annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Barbie

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio
    Se facessero uscire un teaser entro il prossimo mese (ci sono tanto già ben 4 mesi di riprese precedenti di cui non sono uscite immagini e video dal set) con quanto è virale al momento sui social con tutti i vari meme e video, farebbe le views di un film marvel.
    A proposito di video dal set
    https://www.facebook.com/watch?v=996675820993639

    Commenta


    • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
      Geniale

      Commenta


      • Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio
        Se facessero uscire un teaser entro il prossimo mese (ci sono tanto già ben 4 mesi di riprese precedenti di cui non sono uscite immagini e video dal set) con quanto è virale al momento sui social con tutti i vari meme e video, farebbe le views di un film marvel.
        ma può essere che sia perchè non ci sia effettivamente niente in questo periodo?? la butto li

        Commenta


        • Originariamente inviato da p t r l s Visualizza il messaggio

          Anche i LEGO sono giocattoli e, contro le mie aspettative, ne è uscito un gran film.
          Scusa ma non è assolutamente la stessa cosa.

          I film dei LEGO sono rimasti fedeli al fatto di essere dei LEGO, ovvero film in 3d per bambini che mettono i lego ad animarsi per fare cose buffe. Poi li c'è veramente l'imbarazzo della scelta, visto che sottoforma di LEGO è uscito di tutto.

          Qui c'è proprio la volontà di trasformare un prodotto che nasceva puramente da giocattolo, privo di qualsiasi storyline, per costruirci una storia, un film live action e un messaggio di fondo che in realtà non ha mai avuto.

          Perché diciamocelo chiaramente, Barbie è da sempre stato il prodotto americano per eccellenza che punta più all'apparire che all'essere. Barbie nasceva per dare alle bambine l'idea universale che bisognava essere belle, bionde e super cool per contare qualcosa nella società. "Barbie e la super casa" "Barbie e le sue amiche in piscina" "Barbie e la moda".

          Barbie altri non è che l'Influencer tutta rifatta che nei social ostenta una vita di lusso, piaceri e comfort. Una vita fittizia. Poco importa se poi hanno fatto le versioni colorate, arabe, indiane e latine. Quello è solo un appiglio commerciale in più per arrivare ad altre persone che dopo l'ondata rivoluzionaria sul disconoscere i privilegiati bianchi d'america, adesso punta con questa scusa, a far identificare anche le altre etnie sotto quello stesso concetto che fa della bambolina il suo successo "se diventi così, sei figa".

          Tra l'altro il mio commento era rivolto al lato artistico. Per me anche il monopolio dei cinecomic con i personaggini in calzamaglia, rientrano in una scadenza della qualità e soprattutto delle idee. Ma qui si va anche oltre. Poi voglio dire, non sono mica io che sta sponsorizzando questo film qui dentro dicendo che sarà una frociata, che piacerà a determinate comunità o che si andrà a vederlo per Gosling platinato con il pacco in vista.

          A me le commedie romantiche piacciono e anche molti film o cartoni comunemente fatti solo per un genere (da ragazzino vedevo tranquillamente Piccoli Problemi di Cuore e Sailor Moon LOL). Non avrei nessun problema a vederlo ma artisticamente da tutto quello che sta uscendo vedo solo molto molto cringe.

          Tra l'altro perché Ken dovrebbe essere quello scemo e non Barbie che invece rappresenta proprio la svampita bionda senza cervello?
          "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
          And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
          That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


          # I am one with the Force and the Force is with me #

          -= If You Seek His Monument Look Around You =-

          Commenta


          • Ma ve siete puppati Cippe e Cioppe, interessante esperimento con toni maturi di Disney Plus (cit.), e la morte del cinema è la Gerwig che tira fuori una satira sociale da Barbie. Ma vedete di smetterla

            Commenta


            • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
              Lo invidio molto il tizio, non solo ha potuto toccare il sedere di Margot Robbie, ma lo hanno anche pagato per farlo.

              Commenta


              • Originariamente inviato da Darkrain Visualizza il messaggio

                Lo invidio molto il tizio, non solo ha potuto toccare il sedere di Margot Robbie, ma lo hanno anche pagato per farlo.
                non avevo aperto il video, ora ho un valido motivo per farlo e poi si chiedono perchè fa così tanti click

                Commenta


                • La reazione di Ryan Gosling è bellissima

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
                    Tra l'altro perché Ken dovrebbe essere quello scemo e non Barbie che invece rappresenta proprio la svampita bionda senza cervello?
                    Non sono esperto di bambole ma in realtà credo che Barbie abbia sempre rappresentato tutto e niente, nel senso che ci sono più versioni (divise ad esempio per mestieri)
                    MATTEL-Barbie-Collector-DOLL-Graduation-day-Graduate-fjh66.jpg

                    Poi non ho mai visto i cartoni di Barbie ma dubito che lì la dipingessero come una totale rincoglionita. E già in Toy Story 3 giocavano con lo stereotipo facendola emergere come uno dei personaggi più svegli.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
                      Non sono esperto di bambole ma in realtà credo che Barbie abbia sempre rappresentato tutto e niente, nel senso che ci sono più versioni (divise ad esempio per mestieri)
                      MATTEL-Barbie-Collector-DOLL-Graduation-day-Graduate-fjh66.jpg

                      Poi non ho mai visto i cartoni di Barbie ma dubito che lì la dipingessero come una totale rincoglionita. E già in Toy Story 3 giocavano con lo stereotipo facendola emergere come uno dei personaggi più svegli.
                      ho visto il documentario "i giocattoli della nostra infanzia" (che consiglio se interessati all'argomento, sono più puntate divise in tre stagioni, ogni puntata si racconta la storia di un giocattolo famoso) su netflix e posso confermare che la barbie giocattolo è stata praticamente fatta in ogni versione esistente immagginabile

                      Commenta


                      • Barbie nasceva in contrasto alle bambole che raffiguravano solo neonati e bimbe. Spopolò per il fatto che rappresentava uno stereotipo della donna americana perfetta e con le quali le ragazzine potevano sognare di diventare simili, da grandi. Oggi credo che continui ad essere un grande ogetto di collezione tra le 30-40enni (giustamente direi). Poi delle ultime edizioni non so nulla ma, ricordo negli anni '90-00 era la regina incontrastata degli spot televisivi.

                        Dal 2000 in poi sono uscite fuori versioni che hanno tentato di caratterizzare meglio la bambolina, dandogli una storia, serie animate directo-to-video ecccecc.

                        E' normale che ormai si punta a contrastare lo stereotipo della bionda svampita, facendo magari di Barbie quella sveglia e di Ken il surfista scemo... perché rientra nella caratterizzazione di metà delle cose che oggi escono da hollywood, sminuire un ruolo (maschile, bianco, etero eccecc) per dar luce all'altro.

                        Se penso a come potrebbe essere una Barbie in live action, penso appunto all'influencer vuota che va a sponsorizzare carypizza di Briatore, perché la vera evoluzione della bambola è quella, non di farla una nazifemmina attivista che sfila per i diritti delle donne e/o delle comunità lgbtq+.
                        "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                        And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                        That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                        # I am one with the Force and the Force is with me #

                        -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                        Commenta


                        • Oh ma è in effetti incredibile la clip, il tizio tocca il culo alla Robbie (beato lui!) e Gosling caccia l'urletto acuto a 100 frocibel mentre fa le mossette!
                          Questi Baumbach e Gerwig sono geniali, non vedevo gag così innovative dai tempi di Tognazzi/Serrault nel Vizietto (tipo 45 anni fa), Oscar subito!

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
                            Se penso a come potrebbe essere una Barbie in live action, penso appunto all'influencer vuota che va a sponsorizzare carypizza di Briatore, perché la vera evoluzione della bambola è quella, non di farla una nazifemmina attivista che sfila per i diritti delle donne e/o delle comunità lgbtq+.
                            Ma nel primo caso la Mattel avrebbe strappato una sceneggiatura da indie-hipster. O no? Qual è il punto d'incontro tra la Mattel e la coppia Gerwig-Baumbach?

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

                              Scusa ma non è assolutamente la stessa cosa.

                              I film dei LEGO sono rimasti fedeli al fatto di essere dei LEGO, ovvero film in 3d per bambini che mettono i lego ad animarsi per fare cose buffe. Poi li c'è veramente l'imbarazzo della scelta, visto che sottoforma di LEGO è uscito di tutto.

                              Qui c'è proprio la volontà di trasformare un prodotto che nasceva puramente da giocattolo, privo di qualsiasi storyline, per costruirci una storia, un film live action e un messaggio di fondo che in realtà non ha mai avuto.

                              Perché diciamocelo chiaramente, Barbie è da sempre stato il prodotto americano per eccellenza che punta più all'apparire che all'essere. Barbie nasceva per dare alle bambine l'idea universale che bisognava essere belle, bionde e super cool per contare qualcosa nella società. "Barbie e la super casa" "Barbie e le sue amiche in piscina" "Barbie e la moda".

                              Barbie altri non è che l'Influencer tutta rifatta che nei social ostenta una vita di lusso, piaceri e comfort. Una vita fittizia. Poco importa se poi hanno fatto le versioni colorate, arabe, indiane e latine. Quello è solo un appiglio commerciale in più per arrivare ad altre persone che dopo l'ondata rivoluzionaria sul disconoscere i privilegiati bianchi d'america, adesso punta con questa scusa, a far identificare anche le altre etnie sotto quello stesso concetto che fa della bambolina il suo successo "se diventi così, sei figa".

                              Tra l'altro il mio commento era rivolto al lato artistico. Per me anche il monopolio dei cinecomic con i personaggini in calzamaglia, rientrano in una scadenza della qualità e soprattutto delle idee. Ma qui si va anche oltre. Poi voglio dire, non sono mica io che sta sponsorizzando questo film qui dentro dicendo che sarà una frociata, che piacerà a determinate comunità o che si andrà a vederlo per Gosling platinato con il pacco in vista.

                              A me le commedie romantiche piacciono e anche molti film o cartoni comunemente fatti solo per un genere (da ragazzino vedevo tranquillamente Piccoli Problemi di Cuore e Sailor Moon LOL). Non avrei nessun problema a vederlo ma artisticamente da tutto quello che sta uscendo vedo solo molto molto cringe.

                              Tra l'altro perché Ken dovrebbe essere quello scemo e non Barbie che invece rappresenta proprio la svampita bionda senza cervello?
                              Ma come? Prima dici che Barbie è solo un giocattolo senza alcun messaggio di fondo, poi dai tu stesso una lettura sociale mettendola a fianco delle influencer. Quindi si può fare o non si può fare? Si può, lo stanno facendo. Come del resto anche i Lego Movie (i due principali, non mi riferisco a Batman e Ninjago) vanno oltre la bambinata. Niente niente potrebbe risultare più nobile Barbie di Pacific Rim.
                              'They play it safe, are quick to assassinate what they do not understand. They move in packs ingesting more and more fear with every act of hate on one another. They feel most comfortable in groups, less guilt to swallow. They are us. This is what we have become. Afraid to respect the individual. A single person within a circumstance can move one to change. To love herself. To evolve.'

                              Commenta


                              • Mi permetto d'aggiungere che di Barbie esistevano anche i fumetti... io ne conservo ancora la collezione completa X"D (mi riferisco, a scanso d'equivoci, a quella uscita negli anni '90... non so se, in seguito, siano saltate fuori altre collane)

                                Per ragioni, ritengo, più che ovvie 8'D, non li rileggo da un paio di secoli, ma sento di poter affermare con ragionevole certezza che in essi Barbie tutto era volta a rappresentare tranne che lo stereotipo della bionda svampita: si trattava, al contrario, della donna in carriera per eccellenza, della manager, dell'investigatrice privata, dell'archeologa, della poliziotta, della sportiva e via dicendo.
                                La sua insopportabile perfezione non consisteva nello rispecchiare l'ideale (?) di donna bella, scema e brava ai fornelli, ma proprio nel saper fare TUTTO, mansioni e professioni generalmente percepite come "maschili" comprese, meglio di chiunque altro... e soprattutto meglio di Ken, che anche all'epoca rappresentava esattamente il modello di uomo-oggetto/servo/animale da compagnia (neanche mai promosso a "fidanzato", eh... era sempre, puntualmente, esclusivamente l'Amico) che si teme possa oggi diventare a causa del nazifemminismo.

                                Questo per dire che, insomma, non so quale ruolo verrà effettivamente attribuito al Ken di Gosling, ma escludo categoricamente che un suo eventuale rimbambimento possa avere qualcosa a che fare con i venti arcobaleno dell'età contemporanea (?) U.U
                                Ultima modifica di Ameria; 30 giugno 22, 16:13.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X