annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Gomorra di Matteo Garrone

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Gomorra di Matteo Garrone

    Dopo aver letto la recensione in Home cosa posso dire??
    In realtà poco, perchè il film ho ancora da vederlo...ma di certo sembra analizzare con precisione quelli che sono stati fino ad ora (almeno negli ultimi suoi film) i punti deboli del regista, altro "giovane" autore intellettualoide che assieme a Sorrentino pare l'eroe della critica...
    Tanto che se la critica italiana vedesse il cinema italiano come un western, loro sarebbero i Butch Cassady e i Sundance Kid della situazione, ovviamente con tutti i fraintendimenti dovuti e necessari del caso... :twisted:

    Comunque aspetto il film, in DVD o al cinema ancora non lo so, prima di sparlare... :mrgreen: asd

    I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
    http://www.destroythismovie.com

  • #2
    Mannaggia, mi hai anticipato Borg, ho appena letto la recensione e volevo aprire un topic dal titolo "Colin I love you". xD

    Per intenderci, questo è quello che penso dell'Imbalsamatore:

    ---
    Visto stasera. Avevo aspettative piuttosto alte, e forse anche per
    questo la delusione è stata maggiore.

    La storia è davvero lenta e povera, l'unico personaggio che pare avere
    un minimo di introspezione è quello del titolo, tale Peppino Profeta,
    ma più per la bravura di Ernesto Mahieux che per trovate di
    sceneggiatura. E dato che quest'attore era riuscito ad uscire a testa
    alta dall'orrido Troppo Belli (!!), la sua bravura certo non la si
    scopre con questo film. Manzillo ha il physique du role per la parte
    del manzo, ma tira fuori poco altro, ma credo più per la già citata
    scarsa verve del copione che altro.


    La fotografia mi è sembrata a tratti imbarazzante: casi in cui la
    pellicola risulta sovraesposta (scena al garage, quando il personaggio
    di Valerio incontra la futura fiamma) si alternano a scene in cui il
    buio regna sovrano rendendo quasi incomprensibile quanto sta
    accadendo. Poi vabbè, si possono spacciare come scelta stilistica
    queste cose, ma a me paiono più grossolani errori tecnici, anche
    perchè si tratta di scelte agli antipodi. Ah, non sono riuscito a non
    sorridere quando l'operatore va a farfalle nel ping pong
    dell'incalzante dialogo tra Peppino e la rivale dopo la partita a golf
    (in pratica questa discussione vede Peppino in piedi e la tizia
    seduta, l'mdp scorre alternativamente dall'uno all'altra, poi nella
    parte finale del dialogo lei si alza, peccato che l'operatore
    convintissimo si sposti su di lei in posizione seduta andando ad
    inquadrare le anche...-.-).


    Posso dire di positivo che il finale non era la banalità che temevamo
    me and my girlfriend (Peppino che ammazza Valerio e lo imbalsama per
    ammirarlo quando gli pare e piace), ma è davvero troppo poco per
    salvare un lungometraggio che ho visto incensato da più parti. Cioè,
    l'ho visto accostato a film come 'Le conseguenze dell'amore' di
    Sorrentino, ma mi pare che quest'ultimo sia di un'altra galassia (pur
    non avendolo amato alla follia).


    Mi scuso se sono sembrato un po' acido, ma siccome mi diletto pure io
    nel mio piccolo col "cinema" e
    mi faccio (ma anche mi fanno) pesanti critiche per molto meno, un po'
    ci resto quando vedo certe cose in produzioni professionali.


    Buonanotte!
    ---

    Indiana Jonesbuddhismoguide onlineweb marketing strategy

    Commenta


    • #3
      garrone era l'idolo del mio ex ragazzo e già questo per me lo squalifica ;D i suoi film purtroppo li ho dovuti vedere mille volte, e ripeto non che fossero brutti, ma non mi sembravano proprio questi capolavori incensati dalla critica. Gomorra lo eviterò se posso.

      Ma non posso fare a meno di notare che il filone del cinema politico o di denuncia sociale in italia aveva sfornato fior fiore di capolavori, alcuni come Il caso Mattei insigniti anche della palma d'oro a cannes, dove ora concorre Gomorra. Leggendo la rec. di Colin non sembra risollevare la qualità del cinema italiano.

      Secondo me anche questi registi così osannati mancano di una dote: il coraggio, ma quello vero, non la tronfia presunzione di fare quello che vogliono.

      È ciò che mi spinge a uscire di notte per combattere il crimine. Mi piacerebbe che un giorno i malviventi sussurrassero il mio nome con timore. Come fanno già con quello di Milly Carlucci. Sono stanco. La notte è sempre troppo lunga.

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da peilei

        Ma non posso fare a meno di notare che il filone del cinema politico o di denuncia sociale in italia aveva sfornato fior fiore di capolavori, alcuni come Il caso Mattei insigniti anche della palma d'oro a cannes, dove ora concorre Gomorra. Leggendo la rec. di Colin non sembra risollevare la qualità del cinema italiano.
        No, il problema è che era un progetto che da solo poteva risvegliare il cinema italiano. Il bello che oggi leggevo sull'espresso che gente come James Gandolfini o Scorsese hanno amato molto il libro. E noi ovviamente mica facciamo la coproduzione con gli americani, noi siamo troppo fichi e c'abbiamo Servillo che ormai se non c'è il suo volto un film d'autore italiano non si può fare per legge...

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Colinmckenzie
          noi siamo troppo fichi e c'abbiamo Servillo che ormai se non c'è il suo volto un film d'autore italiano non si può fare per legge...
          Questa riflessione la stavo facendo anch'io: inflazionamento di Servillo. :seseh:

          Intanto Vincenzo Mollica, sul film, la pensa così:
          http://it.youtube.com/watch?v=jer4ongVPkQ

          Commenta


          • #6
            I trailer non mi hanno colpito... a differenza di quelli di un altro film con Servillo, "Il Divo", di Sorrentino, sulla storia di Andreotti. Quello non me lo perdo!

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Colinmckenzie
              Originariamente inviato da peilei

              Ma non posso fare a meno di notare che il filone del cinema politico o di denuncia sociale in italia aveva sfornato fior fiore di capolavori, alcuni come Il caso Mattei insigniti anche della palma d'oro a cannes, dove ora concorre Gomorra. Leggendo la rec. di Colin non sembra risollevare la qualità del cinema italiano.
              No, il problema è che era un progetto che da solo poteva risvegliare il cinema italiano. Il bello che oggi leggevo sull'espresso che gente come James Gandolfini o Scorsese hanno amato molto il libro. E noi ovviamente mica facciamo la coproduzione con gli americani, noi siamo troppo fichi e c'abbiamo Servillo che ormai se non c'è il suo volto un film d'autore italiano non si può fare per legge...
              ma non è tanto, o solo, fare una coproduzione ma piuttosto riuscire a fare da un grande tema, da una grande storia , un grande film. Possibile che sia impossibile???

              per mollica tutti i film sono capolavori, avrei speranza anch'io col filmino sui dinosauri fatto a 6 anni in superotto!

              ci sarà una ragione del perchè due anni fa, in uno scambio culturale in germania, parlando di cinema italiano nessuno e dico nessuno dei ragazzi presenti (erano di tutto il mondo) sapeva dirmi un film o un regista italiano che non fosse di almeno trent'anni fa. Mentre del cinema europeo in generale e asiatico mi sapevano fare un sacco di nomi

              Bisognerebbe forse approfondire l'argomento dei film italiani distribuiti all'estero, del loro successo (??) e delle critiche che prendono fuori dal suolo natio.
              È ciò che mi spinge a uscire di notte per combattere il crimine. Mi piacerebbe che un giorno i malviventi sussurrassero il mio nome con timore. Come fanno già con quello di Milly Carlucci. Sono stanco. La notte è sempre troppo lunga.

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da peilei


                Bisognerebbe forse approfondire l'argomento dei film italiani distribuiti all'estero, del loro successo (??) e delle critiche che prendono fuori dal suolo natio.
                Questo è un punto interessante. Di solito, dei film americani si dice "ha x milioni nel mondo". Dei film italiani, si dice "è stato venduto in x Paesi" senza mai dare i risultati ai botteghini. Qualcosa vorrà dire...

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da Colinmckenzie
                  Originariamente inviato da peilei


                  Bisognerebbe forse approfondire l'argomento dei film italiani distribuiti all'estero, del loro successo (??) e delle critiche che prendono fuori dal suolo natio.
                  Questo è un punto interessante. Di solito, dei film americani si dice "ha x milioni nel mondo". Dei film italiani, si dice "è stato venduto in x Paesi" senza mai dare i risultati ai botteghini. Qualcosa vorrà dire...
                  Da qualche parte avevo letto che esportavano "con successo" anche fiction come Carabinieri. Oh my, cosa non fa il gusto per l'esotico.
                  Indiana Jonesbuddhismoguide onlineweb marketing strategy

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Casty The Clown
                    Originariamente inviato da Colinmckenzie
                    noi siamo troppo fichi e c'abbiamo Servillo che ormai se non c'è il suo volto un film d'autore italiano non si può fare per legge...
                    Questa riflessione la stavo facendo anch'io: inflazionamento di Servillo. :seseh:

                    Intanto Vincenzo Mollica, sul film, la pensa così:
                    http://it.youtube.com/watch?v=jer4ongVPkQ
                    "Rimarra come una pagina di verità degna del nostro migliore neorealismo"

                    Mi sa che colin c'ha preso con le frasi ad effetto e i sensazionalismi.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da MOntE
                      Originariamente inviato da Casty The Clown
                      Originariamente inviato da Colinmckenzie
                      noi siamo troppo fichi e c'abbiamo Servillo che ormai se non c'è il suo volto un film d'autore italiano non si può fare per legge...
                      Questa riflessione la stavo facendo anch'io: inflazionamento di Servillo. :seseh:

                      Intanto Vincenzo Mollica, sul film, la pensa così:
                      http://it.youtube.com/watch?v=jer4ongVPkQ
                      "Rimarra come una pagina di verità degna del nostro migliore neorealismo"

                      Mi sa che colin c'ha preso con le frasi ad effetto e i sensazionalismi.
                      E' un film fatto apposta per essere amato dai critici che pensano che andare al cinema significhi soffrire e rompersi le palle ;D

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Colinmckenzie
                        Originariamente inviato da MOntE
                        Originariamente inviato da Casty The Clown
                        Originariamente inviato da Colinmckenzie
                        noi siamo troppo fichi e c'abbiamo Servillo che ormai se non c'è il suo volto un film d'autore italiano non si può fare per legge...
                        Questa riflessione la stavo facendo anch'io: inflazionamento di Servillo. :seseh:

                        Intanto Vincenzo Mollica, sul film, la pensa così:
                        http://it.youtube.com/watch?v=jer4ongVPkQ
                        "Rimarra come una pagina di verità degna del nostro migliore neorealismo"

                        Mi sa che colin c'ha preso con le frasi ad effetto e i sensazionalismi.
                        E' un film fatto apposta per essere amato dai critici che pensano che andare al cinema significhi soffrire e rompersi le palle ;D
                        xD
                        ...Questa è certa nostra critica, purtroppo! :'(

                        I bastardi hanno atterrato!! http://www.badtaste.it/rubriche/il-borg
                        http://www.destroythismovie.com

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Colinmckenzie
                          Originariamente inviato da MOntE
                          Originariamente inviato da Casty The Clown
                          Originariamente inviato da Colinmckenzie
                          noi siamo troppo fichi e c'abbiamo Servillo che ormai se non c'è il suo volto un film d'autore italiano non si può fare per legge...
                          Questa riflessione la stavo facendo anch'io: inflazionamento di Servillo. :seseh:

                          Intanto Vincenzo Mollica, sul film, la pensa così:
                          http://it.youtube.com/watch?v=jer4ongVPkQ
                          "Rimarra come una pagina di verità degna del nostro migliore neorealismo"

                          Mi sa che colin c'ha preso con le frasi ad effetto e i sensazionalismi.
                          E' un film fatto apposta per essere amato dai critici che pensano che andare al cinema significhi soffrire e rompersi le palle ;D
                          Ah davvero, beh cos' altro ci si poteva aspettare da un titolo come Gomorra trasposto in video da un deprimente come Garrone! ;D Io cmq adoro i film depressi e scassamaroni, ma solo se sono belli.

                          ps Ma poi Non Pensarci di Zanasi lo hai proprio bypassato?
                          No perchè trattasi di (caso più unico che raro del nostro cinema) di una commedia leggera e divertente, al tempo stesso profonda e sarcastica (magari non originalissima ma nessuno inventa niente ormai).
                          Ma te li vai a scegliere col lumicino i film (italiani) da (prevedibilmente) stroncare con tanta ferocia? :mrgreen:

                          Commenta


                          • #14
                            A me è dispiaciuto di più che nn abbiano recensito The Hunting Party. Un film decisamente funzionante per quanto mi riguarda. Come dici tu, fred, funziona perché ironico, sarcastico e dannatamente profondo per le riflessioni e i contenuti.

                            Altra cosa che mi è dispiaciuto leggere dalla Rece di Colin è che la fotografia, come si vede dal trailer, è a dir poco imbarazzante (imbarazzante lo aggiungo io). Spero solo che abbiano voluto adottare una fotografia più scadente per coerenza e per mantenere quell'aspetto (come dice Colin) da documentario, sempre se l'aspetto "da documentario" era una cosa premeditata.

                            Commenta


                            • #15
                              Naturalmente non avendo visto il film non posso commentare, ma quella fotografia così povera potrebbe benissimo essere funzionale e pertinente (ma davvero si rimpiange il virtuosismo da "spot Nike" di Mereilles e del suo City of God? Boh.. un film, quello, bello per la ferocia e la costruzione narrativa ma anche molto furbo e a mio avviso sopravvalutato).

                              La cosa che mi dispiace di più, e questo lo posso dire a priori, è che da un evento letterario di quella portata (un milione di copie e forse anche di più) ne uscirà un film che non andrà incontro ai gusti del "grande pubblico".
                              Da un grande potenziale commerciale (CHE NON FA MAI MALE) ne usciranno incassi MOLTO INFERIORI alle possibilità (scommettiamo?). Garrone è venefico da questo punto di vista.
                              Che peccato per il cinema italiano!

                              Commenta

                              In esecuzione...
                              X