguaggio cinematografico complesso e affascinante, sofisticato ma anche ridondante, furbescamente ostentato e pretenzioso ma comunque emozionante, un riuscito esercizio di stile del regista, un pò "spaccone" a dire il vero, e sorretto da solidissime interpretazioni anche se marcate, forse, da un'eccessiva teatralità (ma probabilmente voluta, dato anche la natura stassa del soggetto).

                  Il film è una commedia grottesca, quasi una favola nera, che racconta la presunzione e la vulnerabilità dell'artista, o di chi si crede tale, ed è invece costretto a confrontarsi con l'evidenza contraria o con la difficoltà di renderlo palese agli occhi di una società sull'orlo di un "genocidio culturale" e fagocitata dai social media e creatori di nuove forme di ambizioni "virali" (e quindi fasulle) a da forma di entertaiment sempre più stupide e nocive.
                  Tra i temi principali abbiamo anche l'egoismo, specie quello maschile (al contrario, le figure femminili del film si dimostrano più adulte, mature e "sagge" degli uomini) e la conseguente incapacità del protagonista di privarsi dell'approvazione degli altri, una folle ricerca del consenso pubblico o di critica anche a scapito dei propri affetti e dell'amore della propria famiglia (e della propria sanità mentale).

                  Tecnicamente parlando, siamo davanti ad un capolavoro.
                  Realizzato come un lunghissimo pianosequenza "mascherato" di quasi 2 ore, ha il merito di non risultare come un vuoto esercizio di stile ma, superato lo sfasamento iniziale, riesce anzi a coinvolgere lo spettatore e a immergerlo nella vicenda, a tratti anche allucinata grazie a una fotografia strainante, ma che quasi mai decade nel'inverosimile o, peggio ancora, nel ridicolo.
                  Ottima la prova degli interpreti, da un gigantesco Micheal Keaton (probabilmente meritevole dell'Oscar!!) al fantastico Edward Norton, alla splendida Emma Stone e agli altri interpreti, tutti bravissimi!
                  Molto spiazzante e originale la superba colonna sonora, composta soltanto da una batteria in un improvvisato jam-session, quasi come a sottolineare l'imprevedibilità degli eventi e della vita, forse anche oppressiva e invadente a volte, ma funzionale al racconto.
                  A mio modo di vedere, una felice intuizione.

                  In definitiva, un ottimo film ma, se proprio vogliamo trovargli comunque qualcosa, anche pretenzioso ed eccessivamente ostentato soprattutto in riferimento ad una storia piuttosto semplicistica (e le critiche sociali o cinematografiche ivi comprese risultano piuttosto banalizzate, anche gratuite, se non vengono elaborate e/o analizzate nel corso dell'opera) ma immagino che i principali interessi e le attenzioni maggiori del regista fossero, anche giustamente, rivolte soprattutto alla messa in opera del film e ai suoi splendidi interpreti.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Sarva Visualizza il messaggio
                    non ti mettere a remare contro anche tu a ridimensionare tutto e tutti neh, che dopo la vittoria agli oscar stai tranquillo che basteranno i detrattori veri che arriveranno a farlo xD ... magari non quì, ma l'infernet ne è già pieno.
                    Beh ma qui siamo sul forum e onestamente vedo troppi orgasmi per questo prodotto. Che comunque io reputo comunque un gran bel prodotto, ma non sto ridimensionando nulla, siete voi che state sovradimensionando.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                      Beh ma qui siamo sul forum e onestamente vedo troppi orgasmi per questo prodotto. Che comunque io reputo comunque un gran bel prodotto, ma non sto ridimensionando nulla, siete voi che state sovradimensionando.
                      Magari gli orgasmi fossero limitati al forum! Evidentemente anche l'Academy si è lasciata abbindolare da un film confezionato magnificamente ma dal contenuto così così. Ciao Outis... mi comunichi la tua top 5 dell'anno? Sono curioso...

                      --- Aggiornamento ---

                      Originariamente inviato da Doktor_Jones Visualizza il messaggio
                      Birdman è un esperimento di linguaggio cinematografico complesso e affascinante, sofisticato ma anche ridondante, furbescamente ostentato e pretenzioso ma comunque emozionante, un riuscito esercizio di stile del regista, un pò "spaccone" a dire il vero, e sorretto da solidissime interpretazioni anche se marcate, forse, da un'eccessiva teatralità (ma probabilmente voluta, dato anche la natura stassa del soggetto).

                      Il film è una commedia grottesca, quasi una favola nera, che racconta la presunzione e la vulnerabilità dell'artista, o di chi si crede tale, ed è invece costretto a confrontarsi con l'evidenza contraria o con la difficoltà di renderlo palese agli occhi di una società sull'orlo di un "genocidio culturale" e fagocitata dai social media e creatori di nuove forme di ambizioni "virali" (e quindi fasulle) a da forma di entertaiment sempre più stupide e nocive.
                      Tra i temi principali abbiamo anche l'egoismo, specie quello maschile (al contrario, le figure femminili del film si dimostrano più adulte, mature e "sagge" degli uomini) e la conseguente incapacità del protagonista di privarsi dell'approvazione degli altri, una folle ricerca del consenso pubblico o di critica anche a scapito dei propri affetti e dell'amore della propria famiglia (e della propria sanità mentale).

                      Tecnicamente parlando, siamo davanti ad un capolavoro.
                      Realizzato come un lunghissimo pianosequenza "mascherato" di quasi 2 ore, ha il merito di non risultare come un vuoto esercizio di stile ma, superato lo sfasamento iniziale, riesce anzi a coinvolgere lo spettatore e a immergerlo nella vicenda, a tratti anche allucinata grazie a una fotografia strainante, ma che quasi mai decade nel'inverosimile o, peggio ancora, nel ridicolo.
                      Ottima la prova degli interpreti, da un gigantesco Micheal Keaton (probabilmente meritevole dell'Oscar!!) al fantastico Edward Norton, alla splendida Emma Stone e agli altri interpreti, tutti bravissimi!
                      Molto spiazzante e originale la superba colonna sonora, composta soltanto da una batteria in un improvvisato jam-session, quasi come a sottolineare l'imprevedibilità degli eventi e della vita, forse anche oppressiva e invadente a volte, ma funzionale al racconto.
                      A mio modo di vedere, una felice intuizione.

                      In definitiva, un ottimo film ma, se proprio vogliamo trovargli comunque qualcosa, anche pretenzioso ed eccessivamente ostentato soprattutto in riferimento ad una storia piuttosto semplicistica (e le critiche sociali o cinematografiche ivi comprese risultano piuttosto banalizzate, anche gratuite, se non vengono elaborate e/o analizzate nel corso dell'opera) ma immagino che i principali interessi e le attenzioni maggiori del regista fossero, anche giustamente, rivolte soprattutto alla messa in opera del film e ai suoi splendidi interpreti.
                      Ottimo.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio
                        Beh ma qui siamo sul forum e onestamente vedo troppi orgasmi per questo prodotto.[...]ma non sto ridimensionando nulla, siete voi che state sovradimensionando.
                        Concordo.
                        "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da gas74 Visualizza il messaggio
                          Magari gli orgasmi fossero limitati al forum! Evidentemente anche l'Academy si è lasciata abbindolare da un film confezionato magnificamente ma dal contenuto così così. Ciao Outis... mi comunichi la tua top 5 dell'anno? Sono curioso...
                          Ma onestamente io non ho nulla contro la vittoria di Birdman agli Oscar, chi doveva vincere, La teoria del tutto? asd Per me questa è una annata di buoni prodotti dove però nessuno spicca particolarmente sull'altro.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da gas74 Visualizza il messaggio
                            Magari gli orgasmi fossero limitati al forum! Evidentemente anche l'Academy si è lasciata abbindolare da un film confezionato magnificamente ma dal contenuto così così. Ciao Outis... mi comunichi la tua top 5 dell'anno? Sono curioso...

                            non è il capolavoro acclamato da certi, ma sta storia del "siete voi che vi siete fatti abbindolare" e del "contenuto è così così" mi sta stufando nei vari forum e gruppi di fb

                            --- Aggiornamento ---

                            a parte che non ho messo neppure il WOW per cui non so perchè mi stia scaldando tanto. però posso assicurarvi che nei gruppi che frequento ci sono cori che inneggiano "Birdmerd" definendolo il male assoluto. sarà che capito nei posti sbagliati e pieni di snob. però boh, le critiche sulla "critica" mi paiono legittime. è il concetto di "vuoto di contenuti" che trovo pronunciato da molti e che non mi va proprio giù. non l'ho trovato affatto vuoto, anche lasciando da parte la componente critica di contorno
                            CIO' CHE PIACE E CIO' CHE E' BELLO, BADATE BENE, SONO DUE E DUE COSE SOLTANTO!
                            cit. me stesso

                            Commenta


                            • Secondo te qual'è il contenuto?
                              "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Sarva Visualizza il messaggio
                                non è il capolavoro acclamato da certi, ma sta storia del "siete voi che vi siete fatti abbindolare" e del "contenuto è così così" mi sta stufando nei vari forum e gruppi di fb
                                Ma io non ho mai detto nessuna di queste cose, quindi non capisco perché sposti la discussione su questi argomenti quando io ho detto solamente che secondo me ci sono troppi wow in questo topic per un film che per me resta un buon prodotto, ma nulla di più.


                                Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                                Secondo te qual'è il contenuto?
                                Ma infatti non è che sia chissà quale roba il contenuto, per quanto invece la messa in scena e il ritmo siano brillanti. C'è più contenuto in Interstellar, a 'sto punto.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X