annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Alien prequel - terzo film

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Messa così, anche Aliens sminuisce la figura della creatura.
    'They play it safe, are quick to assassinate what they do not understand. They move in packs ingesting more and more fear with every act of hate on one another. They feel most comfortable in groups, less guilt to swallow. They are us. This is what we have become. Afraid to respect the individual. A single person within a circumstance can move one to change. To love herself. To evolve.'

    Commenta


    • Originariamente inviato da Andrea90 Visualizza il messaggio
      Secondo me semplicemente hanno dimezzato le dimensioni per andare meglio con le proporzioni e basta
      No, non è secondo te, è proprio così e lo ha ribadito più volte lo stesso Scott ai tempi di Prometheus. Il punto è che le cose cambiano, si cambiano le idee e dunque tutto può essere, anche l'esistenza di ingegneri giganti. Nei primi concept di Prometheus l'ingegnere era ben più grande di quanto visto poi nel film.

      Al minuto 8 circa si può vedere la stazza dell'ingengnere rispetto a Weyland

      Ultima modifica di Lord Freezer; 07 giugno 20, 18:47.
      :twisted: LA VOSTRA SERENITA' E' UN BUON SINTOMO... ALLEVIA LA TENSIONE E LA PAURA DI MORIRE. :twisted:

      Commenta


      • Originariamente inviato da p t r l s Visualizza il messaggio
        Messa così, anche Aliens sminuisce la figura della creatura.
        Aliens aggiunge un'altra componente però. Penso che ce lo ricordiamo tutti il bip bip degli affarini "escono dalle fotutte pareti". La tensione rimane, si costruisce il terrore e poi si arriva all'orrore. Se prima la minaccia di un singolo Alieno sembrava incontrallabile, aggiungerne di più crea il caos totale, l'ansia di non farli scappare da dove provengono. Poi il film aggiunge pure elementi più interessanti alle vicende della Weyland... è sicuramente più """tamarro""" del primo, ma si rimaneva ancora entro certi limiti.

        Quando invece hai ormai saturato l'argomento, il terrore sparisce e rimane un orrore che può creare meno tensione rispetto a prima.

        Alien 3 riprercorre lo schema del primo, ma la forza del primo era proprio l'ambiente chiusissimo di una astronave. Li c'hanno messo la colonia prigione.. le fogne eccecc ma sostanzialmente mi hai proposto qualcosa che già avevo vissuto, conosco il trucco e la formula. Ho sempre detto che sto film, se si fosse chiamato non so tipo "La Colonia Prigione 161" sarebbe stato un buon film di fantascienza, ma come seguito di Alien è quanto di più sbagliato si potesse fare. Sembra uno spinoff sulle avventure di Ripley.

        Il più grande difetto di Alien 4 invece è quello di non concentrare più il terrore sul mostro, ma creare ste versioni che già aprivano a scenari quasi super eroistici, con ibridi, manipolazioni, mescolanze. Ripley clonata con i "poteri" degli Alien, l'ho sempre trovata una roba troppo televisiva e distante dal mondo di Alien e il feto gigante obeso, imho è una porcata.

        Tendo a non considerare quei due seguiti ufficiali. Mi piace di più quando la storia giustifica il suo ritorno arricchendo ed aggiungendo cose sensate. Li si è andati un po' a svaccare tutto, perdendo il senso del primo film. Non dimentichiamoci cosa dice Ash dell'essere xeno. E' perfetto. Quella perfezione invece si è brutalizzata con tutta quella roba partorita nei seguiti.

        Ovviamente si sarà capito che non credo che Alien, così come Predator o Terminator, fossero prodotti consoni per una lunga serialità cinematografica

        L'unica cosa che mi son sempre immaginato (ingenuamente) dopo il secondo film, anche in virtù di roba come Predator 2, fu un Alien 3 urbano, con sti Alien che invadevano qualche città americana. Che poi è un po' una regola non scritta di quasi tutti i seguiti di quella generazione. Pensiamo pure a Gremlins, Critters, Jurassic Park.. tutti mostri che dal paesino o dalla frontiera, vanno a far danni nella città urbana.
        Ultima modifica di Naihir; 07 giugno 20, 19:02.
        "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
        And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
        That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


        # I am one with the Force and the Force is with me #

        -= If You Seek His Monument Look Around You =-

        Commenta


        • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

          L'unica cosa che mi son sempre immaginato (ingenuamente) dopo il secondo film, anche in virtù di roba come Predator 2, fu un Alien 3 urbano, con sti Alien che invadevano qualche città americana.
          Che è quello che succede in Alien vs Predator 2.
          :twisted: LA VOSTRA SERENITA' E' UN BUON SINTOMO... ALLEVIA LA TENSIONE E LA PAURA DI MORIRE. :twisted:

          Commenta


          • Originariamente inviato da Lord Freezer Visualizza il messaggio

            Che è quello che succede in Alien vs Predator 2.
            e che non mi vergogno a dire che mi piace

            quello è uno dei Predator più fighi che siano mai usciti in un film. Grande Wolf!
            Ultima modifica di Naihir; 07 giugno 20, 20:55.
            "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
            And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
            That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


            # I am one with the Force and the Force is with me #

            -= If You Seek His Monument Look Around You =-

            Commenta


            • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

              quello è uno dei Predator più fighi che siano mai usciti in un film. Grande Wolf!
              Ci puoi contare...
              :twisted: LA VOSTRA SERENITA' E' UN BUON SINTOMO... ALLEVIA LA TENSIONE E LA PAURA DI MORIRE. :twisted:

              Commenta


              • A proposito di scenari terrestri, Predator e Jurassic Park, in Alien 4 in origine c'erano due sequenze giunglesche, una con gli xeno che attaccavano in toccata e fuga quasi in stile velociraptor ambientata in una specie di mini-giungla serra sulla navetta, e l'altra con il super-xeno (molto diverso da quello che si è visto nel film) ambientata nella parte finale sulla Terra.
                Luminous beings are we, not this crude matter.

                Commenta


                • Il concetto della creatura di Alien è stato sicuramente parecchio "rovinato" da Aliens, che però come action-thriilling rimane un capolavoro perfetto sotto praticamente tutti i punti di vista e probabilmente il miglior sequel mai tratto da un film di successo.

                  Il film di Scott nasceva però da un impulso artistico puramente visivo, figlio del delirante progetto di Jodorowsky per Dune, e quel "Alien" nel titolo non era da intendersi solo in senso fantascientifico ma proprio nel senso di realtà "altra", come le opere di Lovecraft e Giger da cui traeva ispirazione. Alien è una specie di incubo psicanalitico, cosparso degli inquietanti riferimenti sessuali dei quadri di Giger, che vanno dagli orifizi dell'astronave e delle uova aliene al plateale "strumento" dello Space Jockey, per non parlare del modo in cui l'alieno viene concepito, praticamente uno stupro orale da parte di un paio di mani bisex. Alien rimane sempre inquietante perché è concepito come un incubo a occhi aperti.

                  Aliens distrugge tutto ciò nel momento in cui l'alieno viene definito "xenomorfo", diventando quindi un più banale insettone dello spazio con tanto di colonia e regina. In cambio Cameron ci dà un filmone sci-fi al cardiopalma che ha fatto epoca, e che anzi era probabilmente l'unico modo di riprendere quel canovaccio senza fare una copia in grande del primo, cioè come una specie di variazione sul tema, molto meno inquietante ma pieno di tensione e suspense.

                  Alien 3 è semplicemente un film bruttino, che sconta una delle lavorazione più travagliate di sempre e un'idea creativa che ormai aveva esaurito la benzina, oltre a trovate visive approssimative (l'incasinatissimo inseguimento in soggettiva nel finale). Alien 4 è una divertente divagazione e nulla più.

                  E di sicuro, prequel di Scott alla mano, credo che le sorti della saga alienica non saranno risollevate dal fluido-nero-che-uccide o da gesùcristi spaziali.

                  Commenta


                  • Il punto è che lo xeno ormai è stato visto in tutte le salse. Altri film xenocentrici non funzionerebbero come negli anni 80. Per me con prometheus e covenant Scott ha avuto una grande idea, soprattutto col primo. Ma in sé ha proseguito il discorso col secondo.

                    Commenta


                    • Come è stato già ribadito prima, una parte fondamentale di quel senso di ignoto e solitudine cosmica del primo film era dato proprio dal non sapere nulla di nulla su cosa diavolo fosse l'astronave e perché si trovasse lì, cosa fosse lo Space Jockey e il complesso di gallerie sotterranee nella sala delle uova. Lo ripeto, il tutto viene costruito nel film come un incubo a occhi aperti, cosparso di simbologie quali, a esempio, la discesa nel profondo (l'inconscio?) dove poi Kane viene aggredito dal Facehugger.

                      Cercare di "spiegare" queste cose non può che risultare deludente e magari pure didascalico (come in effetti è stato nei due film di Scott). La solita questione del non-detto che qui funzionava a meraviglia.

                      Commenta


                      • Se proprio vogliono dare nuove possibilità al franchise (non so come funzioni dopo l'acquisizione Disney) al di là di Scott per me sarebbe interessante chiamare qualche giovane, bravo regista horror che potrebbe prestarsi (Fede Alvarez, David Bruckner, Gareth Evans, Jeremy Saulnier, Alex Garland ecc.) e partire da lì con un film anche molto più piccolo degli ultimi e molto più essenziale nell'impostazione.
                        Anche non necessariamente un regista horror, ad es. Scott Cooper dal trailer di Antlers sembra aver fatto un bel lavoro.
                        Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 07 giugno 20, 19:57.
                        Luminous beings are we, not this crude matter.

                        Commenta


                        • Un film horror sugli alien lo abbiamo, che è il primo e poi abbiamo il secondo che è più action. Gli altri due son scimmiottamenti, con i prequel si ha voluto ampliare tutto ed è tutto molto affascinante. Si poteva partire da Prometheus in cui lo xeno c'è solo sullo sfondo per poter esplorare altro, ossia il black goo e i creatori della vita.

                          Commenta


                          • Una cosa di buono della saga di Alien è che ogni film ha un suo stile... horror, action, gotico, grottesco, filosofico... meglio sperimentare (anche sbagliando) che scimmiottare formule già viste.
                            :twisted: LA VOSTRA SERENITA' E' UN BUON SINTOMO... ALLEVIA LA TENSIONE E LA PAURA DI MORIRE. :twisted:

                            Commenta


                            • Per me meglio fare un bel film, ma capisco il punto di vista.
                              Luminous beings are we, not this crude matter.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Cosmo Visualizza il messaggio
                                Il concetto della creatura di Alien è stato sicuramente parecchio "rovinato" da Aliens, che però come action-thriilling rimane un capolavoro perfetto sotto praticamente tutti i punti di vista e probabilmente il miglior sequel mai tratto da un film di successo.

                                Il film di Scott nasceva però da un impulso artistico puramente visivo, figlio del delirante progetto di Jodorowsky per Dune, e quel "Alien" nel titolo non era da intendersi solo in senso fantascientifico ma proprio nel senso di realtà "altra", come le opere di Lovecraft e Giger da cui traeva ispirazione. Alien è una specie di incubo psicanalitico, cosparso degli inquietanti riferimenti sessuali dei quadri di Giger, che vanno dagli orifizi dell'astronave e delle uova aliene al plateale "strumento" dello Space Jockey, per non parlare del modo in cui l'alieno viene concepito, praticamente uno stupro orale da parte di un paio di mani bisex. Alien rimane sempre inquietante perché è concepito come un incubo a occhi aperti.

                                Aliens distrugge tutto ciò nel momento in cui l'alieno viene definito "xenomorfo", diventando quindi un più banale insettone dello spazio con tanto di colonia e regina. In cambio Cameron ci dà un filmone sci-fi al cardiopalma che ha fatto epoca, e che anzi era probabilmente l'unico modo di riprendere quel canovaccio senza fare una copia in grande del primo, cioè come una specie di variazione sul tema, molto meno inquietante ma pieno di tensione e suspense.

                                Alien 3 è semplicemente un film bruttino, che sconta una delle lavorazione più travagliate di sempre e un'idea creativa che ormai aveva esaurito la benzina, oltre a trovate visive approssimative (l'incasinatissimo inseguimento in soggettiva nel finale). Alien 4 è una divertente divagazione e nulla più.
                                Concordo.

                                Ah ovviamente quando parlavo di Alien 3 mi riferivo alla versione completa. L'altra spero sia stata bruciata.

                                Aggiungo solo una cosa, come fonte d'ispirazione va assolutamente ricordato: Terrore nello Spazio di Mario Bava.

                                La cosa buffa di tutto ciò è che Alien nasceva senza pretese, come un movie di serie b e oggi le intezioni enormi che ci sono dietro sti film, non riescono a ricatturarne l'essenza manco con budget, 300 sceneggiatori e mezzi tecnologici a disposizione. LOL

                                Originariamente inviato da Cosmo Visualizza il messaggio
                                E di sicuro, prequel di Scott alla mano, credo che le sorti della saga alienica non saranno risollevate dal fluido-nero-che-uccide o da gesùcristi spaziali.
                                risollevare no, ma sicuramente l'idea di andare a parlare di qualcosa di completamente diverso, accostabile alla """saga""" di Alien e non troppo derivativo, poteva essere un ritorno a quel tipo di fantascienza impegnata, applicata ad una nuova concezione di film nuovi. Peccato che poi già Alien Covenant ne diventa derivativo purtroppo.

                                Preferisco tutta la vita Prometheus con i suoi problemini che i due seguiti (per me apocrifi) Alien 3 e 4
                                "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                                And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                                That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                                # I am one with the Force and the Force is with me #

                                -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X