annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il Topic Generico sul Cinema

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Matthew80 Visualizza il messaggio
    Ma nel 2020 c'è davvero bisogno di dover fare "i disegnini" alla gente per contestualizzare certe cose che si vedono in un film del 1939 che narra fatti della guerra civile di 70-80 anni prima ?
    Probabilmente no, ma un escamotage del genere (un "cartello" che precede la visione non crea alcun fastidio) è sicuramente preferibile a una censura

    Commenta


    • Originariamente inviato da Enfad Visualizza il messaggio
      Ma veramente nell'articolo c'è scritto che l'idea è di reinserire il film nel catalogo previa contestualizzazione (un po' come le avvertenze all'inizio di film dai contenuti forti, o di film che contengono scene che potrebbero scatenare attacchi epilettici), e in questo non ci vedo nulla di male.
      L'importante è che non censurino nulla, ma fintanto che l'opera originale è preservata nella sua integrità, io non ho niente in contrario al fatto che sia preceduta da qualche spiegazione che aiuti il pubblico odierno a inquadrarla nell'ottica del suo tempo
      Concordo pienamente
      Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
      Spoiler! Mostra

      Commenta


      • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
        Probabilmente no, ma un escamotage del genere (un "cartello" che precede la visione non crea alcun fastidio) è sicuramente preferibile a una censura
        Ma questo è ovvio, chiaro che piuttosto che censura totale lo facciano pure.

        Però che si sia arrivati a questo, qualquadra non cosa ...
        Ex utente Matt80 dall'autunno 2007

        Commenta


        • Originariamente inviato da Enfad Visualizza il messaggio
          Ma veramente nell'articolo c'è scritto che l'idea è di reinserire il film nel catalogo previa contestualizzazione (un po' come le avvertenze all'inizio di film dai contenuti forti, o di film che contengono scene che potrebbero scatenare attacchi epilettici), e in questo non ci vedo nulla di male.
          L'importante è che non censurino nulla, ma fintanto che l'opera originale è preservata nella sua integrità, io non ho niente in contrario al fatto che sia preceduta da qualche spiegazione che aiuti il pubblico odierno a inquadrarla nell'ottica del suo tempo
          Sicuramente è giusto mettere un'avvertenza.. ma c'è anche da capire che si sta vedendo un film che non solo parla di un'epoca particolare (quindi assurdo censurare certi argomenti, anzi), ma anche il film stesso nasce in un periodo completamente diverso.. è del 1939 porca paletta!

          Per me hanno toppato. Io capisco se fosse uscito "Via col Vento 2020" e quindi ci piazzi l'avviso, perché non si sa mai, si potrebbe non capire il senso del remake.. ma così è prendere proprio per scemi patentati gli spettatori.

          Diciamo che è una paraculata e basta. Si son voluti parare il culetto, prima che qualcuno se ne uscisse con qualche lamentela (stupidissima in caso) citando quel film, provocando l'effetto contrario. Geni.

          Comunque ho saputo proprio oggi dell'esistenza di una versione di Via col Vento ridoppiata del 1977 penso di non averla MAI sentita, ma esiste davvero? cos'è che avranno cambiato? invece di negro, dicono "nero" e Mami (personaggio che non si può non adorare) non barla biu gozì?
          "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
          And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
          That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


          # I am one with the Force and the Force is with me #

          -= If You Seek His Monument Look Around You =-

          Commenta


          • Aspe, la versione restaurata di qualche anno fa che passò su Rete4 in prima serata, che doppiaggio aveva?

            Commenta


            • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
              Sicuramente è giusto mettere un'avvertenza.. ma c'è anche da capire che si sta vedendo un film che non solo parla di un'epoca particolare (quindi assurdo censurare certi argomenti, anzi), ma anche il film stesso nasce in un periodo completamente diverso.. è del 1939 porca paletta!

              Per me hanno toppato. Io capisco se fosse uscito "Via col Vento 2020" e quindi ci piazzi l'avviso, perché non si sa mai, si potrebbe non capire il senso del remake.. ma così è prendere proprio per scemi patentati gli spettatori.

              Diciamo che è una paraculata e basta. Si son voluti parare il culetto, prima che qualcuno se ne uscisse con qualche lamentela (stupidissima in caso) citando quel film, provocando l'effetto contrario. Geni.
              Certo, è un film del '39 (tratto da un romanzo di tre anni antecedente, che narra fatti di settant'anni prima), ma il punto è anche questo: quanto più un'opera è distante dalla percezione, sensibilità e visione contemporanee, tanto più potrebbe diventare difficile "leggerla" senza avere un minimo di infarinatura sul contesto.

              Non si tratta di prendere per scemi gli spettatori, si tratta di fornire a un pubblico - presumo - generalista gli strumenti per approcciarvisi con il giusto spirito, evitando così magari eventuali reazioni scomposte e fuori luogo. Perché che ci sia una rappresentazione sbagliata della tematica razziale è vero, ed è un discorso che vale per certi western americani classici, per pilastri della storia del cinema mondiale come Nascita di una nazione, e tanti altri; ci sta, sono film figli del loro tempo, ma proprio per questo non mi sembra fuori luogo aggiungere due parole che aiutino lo spettatore a orientarsi, onde evitare cantonate e giudizi a sproposito.

              Forse è una misura cautelare eccessiva, ma per quella che è la mia esperienza (quindi con valore statistico nullo, per carità ) credo possa fare più bene che male
              Quando sono andata a vedere il museo sul Terzo uomo a Vienna, ero con un ragazzo dalla cultura cinematografica poco approfondita il quale, dopo aver saputo che si trattava di un film degli anni '40 in bianco e nero, mi ha candidamente chiesto se fosse anche muto E al liceo ho avuto compagni di classe che avevano difficoltà ad interfacciarsi persino con alcuni film degli anni '80 e '90.

              E' un po' come per le avvertenze di film vietati ai minori di 14 anni: una volta che hai visto il film puoi decretare se il divieto fosse o meno eccessivo, ma rimane il fatto che è innocuo. Così sarebbe anche in questo caso (e anzi, come dicevo, magari una contestualizzazione potrebbe pure tornare utile a qualcuno).
              Secondo me le battaglie contro il politicamente corretto andrebbero combattute su altri fronti; per esempio, se Via col vento fosse davvero stato tolto da ogni piattaforma streaming legale a tempo indeterminato, o se fosse stato ricaricato censurato/tagliato/modificato, oppure, per fare un esempio reale, nel caso dell'abbattimento delle statue "razziste"

              Commenta


              • Originariamente inviato da Enfad Visualizza il messaggio
                Forse è una misura cautelare eccessiva, ma per quella che è la mia esperienza (quindi con valore statistico nullo, per carità ) credo possa fare più bene che male
                Quando sono andata a vedere il museo sul Terzo uomo a Vienna, ero con un ragazzo dalla cultura cinematografica poco approfondita il quale, dopo aver saputo che si trattava di un film degli anni '40 in bianco e nero, mi ha candidamente chiesto se fosse anche muto E al liceo ho avuto compagni di classe che avevano difficoltà ad interfacciarsi persino con alcuni film degli anni '80 e '90.
                Mi torna in mente di quando mia madre, dopo aver visto "Frankenstein di Mary Shelley", mi chiese se fosse tratto da una storia vera.

                Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                Spoiler! Mostra

                Commenta


                • Ci stavamo preoccupando... e pare che Via col Vento sia diventato il film più chiacchierato del web, alla fine con sta mossa se lo rivedranno tutti

                  Mi ricorda un po' i bollini che decisero di applicare per i dischi con contenuti espliciti, che invece di allontanare i ragazzi dall'acquisto, si triplicarono le richieste
                  "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                  And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                  That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                  # I am one with the Force and the Force is with me #

                  -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                  Commenta


                  • Infatti.

                    Via col Vento ha raggiunto la prima posizione nei bestseller di Amazon, nella categoria Cinema & TV, dopo la rimozione dal catalogo di HBO Max

                    Commenta


                    • Ahahahaha grande, lo sceneggiatore di 12 anno schiavo chissà quanto starà rosicando. Tutti i razzisti ed i pro Trump si sono uniti evidentemente.

                      Aspettiamo le critiche di nuovo ai film western di Ford contro gli indiani, un pò di polemiche e poi Ombre Rosse e la Trilogia della cavalleria al Top del top negli acquisti e visualizzazioni, così come al Giapponese non Giapponese di Colazione da Tiffany anche se compare manco 5 minuti e non importa se tutti gli altri personaggi bianchi nel film facciano cagare.
                      Ultima modifica di Sensei; 11 giugno 20, 11:11.

                      Commenta


                      • L'attrazione di Disneyland Splash Mountain è al centro di una neonata polemica per il fatto di essere ispirata al film controverso I racconti dello zio Tom
                        "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                        Commenta


                        • sono ridicoli, cosi facendo peggiorano le cose, questi metodi filo nazisti sono controproducenti

                          siamo nella stessa situazione post weinstein con le femministe, poi per fortuna si sono sgonfiate

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
                            Comunque ho saputo proprio oggi dell'esistenza di una versione di Via col Vento ridoppiata del 1977 penso di non averla MAI sentita, ma esiste davvero? cos'è che avranno cambiato? invece di negro, dicono "nero" e Mami (personaggio che non si può non adorare) non barla biu gozì?
                            Il film è disponibile su Netflix, potresti controllare lì se c'è il nuovo doppiaggio o meno.
                            Comunque ammetto la mia grave mancanza: non ho mai visto Via col Vento, non tutto almeno. Magari ne approfitto in questi giorni


                            Commenta


                            • Ha senso dire "nuovo doppiaggio" quello del 1977?

                              Per chi volesse indagare comunque.

                              https://www.antoniogenna.net/doppiag...iacolvento.htm

                              Ultima modifica di Maddux Donner; 11 giugno 20, 19:58.
                              "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
                                Il film è disponibile su Netflix, potresti controllare lì se c'è il nuovo doppiaggio o meno.
                                Comunque ammetto la mia grave mancanza: non ho mai visto Via col Vento, non tutto almeno. Magari ne approfitto in questi giorni
                                non sapevo nemmeno l'esistenza di via col vento su netflix..

                                comunque qui ci sono un po' di info:

                                Il film fu distribuito in Italia per la prima volta il 12 marzo 1949: dato il notevole sforzo che avrebbe richiesto il doppiaggio, la prima distribuzione avvenne col sonoro originale e i sottotitoli. Nello stesso anno, a maggio, Franco Schirato diresse alla Fono Roma il primo doppiaggio del film, con la collaborazione della C.D.C.. Realizzata in 17 turni di lavoro, la versione in lingua italiana di Via col vento uscì in tutto il paese nel novembre del 1951, rimanendo in cartellone per più di un anno con un enorme successo.

                                La prima versione venne riedita nel 1954, nel 1956, nel 1962, nel 1967 (in 70 millimetri e suono stereofonico) e nel 1972. Per la riedizione del 1977 il doppiaggio venne integralmente rieseguito con nuovi dialoghi preparati da Roberto De Leonardis, l'adattatore italiano di fiducia di Walt Disney. Le differenze principali che si registrano tra le due versioni italiane sono le seguenti:

                                - Nel doppiaggio d'epoca del film tutti gli attori di colore si esprimono in un italiano sgrammaticato e coniugano i verbi all'infinito. Ciò risultava filologicamente corretto rispetto all'originale inglese, ove gli interpreti afroamericani effettivamente adottano un registro linguistico dozzinale, ma ciò non tolse che tale scelta stilistica venisse giudicata razzista, tacciando di inferiorità culturale i neri rispetto ai bianchi. Nel ridoppiaggio del film gli attori non bianchi vengono dunque dotati di un corretto eloquio italiano. Un altro film ridoppiato tre anni prima per lo stesso motivo fu I racconti dello zio Tom (1946), pellicola nella quale recita tra l'altro la stessa Hattie McDaniel.
                                - A differenza della versione storica Rossella e Rhett non si danno del "voi", ma del "lei", mentre Ashley e Rossella, da tempo amici e profondamente legati, si danno del "tu".
                                - Nella riedizione, la maggior parte dei prenomi dei personaggi non viene più tradotta: così "Carlo" Hamilton torna ad essere "Charles", "Franco" Kennedy è "Frank", "Melania" Wilkes diviene "Melanie". Fa però eccezione Rossella, che non torna ad essere "Scarlett", sia per la notorietà raggiunta dal personaggio con questo nome, sia perché la traduzione risulta abbastanza aderente all'originale (scarlet significa appunto "rosso scarlatto").

                                Il doppiaggio del 1977 non ha comunque mai del tutto sostituito quello del 1949, che ha continuato a circolare in successive riedizioni e passaggi televisivi.
                                "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                                And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                                That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                                # I am one with the Force and the Force is with me #

                                -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X