annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Maschere

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #91
    Originariamente inviato da outis81 Visualizza il messaggio


    Onestamente, non ho capito a cosa ti riferisci.

    Vedi 4:40, 4:50, 5:04...3 "close-up" fugaci...
    Contribuisci anche tu a definire i migliori film di ogni decennio secondo il forum di BadTaste. Entra in questo topic.

    Qui trovi il riepilogo dei decenni già votati e la situazione attuale del decennio in corso di votazione.

    Commenta


    • #92
      Ah ok! Quei close-up fugaci sono dei primi piani della maschera di Marco, mi piaceva l'idea di dare fugacemente un senso di inquietudine del tipo "sta per succedere qualcosa ma non so bene cosa" attraverso questo uso del montaggio. Ammetto che su youtube può non essere facile cogliere questa cosa.

      Commenta


      • #93
        Guardandolo la prima volta pensavo che volevi lanciare qualche messaggio subliminale, in tutta sincerità è una tecnica che userei con più attenzione un'altra volta, più che inquietudine così creano fastidio mi sembra...
        Contribuisci anche tu a definire i migliori film di ogni decennio secondo il forum di BadTaste. Entra in questo topic.

        Qui trovi il riepilogo dei decenni già votati e la situazione attuale del decennio in corso di votazione.

        Commenta


        • #94
          Per la brevità dei frame o per la tecnica in sé, secondo te?

          Commenta


          • #95
            Diciamo che non è immediato capire che 2 puntini neri su bianco rappresentano un primo piano...capisco l'idea, ma per me non funziona, anche per la brevità... poi io non sono nessuno per giudicare non avendo neanche mai tentato di fare una cosa simile, qualcun'altro potrebbe parlare con maggiore cognizione di causa...
            Contribuisci anche tu a definire i migliori film di ogni decennio secondo il forum di BadTaste. Entra in questo topic.

            Qui trovi il riepilogo dei decenni già votati e la situazione attuale del decennio in corso di votazione.

            Commenta


            • #96
              Decidere di girare un'opera prima del genere è coraggioso. Ed appoggio sempre certe scelte, la voglia di sperimentare nuovi linguaggi.
              Mi sono piaciute le maschere e le relative espressioni, in certi frame riescono ad essere notevolmente potenti. Appena ho visto che i personaggi non parlavano, ma bisognava leggere i dialoghi come in un fumetto, ammetto di aver pensato un pò male, anche dopo aver dato un'occhiata al minutaggio (12 minuti!). Invece sorprendentemente i primi 6-7 minuti sono trascorsi senza patemi, sono stati scorrevoli. E' la seconda parte che non mi è piaciuta. La logica della trama è stata troppo spezzettata da un montaggio eccessivamente invadente, così come le musiche in certi casi mi son sembrate troppo pompose rispetto alle immagini ( in particolare dal minuto 7:38). E nel finale c'è un pò troppa Natura, troppe inquadrature "a vuoto". Sono dell'idea che in un corto, minuto per minuto, il tempo non deve mai essere sprecato o dilatato. Ho capito cosa volevi fare, ma hai dato troppo spazio al paesaggio quasi dimenticandoti dei personaggi, c'è stato un calo di tensione. L'inquadratura finale è una citazione di Stalker?
              https://www.amazon.it/dp/B08P3JTVJC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=mau rizio+nichetti+libri&qid=1606644608&sr=8-1 Il mio saggio sul cinema di Maurizio Nichetti.

              "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

              Commenta


              • #97
                Buon outis, ho avuto modo di vedere solo ora il tuo lavoro. Ti faccio tanti complimenti, soprattutto per aver scelto un veicolo di espressione molto particolare, sicuramente non scontato e invece coraggioso, utilizzando dei pupazzi mascherati.

                Per quanto riguarda un parere critico/personale mi trovo abbastanza in sintonia con quello che ha scritto Gidan qua sopra, specialmente nella parte nella quale ti soffermi in maniera troppo prolissa sulla Natura, nonostante trovo che siano delle ottime immagini. Quello che mi premeva dire, invece, è che avendo letto attentamente la sceneggiatura quando me la inviasti, e ammettendo di averci riflettuto a lungo, trovo che molti dei sottotesti che la arricchivano si siano perduti, come la forza stessa dei concetti che "porti sul tavolo" (della cucina ...). Questo, imho, è dovuto principalmente a causa della scelta di non utilizzare persone fisiche, che fondamentalmente è ciò che più mi premeva confessarti.

                Sarà che, sotto un punto di vista prettamente figurativo, sono un fondamentalista del corpo umano, specialmente del volto (e dello sguardo) come specchio delle nostre emozioni e soprattutto delle nostre esperienze, e credo fermamente che delle persone in carne ed ossa avrebbero offerto, se ben dirette, delle possibilità espressive diametralmente opposte. Dal mio punto di vista anche dannatamente più profonde ed efficaci.

                Confesso anche che, fosse per me, farei un corto quasi esclusivamente di primi piani o di inquadrature come quella del mio avatar... o comunque ci giocherei. Secondo me la tua sceneggiatura aveva delle potenzialità espressive e stilistiche soprattutto in questo senso, o almeno era così che me la ero personalmente immaginata trasposta in immagini.
                In definitiva, trovo che viste le tematiche a supportare il corto, l'utilizzo dei pupazzi si configura fondamentalmente come un limite, che cristallizza l'emozione e castra la riflessione e il nutrito sottotesto, o almeno, lo rende più imperscrutabile. Spero di essere riuscito a esprimere la mia posizione...

                P.S. Ti confesso anche che non ho mai digerito la battuta: Ecco, arriva lo sbobbone. xD
                La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                Commenta


                • #98
                  Grazie a tutti e due per i commenti e gli ottimi spunti di riflessione! Ora qualche commento più dettagliato.

                  Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
                  Decidere di girare un'opera prima del genere è coraggioso. Ed appoggio sempre certe scelte, la voglia di sperimentare nuovi linguaggi.
                  Mi sono piaciute le maschere e le relative espressioni, in certi frame riescono ad essere notevolmente potenti. Appena ho visto che i personaggi non parlavano, ma bisognava leggere i dialoghi come in un fumetto, ammetto di aver pensato un pò male, anche dopo aver dato un'occhiata al minutaggio (12 minuti!). Invece sorprendentemente i primi 6-7 minuti sono trascorsi senza patemi, sono stati scorrevoli. E' la seconda parte che non mi è piaciuta. La logica della trama è stata troppo spezzettata da un montaggio eccessivamente invadente, così come le musiche in certi casi mi son sembrate troppo pompose rispetto alle immagini ( in particolare dal minuto 7:38). E nel finale c'è un pò troppa Natura, troppe inquadrature "a vuoto". Sono dell'idea che in un corto, minuto per minuto, il tempo non deve mai essere sprecato o dilatato. Ho capito cosa volevi fare, ma hai dato troppo spazio al paesaggio quasi dimenticandoti dei personaggi, c'è stato un calo di tensione. L'inquadratura finale è una citazione di Stalker?
                  Riguardo ai due grassetti. La prima è un'ottima osservazione di cui terrò conto nel prossimo progetto (se mai partirà, cosa che mi piacerebbe molto). In effetti ho pensato al corto come a un "film ridotto" e invece il corto ha una logica tutta sua.
                  Sul secondo grassetto, giusto Omaggio ad una scena bellissima della cinematografia:

                  http://www.youtube.com/watch?v=vt8186CNWhM



                  Originariamente inviato da Dwight Visualizza il messaggio
                  Sarà che, sotto un punto di vista prettamente figurativo, sono un fondamentalista del corpo umano, specialmente del volto (e dello sguardo) come specchio delle nostre emozioni e soprattutto delle nostre esperienze, e credo fermamente che delle persone in carne ed ossa avrebbero offerto, se ben dirette, delle possibilità espressive diametralmente opposte. Dal mio punto di vista anche dannatamente più profonde ed efficaci.

                  Confesso che, fosse per me, farei un corto quasi esclusivamente di primi piani o di inquadrature come quella del mio avatar... o comunque ci giocherei. Secondo me la tua sceneggiatura aveva delle potenzialità espressive e stilistiche soprattutto in questo senso, o almeno era così che me la ero idealmente immaginata trasposta in immagini.
                  In definitiva, secondo me, viste le tematiche a supportare il corto l'utilizzo dei pupazzi si configura fondamentalmente come un limite, che cristallizza l'emozione e castra la riflessione e il nutrito sottotesto. Spero di essere riuscito a esprimere la mia posizione!
                  Intanto grazie per i commenti alla mia sceneggiatura Sulla questione che sollevi, io direi quanto segue. Io credo che questo corto abbia due difetti fondamentali: si basa su una sceneggiatura che era stata pensata per attori reali e non riesce a trasporre visivamente quei sottotesti che erano presenti nella sceneggiatura. Il secondo soprattutto è un difetto legato alla mia inesperienza: gli spunti di cui parli avrei potuto provare a trasporli visivamente, e il corto ne avrebbe guadagnato.

                  Non nego che potrei anche prendere in considerazione la possibilità di rifarlo provando a sperimentare di più. Al momento però vorrei fare partire un progetto cui tengo molto.

                  Comunque grazie a tutti per i commenti approfonditi, sono una grande occasione di miglioramento.

                  Commenta


                  • #99
                    Beh di sicuro in futuro potresti provare, magari dopo aver fatto anche altro, in modo da fare esperienza, a riprendere e rivedere questa sceneggiatura e girarla con attori in carne ed ossa...

                    Commenta


                    • Chissà, può darsi. Sicuramente al momento Maschere è un capitolo chiuso, vorrei dedicarmi ad altro.

                      Commenta


                      • Vogliamo "Maschere 2 - Davide's Revenge"

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Marv Visualizza il messaggio
                          Vogliamo "Maschere 2 - Davide's Revenge"
                          xD Dove si scopre in realtà che Marco è il figlio di Davide!

                          Commenta

                          In esecuzione...
                          X