annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Doctor Strange - in the Multiverse of Madness

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Alla fine è finito in zona gialla.

    Read what all the top critics had to say about Doctor Strange in the Multiverse of Madness at Metacritic.com

    Commenta


    • Cosa la critica americana trovi di peggio in questo film rispetto a roba come Black Widow o Moon Knight non lo capirò mai.

      Commenta


      • Madonna santa Moon knight...

        Commenta


        • Originariamente inviato da Lord casco nero Visualizza il messaggio
          Cosa la critica americana trovi di peggio in questo film rispetto a roba come Black Widow o Moon Knight non lo capirò mai.
          I blockbuster li valutano con l'ottica "intrattengono o annoiano? Piacerà al pubblico? etc..".

          come del resto si può dire grosso modo facciano i nostri critici con i nostri film di questo tipo, seppur son rari.
          Per quanto riguarda le serie tv comunque mi pare i critici guardino solo metà stagione in genere.

          Commenta


          • Decisamente questo film non è adatto ai bambini, ma non dico che tutti i bambini potrebbero farsi venire gli incubi, ma che i genitori che sono poi quelli che pagano non lo considerano del tutto adatto. E questo si riflette nelle critiche che giudicano anche la mission commerciale, del resto siamo tutti d'accordo che l'aspetto artistico non è il primo punto della checklist coi blockbuster, no?

            Commenta


            • Doctor Strange nel Multiverso della Follia

              Il secondo capitolo dedicato al Mago più potente del mondo dei comics è un film strano, come il suo protagonista: un film caratterizzato da una costante sensazione di doppiezza, anzi, di molteplicità, di frattura. Da una parte c’è questa tensione per il trucido, il macabro e l’orrorifico, materia ideale nelle mani dell’esperto direttore d’orchestra Raimi, subentrato al comunque buon Derrikson; dall’altra un certo gusto per il divertimento bizzarro e il cartoonesco (il secondo “mostrone” affrontato, ad una manciata di minuti dall’inizio, il polpo rosa monocolo, sembra uscito direttamente da Monsters & Co e obiettivamente strappa più risatine che brividi).

              E ancora: da una parte c’è il dott. Strange, che non è più lo Stregone Supremo (ma lo è mai stato?), piuttosto un personaggio ambiguo, indeciso se votarsi alla causa del supereroe h24 o struggersi per una vita possibile con la sua amata, che però ha scelto un’altra strada, un’altra vita, un altro amore. Stranamente, nonostante la solitaria ex-avengers Wanda si adagi nei deliri di una vita passata coi due adorabili bambini, quasi una versione Marvel e malata del Don Cobb di Inception, Stephen non riesce invece a sognare la felicità coniugale con Christine. Ha però altre visioni, stavolta generate dal suo "zompare" da una realtà alternativa all’altra, complice una stravagante nuova partner dotata di un peculiare quanto indesiderato potere.

              Il mago fa dunque la conoscenza con altre versioni di sé possibili, fino ad incontrarne una già defunta ed un’altra piuttosto maligna. E vede con quali mezzi cospirativi gli autoproclamati “Illuminati”, sorta di oligarchia super-umana, potrebbero promuovere i loro interessi in un mondo post-Thanos, in cui tutto pare “green”, i pedoni passano col rosso e il minaccioso Mordo è un vendicatore con i Dreadlocks.

              Alla fine, la follia del multiverso, infinita profusione di realtà in cui tutto è possibile, perfino che le fantasie degli utenti di reddit si avverino a suon di dollaroni hollywoodiani, altro non sembra che la trasposizione cinematografica del più recente modus operandi dei Marvel Studios, quel correggere e retconnare continuamente i propri errori di continuity e coerenza interna in un MCU ormai troppo vasto, multiforme e ingestibile, inquinato dal cicaleccio instancabile di una rete affamata e mai sazia di rumors, e rendere così meno amara ogni futura scelta di programmazione o recasting, anche la più azzardata.

              Ma il problema è che quando tutto può avvenire, il piccolo evento perde valore, come una goccia in un oceano di possibilità. Tutte queste realtà infinite tendono a sminuire l'impatto emotivo del singolo avvenimento, e a ridurre la posta in gioco in una determinata situazione, svilendo la scelta d’azione di un personaggio, perfino un suo atto estremo. Tanto tutto può essere, compreso il suo contrario.

              Divertente il film, meno l’idea che ne sta alla base quindi: un mazzo di carte truccate per giocare con lo spettatore arrendevole. Dopo la saga delle gemme, ogni nuovo episodio della collezione non è più un passo avanti in una narrazione fluida e coerente, ma un frammento casuale di un puzzle confuso di cui non avremo mai una visione completa, perché nel marasma policromo ciascuno potrà incastrare i pezzi che vuole e vedere ciò che gli pare.

              Ma è davvero questo il cinema di evasione che vogliamo?

              Commenta


              • Originariamente inviato da Jolly Visualizza il messaggio
                Secondo me in un futuro neanche tanto remoto riusciranno a portare Cruise all'interno dell'MCU.
                Dubito. Ci tiene troppo a essere lui iL supereroe che marcia da solo.

                Commenta


                • Originariamente inviato da alonzo harris Visualizza il messaggio

                  Dubito. Ci tiene troppo a essere lui iL supereroe che marcia da solo.
                  Ti ricordo che era precedentemente nel franchise del dark universe in mezzo a grosse star. Poi è andato tutto a puttane, ma la volontà di mettersi in mezzo ad un carrozzone in mezzo ad altre star c'era, all'epoca.

                  Commenta


                  • Secondo me con i grandi blockbuster d'azione chiuderà con Mission Impossible. Ha detto che con l'ottavo andrà in pensione dalla saga. Dubito subito dopo salga a bordo del carrozzone Marvel. Per me si dedicherà ad altri progetti, progetti meno commerciali e soprattutto meno impegnativi fisicamente (per uno che non accetterebbe mai di starsene fermo dentro una stanza con un fondale verde alle spalle).
                    Ultima modifica di MrCarrey; 12 maggio 22, 23:17.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Lord casco nero Visualizza il messaggio
                      Cosa la critica americana trovi di peggio in questo film rispetto a roba come Black Widow o Moon Knight non lo capirò mai.
                      Ma pure shang chi o qualunque altra serie D+

                      Commenta


                      • finalmente sono tornato a divertirmi con film marvel, ci voleva sam raimi, bene cosi.

                        "Il cinema è un arte soggettiva, quanto la musica, belli i 5 alti bello sentire pareri discordanti ai propri, ma alla fine sono io, uno schermo e tutto quello che ci passa di mezzo."

                        "Le barbarie sono lo stato naturale dell'umanità, la civiltà è solo un capriccio dell'evoluzione e delle circostanze". cit.


                        ~FREE BIRD~

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da The Inquisitor Visualizza il messaggio

                          Ma pure shang chi o qualunque altra serie D+
                          Sicuramente, più che altro citavo quelli che per me sono rispettivamente il film e la serie peggiori di questa fase 4.

                          Shang-Chi nonostante i suoi problemi quantomeno posso dire mi abbia intrattenuto di più di Black Widow , una noia mortale.

                          Sulle serie concordo che finora siano su livelli generalmente tiepidi/bassi , l unica che secondo me si eleva un pochino dal mucchio è Wandavision , ma anche lì ci sono degli scricchiolii, da alcuni risvolti alla fine inutili messi lì solo per trollare lo spettatore, fino al finale frettoloso e raffazzonato.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio

                            Ti ricordo che era precedentemente nel franchise del dark universe in mezzo a grosse star. Poi è andato tutto a puttane, ma la volontà di mettersi in mezzo ad un carrozzone in mezzo ad altre star c'era, all'epoca.
                            A quanto pare sono stati vicini a fargli interpretare Super IronMan ma per le prolungate riprese di MI non si è concretizzata la cosa

                            Spoiler! Mostra

                            Commenta


                            • Ma speriamo che non continuo a fare di queste cose. Onestamente in quella scena per come è fatta se poi usciva pure Tom Cruise diventava pure peggio (già non è una sequenza riuscitissima). Si rischia con ste cose di sfociare davvero nello "spot di bibite al super bowl con tom cruise vestito da spider man".
                              Cioè è una cosa che ti trascina proprio via dal contesto. Questi cameo, visto che evidente saranno una caratteristica di questa fase, vanno ben inseriti e la sorpresa deve essere sempre più dalla parte del personaggio, che dell'attore.

                              Commenta


                              • Comunque è evidente che la Marvel non ha bisogno di Cruise, Di Caprio o Pitt.

                                Questi attori sono utili a lanciare eventualmente film e franchise da zero. Ma ormai il marvel più standard incassa 1 miliardo pure andando a prendere attori debuttanti, quindi chi glielo fa fare di fare contratti a queste star dandogli già a partire dai primi film cachet record, clausule su percentuali sugli incassi etc.. Qua al momento non sono un valore aggiunto.

                                Alle volte si ha l'impressione che la Marvel vada a prendere qua e là qualche star specie in ruoli minori giusto per darsi un tono, non tanto perché gli serve.
                                Ultima modifica di Sebastian Wilder; 13 maggio 22, 13:37.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X